Scontro Renzi-Barroso, “basta con le lettere segrete”

Pubblicato il 23 ottobre 2014 da redazione

BRUXELLES. – E’ scontro, a colpi di ‘sciabola’ e non certo di fioretto, tra Matteo Renzi e l’Ue, almeno quella uscente di José Manuel Barroso. Il premier arriva a Bruxelles per il vertice Ue all’ultimo minuto – se non proprio in ritardo – e va all’attacco nel giorno in cui la Commissione ha recapitato a Roma la lettera in cui chiede chiarimenti sulla legge di Stabilità. Lui non si mostra preoccupato. Anzi, rilancia: il problema sono “due miliardi? Se vogliono li mettiamo domani mattina”, esordisce mettendo subito in chiaro la sua strategia. Non “sarà un piccola discussione sulle virgole e i decimali a farci cambiare il percorso”, assicura. Poi l’affondo contro Barroso. “Sono stupito”, manda a dire al presidente della Commissione, che oggi ha criticato la decisione dell’Italia di pubblicare la lettera arrivata da Bruxelles. E va oltre. “In questo palazzo è finito il tempo delle lettere segrete. D’ora in poi vigerà la regola della chiarezza e della trasparenza sui rapporti con Bruxelles: pubblicheremo anche le spese dell’Europa e sarà divertente”, annuncia con una battuta, lasciando intendere che renderà pubblica anche la risposta di Roma a Bruxelles. E lanciando in un tweet un nuovo hashtag: #openeurope. Parole che chi gli è vicino commenta come “un colpo di sciabola…”. Indirizzato al presidente della Commissione che Renzi tiene a ricordare essere ormai in uscita, pronto a ribadire che è l’ora di “voltare pagina”. Per giocare la sua partita – fatta di crescita e non più rigore – con il New deal. Barroso in mattinata d’altra parte era stato durissimo. E non solo con la decisione di via XX Settembre di pubblicare la lettera, ma anche con la stampa italiana (“notizie false, surreali, spesso invenzioni”, aveva scandito in conferenza stampa) e, ancora, con quelle letture che in questi giorni lo accusavano di interessi e posizioni ‘personali’: “E’ nocivo e disonesto”, aveva tuonato il presidente Ue. La lettera é stata inviata con il sostegno del commissario agli Affari economici, Jyrki Katainen. E non solo: anche con quello del nuovo presidente della commissione, Juncker. Come dire, o mandare a dire, a Renzi che la musica non cambia certo con il passaggio di consegne. Forte anche delle parole di ieri di Juncker a Strasburgo: qualsiasi decisione di Barroso ha il suo consenso e le regole non si toccano. “Quello che forse è in discussione, e sarà interessante approfondire, è chi decide cosa, come, quali sono le valutazioni politiche sulle circostanze eccezionali di cui parlano trattati e regolamenti”, rintuzza il premier, che ora deve giocare la sua partita europea per la svolta. E se il metodo sembra essere quello di sempre, ‘diritto per la sua strada’ (quello che lo ha visto spuntare la Mogherini Lady Pesc e oggi tenere il punto con i governatori) la strategia deve essere giocata di fino. Quello sforzo di alzare il target di riduzione del deficit strutturale dallo 0,1% previsto nella legge di stabilità allo 0,25-0,35%, che secondo alcuni potrebbe essere un plausibile punto di caduta di una mediazione, Renzi lo ha già messo in conto. E forse non solo con la ‘riserva’ prevista dai tecnici del Tesoro. Come dimostrano le parole di oggi: “Due miliardi li mettiamo domani mattina”, ha assicurato, liquidandolo come “un piccolissimo sforzo” di fronte ad una manovra da 36 miliardi e un bilancio da 800. Ma probabilmente l’Ue chiederà qualcosa di più, come una possibile lettera di intenti, se non proprio un impegno di compiti a casa. Una possibilità che potrebbe essere quella al centro della mediazione che sarebbe in corso con Parigi (con la benedizione di Berlino) che, come Roma, si è vista recapitare oggi la ‘sua’ lettera da Bruxelles. Oggi la partita si è giocata a colpi di battute (i lavori del summit avevano in agenda per questa sera il tema dell’accordo su clima e energia) e solo domani ci sarà un giro di tavolo sulla situazione economica, prima di un eurosummit in programma all’ora di colazione. Ma se il buongiorno si vede dal mattino la strada sarà tortuosa e la cartina al tornasole dei pesi in campo si vedrà quando, già nel prossimo vertice di dicembre, si aprirà il dossier del piano Juncker: quei 300 miliardi di investimenti annunciati dalla prossima commissione tra le cui pieghe si giocherà anche la partita della flessibilità. (dell’inviata Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

13:48M5s: Toninelli, Berlusconi? Anziano signore che fa battute

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Dice che sente il bisogno di scendere in campo per salvare l'Italia dal Movimento Cinque Stelle? Mi fa quasi simpatia, alla fine è un anziano signore che fa battute, anche se gli consiglio di aggiornarle un po', visto che sono sempre le stesse". Così Danilo Toninelli (M5s) ai microfoni di Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano. "Dai giorni in cui firmò il contratto con gli italiani, senza mantenerne nessun punto. Ma di cosa stiamo parlando? Ha approvato la legge Fornero. Berlusconi non ci tange minimamente, mi dispiace ci sia ancora qualcuno disposto a credergli, basterebbe andare su Google e guardare la sua carriera politica e le indagini giudiziarie che lo hanno riguardato. E' un condannato per una frode fiscale. Diciamo - aggiunge Toninelli - che il suo curriculum non è quello del salvatore della patria, ma del rovinatore della patria".

