Il Centro Italiano-Venezolano di Caracas protagonista nell’Us Open di Judo

Pubblicato il 08 ottobre 2014 da redazione

CARACAS –  Il Judo é uno sport, é un gioco, é un momento in cui devi sentirti padrone di te stesso, la tua vita, il tuo corpo, il tuo cuore che batte forte per dar ritmo ai tuoi movimenti veloci.  Il contatto con l’avversario e in quei secondi, in quell’istante puoi vincere o puoi perdere tra un mare di silenziosi sentimenti.

José Gabirel Marín e Camilla Mancera, due atleti della scuola di judo del Centro Italiano Venezolano di Caracas sanno come gestire questo mix di emozioni. Questi campioni del tatami hanno portato in alto non solo la bandiera del Venezuela, ma anche il vessillo del club di Prados del Este, infatti Marín e Mancera hanno conseguito due medaglie dall’Us Open. Per appendersi al collo una medaglia di caratura internazionale ci vuole talento, ma ci vuole anche l’aiuto di una guida esperta come quella del sensei Leonardo Violano.

“E’ un’esperienza bellissima, ma prima di salire sul tatami la tensione ed il nervosismo sono alle stelle. Poi, appena inizia la gara tutto svanisce e sei concentrato sull’avversario” comenta Camilla Mancera.

La giovane judoka che ha iniziato a praticare questo sport grazie a suo papá, anche lui amante ed atleta di questo affascinante sport. Grazie alla sua perseveranza é riuscita ad essere presa in considerazione per tornei internazionali, in due Us Open ha sfiorato il gradino più alto del podio in entrambe le occasioni.

“Quella di quest’anno é stata la mia seconda esperienza nell’Us Open, spero nella prossima riesca a salire sul gradino più alto del podio”, spiega Mancera.

Come qualsiasi sportivo, il sogno nel cassetto di questa giovane judoca è partecipare alle Olimpiadi e magari appendersi al collo una medaglia.

L’altro gioiello del vivaio del Civ é Gabriel Marín, 9 anni nel mondo del judo e due di questi a livello competitivo. Marín si emoziona quando ricorda la sua prima medaglia: “E’ stata nei regionales, al primo tentativo ho vinto l’oro,  fu un’emozione indescrivibile”.

La gavetta dei primi anni gli é servita per dare il grande salto in una competizione internazionale, com’é stato con gli Us Open.

“E’ un’emozione indescrivibile partecipare ad una gara di caratura internazionale. Al primo tentativo sono arrivato quinto. – Racconta il giovane judoka, aggiungendo – Ma poi, mi sono rifatto e sono riuscito ad appendermi al collo una medaglia (bronzo, ndr). Adesso punto all’oro, spero di riuscirci per l’edizione del 2016”.

Al contatto con il tatami, in quel secondo, in quell’istante passano per la tua testa tutte le esperienze precedenti ed i consigli ricevuti dal tuo sensei nei giorni precedenti alla gara. Puoi vincere o puoi perdere tra un mare di silenziosi sentimenti. Questo lo sa bene Marin, e per questo motivo il giovane campione prima entrare in azione chiude gli occhi e si concentra con il suo MP3 ed escolta un po’ di musica della sua playlist in cui sono registrati tutti i generi musicali dal pop al rock, dal reggae al merengue. Non ha preferenze. Questo gli serve per trovare la grinta giusta per affrontare il suo rivale.

Il podio é il sogno di tutti gli atleti in una gara: “Vincere una medaglia é il massimo, quando sei sul podio hai un mix di emozioni, hai voglia di piangere dalla felicità. Devi assolutamente vivere quella esperienza per capirlo” spiega Marin.

La responsabilità di gestire le abilità di queste giovani promesse del judo mondiale è in mano al sensei Leonardo Violano, con più di 30 anni di esperienza sul tatami, 25 di questi nel Centro Italiano Venezolano di Caracas. Questa vasta esperienza gli ha permesso di essere non solo il sensei del Civ, ma anche il selezionatore dello stato Miranda.

“La preparazione per l’Open é stata ardua, sono stati mesi di costante sacrificio da parte dei miei alunni, eravamo sul tatami quattro giorni alla settimana, ma ne é valsa la pena – spiega Violano. Aggiungendo – Fortunatamente ogni volta che siamo saliti sul tatami dell’Us Open siamo riusciti a portare a casa medaglie. Non é facile questo. Voglio prolungare questo record positivo, magari salendo sul gradino più alto del podio”. (Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

12:11Calcio: Borussia Dortmund, via Bosz e al suo posto Stoeger

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sconfitta subita in casa sabato scorso, nella 15/a giornata della Bundesliga (per 2-1 contro il Werder Brema), sommata all'ottavo posto in classifica (-13 punti dal Bayern Monaco capolista), è stata fatale a Peter Bosz. L'allenatore olandese, infatti, non è più alla guida del Borussia Dortmund, che ha chiamato l'austriaco Peter Stoeger, ex tecnico di Austria Vienna e Colonia. I gialloneri, che sono stati anche eliminati dalla Champions, non vincono dal 30 settembre scorso (2-1 in trasferta all'Augusta) e sono sprofondati in una profonda crisi. Bosz era arrivato in estate per sostituire in panchina Thomas Tuchel. La notizia del cambio di guida tecnica è stata ufficializzata sull'account ufficiale Twitter del club tedesco.

