Venezuela: torna la protesta di piazza a San Cristobal

CARACAS. – Proteste di piazza e barricate sono tornate a San Cristobal, capitale dello stato di Táchira, ma questa volta il motore della contestazione non sono gli studenti ma piuttosto i cittadini scontenti con il nuovo sistema di identificazione biometrica su ogni acquisto che il governo vuole implementare entro il prossimo 30 novembre in tutti gli esercizi commerciali del Paese. Sui social network sono state diffuse immagini relative ai giorni che ricordano l’ondata di manifestazioni anti-chaviste partite dalla stessa San Cristobal nel febbraio scorso, e nella quale sono morte oltre 20 persone: blindati della Guardia Nazionale Bolivariana che inseguono manifestati dal volto coperto, che costruiscono barricate e lanciano pietre contro gli agenti. La manifestazione a Táchira ha provocato anche qualche protesta stradale a Caracas, dove un agente è rimasto ferito da una molotov, ma le manifestazioni sono state molto meno importanti. Il governo ha detto che il piano per il monitoraggio degli acquisti in base al nuovo sistema biometrico è stato accolto “in modo entusiasta” dal settore privato, come ha detto Andrés Eloy Mendez, responsabile dell’applicazione della cosiddetta Legge dei Prezzi Giusti, dopo un incontro con l’associazione di proprietari di supermercati.

Condividi: