Obama, la guerra all’Isis e il conto della storia

Pubblicato il 17 settembre 2014 da redazione

ROMA. – Come in un gioco dell’oca senza fine, la comunità internazionale – o quel che rimane di essa – torna a fare i conti con i propri errori e con le valutazioni strategiche che, ancora una volta, si stanno rivelando tragicamente miopi, in quell’angolo di mondo tra il Mediterraneo e l’Afghanistan. Proprio come a Kabul e dintorni, quando i mujaheddin da alleati fidati divennero la colonna portante della rivolta talebana. Come nell’Iraq post-Saddam abbandonato alla vendetta degli sciiti. Come nelle primavere arabe trasformatesi in malinconici inverni senza guida. Così adesso nella lotta all’Isis la strategia appare tardiva e timida. Poco definita e, di nuovo, troppo incentrata sulle capacità militari degli Stati Uniti, l’unica super potenza rimasta a livello globale, anche se con obiettivi e orizzonti molto ridimensionati. Barack Obama, il presidente Usa soprannominato dai falchi della destra il “guerriero riluttante” e accusato di non avere una strategia, appare paradossalmente l’unico leader ad avere qualche idea sul sentiero da percorrere. E’ vero che un anno fa, in Siria, stava per bombardare dall’altro lato del campo, cioè sugli uomini di Bashar Assad, facendo quindi un favore a quelli che adesso, invece, sta bombardando davvero. Ed è anche vero che fu proprio Obama a parlare di un Iraq finalmente liberato e pronto a camminare con le proprie gambe. Si tratta di evidenti errori di valutazione politica e militare. Ma è anche vero che l’inquilino della Casa Bianca è forse il solo tra i leader mondiali ad aver avuto il coraggio di fare marcia indietro ed impostare un qualche tipo di reazione di fronte alla creazione di un mattatoio a cielo aperto tra l’Iraq e la Siria da parte dell’Isis. Certo, c’è da chiedersi quale tipo di strategia concordata sarà in grado di mettere in piedi la strana coalizione nata dal vertice di Parigi. Forse basterebbe che i membri della nuova alleanza contro il califfato di Al Baghdadi provassero con sincerità e trasparenza a rispondere a qualche domanda per trovare il bandolo della matassa. Dove hanno trovato le armi moderne e sofisticate che usano con grande preparazione i circa 30mila guerriglieri dell’Isis? Chi li addestra e li guida? Chi li finanzia? Come possono aver circa 2 miliardi di dollari cash? Chi compra il petrolio che pompano dai pozzi conquistati nel nord dell’Iraq? E’ chiaro che la proxy war, la guerra per procura combattuta in Siria tra sunniti e sciiti, ma anche all’interno delle due stesse grandi anime dell’islam, è sfuggita di mano a qualcuno. Per esempio a chi ha finanziato fino a ieri i vari gruppi contrapposti sul terreno di battaglia. Gli interessi contrapposti, il risiko in continuo movimento e il cambiamento delle alleanze nel grande gioco mediorientale e la lentezza insostenibile dei tempi di reazione del mondo hanno permesso che la guerra in Siria mutasse pelle, che l’opposizione laica ad Assad scomparisse e fosse quasi del tutto assorbita dagli uomini di Al Nusra, l’emanazione di Al Qaida in questa regione, che i tagliagole dell’Isis avessero il sopravvento e che Assad fosse guardato con occhi diversi da Usa ed Europa. Così ora non c’è soltanto da combattere la guerra contro l’Isis considerando anche l’escalation possibile dopo le prime dichiarazioni dei militari Usa sull’ eventualità di mettere “boots on the ground”. C’è da combattere anche contro l’atteggiamento distaccato e lontano di Usa e Europa, fino a poche settimane fa ancora poco convinte nella loro azione e non completamente consapevoli del pericolo reale e concreto del consolidamento del califfato. Al di là di alcune decisioni generose di alcuni Paesi europei – tra i quali anche l’Italia – manca una politica comune dell’Europa e un coordinamento con gli Usa e i Paesi arabi moderati. La riunione di Parigi potrebbe essere un inizio se ci sarà continuità politica nella cooperazione e una nuova convinzione concreta nella lotta da portare avanti. L’undici settembre non arrivò per caso, anche se trovò un mondo impreparato. E il Medio Oriente non è così lontano. Come la storia recente insegna piuttosto bene. (Stefano Polli/Ansa)

Ultima ora

12:39Carabinieri: Del Sette, presenza Arma è presenza Stato

(ANSA) - PORDENONE, 23 GIU - "La presenza dell'Arma è la presenza dello Stato": lo ha affermato il comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, in occasione dell'inaugurazione del nuovo Comando provinciale dei Carabinieri di Pordenone. "In tutta Italia stiamo lavorando per continuare ad ammodernare le nostre strutture - ha aggiunto - realizzandone anche di nuove, per essere sempre più vicini alla gente. Il passaggio fondamentale sarà far riconquistare fiducia ai cittadini: il nostro operare quotidiano deve essere orientato sia alla fattiva tutela della legalità, sia all'aumento della percezione della sicurezza, oggi non ancora allineata ai dati che riferiscono di reati in calo", ha concluso Del Sette.

