Le bandiere nere dell’Isis a Kobane. I curdi sono ormai allo stremo

Pubblicato il 06 ottobre 2014 da redazione

BEIRUT. – Si combatte ormai strada per strada a Kobane, la strategica città curda siriana assediata da tre settimane dai miliziani dello Stato islamico, che adesso hanno innalzato la loro bandiera nera in un quartiere periferico. Mentre a ridosso del confine, pochi chilometri più a nord, le forze turche rimangono a guardare e i miliziani del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) sono pronti a intervenire se Ankara dovesse dare loro il via libera. In Iraq, invece, 22 civili, tra i quali 4 bambini, sarebbero rimasti uccisi in un raid di aerei della Coalizione internazionale che avrebbero colpito per errore un edificio abitato da famiglie a Hit, 150 chilometri a ovest di Baghdad. Lo riferisce l’agenzia irachena Nina, citando “fonti mediche” locali, anche se per il momento non vi sono conferme da altre fonti. Altri 43 civili sarebbero rimasti feriti nell’edificio colpito, che si trovava a una settantina di metri da una postazione dell’Isis. Intanto, 220 chilometri più a est di Kobane, in Siria, almeno 30 miliziani e poliziotti curdi sono stati uccisi in un doppio attentato con autobomba compiuto dai jihadisti, secondo l’ong Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus). I veicoli carichi di esplosivo sono stati fatti saltare in aria dai kamikaze che erano alla guida a posti di blocco all’entrata occidentale della città. L’Ondus ha riferito che le forze dello Stato islamico hanno issato la loro bandiera nera nel quartiere di Maqtalah, nell’est di Kobane. I jihadisti si sarebbero inoltre impossessati di vaste aree sull’altopiano di Mashtah Nur, che sovrasta la città. Inoltre, durante la notte venti miliziani dell’Isis sono stati uccisi in un’imboscata delle forze curde dopo essersi infiltrati nell’abitato. In territorio turco, dove sono caduti alcuni obici provocando il ferimento di quattro persone, le forze di sicurezza sono intervenute, lanciando anche gas lacrimogeni, per allontanare dalla frontiera decine di giornalisti e di civili, in maggioranza curdi, che osservavano i combattimenti. E, nonostante il voto con cui il Parlamento di Ankara ha dato la settimana scorsa il via libera ad eventuali operazioni militari oltre confine, l’esercito turco rimane per il momento a guardare. “Invieremo le nostre truppe in Siria solo se la strategia Usa includerà anche la destituzione di Assad”, ha detto il premier turco Ahmet Davutoglu in un’intervista alla Cnn, evocando una condizione per il momento non immaginabile. Mentre sul Times trapela la notizia che Ankara avrebbe scambiato con l’Isis oltre 180 jihadisti, fra cui due britannici, in cambio di 46 diplomatici di Ankara e tre iracheni, rapiti dallo Stato islamico nei mesi scorsi. Indiscrezione, secondo il Times, ritenuta “credibile” dal governo di Londra. Per ora non vi sono segnali che Ankara abbia dato il via libera nemmeno alle forze del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Ppk), che da 30 anni si battono per l’indipendenza dalla Turchia, per varcare il confine ed unirsi ai combattenti curdi siriani dell’Ypg, l’ala militare del loro alleato Partito dell’unità democratica (Pyd). Intanto in Iraq aerei australiani hanno compiuto la prima missione, di pattugliamento e appoggio ravvicinato da quando, venerdì scorso, il governo ha autorizzato raid contro l’Isis nel Paese. Sempre in Iraq, i combattimenti più intensi tra l’esercito e l’Isis proseguono nella regione di Dhuluiya, a nord di Baghdad, e nella provincia di Al Anbar, ad ovest, dove almeno un civile è stato ucciso e otto sono rimasti feriti in un bombardamento lealista sulla città di Falluja. Nel frattempo i genitori di Peter Kassig, l’ostaggio americano che l’Isis ha indicato come la prossima vittima nell’agghiacciante serie di decapitazioni di occidentali mostrate in video, hanno diffuso il testo di una lettera ricevuta dal figlio. “Ho paura di morire, ma la cosa più difficile è non sapere, immaginare, sperare se posso addirittura sperare ancora”, afferma il prigioniero dei jihadisti. L’Isis continua intanto a fare proseliti tra le organizzazioni jihadiste di diverse parti del mondo e si moltiplicano le decapitazioni (3 in Egitto, ad opera di Ansar beit al Maqdis, 7 in Nigeria, per mano dei Boko Haram). Il leader della formazione tunisina Ansar al Sharia, Abou Iyadh, dalla latitanza ha lanciato un appello al capo di al Qaida nel Maghreb islamico, l’emiro Abdelmalek Droukdel, affinché insieme si alleino con lo Stato islamico di Abu Bakr Al-Baghdadi. Mentre il movimento islamico dell’Uzbekistan, un gruppo legato ad Al-Qaida e attivo anche in Afghanistan e nelle zone tribali pakistane, ha annunciato il suo sostegno all’Isis. (Alberto Zanconato/Ansa)

