Ecco il piano di Obama su immigrati. Basta rimpatri forzati

Pubblicato il 13 novembre 2014 da redazione

NEW YORK. – Regolarizzare 4,5 milioni di clandestini. E’ la svolta che si appresta a realizzare Barack Obama, più che mai determinato dopo la batosta elettorale delle midterm a rilanciare il suo ruolo e a dar seguito ad alcune delle promesse finora rimaste nel cassetto. Questo ricorrendo il più possibile ai suoi poteri esecutivi. Una strada che porta inevitabilmente allo scontro con il Congresso, oramai in mano ai repubblicani, ma che il presidente americano spera di percorrere lasciando in eredità un’immagine di sé che non sia quella dell’anatra zoppa. La riforma dell’immigrazione, in questi anni rimasta una chimera per via dell’ostruzionismo della destra, potrebbe essere non solo una mossa per riconquistare l’elettorato ispanico in vista delle elezioni presidenziali del 2016, ma anche il lascito più importante di Obama insieme alla rivoluzione del sistema sanitario (la cosiddetta Obamacare) portata a termine non senza problemi. Il decreto immigrati è già pronto e dovrebbe essere varato non più tardi di venerdì prossimo, il 21 novembre. La bozza è stata messa a punto nei suoi particolari in un’incontro che il presidente ha avuto con il suo staff e i vertici dell’Homeland Security (il ministero degli interni) prima di partire per l’Asia. Si tratterebbe – secondo fonti della Casa Bianca citate in esclusiva da Fox News, emittente vicina ai repubblicani – di un piano in dieci punti che vanno dal rafforzamento della sicurezza ai confini all’aumento delle retribuzioni del personale di frontiera, passando per un aumento delle risorse per l’assistenza agli immigrati clandestini, soprattutto quando si tratta di minori. Ma il cuore della riforma Obama sarebbe lo stop ai rimpatri forzati per milioni di irregolari. In particolare, la norma della cosiddetta ‘deferred action’ (azione di rinvio o sospensione delle ‘deportazioni’) verrebbe estesa a tutti gli immigrati che sono entrati clandestinamente sul suolo americano prima dei 16 anni, e a tutti quei genitori i cui figli sono già cittadini statunitensi e residenti permanenti negli Usa. Si tratta – secondo le ultime stime – di una platea di almeno 4,5 milioni di persone. Ma se la regolarizzazione vertà estesa a chi è entrato negli Usa prima del 2010 (e non più a chi lo ha fatto entro il giugno del 2007), saranno almeno altri 300 mila clandestini ad ottenere un permesso di lavoro e di soggiorno. L’ispiratrice della riforma Obama sarebbe soprattutto Esther Olavarria, alto funzionario del dipartimento alla sicurezza e stretta collaboratrice del presidente americano, di origini cubane e arrivata negli Usa all’età di 5 anni, in passato anche collaboratrice del senatore democratico Ted Kennedy. I repubblicani si preparano intanto ad un’aspra battaglia, assicurando che bloccheranno la riforma non permettendo i necessari finanziamenti: “Il presidente non può spendere un soldo senza l’ok del Congresso”, affermano deputati e senatori della destra. Del resto lo speaker della Camera John Boehner e il nuovo leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell (eletto ieri) lo avevano detto a chiare lettere all’indomani del voto di midterm: sull’immigrazione Obama “scherza con il fuoco”. (Ugo Caltagirone/Ansa)

Ultima ora

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

Archivio Ultima ora