I mille volti del Venezuela in un libro

Pubblicato il 04 novembre 2014 da redazione

CARACAS – Ore 19.00 – Centro Commerciale Paseo Las Mercedes. La libreria è affollata a tal punto da non esserci lo spazio per camminare. Si potevano identificare tra la folla vari personaggi -la metà con occhiali da intellettuali- come lo scrittore Leonardo Padrón, lo stilista Gionni Straccia, la giornalista Milagros Socorro, la figlia del cantautore Simón Díaz, Bettsimar Díaz; e molti altri amanti dei libri e delle fotografie. Tutti presenti per la presentazione del libro “IDENTIDAD Venezuela en 1000 Rostros”.

L’ambiente si presentava informale e gioviale e tra sorrisi, lacrime ed emozioni, questa presentazione ha messo l’accento sull’emigrazione venezuelana che ha registrato un notevole incremento in questi ultimi anni. Così, ha preso parola la scrittrice Milagro Socorro, che trasmetteva un’aria di profonda amicizia con Gil Molina, l’autore del libro. Con la semplicità e la naturalezza che la contraddistingue, senza leggere nessun discorso, ha detto:

– Questo libro è un motivo per celebrare una cosa ben fatta nel nostro Paese. È un libro che può far pensare ad ognuno di noi su come aumentare quella lista di 1000 personaggi con tutti quelli che abbiamo nelle nostre teste.

“IDENTIDAD Venezuela en 1000 Rostros” fa parte del Proyecto Identidad, una piattaforma che documenta l’identità e le idiosincrasie dei Paesi o regioni provenienti da diversi campi della cultura, con lo scopo di creare dei prodotti che contribuiscano alla memoria delle nostre società. Questo libro documenta un profilo attuale del Paese attraverso una documentazione fotografica di venezuelani, famosi o anonimi, che insieme sono rappresentativi di quello che oggi è la società venezuelana, offrendo un quadro nazionale senza precedenti.

Alcune delle facce che si possono trovare tra le pagine di questo libro sono: Baruj Benacerraf, Jacinto Convit, Carlos Cruz Diez, José Antonio Abreu, José Rafael Lovera, María Teresa Castillo, Gustavo Dudamel, Pedro León Zapata, Rafael Cadenas, Oscar D’León, Armando Scannone, Simón Díaz, María Rodríguez, Maritza Sayalero, Lila Morillo, Luís Aparicio, José Altuve, Bob Abreu e Juan Arango.

In questo senso, l’autore, che è giornalista e produttore, ha commentato con emozione e, allo stesso tempo, con preoccupazione:

– Le società non si possono trasformare se non siamo noi stessi a farlo. Sono entusiasta di rimanere nel Paese per lavorare al suo miglioramento, senza criticare però quelli che sono partiti. È la nostra essenza dell’essere venezuelani, è il nostro affetto quello che dobbiamo capitalizzare.

 

Italiani ovunque

Il Venezuela è uno dei Paesi con maggiori diversità culturali, è una terra praticamente fatta da immigranti ed il risultato di questo miscuglio di etnie si riflette nell’opera di Gil Molina. Fra tutte queste persone che lui ha scelto, gli italiani non potevano mancare. L’autore, che ha vissuto in Italia per 10 anni, ci racconta con molto piacere, non nascondendo l’emozione, l’idea che ha degli italiani in Venezuela:

– Tra i vari stranieri che ho intervistato, con gli italiani ho avvertito un senso di familiarità, più che con gli altri stranieri presenti nel libro. Non è che gli altri non siano stati speciali, no, tutti i personaggi stranieri hanno qualcosa di bello, ma gli italiani sono quelli che più somigliano a noi nella calorosità del modo di fare. I venezuelani e gli italiani hanno tante cose in comune, ed aggiungo che noi dobbiamo imparare da loro. Hanno un attaccamento viscerale verso il Paese, a volte mi sembra che sia superiore rispetto a quello che sentiamo noi venezuelani verso la nostra Madre Patria.

Così, la presentazione di mezzora era finita, piena di congratulazioni e di una intervista particolare che ha chiuso con questa frase: «Sono gli italiani quelli che hanno saputo valutare ed apprezzare di più il nostro affetto».

(Angélica M. Velazco J./Voce)

Ultima ora

17:44Torino: nuovo scontro su conti,revisori bocciano Consolidato

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Nuovo scontro tra Comune di Torino e revisori dei conti. L'organo di revisione, presieduto da Herri Fenoglio, ha espresso parere negativo al Bilancio consolidato 2016 perché - si legge nelle motivazioni - non è stato inserito il bilancio di Gtt, l'azienda del trasporto pubblico locale. Dal canto suo l'amministrazione pentastellata tira dritto e intende approvare entro l'anno il Consolidato, osservando che si tratta di un atto ricognitivo che fotografa i conti del 2016 senza alcun potere autorizzatorio. "Non approvare il consuntivo - spiega l'assessore al Bilancio Sergio Rolando - pregiudicherebbe in maniera irreparabile la corretta erogazione del servizio pubblico. Sarebbe un danno perché verrebbero bloccate le assunzioni, gli uffici e, di conseguenza, la Città, penalizzando i servizi e i cittadini". Di qui la decisione di recepire con un emendamento il parere dei revisori e, con un altro emendamento, le deduzioni degli uffici, così da proseguire con l'approvazione. (ANSA).

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

Archivio Ultima ora