12:34Calcio: minacce via Fb a speaker Bari, lui lascia e denuncia

(ANSA) - BARI, 23 GIU - Lo speaker del Bari Max Boccasile ha deciso di abbandonare l'incarico dopo che la sua fidanzata ha ricevuto, via Facebook, una minaccia da un account poi rimosso: "Ascolta un consiglio spassionato. Se non vuoi finire con la faccia bella che tieni nell'acido, dì all'amore tuo di lasciare il posto di speaker. E stai muta". "Ho avviato le pratiche per la denuncia alla Polizia postale - spiega Boccasile - dopo aver ricevuto, insieme alla mia compagna, minacce e insulti affinché abbandonassi l'incarico di speaker del Bari. Lo farò, dunque, lascio il microfono allo stadio, ma andrò fino in fondo sul piano legale. Voglio che si sappia chi c'è dietro i profili e account social responsabili delle intimidazioni. Non ho tolto il posto a nessuno, ma ricoperto una posizione che era rimasta scoperta nel club". Boccasile spiega di aver iniziato con i suoi legali una battaglia "a tutela della sicurezza e dell'incolumità" sua e di suoi cari. "Sono dei miserabili e in questo momento ringrazio chi mi ha sostenuto".

12:31MotoGp: Olanda, Petrucci il migliore nelle prime libere

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - E' di Danilo Petrucci il miglior tempo della prima sessione di prove libere del Gp d'Olanda, classe MotoGp, in programma domenica sul circuito di Assen. Il pilota ternano della Ducati Pramac ha fatto segnare 1'34"680 precedendo di 106 millesimi il francese Yohann Zarco (Yamaha Tech 3) e di 142 millesimi il britannico Cal Crutchlow (LCR Honda). Quarto tempo in 1'34"829 per Andrea Dovizioso (Ducati), vincitore delle ultime due gare del Motomondiale al Mugello e a Barcellona. Quinta la prima Yamaha ufficiale, quella di Valentino Rossi, che accusa un ritardo di 161 millesimi da Petrucci. Sesta la Suzuki di Andrea Iannone, settima la Honda di Dani Pedrosa, nona la Ducati di Jorge Lorenzo, dodicesima la Yamaha di Maverick Vinales e tredicesima la Honda di Marc Marquez.

12:07Basket: Nba, la prima scelta del draft è Markelle Fultz

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - E' Markelle Fultz, playmaker di Washington, la prima scelta del Draft Nba, tenutosi nella notte al Barclays Center di New York, casa dei Brooklyn Nets. Fultz andrà ai Philadelphia 76ers dopo che la franchigia si era appropriata nei giorni scorsi del turno dei Boston Celtics in cima al tabellone. La seconda scelta è Lonzo Ball, playmaker di UCLA che approda ai Los Angeles Lakers. Terzo è Jayson Tatum, ala di Duke, che andrà a rinforzare i Boston Celtics. Per quanto riguarda il mercato i Chicago Bulls scambiano con i Minnesota Timberwolves Jimmy Butler in cambio di Zach Lavine, Kris Dunne e la settima scelta del draft, commutata poi a stretto giro dalla dirigenza dei Bulls in Lauri Markkanen, promettente lungo finlandese.

12:02Stalking: sms osceni a figlia minorenne, arrestato

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 23 GIU - Ha pedinato e controllato la ex compagna e la loro figlia minorenne, ha minacciato la donna ed ha inviato alla ragazza messaggi erotici sul telefonino. Per questi motivi, i carabinieri della Compagnia di Locri, in esecuzione di un'ordinanza del Gip, hanno arrestato e posto ai domiciliari un 39enne accusato di stalking. Le molestie, secondo l'accusa, sono andate avanti dal marzo 2016 al maggio 2017 perché l'uomo non accettava la fine della relazione. Una situazione che ha creato alla donna ed alla figlia un perdurante e grave stato di paura, tanto da costringerle ad alterare le proprie abitudini di vita. Le indagini sono iniziate nel gennaio scorso dopo la segnalazione di una psicologa in servizio all'Asp di Reggio Calabria che ha segnalato l'invio di messaggi "osceni" sul cellulare della minore. I riscontri dei carabinieri hanno consentito di accertare le responsabilità dell'uomo che è stato quindi arrestato su richiesta della Procura della Repubblica. (ANSA).

11:54Siria: Mosca, missili da navi russe contro Isis

(ANSA) - MOSCA, 23 GIU - Missili lanciati da navi militari russe schierate nel Mediterraneo orientale hanno distrutto postazioni di comando e depositi di armi e munizioni dell'Isis vicino ad Akerbat, nella provincia siriana di Hama: lo riferisce il ministero della Difesa russo. "I lanci di sei missili da crociera Kalibr - sostiene Mosca - sono stati effettuati dalla parte orientale del Mediterraneo dalle fregate 'Ammiraglio Essen' e 'Ammiraglio Grigorovich' e dal sottomarino 'Krasnodar' su obiettivi del gruppo terroristico Isis in Siria".

11:52Pakistan: attentato Quetta, talebani radicali rivendicano

(ANSA) - ISLAMABAD, 23 GIU - Un gruppo talebano radicale ha rivendicato oggi l'attentato che ha causato a Quetta, capoluogo della provincia pachistana di Baluchistan la morte di 11 persone, fra cui cinque agenti, e 21 feriti. Con un messaggio diffuso attraverso Telegram, Jamaat ul Ahrar (JuA), gruppo scissosi dal Tehrek-e-Taliban Pakistan (TTP), ha rivendicato l'azione sostenendo che "è parte dell'Operazione Ghazi" e che "particolari di essa saranno resi noti successivamente".

Archivio Ultima ora