Ucraina: Ue teme invasione russa, Barroso diffida Putin

Pubblicato il 11 agosto 2014 da redazione

MOSCA. – Mosca annuncia che invierà una “missione umanitaria” nel sud-est dell’Ucraina travolto dalla guerra e riaccende così i timori occidentali di un intervento delle truppe russe con la scusa di aiutare la popolazione civile, peraltro davvero duramente colpita dai combattimenti tra le truppe di Kiev e i miliziani filorussi. Secondo il Cremlino, l’azione russa si svolgerà “in cooperazione con la Croce rossa internazionale”, ma per evitare sgradevoli sorprese il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso ha diffidato per telefono lo ‘zar’ russo Vladimir Putin dal mettere in campo azioni militari unilaterali in Ucraina dietro qualsiasi pretesto, incluso quello umanitario. E in serata, in un colloquio telefonico, il presidente Usa Barack Obama e il presidente del consiglio italiano Matteo Renzi si sono espressi sulla stessa linea. Ogni intervento “umanitario” in Ucraina, hanno detto, va fatto con il consenso di Kiev. In caso contario Mosca violerebbe le leggi internazionali e provocherebbe ulteriori sanzioni. La denuncia da parte della Nato di circa 20.000 soldati russi ammassati al confine (addirittura 45.000 secondo Kiev) non contribuisce di certo ad allentare la tensione, e oggi il segretario generale dell’Alleanza atlantica, Anders Fogh Rasmussen, non ha esitato a parlare di “un’alta probabilità” che il Cremlino – che Kiev e i suoi alleati occidentali accusano da tempo di armare e sostenere i separatisti – intervenga militarmente in Ucraina. Da parte sua, la Russia ha comunque precisato di aver trovato un’intesa con Kiev e che la missione si svolgerà “senza scorta militare”. E in ogni caso il presidente ucraino Petro Poroshenko ha precisato che l’azione umanitaria – auspicata dallo stesso capo di Stato – deve essere internazionale, coordinata dalla Croce rossa, e vi parteciperanno “Ue, Russia, Germania e altri partner”, tra cui naturalmente gli Stati Uniti, visto che in una telefonata con Poroshenko il leader della Casa Bianca, Barack Obama, ha assicurato la partecipazione americana all’iniziativa. La missione umanitaria cui accenna il presidente ucraino riguarda però – almeno per il momento – solo Lugansk, uno dei principali baluardi dei separatisti, che è sull’orlo di una catastrofe umanitaria perché in gran parte della città mancano elettricità e acqua corrente, scarseggia il cibo e a causa dei combattimenti l’immondizia si va ammassando sulle strade creando gravi problemi di igiene. Le truppe di Kiev intanto continuano a stringere la morsa su Donetsk, la città più importante del sud-est trasformatasi nella principale roccaforte dei separatisti filorussi. Il portavoce dell’esercito ucraino, Oleksii Dmitrachkivski, sostiene che il centro sia ormai praticamente isolato da Lugansk, e anche il nuovo “premier” dell’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, Aleksandr Zakharcenko, non ha potuto nascondere che la città è “circondata”. Da giorni ormai su Donetsk piovono i proiettili dell’artiglieria ucraina, che mietono vittime anche tra i civili, e ieri notte è stato colpito per l’ennesima volta un obiettivo non militare: un carcere di “alta sicurezza”. Il bombardamento ha ucciso un detenuto e ne ha feriti altri, ma ha anche fatto scoppiare una rivolta tra i carcerati, 106 dei quali sono evasi: alcuni si sono ripresentati in carcere stamattina, ma di decine si è persa ogni traccia. La guerra in Ucraina orientale ha già fatto più di 1.500 morti, e il Comune di Donetsk ha annunciato oggi che nel fine settimana hanno perso la vita altri tre civili. Tra le fila dell’esercito ucraino le perdite dall’inizio dell’operazione militare in aprile ammontano invece a 568 uomini, mentre i feriti sono ben 2.120. Ma ci sono morti anche tra i controversi gruppi paramilitari pro-Kiev, come i battaglioni Donbass e Azov, che tra ieri e oggi hanno perso sei uomini negli scontri a fuoco a Ilovaisk, vicino Donetsk, e naturalmente anche tra i miliziani filorussi. Mentre i civili costretti a lasciare le proprie case sono circa 300.000, e sembrano destinati ad aumentare. Della situazione, alquanto critica, Obama e Poroshenko discuteranno il 4 e il 5 settembre a margine di un vertice Nato a Newport, in Gran Bretagna.   (di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora