Coffaro il signore delle dune: “Pronto per la Dakar 2015”

Pubblicato il 30 ottobre 2014 da redazione

CARACAS – Il celebre aforisma “la vera sfida è superare se stessi”, è ciò che meglio sintetizza lo spirito temerario col quale si partecipa ad una delle gare più affascinanti, autorevoli, ma anche rischiose, del panorama motoristico mondiale. Il riferimento non va ad un particolare Gran Premio di Formula 1, oppure della MotoGp. Bensì è indirizzato al rally raid che ha stregato migliaia di piloti, professionisti ed dilettanti, oltre ad un folto numero di appassionati: la Parigi-Dakar, o se preferite, semplicemente “la Dakar”. Nonostante il “trasloco”in Argentina e Cile, il rally raid è ancora molto seguito. Il fascino di questa interesante corsa, ha anche attirato l’attenzione di Nunzio Coffaro, pilota italo-venezuelano che dal suo esordio nella Dakar 2012 é diventato uno dei protagonista della famosa carovana.

“Il bello dei rally é che non conosci il tracciato, e cosí metti a dura prova la tua abilità come pilota – commenta Coffaro –. Questo sport incominció ad attirare la mia attenzione quando guidavo nella campagna della fazenda agricola famigliare insieme a mio padre. ”

Ricordiamo che il team Azimut capitanato dal pilota di origini siciliane ha iniziato ad addentrarsi in questo tipo di gare nel 2005 (a livello nazionale) e nel 2009 (internazionalmente) e già nel 2011 vinse il campionato, a dimostrazione della sua grinta e della sua abilità alla guida.

La prima impresa fuori del paese fu nel 2009, allora il team ottenne la vittoria nell’Open Challenge d’Australia. In quel momento Coffaro capì che il suo team era pronto per affrontare missioni più impegnative.

“Andammo in Australia, per predere un po’ di esperienza e poi appena abbiamo iniziato a gareggiare ci siamo resi conto che eravamo pronti per questo tipo di competizioni” dichiara Coffaro.

Un rally che ha stregato migliaia di piloti, professionisti e dilettanti, i grandi marchi del circo dei motori, ma anche tanti “singoli”, capaci di giocarsi tutto per esserci, partecipare, e soprattutto arrivare alla meta. Quando chiediamo a Nunzio Coffaro cosa ha provato sulla griglia di partenza ci dice: “mi viene ancora la pelle d’oca. Solo al pensiero di avere campioni del calibro di Carlos Sainz, Marc Coma, Peter Hansen, Nani Roma ed altri”.

Questo campione, insieme al Team Azimut, nel 2013 partecipa alla prestigiosa Dakar, uno dei rally più famosi del mondo, la prima e più importante gara a livello internazionale. In quel momento, per la quinta volta consecutiva la competizione non si è svolta nella nativa Africa bensì in Sud America.

Il Rally Dakar, che dal 2009 si disputa in Sud America, dopo che l’Africa era diventata troppo pericolosa per i partecipanti, è stato per molto tempo il principale orgoglio dell’automobilismo. L’edizione 2013 era partita da Lima, in Perù, ed era arrivata fino a Santiago del Cile. Il team Azimut, capitanato dall’italo-venezuelano Nunzio Coffaro in compagnia del suo navigatore Daniel Meneses dimostrarono il proprio potenziale durante più di 9 mila chilometri suddivisi in 14 tappe riuscendo a piazzarsi tra i top 20.

In questa gara tagliare il traguardo finale è di per sè una vittoria per tutti i partecipanti che riescono ad arrivarci, a prescindere dalla posizione ottenuta in classifica, data l’elevata pericolosità del raid, che troppe volte ha riempito di lacrime gli aridi deserti attraversati, per le morti di piloti e addetti ai lavori, tra cui anche il fondatore Sabine, nel 1986.

“Al momento della premiazione, venne annunciato dagli speaker il nostro nome tra i vincitori nella nostra categoría (nella categoria T1.1, dove partecipano macchine a gasolio, ndr), non ci credevamo. Pensavamo fosse un errore. Ma poi, scorpimmo che tutto era vero e l’emozione é stata tantissima” – spiega emozionato il campione italo-venezuelano, aggiungendo – “Noi eravamo presi dall’emozione della nostra prima Dakar che non badavamo ai tempi”.

Emozioni che coronano un’avventura massacrante, ma allo stesso tempo stesso l’adenalina scorrendo nelle vene, normalmente i piloti novelli non finiscono la loro prima Dakar. Le statistiche dicono che solo dopo la quinta o sesta Dakar i piloti riscono a concludere la prova. Coffaro ed il suo team non solo erano riusciti a tagliare il traguardo, ma a vincere nella loro gategoria con quasi tre ore di vantaggio sul secondo classificato.

Il fascino del deserto, delle oasi, della solitudine, della sfida con sè stessi e le condizioni ambientali al limite, con sbalzi di temperatura dal caldo afoso al freddo estremo è quello che rende la Dakar così popolare e ambita. I piloti sanno che corrono con loro stessi, portandosi dentro l’avventura, “staccandosi” con il mondo dei telefonini e delle comodità domestiche per dieci giorni, con la sola voglia arrivare alla meta, vedere la bandiera a scacchi, a dispetto degli sbalzi di temperature, dei succhi di frutta ingurgitati per evitare di disidratarsi e delle bacchette ricostituenti che sostituiscono il pasto ma che sono il sacrificio da fare per vivere il fascino di questa gara.

“Per prepararci al meglio per affrontare la Dakar, siamo andati in Finlandia alla scuola per piloti di Tommi Mäkinen (ha partecipato al campionato del mondo dall’87 al 2003 e vincitore di quattro mondiali tra il ‘96 e ‘99, ndr).

La gara e l’Avventura nella quale la protagonista indiscussa è la natura, con i suoi sconfinati deserti, le dune alte come soffici montagne e le notti, freddissime, da trascorrere a tu per tu col cielo stellato. Mentre nel “campo” tutti cercano di riposare qualche ora per riprendere le forze. Sabbie da solcare tra mille insidie, sfrecciando con la propria moto, auto, camion o quad, facendo esclusivamente affidamento al senso dell’orientamento. Facilissimo lo smarrimento.

“La differenza tra i rally tradizionali e la Dakar è che non fai riconoscimento del tracciato. Qui il mio navigatore ha una mappa che ci da l’organizzazione e con quello guidiamo. Con il passaggio degli altri team il terreno può subire modificazioni e queste noi non le conosciamo. Il Gps che abbiamo a bordo serve soltanto agli organizzatori per localizzarci” spiega il campione siciliano.

A bordo di un prototipo Toyota Hilux, il team creolo Azimut attraversa i deserti più difficili della terra. La spedizione capitanata dall’italo-venezuelano Nunzio Coffaro, insieme al suo compagno di squadra Daniel Meneses rappresentano il Venezuela nei più importanti rally del mondo, nella modalità fuori strada, nella categoria T1.1 (macchine a gasolio).

“Siamo pronti per affrontare il prossimo Dakar e continuare a sognare in grande in questa prestigiosa gara” commenta Coffaro.

Questi campioni stanno diventando una sorta di re delle dune, con molto impegno ed umiltà sfoderando delle ottime prestazioni, tanto da mettere i piedi sul podio in diverse competizioni a livello internazionale, cosa non facile in questo ambiente. (Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

16:28Nato: ‘grave preoccupazione’ per sistema missili russo

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "Gli alleati hanno individuato un sistema missilistico russo che solleva seria preoccupazione". E' quanto afferma, in una nota, il Consiglio Atlantico della Nato sottolineando che il Trattato Inf (che vieta i missili intermedi), "per 30 anni cruciale per la sicurezza Euro-Atlantica", è rispettato dagli Usa mentre il non rispetto da parte russa dei patti post-guerra fredda è motivo di "di grave e urgente preoccupazione".

16:26Gerusalemme: media, scontri e feriti in Cisgiordania

(ANSAmed) - TEL AVIV, 15 DIC - Scontri tra manifestanti palestinesi ed esercito israeliano sono in corso, al termine delle preghiere del venerdì, in località della Cisgiordania e a Gaza presso la linea di demarcazione. Lo riferiscono le agenzie palestinesi Maan e Wafa secondo cui "ci sono decine di feriti" nei confronti a Qalandiya (nord di Gerusalemme), nel villaggio di Kafr, ad Hebron, a nord di Betlemme ma anche a Nablus, Jenin, e Tulkarem. "Una manifestazione di massa svoltasi sulla Spianata delle Moschee - ha scritto la Maan - ha respinto la decisione del presidente Trump su Gerusalemme".

16:09Calcio: Di Francesco, col Cagliari voglio gol e vittoria

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Qualche gol in più rispetto alle ultime uscite e i tre punti. Eusebio Di Francesco non vuole altro dall'impegno di domani sera all'Olimpico contro il Cagliari. "Affrontiamo una squadra da temere, che ha una sua identità ed è molto pericolosa davanti, ma noi dobbiamo giocare per vincere" spiega il tecnico della Roma, soffermandosi sulla mancanza di concretezza dei giallorossi sotto porta: "Questa settimana abbiamo fatto tante esercitazioni per stimolare i miei giocatori ad attaccare meglio. Devo dire che nelle ultime gare per quello che abbiamo costruito siamo stati poco cinici. Da domani voglio che la squadra risponda coi fatti portando a casa il risultato e continuando però a non prendere gol". Riguardo all'utilizzo o meno di Nainggolan, diffidato, Di Francesco è chiaro: "Se per fare la formazione pensassi già alla sfida con la Juventus farei l'errore più grande di tutti. Adesso c'è il Cagliari e lui potrebbe giocare dal 1, poi è ovvio che anche io guardo queste cose ma non in prospettiva della prossima gara".

16:05Calcio: Coutinho, Liverpool vuole 140 mln

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La telenovela Coutinho-Barcellona non è finita e, complice l'imminente riapertura della finestra invernale di mercati, l'operazione è di nuovo 'fattibile'. Lo scrivono i media spagnoli secondo cui "la firma di Coutinho a gennaio è possibile, ma il Barça - spiega 'Sport.es' - deve pagare una cifra molto alta: circa 140 milioni, anche se sarebbe disposto a rateizzare la somma. La porta è aperta e ora deve essere il Barcellona a decidere se affrontare la firma più costosa della sua storia o meno. Il club blaugrana non ha mai rotto con il Liverpool dopo il rifiuto dell'estate scorsa, gli agenti di Coutinho hanno tenuto in vita i contatti con il club inglese durante questi mesi e il Bara ha riaperto i negoziati nei giorni scorsi. Hanno comunque gia l'intesa raggiunta col calciatore". In caso di partenza dell'asso brasiliano, il Liverpool avrebbe già individuato l'eventuale sostituto in Lemar del Monaco.

16:00Sci: Cdm, tedesco Ferstl vince superG Val Gardena

(ANSA) - VAL GARDENA (BOLZANO), 15 DIC - Il tedesco Sepp Ferstl - 28 anni e primo podio in carriera - ha vinto a sorpresa il superG di Coppa del Mondo di sci di Val Gardena In 1.35.28. Alle sue spalle gli austriaci Max Franz in 1.53.30 e Matthias Mayer in 1.35.38. Per l'Italia il migliore è stato Peter Fill 8/o in 1.35.80. Decisamente più' indietro, addirittura oltre i primi venti, sono finiti Dominik Paris in 1.37.02 e Christof Innerhofer in 1.37.14. Ancora più indietro Mattia casse in 1.37.55. La gara è stata interrotta a lungo in due riprese per un banco di nebbia. Domani è in programma la classica discesa sulla Saslong nei 50 anni di presenza della Val Gardena in coppa del mondo.

15:47Blitz Gdf in tribunale Tempio Pausania

(ANSA) - TEMPIO PAUSANIA, 15 DIC - La vendita di una villa in Costa Smeralda tramite un'asta pilotata è all'origine dell'inchiesta condotta dalla Procura di Roma che vede coinvolti un giudice e alcuni magistrati del Tribunale e della Procura di Tempio Pausania. Il gip di Roma Giulia Proto ha disposto l'interdizione dai pubblici uffici di un anno per il giudice Alessandro Di Giacomo e per un ingegnere, Ermanno Giua, autore di una consulenza tecnica. Questa mattina la Guardia di Finanza e gli uomini della polizia di Olbia hanno eseguito accertamenti all'interno del Tribunale gallurese per raccogliere documentazione relativa all'acquisto di una villa a Baia Sardinia. L'immobile, appartenuto alla società Collina Bianca di Sebastiano Ragnedda, famiglia titolare delle tenute vitivinicole Capichera, era stata venduta all'asta. Ma, in base alle prime informazioni che trapelano sull'operazione di questa mattina, la vendita del bene sarebbe stata pilotata.

15:46Calcio: Toni e Amelia hanno patentino allenatore

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Marco Amelia, Mauro German Camoranesi e Luca Toni, tre campioni del mondo 2006, hanno ottenuto il patentino di allenatori professionisti. Lo rende noto la Figc che ha oggi ufficializzato i nuovi 9 tecnici abilitati con la qualifica Uefa A. Oltre ai tre campioni del 2006, 'promossi' anche Amantino 'Mancini', Marco Cassetti, Cristian Chivu, Morgan De Sanctis, Fabio Galante e Angelo Palombo. Con questa qualifica, potranno guidare tutte le formazioni giovanili, comprese le Primavera, e le prime squadre fino alla Serie C inclusa. Potranno inoltre essere tesserati come allenatori in seconda nei due massimi campionati italiani, ovvero sia in Serie B che in Serie A.

Archivio Ultima ora