Ecco il piano di Obama su immigrati. Basta rimpatri forzati

Pubblicato il 13 novembre 2014 da redazione

NEW YORK. – Regolarizzare 4,5 milioni di clandestini. E’ la svolta che si appresta a realizzare Barack Obama, più che mai determinato dopo la batosta elettorale delle midterm a rilanciare il suo ruolo e a dar seguito ad alcune delle promesse finora rimaste nel cassetto. Questo ricorrendo il più possibile ai suoi poteri esecutivi. Una strada che porta inevitabilmente allo scontro con il Congresso, oramai in mano ai repubblicani, ma che il presidente americano spera di percorrere lasciando in eredità un’immagine di sé che non sia quella dell’anatra zoppa. La riforma dell’immigrazione, in questi anni rimasta una chimera per via dell’ostruzionismo della destra, potrebbe essere non solo una mossa per riconquistare l’elettorato ispanico in vista delle elezioni presidenziali del 2016, ma anche il lascito più importante di Obama insieme alla rivoluzione del sistema sanitario (la cosiddetta Obamacare) portata a termine non senza problemi. Il decreto immigrati è già pronto e dovrebbe essere varato non più tardi di venerdì prossimo, il 21 novembre. La bozza è stata messa a punto nei suoi particolari in un’incontro che il presidente ha avuto con il suo staff e i vertici dell’Homeland Security (il ministero degli interni) prima di partire per l’Asia. Si tratterebbe – secondo fonti della Casa Bianca citate in esclusiva da Fox News, emittente vicina ai repubblicani – di un piano in dieci punti che vanno dal rafforzamento della sicurezza ai confini all’aumento delle retribuzioni del personale di frontiera, passando per un aumento delle risorse per l’assistenza agli immigrati clandestini, soprattutto quando si tratta di minori. Ma il cuore della riforma Obama sarebbe lo stop ai rimpatri forzati per milioni di irregolari. In particolare, la norma della cosiddetta ‘deferred action’ (azione di rinvio o sospensione delle ‘deportazioni’) verrebbe estesa a tutti gli immigrati che sono entrati clandestinamente sul suolo americano prima dei 16 anni, e a tutti quei genitori i cui figli sono già cittadini statunitensi e residenti permanenti negli Usa. Si tratta – secondo le ultime stime – di una platea di almeno 4,5 milioni di persone. Ma se la regolarizzazione vertà estesa a chi è entrato negli Usa prima del 2010 (e non più a chi lo ha fatto entro il giugno del 2007), saranno almeno altri 300 mila clandestini ad ottenere un permesso di lavoro e di soggiorno. L’ispiratrice della riforma Obama sarebbe soprattutto Esther Olavarria, alto funzionario del dipartimento alla sicurezza e stretta collaboratrice del presidente americano, di origini cubane e arrivata negli Usa all’età di 5 anni, in passato anche collaboratrice del senatore democratico Ted Kennedy. I repubblicani si preparano intanto ad un’aspra battaglia, assicurando che bloccheranno la riforma non permettendo i necessari finanziamenti: “Il presidente non può spendere un soldo senza l’ok del Congresso”, affermano deputati e senatori della destra. Del resto lo speaker della Camera John Boehner e il nuovo leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell (eletto ieri) lo avevano detto a chiare lettere all’indomani del voto di midterm: sull’immigrazione Obama “scherza con il fuoco”. (Ugo Caltagirone/Ansa)

Ultima ora

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

21:04Madagascar: epidemia di peste dilaga, oltre 100 morti

(ANSA) - ANTANANARIVO, 23 OTT - Ha passato la soglia dei 100 e non sembra aver ancora raggiunto il proprio picco l'epidemia di peste che sta colpendo il Madagascar. Lo ha riferito dirigente locale dell'organizzazione umanitaria Action Against Hunger, Olivier Le Guillou. Il numero di morti da quando l'epidemia è scoppiata ad agosto è salito a 102, ha detto il dirigente dell'organizzazione alzando così di oltre una decina di casi il bilancio aggiornato al 17 ottobre dato dall'Onu giovedì. La maggior parte dei quasi 1.300 malati hanno contratto la peste polmonare, più pericolosa e infettiva rispetto a quella bubbonica: è quasi sempre mortale se non curata e si trasmette per via aerea con colpi di tosse e starnuti. L'anno scorso c'erano stati 63 morti, ma nell'arco dell'intero anno e come conseguenza di sole 275 infezioni. Tra le prime vittime dell'epidemia che in Europa ricorda il Medioevo c'è stato anche un allenatore di basket delle Seychelles che stava partecipando a un torneo nella capitale.

Archivio Ultima ora