Venezia: applaudito “La Trattativa”, tra mille polemiche

Pubblicato il 03 settembre 2014 da redazione

VENEZIA – I no del ministero per i Beni Culturali e quelli di Mediaset, alcuni, come il generale dei Ros Mario Mori che non le rilasciano interviste, altri no di minore importanza, alcune cose sgradevoli accadute in questi 4 anni di gestazione, il film bloccato dalla mancanza di fondi. Tutto alle spalle, almeno oggi che l’atteso, temuto (il direttore della Mostra Alberto Barbera l’aveva dichiarato ufficialmente), rischioso film La trattativa che ricostruisce ”in maniera inattaccabile” lo scellerato patto tra lo Stato e la mafia e per il quale è in corso un processo, arriva a Venezia. E viene applaudito.

Il volto di Sabina Guzzanti si illumina, ”ero gialla in albergo, non mi aspettavo niente, sto delirando da una settimana”, quando la stampa, non solo italiana ma anche internazionale, l’accoglie con un applauso. Battimani che sono stati riservati al film evento Fuori Concorso anche al termine delle proiezioni. Un sospiro di sollievo, la voglia che il film vada anche bene in sala, uscirà il 9 ottobre da Bim. E che si veda nelle scuole anche se, ammette all’Ansa, la regista ”l’affrontare questa materia ti suscita paura, depressione, la voglia di dire me ne vado da questo paese, ma lo scopo del film è proprio quello di permettere a tutti, anche a chi non ha seguito la storia, magari non compra i giornali, di capire fatti che hanno cambiato il corso della democrazia e che ci fanno capire da dove viene quest’Italia che abbiamo sotto gli occhi.

La Trattativa dà tutte le spiegazioni che servono e il cinema credo, ha ancora una dimensione collettiva, dà forza. Questo film è senza retorica, perchè la retorica consente la menzogna”. Tra gli spettatori che vorrebbe per questo film c’è il premier Matteo Renzi, ”che sta riscrivendo la Costituzione con una persona come Berlusconi. Ecco faccio un appello: ‘Renzi guardi questo film e la smetta”. Tra i tanti passaggi delicati del film – che si caratterizza per utilizzare, alternare liberamente immagini vere, di repertorio, interviste storiche come quelle a Borsellino, con ricostruzioni di attori, messe in scene teatrali da docu-fiction – uno riguarda il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

– Non può aprire nessuna polemica. Ogni parola del mio film che lo riguarda è stata controllata 1.678 volte, anche con l’aiuto di Giorgio Mottola di Report. L’intervento del Quirinale a favore di un indagato – Nicola Mancino, Ndr – è una cosa grave ma documentatissima –  dice Sabina Guzzanti a proposito dell’episodio per cui Napolitano attraverso il segretario Donato Marra scrive alla Cassazione e a Pietro Grasso per ”tirarlo fuori dagli impicci”. L’ex ministro dell’Interno Mancino era sotto accusa per falsa testimonianza su un incontro avuto con Borsellino a Roma mentre il magistrato interrogava il pentito Mutulo e sulla ‘leggerezza’ con cui contribuì all’uscita di circa 400 mafiosi nel ’93 perchè non fu rinnovato loro il 41 bis. E’ la nota questione delle telefonate di Mancino a Napolitano, le cui intercettazioni su richiesta del Quirinale sono rimaste segretate e successivamente distrutte. Guzzanti svela oggi che durante la preparazione del film, (prodotto da lei stessa e da Valerio De Paolis), interrotta per mancanza di fondi, aveva chiesto a Mediaset alcune scene della fiction su Borsellino che avrebbe utilizzato.

– Non me le hanno volute dare –  rivela -. Se è per questo anche il ministero per i Beni culturali ha respinto la domanda per il contributo economico e ha rifiutato l’interesse culturale, che tanto per dire ha accordato alla commedia di Vanzina. Una decisione secondo me – dice all’Ansa – ingiusta e politica. Se mi aspetto polemiche o attacchi? Il film, purtroppo, è piuttosto inattaccabile, per i contenuti straverificati e i fatti realmente accaduti.

Ma non potrebbe essere bloccato visto che riguarda un processo tutt’ora in corso e per il quale ad esempio Napolitano dovrebbe testimoniare a fine? ‘

– Non credo, comunque un processo in atto non significa che l’opinione pubblica o la politica non possano occuparsene, non è che non si può entrare in fatti realmente accaduti. Quanto ai risultati del processo – prosegue rispondendo ad una domanda di un giornalista tedesco – in Italia siamo abituati ad aspettarli e anche a non trovare colpevoli. Lei è tedesco e forse non lo sa, probabilmente anche in questo caso non si troverà un colpevole, in Italia accade. E poi un politico assolto non è innocente, significa solo che non sono state trovate le prove.

Secondo la Guzzanti, ”se non ci fosse stata la trattativa tra lo Stato e la mafia, questo sarebbe un paese diverso e migliore e forse avremmo ancora due persone in gamba come Falcone e Borsellino. Invece si è preferito venire a patti per mantenere il potere e continuare a guadagnare, a vincere gli appalti”.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora