Debutta iPhone 6, code chilometriche per accaparrarselo

Pubblicato il 19 settembre 2014 da redazione

ROMA. – Apple ‘chiama’ e i consumatori-fans ‘rispondono’. Dopo le prevendite online da record (4 milioni di ordini in 24 ore), le code chilometriche davanti ai negozi dei nove Paesi in cui da oggi è in vendita l’iPhone 6 sembrano preludere a un altro primato, con gli analisti che stimano 10 milioni di unità smerciate entro il weekend. E a mobilitarsi sono anche le banche, che in Usa si stanno sfidando a colpi di pubblicità per promuovere lo smartphone e l’Apple Pay, il sistema di pagamento che punta a trasformare il melafonino in un portafogli elettronico. Le vendite dell’iPhone 6 sono iniziate stamani in Australia e, poi in ordine di fuso orario, a Hong Kong, Singapore, in Giappone, Francia, Germania, Regno Unito, Usa e Canada.  Dall’Australia ha fatto il giro del mondo il video del ragazzo che per primo ha comprato l’iPhone a Perth e, aprendo l’agognata scatola davanti alla telecamera di una tv, ha fatto cadere il telefonino a terra. A Hong Kong, ‘anteprima cinese’ delle vendite di iPhone, è dovuta intervenire la polizia per disperdere le persone in fila che non si erano prenotate col nuovo sistema digitale lì obbligatorio. Preso d’assalto dai giornalisti è stato anche il primo acquirente dell’iPhone nell’iconico Apple Store newyorkese sulla Quinta strada, dove alle 6 del mattino si snodava per oltre una decina d’isolati una coda da record. A salutare il debutto dei nuovi melafonini c’era oggi anche il CEO di Apple, Tim Cook, presente a San Francisco. Nonostante l’alta domanda, le forniture sembrano al momento bastare, anche se gli stabilimenti produttivi sono sotto pressione. Stando al Wall Street Journal la cinese Foxconn, che produce buona parte degli iPhone 6 e tutti i 6 Plus, ha dovuto assumere altri lavoratori oltre ai 200mila già impegnati solo a sfornare melafonini. Ogni giorno escono dalle fabbriche 540mila dispositivi ma i volumi non sembrano sufficienti a soddisfare la domanda, che dal 26 settembre sarà alimentata anche dagli utenti di un’altra ventina di nazioni, Italia inclusa. In questo fermento le banche Usa non restano a guardare. A reclamizzare l’iPhone e l’Apple Pay, con cui fare acquisti avvicinando lo smartphone a un Pos e autorizzando la transazione tramite l’impronta digitale, sono tutti i primi partner di Apple: American Express, Bank of America, Citibank, Capital One, Chase, Wells Fargo e i big delle carte di credito Visa e MasterCard. Se la Mela riceverà una somma di denaro per ogni transazione fatta con il suo telefono, dal canto loro le banche sperano in più sicurezza – grazie all’impronta digitale – ma soprattutto in una loro espansione nel mondo degli acquisti online e mobile. L’Apple Pay debutterà in Usa ad ottobre, per poi arrivare in Europa. E potrebbe giungere non prima di ottobre l’altra novità: l’HealthKit, cioè la piattaforma con cui Apple entrerà nel settore del fitness e della salute, ospedali compresi. Le applicazioni ad hoc per monitorare alimentazione, attività fisica e parametri come battito e pressione sarebbero dovute arrivare il 17 settembre, giorno di rilascio del nuovo sistema operativo iOS 8 per iPhone e iPad, ma un bug nella piattaforma ne ha fatto rinviare il lancio. Secondo la stampa Usa potrebbero servire due settimane per risolvere il problema. (di Laura Giannoni/ANSA)

Ultima ora

13:54Germania: Seehofer rieletto a guida Csu con 83,7% voti

(ANSA) - BERLINO, 16 DIC - Horst Seehofer è stato rieletto alla presidenza della Csu bavarese con l'83,7% dei voti. Il risultato di questa elezione, al congresso in corso a Norimberga, è una dimostrazione di tenuta per il leader, dopo la forte perdita subita alle urne del 24 settembre. Due anni fa Seehofer aveva ottenuto l'87,2%.

13:46Calcio: legale Palermo, oggi prima volta che parliamo a pm

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - "Oggi, per la prima volta, abbiamo potuto interloquire con la Procura presentando le nostre ragioni. Siamo molto ottimisti, aspettiamo fiduciosi la decisione del Tribunale". Lo ha detto l'avvocato del Palermo, Francesco Pantaleone, al termine dell'udienza sull'istanza di fallimento della società presentata dalla Procura. "Abbiamo ripercorso quanto scritto nelle memorie - ha spiegato - il fatto di avere avuto un confronto con la Procura è molto importante". Il presidente del Palermo, Giovanni Giammarva, si dice fiducioso: "Speriamo di avere belle notizie a breve. Abbiamo illustrato le nostre ragioni al Tribunale, siamo sicuri dei nostri bilanci. Sono sereno e l'evolversi della situazione ci rende ancora più ottimisti. L'analisi dei documenti ci rende davvero tranquilli".

13:43Nuoto: Europei,Rivolta e Codia tentano il bis in 50 farfalla

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Nelle gare della mattinata ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen, hanno confermato il loro grande stato di forma Matteo Rivolta e Piero Codia, qualificandosi agevolmente per le semifinali dei 50 farfalla. Con un occhio alla finale per una possibile doppietta bis, dopo quella dei 100 farfalla dei giorni scorsi. Nei 200 misti Ilaria Cusinato ha vinto la sua batteria in 2'09"91 e guadagnato un posto in finale. In finale anche la 4X50 sl mista (in vasca per l'Italia Zazzeri, Vergani, Pellegrini, Ferraioli): il quartetto azzurro ha fatto il quinto tempo in 1'31"50 ed è passato. Altri responsi delle batterie di oggi: in semifinale Silvia Scalia e Elena di Liddo nei 50 dorso. La stessa Di Liddo e Ilaria Bianchi sono in semifinale anche nella gara dei 100 farfalla.

13:41Igor: ora è caccia alla ‘rete’, decina nomi nel mirino

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - Sono una decina i nomi nel mirino degli inquirenti italiani che indagano sull'ipotetica rete di appoggi di 'Igor', il criminale serbo Norbert Feher arrestato in Spagna, dopo una sparatoria con tre morti nella provincia Teruel, in Aragona. La Guardia Civil si è imbattuta in lui casualmente mentre indagava su alcune rapine nella zona. La Procura di Bologna ha chiesto il verbale dell'udienza che si terrà domani in Spagna, dove Norbert Feher comparirà in seguito all'arresto per il triplice omicidio commesso nella zona di Teruel, dove il 14 dicembre sono morti due uomini della Guardia Civil e un allevatore. Il procuratore Giuseppe Amato e il pm Marco Forte si sono attivati attraverso Eurojust e stanno valutando le mosse da compiere nei confronti di 'Igor': anche in base a come si comporterà davanti al giudice spagnolo, decideranno quando sentire l'indagato. L'obiettivo è capire come e quando Feher è riuscito a lasciare l'Emilia per raggiungere la sperduta zona dell'Aragona. (ANSA).

13:36Nuoto: Europei, Dotto show, in semifinale con miglior tempo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un grandissimo Luca Dotto ha vinto la sua batteria e fatto il miglior tempo (46"81) nei 100 sl ai campionati europei in vasca corta in corso a Copenhagen. Il campione azzurro si è qualificato per la semifinale della gara regina, e con lui è passato anche Lorenzo Zazzeri (47"). Fuori dalle semifinali invece Marco Orsi, campione in carica, che pure ha vinto la sua batteria e ha fatto il sesto tempo in 47"13. Orsi è stato eliminato per le quote nazionali, e così pure Alessandro Miressi, che aveva segnato il decimo tempo in 47"35. Orsi si è rifatto comunque nei 100 misti, vincendo la sua batteria in 52"13 a un solo centesimo dal record italiano. Dietro di lui Simone Geni, in 52"74. Entrambi vanno in semifinale. In questa gara ha dato forfait all'ultimo momento il primatista del mondo Morozov.

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

12:50Mafia: arrestato boss della ‘società’ foggiana

(ANSA) - FOGGI, 16 DIC - La polizia ha arrestato a Foggia il boss della 'società' foggiana, Federico Trisciuoglio di 64 anni e il figlio Giuseppe, di 40, per provvedimenti di carcerazione emessi dalla Procura Generale di Bari. Sconteranno condanne per estorsione aggravata dal metodo mafioso: il padre è a sette anni di reclusione, il figlio a quasi cinque anni. Federico Trisciuoglio ha già subito condanne per associazione mafiosa nell'ambito dei processi storici alla criminalità organizzata foggiana. La condanna per cui è stato ora riportato in carcere si riferisce alla operazione 'piazza pulita' del 2010 su estorsioni a funzionari dell'azienda municipalizzata Amica (raccolta e smaltimento dei rifiuti), che all'epoca era di proprietà del Comune. Gli Trisciuoglio imponevano le assunzioni anche grazie all'intermediazione di politici locali. Gli assunti venivano pagati anche se non lavoravano e quando funzionari dell'Amica tentarono di contestare queste mancanze, furono minacciati di morte da parte di Federico Trisciuoglio.

Archivio Ultima ora