12:06Travolge passanti con auto: Procura, accusa è strage

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Michele Bordoni, il 27enne che sabato scorso in auto ha travolto e ferito alcuni visitatori del mercatino di Natale a Sondrio, è accusato di strage. Con questa ipotesi a cui si aggiungono resistenza e lesioni aggravate nei confronti di un agente, il procuratore di Sondrio Claudio Gittardi e il pm Stefano Latorre, chiederanno al gip la convalida dell'arresto del giovane e il carcere. L'ipotesi di strage è stata riformulata dopo la ricostruzione dell'accaduto da cui è emerso che il giovane avrebbe voluto uccidere "indifferentemente una pluralità di persone". "Ne dovevo ammazzare di più" sono infatti le parole che Michele Bordoni ha pronunciato sabato al momento del suo arresto.

11:51Maltempo:disagi circolazione e treni soppressi in V. d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - La forte nevicata delle ultime 24 ore ha concesso una tregua in Valle d'Aosta, dove tuttavia si registrano alcuni disagi alla circolazione. I treni della mattina sulla linea Aosta-Ivrea sono stati soppressi. Una slavina ha invaso la strada statale 26 a La Saxe (Courmayeur): nessuna auto è stata coinvolta, ma la circolazione è interrotta su quel tratto. La stessa strada statale 26 è chiusa nella parte che porta a La Thuile (località Balme) per la caduta di due piante. Stop alla circolazione per pericolo valanghe anche su alcune arterie regionali: a Rhemes-Saint-Georges, a Valsavarenche (tra Tsan d'Oula a Pont) e a Courmayeur (Val Ferret e Val Veny). Criticità anche ad Aosta sia agli accessi della città che nelle vie centrali ancora innevate.(ANSA).

11:47Maltempo: Veneto, in pianura piove,nevica ancora in montagna

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Dopo la nevicata di ieri che ha raggiunto anche le località di pianura, oggi in Veneto l'innalzarsi delle temperature ha portato la pioggia nelle principali città, mentre in montagna nelle ultime ore si è consolidato con nuove imbiancate il manto di neve fresca. Tra sabato e stamane si sono accumulati, secondo le rilevazioni dell'Arpav, 22 centimetri di neve a Malga Losch, a 1.735 metri di quota nelle Dolomiti meridionali, 9 a Cortina, 8 a Sappada, 12 ad Arabba e 16 ad Agordo. Immagine tipicamente invernale anche per l'Altopiano di Asiago, imbiancata da 17 centimetri di neve fresca, ed Enego (20).

11:47Fondi Piemonte: il processo d’appello slitta al 2018

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - E' slittato ai primi mesi del 2018 il processo d'appello per la cosiddetta 'Rimborsopoli degli ex consiglieri regionali del Piemonte. Lo ha comunicato oggi la Corte agli avvocati nel corso dell'udienza di apertura. In primo grado c'erano state dieci condanne e quindici assoluzioni, tra cui quella dell'governatore Roberto Cota. La Regione rimane costituita parte civile per il gruppo di imputati che non hanno indennizzato l'ente. A sostenere l'accusa è il pg Giancarlo Avenati Bassi, che in queste settimane svolge incarichi di consulenza alla Commissione di inchiesta sul sistema bancario.(ANSA).

11:43Milan: Fassone, preoccupati da classifica non da Uefa

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Mi aspetto che dicembre sia un mese complicato. I cambi di allenatore non producono risultati a breve. A fine campionato sapremo se è stata fatta la scelta giusta". Così Marco Fassone, ad del Milan. "Siamo preoccupati dal ritardo in classifica - fa notare -. La situazione con l'Uefa? Stiamo facendo un tentativo per arrivare al patteggiamento volontario, per saldare le violazioni degli anni precedenti. Il nostro sarebbe il primo 'voluntary agreement', ma è difficile rispettare i parametri, perché un paio di richieste sono impossibili. Se il verdetto è basato sull'impossibilità di soddisfare queste richieste sarebbe inquietante". "La squadra - sottolinea Fassone - ha un bel rapporto con Gattuso e non credo che i cinesi abbiano intenzione di lasciare il Milan:ßhanno fatto un investimento mostruoso, di oltre un miliardo. Gli acquisti dell'estate? Li rifarei tutti, ma possiamo aver commesso un paio di errori". "La società ha un debito di 120 milioni, relativamente basso, lo possiamo restituire a ottobre", conclude.

11:39Maltempo: neve in tutto l’Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 11 DIC - Dalla scorsa notte sta nevicando in tutto l'Alto Adige. In Bassa Atesina si registrano attualmente tra i 15 e i 20 centimetri di neve. Nel corso della giornata, comunque, il limite delle nevicate salirà a 1500-2000 metri. Gli apporti maggiori sono attesi nelle zone meridionali, come la zona dell'Ortles. Praticamente tutte le strade in Alto Adige sono innevate e nei centri urbani il traffico è molto intenso, non si registrano però grosse difficoltà alla viabilità.

Archivio Ultima ora