Ultima ora

15:53Nuoto: Paltrinieri in finale nei 1500 sl

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tre pass per le semifinali, quattro per le finali e un primato personale per l'Italia nella seconda giornata dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri di Copenhagen. Gregorio Paltrinieri si è qualificato per la finale di domani dei 1500 sl con il terzo crono in 14'34"81. Accede alla finale dei 200 sl Fabio Lombini con l'ottavo tempo Elena Di Liddo e Ilaria Bianchi entrano in semifinale dei 50 farfalla, rispettivamente con il 14/o e 15/o tempo. Eliminati nelle batterie dei 200 rana Nicolò Martinenghi e Luca Pizzini. Erika Ferraioli - decimo crono - e Federica Pellegrini - tredicesimo - accedono alle semifinali dei 100 sl. Nei 100 dorso Simone Sabbioni strappa il pass per la semifinale con il secondo tempo, avanza con il 16/o crono anche Lorenzo Mora. Ilaria Cusinato - già quarta nei 400 misti - si qualifica per la semifinale dei 100 misti. Federico Turrini accede alla finale dei 400 misti con il settimo tempo. Qualificazione in finale con l'ottavo tempo per la staffetta 4x50 mista mista.

15:50Evasione fiscale e truffe, eseguite 14 misure nel cosentino

(ANSA) - COSENZA, 14 DIC - Beni per oltre 33 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Cosenza nell'ambito dell'operazione Matassa, coordinata dalla Procura di Paola, che ha smantellato un'associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato ed alla commissione dei reati fiscali. Quattordici le misure cautelari eseguite (12 in carcere e due ai domiciliari di donne con figli minori). Tra i beni sequestrati due parchi acquatici, ville, auto, società e opere d'arte. Il sistema era basato su società, tutte fittizie, operanti nei settori della pubblicità, dell'immobiliare o delle ricerche di mercato e consulenza amministrativa che creavano crediti falsi da utilizzare a compensazione per il pagamento di contributi e imposte. Diecimila i modelli F24 analizzati per ricostruire il meccanismo, molti con importi di 0,1 centesimo per evitare il blocco delle procedure di compensazione, attraverso l'utilizzo dell'home banking.(ANSA).

15:48Calcio: Mondiale Club, Fifa, Real? Var giusta

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Fifa non condivide le critiche del Real Madrid sulla Var entrata in azione due volte nel match vinto dai blancos 2-1 contro l'Al Jazira nella semifinale del Mondiale per club giocata ieri. La prima per annullare un gol a Benzema nel primo tempo, la seconda sulla possibile rete del 2-0 per la formazione araba non convalidata per un leggero fuorigioco. Una protesta quella delle merengues che - come riporta il quotidiano spagnolo As - il massimo organo del calcio mondiale "non condivide né capisce, perché pensa che nei due episodi siano state prese le decisioni giuste".

15:31Calcio: Donnarumma, tifosi Milan contro Raiola

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Da San Siro ai social network, monta la contestazione dei tifosi contro Gianluigi Donnarumma per aver messo in discussione il rinnovo con il Milan firmato a luglio per presunte pressioni psicologiche. Secondo chi lo ha visto allenarsi in mattinata a Milanello, l'umore del portiere è piuttosto negativo, in linea con quanto è apparso ieri durante la partita contro il Verona, quando ha reagito ai fischi e agli insulti scuotendo la testa sconsolato, fin quasi alle lacrime. Dopo la partita il ds rossonero Massimiliano Mirabelli ha criticato ("Sappiamo da dove viene il male") l'agente del portiere, Mino Raiola, senza mai nominarlo, e c'è lo stesso obiettivo nel mirino dei tifosi, che sui social network stanno rilanciando l'hasthag #gigiomollalo, esortando il calciatore a prendere posizione e scaricare il procuratore.

15:09Migranti:sbarcati in 41 in porto Crotone, erano su veliero

(ANSA) - CROTONE, 14 DIC - Quarantuno migranti sono sbarcati stamani al porto di Crotone a bordo di una motovedetta della Guardia di Finanza che li ha intercettati ad un miglio al largo di Capo Colonna. I migranti, tutti irakeni, viaggiavano a bordo di un veliero. Sono in corso, nel porto di Crotone, le operazioni di accoglienza dei profughi come previsto dal sistema coordinato dalla Prefettura che prevede anche delle visite mediche e tutti gli accertamenti relativi alla loro provenienza. I migranti verranno ospitati nel Centro di accoglienza di Sant'Anna di Isola Capo Rizzuto.(ANSA).

15:02Calcio: Torino, Petrachi ds per altri due anni

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Gianluca Petrachi sarà il direttore sportivo del Torino per altri due anni, fino al 2020. Il club granata, sul proprio sito, ha infatti annunciato di avere prolungato il rapporto con il dirigente. "Dopo otto anni di proficua collaborazione - si legge - ed un importante lavoro svolto insieme, il presidente Urbano Cairo comunica di aver rinnovato il contratto" del direttore sportivo. L'accordo mette fine alle voci sull'addio di Petrachi, che ha molti estimatori, anche all'estero.

14:53Calcio: Serie A, Verona-Milan a Orsato

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Queste le altre designazioni per le partite della 17/a giornata di serie A in programma domenica 17 dicembre alle ore 15. Benevento-Spal (ore 18): Pasqua; Crotone-Chievo: Pairetto; Fiorentina-Genoa: Calvarese; Verona-Milan (ore 12.30): Orsato; Sampdoria-Sassuolo: Gavillucci.

Archivio Ultima ora