Ucraina: Putin dà scacco ma Nato e Ue lo incalzano

Pubblicato il 06 settembre 2014 da redazione

MOSCA. – Vladimir Putin esce per ora vincitore sul campo nel conflitto ucraino, sia internamente sia sul piano internazionale, come ammettono riservatamente molti leader e diplomatici occidentali. Ma si trova tra i due fuochi del rafforzamento della presenza Nato ad est e di possibili nuove sanzioni se non reggera’ il cessate il fuoco raggiunto ieri a Minsk. Due passi ai quali si riserva di rispondere, in una partita dove pero’ intanto ha gia’ dato spregiudicatamente scacco a Kiev e all’Occidente. Dopo mesi di inutili mediazioni internazionali, ha rischiato la carta dei suoi para’ in una guerra ibrida ”invisibile” che ha preso in contropiede gli strateghi occidentali e costretto il presidente ucraino Petro Poroshenko al negoziato, dettando platealmente in tv le condizioni della tregua. Lo ha fatto con un tempismo studiato, inducendo la Ue a congelare le nuove sanzioni con un accordo last minute. Lui intanto ha congelato il conflitto a tutto favore dei ribelli filorussi, ormai legittimati come interlocutori da Kiev da quegli stessi leader che per mesi li avevano bollati come “terroristi”. Una campagna che all’interno gli ha consentito di compattare patriotticamente il Paese e di strappare un consenso record, sullo sfondo di una propaganda senza precedenti e di una strumentalizzazione della storia a uso e consumo del moderno zar. Certo, ormai Putin pare aver perso irreversibilmente l’Ucraina, uscita dall’orbita di Mosca e della sua Unione Doganale. Ma, dopo aver fagocitato la Crimea, ha ancora le leve per rallentare il cammino di Kiev verso la Ue e, cosa che più conta ai suoi occhi, per ostacolarne l’adesione alla Nato. L’arma e’ la destabilizzazione: ottenendo per il Donbass un’autonomia tale da contrastare gli slanci euro-atlantici del nuovo potere di Kiev, o trasformando il braccio di ferro in un conflitto congelato come quello delle repubbliche secessioniste filorusse dell’Ossezia del sud e dell’Abkhazia, in Georgia, o della Transnistria, in Moldova. Tra un paio di mesi, inoltre, potrà usare, anche sull’Europa, il ‘ricatto’ energetico dopo la sospensione delle forniture di gas a Kiev. L’ipotesi di un riaccendersi della guerra sarebbe invece pericolosa anche per il Cremlino: le sanzioni gia’ in vigore cominciano a mordere sulla Russia, un nuovo giro di vite potrebbe essere un brutto colpo per una economia stagnante da tempo e per una elite di oligarchi che non vuole perdere altri miliardi di dollari. Quanto alla forza di intervento rapido varata dalla Nato, che avrà il comando in Polonia, e userà cinque basi già esistenti nei paesi baltici e Romania per schierare a rotazione le truppe capaci di intervenire ovunque in 48 ore, la Russia ha gia’ promesso di rispondere, anche aggiornando la propria dottrina militare. Mosca sa che l’iniziativa di Bruxelles e’ solo uno sfoggio di muscoli per rassicurare alcuni membri dell’Alleanza, ma non puo’ far finta di nulla. Anche per assecondare in patria la sindrome da ‘cittadella assediata’, incarnata fisicamente dalla fortezza del Cremlino, sede storica del potere russo. (di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

Archivio Ultima ora