Sì degli azionisti alla fusione Fiat-Chrysler, nasce Fca

Pubblicato il 01 agosto 2014 da redazione

TORINO. – Gli azionisti Fiat danno il via libera alla fusione con Chrysler: nasce Fca – Fiat Chrysler Automobiles che diventerà la nuova holding del gruppo con sede legale in Olanda e domicilio fiscale a Londra, quotazione a New York e al mercato telematico di Milano. All’assemblea straordinaria al Lingotto – l’ultima in Italia – partecipa poco più del 50% del capitale: vota a favore l’84% dei presenti, mentre i contrari sono il 15%. “Non stiamo lasciando l’Italia, siamo sempre qui. Continueremo a essere protagonisti”, spiegano il presidente John Elkann e l’amministratore delegato Sergio Marchionne. Elkann assicura l’impegno suo personale e della famiglia a sostegno di Fca e ai torinesi, che perdono un simbolo, dice: “sorridiamo, è un grandissimo giorno”. Ottimista Marchionne: “Grazie all’intenso lavoro degli ultimi cinque anni, ora siamo pronti a compiere il salto di qualità. Non ci accontentiamo di essere mediocri, questa è una azienda che può e deve puntare in alto” Sulla strada della fusione c’è ancora un ostacolo: il diritto di recesso concesso a soci e creditori dal codice civile. Se l’esercizio di tale diritto comporterà un costo superiore ai 500 milioni per Fiat, l’operazione potrebbe subire uno stop. “Non sarebbe un fallimento, siamo fiduciosi” ha detto Elkann. “Se dovesse accadere riproporremmo l’operazione in un momento più favorevole”, osserva Marchionne che spiega i rischi per chi dovesse recedere. A Piazza Affari è una giornata pesante per il titolo del Lingotto che perde l’1,86% a 7,1 euro. Tra i capitoli aperti quello delle alleanze. Vendere Fca ai tedeschi? “Mai. Abbiamo messo una vita intera per creare questa realtà”, taglia corto Marchionne che, a proposito delle voci su accordi con la casa di Wolfsburg e con Psa, scherza: “Io non comprerei né una Volkswagen né una Peugeot, solo vetture del gruppo”. C’è poi il fronte ricapitalizzazione: il debito resta alto e l’ipotesi è sul tappeto. “La decisione spetta al consiglio di amministrazione, spero entro ottobre. Io non la farei”, dice l’a.d Fiat che sottolinea lo stato di salute del gruppo dimostrato anche dal balzo del 20% delle vendite Chrysler a luglio. “Sono piuttosto tranquillo visto che in cassa abbiamo 22 miliardi, il fabbisogno del gruppo è limitato”. Marchionne, che boccia l’ipotesi incentivi all’acquisto di auto (“drogano il mercato”) e invita il premier Matteo Renzi “ad andare avanti senza guardare in faccia nessuno”, conferma anche l’impegno a fare rientrare tutti i dipendenti ancora in cassa integrazione. E sulle fabbriche dà un messaggio positivo: “Stiamo attrezzando Mirafiori per produrre il suv Maserati Levante. Dovrà uscire a fine 2015. A Cassino procedono i lavori di ristrutturazione, inizieremo una nuova produzione, non vi dico di cosa”. La strategia che punta sui modelli premium porta buoni risultati e ci sarà il rilancio di Alfa Romeo. “Lunga e buona vita ad Fca, patrimonio comune di lavoratori e impresa”, commenta Rocco Palombella, numero uno Uilm, mentre per l’Ugl “si farà festa solo quando anche l’ultimo lavoratore in cig verrà riassorbito nei siti di produzione”. “Ci aspettiamo che a settembre gli interventi sugli stabilimenti siano operativi”, aggiunge Ferdinando Uliano, segretario Fim. Per il sindaco di Torino, Piero Fassino, “inizia un nuovo cammino che darà linfa a una grande storia che ha segnato lo sviluppo dell’Italia”. Nel capitale Fiat spunta People’s Bank of China con il 2%: “è la conferma di come Fca sia in grado di attirare investitori da tutto il mondo”, commenta Elkann. Nel futuro cda quando la fusione sarà operativa non ci sarà Luca Cordero di Montezemolo, presidente della Ferrari. Tra i nuovi ingressi quello di Ermenegildo Zegna e Valerie Mars della famiglia americana che controlla la nota azienda di cioccolato. Le prossime assemblee si terranno in Olanda ma agli azionisti che si lamentano e chiedono voli charter Elkann spiega che sarà possibile seguire i lavori in streaming dal sito. (di Amalia Angotti/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora