Boston: muore Menino, il sindaco italoamericano per 20 anni a guida della città

WASHINGTON. – Thomas Menino, l’ex sindaco di Boston rimasto più a lungo alla guida della città e il primo italoamericano a ricoprire l’incarico, è morto all’età di 71 anni stroncato dal cancro. A dare la notizia è stata la sua portavoce, Dorothy Joyce. Menino, che è stato primo cittadino per 20 anni, annunciò nel marzo del 2013 che non si sarebbe candidato per un sesto mandato dopo essere stato ricoverato per settimane a causa di un’infezione alle vie respiratorie. Alcune settimane dopo, due bombe artigianali esplosero alla maratona annuale. Menino, che aveva subito un intervento per una una gamba rotta appena due giorni prima degli attentati, si fece dimettere volontariamente dall’ospedale per stare vicino alla città, scossa dagli attacchi. Due mesi dopo il suo ritiro, avvenuto a gennaio di quest’anno, annunciò che gli era stata diagnosticata una forma avanzata di tumore con metastasi al fegato e ai linfonodi. Il presidente americano, Barack Obama, ha espresso cordoglio per la morte del sindaco di Boston, l’italoamericano Tom Menino. Lo riferisce una nota della Casa Bianca. “Michelle e io siamo rattristati di aver appreso della morte di Tom Menino. Coraggioso, con un cuore grande, Tom e’ stata la personificazione della citta’ che ha amato e guidato per piu’ di due decenni”, ha detto Obama. Menino, ha aggiunto, “ha contribuito a rendere Boston la citta’ vivace, accogliente, luogo di stile mondiale che e’ oggi”.