Obama, la guerra all’Isis e il conto della storia

Pubblicato il 17 settembre 2014 da redazione

ROMA. – Come in un gioco dell’oca senza fine, la comunità internazionale – o quel che rimane di essa – torna a fare i conti con i propri errori e con le valutazioni strategiche che, ancora una volta, si stanno rivelando tragicamente miopi, in quell’angolo di mondo tra il Mediterraneo e l’Afghanistan. Proprio come a Kabul e dintorni, quando i mujaheddin da alleati fidati divennero la colonna portante della rivolta talebana. Come nell’Iraq post-Saddam abbandonato alla vendetta degli sciiti. Come nelle primavere arabe trasformatesi in malinconici inverni senza guida. Così adesso nella lotta all’Isis la strategia appare tardiva e timida. Poco definita e, di nuovo, troppo incentrata sulle capacità militari degli Stati Uniti, l’unica super potenza rimasta a livello globale, anche se con obiettivi e orizzonti molto ridimensionati. Barack Obama, il presidente Usa soprannominato dai falchi della destra il “guerriero riluttante” e accusato di non avere una strategia, appare paradossalmente l’unico leader ad avere qualche idea sul sentiero da percorrere. E’ vero che un anno fa, in Siria, stava per bombardare dall’altro lato del campo, cioè sugli uomini di Bashar Assad, facendo quindi un favore a quelli che adesso, invece, sta bombardando davvero. Ed è anche vero che fu proprio Obama a parlare di un Iraq finalmente liberato e pronto a camminare con le proprie gambe. Si tratta di evidenti errori di valutazione politica e militare. Ma è anche vero che l’inquilino della Casa Bianca è forse il solo tra i leader mondiali ad aver avuto il coraggio di fare marcia indietro ed impostare un qualche tipo di reazione di fronte alla creazione di un mattatoio a cielo aperto tra l’Iraq e la Siria da parte dell’Isis. Certo, c’è da chiedersi quale tipo di strategia concordata sarà in grado di mettere in piedi la strana coalizione nata dal vertice di Parigi. Forse basterebbe che i membri della nuova alleanza contro il califfato di Al Baghdadi provassero con sincerità e trasparenza a rispondere a qualche domanda per trovare il bandolo della matassa. Dove hanno trovato le armi moderne e sofisticate che usano con grande preparazione i circa 30mila guerriglieri dell’Isis? Chi li addestra e li guida? Chi li finanzia? Come possono aver circa 2 miliardi di dollari cash? Chi compra il petrolio che pompano dai pozzi conquistati nel nord dell’Iraq? E’ chiaro che la proxy war, la guerra per procura combattuta in Siria tra sunniti e sciiti, ma anche all’interno delle due stesse grandi anime dell’islam, è sfuggita di mano a qualcuno. Per esempio a chi ha finanziato fino a ieri i vari gruppi contrapposti sul terreno di battaglia. Gli interessi contrapposti, il risiko in continuo movimento e il cambiamento delle alleanze nel grande gioco mediorientale e la lentezza insostenibile dei tempi di reazione del mondo hanno permesso che la guerra in Siria mutasse pelle, che l’opposizione laica ad Assad scomparisse e fosse quasi del tutto assorbita dagli uomini di Al Nusra, l’emanazione di Al Qaida in questa regione, che i tagliagole dell’Isis avessero il sopravvento e che Assad fosse guardato con occhi diversi da Usa ed Europa. Così ora non c’è soltanto da combattere la guerra contro l’Isis considerando anche l’escalation possibile dopo le prime dichiarazioni dei militari Usa sull’ eventualità di mettere “boots on the ground”. C’è da combattere anche contro l’atteggiamento distaccato e lontano di Usa e Europa, fino a poche settimane fa ancora poco convinte nella loro azione e non completamente consapevoli del pericolo reale e concreto del consolidamento del califfato. Al di là di alcune decisioni generose di alcuni Paesi europei – tra i quali anche l’Italia – manca una politica comune dell’Europa e un coordinamento con gli Usa e i Paesi arabi moderati. La riunione di Parigi potrebbe essere un inizio se ci sarà continuità politica nella cooperazione e una nuova convinzione concreta nella lotta da portare avanti. L’undici settembre non arrivò per caso, anche se trovò un mondo impreparato. E il Medio Oriente non è così lontano. Come la storia recente insegna piuttosto bene. (Stefano Polli/Ansa)

Ultima ora

13:59Pd: Cuperlo, anche su percorso Renzi insufficiente

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Per quanto riguarda il percorso ancora una volta sono colpito dalla insufficienza di un segretario, per quanto dimissionario. Era evidente che anche sui tempi della nostra discussione poteva e potrebbe esserci un recupero di fiducia di tanti iscritti, militanti, elettori turbati da una spaccatura che fino all'ultimo non si è voluto evitare". Lo dice Gianni Cuperlo in una nota.

13:56Pd: Cuperlo, 4 marzo SinistraDem decide posizione Congresso

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Come SinistraDem, con altre compagne e compagni, decideremo come stare nel congresso in un'assemblea convocata per sabato 4 marzo a Roma. Lo faremo in coerenza con le opinioni e battaglie di questi anni guardando a contenuti e valori di una alternativa alla stagione che ci siamo lasciati alle spalle". Lo dice Gianni Cuperlo in una nota.

