Venezuela-Colombia: Una decisione unilaterale la chiusura notturna della frontiera

CARACAS – La restrizione notturna alla libera circolazione di veicoli tra il Venezuela e la Colombia giá avrebbe dato i primi risultati. Il Governatore dello Stato Tachira, Vielma Mora, ha reso noto che dal primo giorno di applicazione del provvedimento ad oggi sarebbero stati sequestrati 35mila litri di benzina. Ma la decisione del governo del presidente Maduro non é piaciuta alla Colombia.

Nel corso di una conferenza stampa, il ministro degli Esteri colombiano, María Angela Holguín, ha precisato che il provvedimento, che limita il transito notturno di veicoli tra Venezuela e Colombia, é stata una decisione unilaterale del governo del presidente Maduro

– Consideriamo – ha detto il ministro – che non é limitando il transito tra i due Paesi che si combatte il contrabbando. E’ internamente che bisogna esercitare un ferreo controllo

Il ministro non ha nascosto l’irritazione del proprio governo per la decisione venezuelana, nonostante gli accordi presi nei giorni scorsi.

Nel frattempo, il governatore dello Stato Tachira ha reso noto che solo i veicoli in possesso di regolare autorizzazione potranno passare la frontiera. Quindi, gli industriali dovranno munirsi di permessi ‘ad hoc’ per poter esportare in Colombia.

Gli imprenditori colombiani, ma anche quelli venezuelani, temono che la decisione governativa possa ridurre drasticamente il commercio tra i due paesi che, dall’una e dall’altra parte, é fonte di di lavoro.

Condividi: