Pallavolo Mondiali: l’Italia cala il tris, anche l’Argentina ko

ROMA. – Prosegue senza contrattempi il Mondiale delle ragazze dell’Italvolley, che staccano con largo anticipo il biglietto per la seconda fase. La squadra azzurra allenata da Marco Bonitta, dopo aver liquidato nettamente Tunisia e Croazia, supera davanti al pubblico del PalaLottomatica di Roma anche l’ostacolo Argentina senza lasciare per strada nemmeno un set restando così in vetta al girone davanti alla coppia formata da Germania e Repubblica Dominicana, prossime avversarie nel weekend. Contro le sudamericane Bonitta lascia in panchina il capitano Piccinini (unica a non entrare in campo per l’intera partita) e si affida ancora alla Lo Bianco nel ruolo di alzatrice mettendole a disposizione Chirichella e Arrighetti centrali, Centoni opposta e schiacciatrici Del Core e Costagrande. E proprio quest’ultima, argentina di Santa Fè, assieme alle battute della Chirichella, contribuisce all’avvio sprint con cui le azzurre mettono subito in chiaro le cose. Il primo set è senza storia, fila via liscio con un vantaggio che arriva fino a 9 punti per chiudersi sul 25-17. Nell’Argentina di Orduna le uniche che riescono a mettere a terra qualche pallone con continuità sono il capitano Nizetich e la centrale Sosa, ma al rientro in campo il copione dell’incontro non cambia. Anzi, le azzurre Centoni e Del Core salgono in cattedra e, assieme all’immancabile Costagrande, trascinano l’Italia alla vittoria del secondo parziale con un altro 25-17. Il terzo set è forse quello che, almeno in partenza, vede l’Italia un po’ sotto ritmo tanto che al time-out l’Argentina è per la prima volta con la testa avanti (8-6). Per le sudamericane, tuttavia, si tratta di un illusorio vantaggio poiché in un amen si ritrovano sconfitte (25-16). A trascinare è ancora il braccio di Nadia Centoni, che alla fine chiude con lo score migliore (16 punti), davanti alla Costagrande (13) e alla Del Core (13). “L’approccio è stato positivo, la squadra ha risparmiato qualche energia mentale, ma dal punto di vista tecnico abbiamo offerto qualcosa in meno, possiamo fare meglio, come dimostra l’inizio del terzo set in cui eravamo sotto di due punti – il commento a fine gara di Bonitta -. La pausa di domani arriva al momento giusto, non spezza il ritmo, ci arriviamo con la consapevolezza di risposare dal punto di vista soprattutto mentale”. Anche perché le ultime sfide con Germania e Repubblica Dominicana saranno le più complicate. “Adesso ci saranno due partite difficili dal punto di vista tecnico-tattico – conclude il tecnico azzurro -. Sono gare che valgono doppio perché sia sono risultati che ci porteremo dietro nella successiva fase, ma siamo pronti”.(