13:42M5S: Casaleggio, su orari negozi visione Calenda inadeguata

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il ministro Calenda ha criticato l'appello di Luigi Di Maio ad approvare la legge sulle chiusure festive (votata anche da partiti presenti nel suo stesso governo) dicendo che così si fa un regalo ad Amazon. È una visione molto semplicistica e inadeguata a comprendere il fenomeno. Non si può essere esperti di tutto". Lo afferma, in un post su facebook, Davide Casaleggio replicando alle dichiarazioni di ieri a Porta a Porta sulla proposta M5S di non tenere sempre aperti i negozi nelle festività. "E' proprio durante il suo mandato che il retail italiano ha continuato a perdere. Gli unici ad aver guadagnato sono le societa della grande distribuzione estera, in particolare francese e tedesca. Le regole che difende Calenda privilegiano solo la grande distribuzione, in particolare estera, che può permettersi i turni", attacca Casaleggio.

13:40Elezioni: Salvini, ok se 4 marzo ma anche election day

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Votare il 4 marzo? Ci va benissimo: prima si vota, meglio è". Il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha commentato così l'ipotesi di convocazione delle elezioni politiche il 4 marzo. Contattato in proposito, Salvini ha aggiunto di essere pero' anche "favorevole all'election day: bisogna votare lo stesso giorno anche per le Regionali, non farlo sarebbe uno spreco di denaro, una follia".

13:37Assenteismo, indagato comandante vigili urbani Arzachena

(ANSA) - ARZACHENA, 13 DIC - Dovrà rispondere di truffa aggravata e continuata ai danni del Comune di Arzachena, in Gallura, e di una lunga serie di reati tra cui l'abuso di atti d'ufficio, peculato e omessa denuncia. Questa mattina gli uomini della Guardia di Finanza di Olbia, guidati dal comandante Marco Salvagno, hanno notificato l'obbligo di firma al comandante della polizia locale di Arzachena Andrea Becciu, in carica dal 2015. Secondo le indagini,coordinate dal procuratore della Repubblica di Tempio Pausania, Gianluigi Dettori, era solito assentarsi numerose ore al giorno dall'ufficio per motivi privati di varia natura, in molte occasioni anche fuori Arzachena, timbrando il cartellino in orari in cui non vi era la presenza dei suoi collaboratori, così che nessuno potesse rilevare eventuali irregolarità. Ma da diverso tempo gli spostamenti del comandante erano tenuti sotto controllo dai militari delle fiamme gialle anche attraverso telecamere e dispositivi Gps nascosti nelle automobili in uso al funzionario. In alcune occasioni, prevalentemente nei giorni festivi, Becciu, dopo aver timbrato il cartellino lasciava il Comando per raggiungere le spiagge della Costa Smeralda. (ANSA).

13:36Modella rapita: Corte, la vittima non sarà ascoltata in aula

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Non verrà sentita la modella inglese Chloe Ayling nel processo a carico di Lucasz Herba, il 30enne polacco di Birmingham che l'avrebbe sequestrata e poi liberata, per metterla all'asta e accreditarsi così sul 'deep web' come persona in grado di offrire servizi illegali. Per il rilascio i due avevano anche chiesto un riscatto, senza ottenerlo. La Corte d'Assise di Milano ha bocciato la richiesta avanzata dalla difesa dell'imputato, l'avvocato Katia Kolakowska, che ha chiesto di ascoltare in dibattimento la giovane, già sentita in incidente probatorio. Istanza a cui si è opposto anche il legale della parte civile, Francesco Pesce, che ha sostenuto che la ventenne "non vuole tornare in Italia e vedere ancora il viso del suo sequestratore". Da quanto riferito, la giovane risiede in Gran Bretagna, ma è tornata in Italia per un'intervista con la televisione australiana. I giudici d'Assise hanno aggiornato l'udienza al 7 febbraio per l'esame dei primi testi del pm e hanno ammesso l'interrogatorio dell'imputato.

13:34Maltempo: tamponamento su A12 dopo grandinata, 20 feriti

(ANSA) - LA SPEZIA, 13 DIC - Un tamponamento a catena, causato probabilmente dal manto stradale reso viscido da un'improvvisa grandinata, ha coinvolto stamani una decina di auto sull' autostrada A12 tra Deiva Marina e Carrodano provocando una ventina di feriti lievi. L'autostrada è rimasta chiusa per circa due ore. Una parte dei feriti sono stati trasportati in codice giallo o verde dalle ambulanze nei pronto soccorso degli ospedali della Spezia, Sarzana e Lavagna, mentre altre dieci persone sono state assistite sul posto. Sul luogo dell' incidente, oltre ai vigili del fuoco di Brugnato e di Chiavari, anche la Polizia stradale della Spezia. Prima della riapertura del tratto si sono formate code di circa cinque chilometri.

13:29Tennis: Ift Dubai, Errani ai quarti

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Sara Errani si è qualificata per i quarti di finale del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: al secondo turno la romagnola, numero 143 del ranking mondiale, ha sconfitto per 6-4 7-6 (7-4) la bielorussa Vera Lapko, numero 134 Wta e ottava testa di serie del torneo.

Archivio Ultima ora