L’ex ministro venezuelano della Sanità Oletta: “Siamo in presenza di una epidemia”

CARACAS – Il Governo si rifiuta di ammettere che esiste una situazione d’emergenza, ma stando all’ex ministro della Sanità, Felix Oletta, si tratta ormai di una vera e propria epidemia. I numeri, denunciati dall’ex ministro, sono preoccupanti. Ed infatti, si parla di un milione 250 mila casi di febbre acuta, piú di 70 mila casi di malaria, e oltre 71 mila casi di dengue che, a fine anno, potrebbero essere più di 100 mila. Riguardo la ‘chikungunya’, ha commentato che è una malattia in crescita e che il numero dei casi è assai superiore a quello reso noto dagli enti ufficiali

Oletta, in conferenza stampa, ha sottolineato:

– Dalla 23ª alla 40ª settimana di quest’anno sono stati registrati 844.262 casi di febbre acuta senza che se ne sia potuta spiegare la ragione. E nelle ultime tre settimane se ne sono registrati altri 405. 857 senza diagnosi.

L’ex ministro, inoltre, ha anche affermato:

– Dal ‘Boletín Epidemológico 43’ sembrerebbe che nel paese non stia accadendo nulla. Non è così. Nel paese ci sono tre epidemie. Ad esempio – ha proseguito –, c’è un eccesso di casi di chikungunya. E questa è una epidemia  che cresce preoccupantemente. Siamo il paese latinoamericano col maggior numero di casi di chikungunya.

Oletta, poi, ha anche affermato che la malaria, una malattia che pareva scomparsa dal Venezuela, è ormai fuori controllo.

Condividi: