Obama, la guerra all’Isis e il conto della storia

Pubblicato il 17 settembre 2014 da redazione

ROMA. – Come in un gioco dell’oca senza fine, la comunità internazionale – o quel che rimane di essa – torna a fare i conti con i propri errori e con le valutazioni strategiche che, ancora una volta, si stanno rivelando tragicamente miopi, in quell’angolo di mondo tra il Mediterraneo e l’Afghanistan. Proprio come a Kabul e dintorni, quando i mujaheddin da alleati fidati divennero la colonna portante della rivolta talebana. Come nell’Iraq post-Saddam abbandonato alla vendetta degli sciiti. Come nelle primavere arabe trasformatesi in malinconici inverni senza guida. Così adesso nella lotta all’Isis la strategia appare tardiva e timida. Poco definita e, di nuovo, troppo incentrata sulle capacità militari degli Stati Uniti, l’unica super potenza rimasta a livello globale, anche se con obiettivi e orizzonti molto ridimensionati. Barack Obama, il presidente Usa soprannominato dai falchi della destra il “guerriero riluttante” e accusato di non avere una strategia, appare paradossalmente l’unico leader ad avere qualche idea sul sentiero da percorrere. E’ vero che un anno fa, in Siria, stava per bombardare dall’altro lato del campo, cioè sugli uomini di Bashar Assad, facendo quindi un favore a quelli che adesso, invece, sta bombardando davvero. Ed è anche vero che fu proprio Obama a parlare di un Iraq finalmente liberato e pronto a camminare con le proprie gambe. Si tratta di evidenti errori di valutazione politica e militare. Ma è anche vero che l’inquilino della Casa Bianca è forse il solo tra i leader mondiali ad aver avuto il coraggio di fare marcia indietro ed impostare un qualche tipo di reazione di fronte alla creazione di un mattatoio a cielo aperto tra l’Iraq e la Siria da parte dell’Isis. Certo, c’è da chiedersi quale tipo di strategia concordata sarà in grado di mettere in piedi la strana coalizione nata dal vertice di Parigi. Forse basterebbe che i membri della nuova alleanza contro il califfato di Al Baghdadi provassero con sincerità e trasparenza a rispondere a qualche domanda per trovare il bandolo della matassa. Dove hanno trovato le armi moderne e sofisticate che usano con grande preparazione i circa 30mila guerriglieri dell’Isis? Chi li addestra e li guida? Chi li finanzia? Come possono aver circa 2 miliardi di dollari cash? Chi compra il petrolio che pompano dai pozzi conquistati nel nord dell’Iraq? E’ chiaro che la proxy war, la guerra per procura combattuta in Siria tra sunniti e sciiti, ma anche all’interno delle due stesse grandi anime dell’islam, è sfuggita di mano a qualcuno. Per esempio a chi ha finanziato fino a ieri i vari gruppi contrapposti sul terreno di battaglia. Gli interessi contrapposti, il risiko in continuo movimento e il cambiamento delle alleanze nel grande gioco mediorientale e la lentezza insostenibile dei tempi di reazione del mondo hanno permesso che la guerra in Siria mutasse pelle, che l’opposizione laica ad Assad scomparisse e fosse quasi del tutto assorbita dagli uomini di Al Nusra, l’emanazione di Al Qaida in questa regione, che i tagliagole dell’Isis avessero il sopravvento e che Assad fosse guardato con occhi diversi da Usa ed Europa. Così ora non c’è soltanto da combattere la guerra contro l’Isis considerando anche l’escalation possibile dopo le prime dichiarazioni dei militari Usa sull’ eventualità di mettere “boots on the ground”. C’è da combattere anche contro l’atteggiamento distaccato e lontano di Usa e Europa, fino a poche settimane fa ancora poco convinte nella loro azione e non completamente consapevoli del pericolo reale e concreto del consolidamento del califfato. Al di là di alcune decisioni generose di alcuni Paesi europei – tra i quali anche l’Italia – manca una politica comune dell’Europa e un coordinamento con gli Usa e i Paesi arabi moderati. La riunione di Parigi potrebbe essere un inizio se ci sarà continuità politica nella cooperazione e una nuova convinzione concreta nella lotta da portare avanti. L’undici settembre non arrivò per caso, anche se trovò un mondo impreparato. E il Medio Oriente non è così lontano. Come la storia recente insegna piuttosto bene. (Stefano Polli/Ansa)

Ultima ora

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

Archivio Ultima ora