13:46Pallavolo: Tifanny al Brescia, trans? Che sappiano giocare

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Il Brescia può andare dove vuole, l'importante è che prenda tre che sappiano giocare...": è realista ed elegante al tempo stesso la replica a distanza di Tifanny Pereira da Abreu alla polemica aperta dalla società di pallavolo femminile del Millenium Brescia che, temendo derive in un ambito ancora non regolamentato, aveva lanciato la provocazione di andare in Brasile ad ingaggiare giocatori trans per vincere il campionato. "Non è che sai giocare bene a pallavolo solo perché sei trans - spiega a Sky Sport la Pereira, schiacciatrice diventata donna con un intervento nel 2014 e ora in forza al club di A2 della Golem Palmi - Conta il talento, devi saper giocare. E il talento lo possono avere sia un uomo, sia una donna, sia un trans. La mia essenza è di donna: io ho cambiato per me, per il mio essere. La pallavolo è il mio lavoro". La brasiliana 32enne ha giocato domenica scorsa la sua prima partita nel campionato italiano. Palmi e Brescia, in lotta per un posto nei playoff, si affronteranno il 12 marzo.

13:41Migranti: striscione centro sociale a forum con sindaco Sala

(ANSA) - MILANO, 23 FEB - 'Milano come Barcellona. Nessuno illegale' è la scritta sullo striscione che gli antagonisti del Cantiere hanno srotolato all'ingresso del teatro Elfo Puccini dove è in corso il sesto forum delle politiche sociali. I rappresentanti del Cantiere, una trentina, avrebbero voluto entrare in sala per fare un intervento. Ma la sala era già stata chiusa perché troppo piena. Così con il megafono hanno spiegato di essere d'accordo con l'assessore Pierfrancesco Majorino che ha lanciato nei giorni scorsi l'idea di una manifestazione contro il razzismo come quella che si è svolta a Barcellona. Una manifestazione che secondo loro deve essere contro il decreto Minniti. "Se nessuno è illegale - hanno detto - ci aspettiamo che il Comune di Milano non riconosca il reato di clandestinità e blocchi le deportazioni". In quel momento è entrato il sindaco Giuseppe Sala, a cui gli antagonisti hanno urlato, prima che entrasse al forum, "sindaco, vogliamo vederla in manifestazione".

13:39Danimarca: prima incriminazione per blasfemia dal 1971

(ANSA) - COPENHAGEN, 23 FEB - Un uomo di 42 anni è stato incriminato per blasfemia nel Nord della Danimarca, per avere, secondo l'accusa, dato alle fiamme una copia del Corano e poi postato il relativo video nel suo profilo Facebook. Lo ha reso noto un procuratore danese, Jan Reckendorff, precisando che è la prima volta sin dal 1971 che qualcuno viene incriminato in Danimarca per aver "irriso pubblicamente la dottrina o il culto di una comunità religiosa", un reato, ha aggiunto, punibile con pene fino a quattro mesi di reclusione o con una ammenda. L'uomo, ha detto ancora Reckendorff senza rivelarne l'identità, ha bruciato la copia del Corano nel suo cortile, riprendendo l'azione in un video che hai poi postato il 27 dicembre del 2015 in una pagina Facebook anti-islamica. La data del processo non è stata ancora fissata.

13:34Cuba: governo vieta ingresso a segretario Osa Almagro

(ANSA) - L'AVANA, 23 FEB - Il segretario generale dell' Organizzazione degli Stati Americani (Osa) Luis Almagro, l'ex presidente messicano Felipe Calderon e l'ex ministra cilena Mariana Aylwin si sono visti proibire l'ingresso a Cuba, dove dovevano partecipare ad un omaggio a Oswaldo Payà, il dissidente morto nel 2012. Almagro, ex ministro degli Esteri del governo uruguayano di José "Pepe" Mujica, ha spiegato che le autorità dell'isola non gli hanno concesso un visto di ingresso con il suo passaporto ufficiale Osa e si sono negate a lasciarlo entrare con i suoi documenti uruguayani, malgrado per i cittadini di questo paese non sia necessario un visto. I governi di Messico e Cile, da parte loro, hanno espresso il loro "rammarico" per la decisione del governo di Raul Castro, sottolineando che né Calderon né Aylwin "rappresentano un rischio per il popolo o le autorità cubane".

13:31Siria: al via colloqui di Ginevra tra governo e opposizioni

(ANSAMed) - BEIRUT, 23 FEB - Sono cominciati a Ginevra i colloqui mediati dall'Onu tra governo e opposizioni siriane. Lo riferiscono i media panarabi, riportando lo scetticismo delle parti e dello stesso inviato speciale dell'Onu per la Siria, Staffan De Mistura. La delegazione delle opposizioni aveva ieri chiesto di poter avere colloqui diretti, ma non vi sono ancora certezze su come si svolgeranno gli incontri. Si tratta del quarto round di colloqui mediati in Svizzera dalle Nazioni Unite. Finora nessun incontro è riuscito ad avvicinare le parti. Tra due settimane si celebrerà il sesto anniversario dello scoppio delle proteste popolari in Siria e della conseguente repressione governativa, eventi che hanno gradualmente spinto il Paese mediorientale verso una guerra civile con dimensioni regionali e internazionali e con effetti catastrofici sul piano umanitario.

Archivio Ultima ora