Accademia del Caffè Carbone Espresso, dove la cultura del caffè diventa arte

Pubblicato il 22 novembre 2014 da redazione

pierto carbone1

 

CARACAS – È una verità universalmente riconosciuta che un caffè può influenzare in maniera diretta lo sviluppo della giornata, e forse, la propria vita. Pietro Carbone, figlio del rinomato sarto italiano, Nino Carbone, lo sa benissimo.

Se in Italia è usanza comune e diffusa tra la popolazione bere almeno un caffè espresso al giorno, in Venezuela, nonostante il paese sia produttore di caffè, non c’è una cultura radicata del caffè.

Pietro è un appassionato confesso del buon caffè e ha trasformato la sua passione in una “missione: insegnare a fare una buona tostatura ed educare il cliente finale agli infiniti sapori del caffè. Questi obiettivi li sta raggiungendo attraverso il progetto “Carbone Espresso” che, dopo 2 anni di corsi organizzati per formare baristi, si è trasformata nell’Accademia del Caffè Carbone Espresso.

Pietro ha a una laurea in Gestione Aziendale, un Master in Finanza dell’Unimet ed ha lavorato per 3 anni nell’industria petrolifera. La passione per il caffè comincia quando decide di lavorare nella boutique di suo padre. In quel momento inizia la ricerca del “vero” espresso italiano. A quel tempo comprava soltanto caffè macinato. Ha poi deciso di iniziare a comprare macchine automatiche, sempre italiane, e faceva il caffè in maniera piuttosto intuitiva.

-Ho provato tutti i marchi sul mercato alla ricerca di un caffè migliore. Un cliente di mio padre mi ha dato il contatto di una masseria a Boconó, nello stato Trujillo. La tostatura poi l’ho fatta a Caracas.

Il risultato è stato fantastico:

-Da allora in poi,- dice mentre ride – la mia vita si è complicata senza che lo volessi.

Regalava una latta di caffè ai clienti della boutique in occasione del loro compleanno. Questa, afferma Carbone, «era una forma di condividere la moda ed anche il caffè». All’inizio tostavano circa 60 kg. Oggigiorno, si fa la tostatura di circa 600 kg.

Con l’obiettivo di formarsi professionalmente in materia di caffè, si è laureato all’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), a Brescia, e con la Speciality Coffee Association of Europe (Scae).

 

pietro carbone2

L’Accademia del Caffè prepara futuri baristi senza nessuna preclusione. Nessun limite di età e soprattutto non è richiesta nessuna conoscenza della realtà del caffè. È uno spazio dedicato all’istruzione, alla promozione ed alla cultura del caffè e del bar.

-Era necessario iniziare questo movimento. Il Venezuela è un paese caffeario e caffeicolo con un potenziale gigantesco. Il caffè non può essere più relegato dalla nostra cultura gastronomica.

Oggigiorno, Carbone riceve caffè di tutte le specie dal Venezuela come quelle delle zone Boconó, Caripe, Mérida ed altre. Uno degli obiettivi di questo progetto è rivoluzionare la forma in cui si tosta il caffè. “Tosteremo su scala ridotta per garantire una bibita di ottima qualità e perché l’attenzione sia personalizzata”.  Tuttavia, c’è molto da fare. I prezzi regolati costituiscono un limite quando il costo della produzione è maggiore:

– Questa situazione -spiega- non fa che stimolare la mediocrità e la mancanza di rispetto nei confronti dei clienti. Non sono poche le persone che commettono numerosi raggiri e truffe nell’industria alimentare ed una delle mie lotte è cercare di eliminare questo problema.

Carbone mette l’accento sull’importanza della formazione del consumatore:

-Sono in molti che accettano qualsiasi tipologia di caffè -afferma- senza chiedere e senza verificare la qualità del prodotto, la forma in cui è stato fatto. Questa situazione alimenta il circolo vizioso.

Il barista crede che l’origine della questione sia, da una parte, la transculturazione e, da un’altra, il cambio di proprietari dei negozi che genera inconsistenza nella gestione delle loro attività. Per preparare e poi assaggiare un buon caffè, tutti i passi del processo sono importanti. Dalla pulizia delle macchine fino alla macinatura fatta al momento.

-Ma come deve essere un buon caffè?

-L’espresso perfetto – spiega dopo una breve riflessione – è costituito da 25 millilitri di bevanda ricca e densa, ottenuto da 7 grammi di miscela di qualità lavorata in una macchina professionale per 25 secondi.

La temperatura gioca un ruolo fondamentale. Lo zucchero, al contrario di quanto ci hanno fatto credere fin’ora, non influisce direttamente sul gusto del caffè, e quest’ultimo deve essere servito in ceramica bianca e fina.

 

pierto-carbone

– Com’è la vita di un barista in Venezuela?

-A dir la verità – dice con franchezza- a volte mi sento come Don Chisciotte della Mancia, “lottando contro i giganti”. Sento che già da tempo la parola ‘barista’ ha preso il suo posto nel linguaggio gastronomico del Venezuela. La concorrenza è tanta – esprime- ma sono pochi a garantire gli standard di qualità ed a proteggerli.

Carbone assicura che «il commercio equo e solidale migliora la qualità del commercio del caffè, però in Venezuela non ci sono  ancora tutte le condizioni per farlo divenire realtà». Nonostante ciò, è evidente che negli ultimi tre anni c’è stato un cambiamento incredibile nella prospettiva venezuelana del caffè.

La passione e la pratica sono gli elementi che fanno un barista eccellente, ma nella cultura italiana del caffè il barista ideale ha soprattutto due pregi: fa un ottimo caffè ed è pronto a commentare tutte le notizie del giornale. Un bravo barista riesce a coinvolgere in un certo modo il cliente con il bar.

Al momento attuale, più di 2.450 persone hanno avuto l’opportunità di studiare e di sommergersi nelle acque tinte del caffè e Pietro Carbone continuerà nel suo lavoro  di “convertire gli  infedeli” a questa preziosa cultura che ci porta tantissimi momenti di piacere e gioia. (Arianna Pagano/Voce)

 

 

Ultima ora

12:56Calcio: Liverpool, bonus in contratto Balotelli

(ANSA) - LONDRA, 5 DIC - Un milione di sterline per non esagerare coi cartellini rossi: questo l'accordo tra Mario Balotelli che il Liverpool che aveva inserito nel contratto dell'attaccante italiano una clausola "espulsioni". Secondo quanto riportato dal "Sunday Times", che esamina i 18 milioni di documenti rivelati nell'inchiesta "Football Leaks", il club inglese aveva voluto incoraggiare Balotelli tramite incentivi economici. "Se alla fine di ogni stagione - si legge - il giocatore non sarà stato escluso dal terreno di gioco per più di tre volte per comportamenti violenti, sputi agli avversari o ad altre persone, parole o gesti offensivi, contestazioni, eccetera; allora il 30 giugno al temine di ogni campionato il giocatore riceverà un pagamento bonus di un milione di sterline", 1,2 mln di euro. Il contratto coi Reds prevedeva anche un bonus di 50mila sterline (60mila euro) per ogni rete segnata dopo la 5/a, oltre allo stipendio di 6 milioni di sterline annui. Ma Balotelli si è fermato ad una sola rete in 6 presenze.

12:18Basket: Nba, cadono i Clippers,

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Solo quattro gare nella notte Nba. Un grande protagonista, Russell Westbrook, che con i suoi 28 punti e una lunga serie di triple doppie ha portato gli Oklahoma City Thunder alla vittoria contro i New Orleans Pelicans con il risultato di 101-92. Battuta d'arresto per i Los Angeles Clippers, fermati in casa dagli Indiana Pacers per 111-102. Nelle altre due gare si segnala il successo, l'ottavo stagionale, dei New York Knicks con un grande Carmelo Anthony in campo, sui Sacramento Kings 106-98 e vittoria in trasferta degli Orlando Magic sui Detroit Pistons per 98-92.

12:06Turchia: protestarono a Gezi Park, 26 accusati di terrorismo

(ANSAmed) - ISTANBUL, 5 DIC - La procura di Ankara ha chiesto il rinvio a giudizio per 26 persone, accusate di "far parte di un'organizzazione terroristica armata" per la loro partecipazione alle proteste di Gezi Park del 2013. Nell'atto d'accusa, riferisce Hurriyet, si fa riferimento alle "violenze commesse dai manifestanti" contro persone e cose. Tra le 9 organizzazioni citate, la maggior parte dei sospetti è ritenuta affiliata al gruppo di estrema sinistra Dhkp/c, ritenuto responsabile di diversi attentati in Turchia.

11:57Referendum, Boccia, congresso Pd si tenga a Gennaio

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Renzi "deve seguire l'esempio di Bersani. Non ha più senso mantenere in vita un gruppo dirigente del genere. Bisogna andare al Congresso del Pd già a gennaio 2017 con Renzi dimissionario": lo dice il presidente della commissione Bilancio della Camera Francesco Boccia (Pd) ad Agorà. "Ora - sostiene Boccia - si deve aprire il congresso, e Renzi se si vuole ricandidare lo deve fare da semplice iscritto al Pd. Se si chiude un ciclo si lascia il Partito libero di fare un confronto. Auspico martedì da Renzi un discorso in linea con quello da lui tenuto questa notte".

11:56Referendum: Boschi, ora a lavoro per servire Istituzioni

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - "Peccato. Avevamo immaginato un altro risveglio: istituzioni più semplici in Italia, paese più forte in Europa. Non è andata cosi. Ha vinto il no, punto. Adesso al lavoro per servire le Istituzioni. Mettiamo al sicuro questa legge di bilancio. Poi pubblicheremo il rendiconto delle tante cose fatte da questo Governo. A tutti i comitati, a tutti gli amici e le amiche che ci hanno dato una mano, grazie. Decideremo insieme come ripartire, smaltita la delusione. Un abbraccio". Lo scrive sul suo profilo di Facebook la ministra per le Riforme, Maria Elena Boschi.

11:54Referendum: a Milano vince il sì, in Lombardia prevale il No

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - Il Sì vince a Milano e perde in Lombardia: questo quanto emerge dai dati definitivi del voto sul referendum costituzionale. Milano ha infatti votato in controtendenza rispetto al dato nazionale attribuendo al Sì 343.637 voti pari al 51,1% e 328.440 al No (48,9%). I risultati definitivi in Lombardia hanno invece registrato una prevalenza di No, pari al 55,5%. I Sì sono rimasti fermi al 44,5%.I votanti sono stati 5.552.510, pari al 74,22% degli aventi diritto. Il Sì vince anche a Mantova, Monza, Bergamo ma va sotto negli asltri capoluoghi lombardi.

11:40Usa: vittoria Sioux, bloccato oleodotto

(ANSA) - NEW YORK, 4 DIC - Vittoria per i Sioux. Il genio militare americano ha bocciato l'attuale percorso previsto per l'oleodotto in Nord Dakota, contro cui da mesi i nativi americani si stanno battendo. Proprio in seguito alle proteste il progetto era stato fermato dall'amministrazione Obama per permettere allo Us Army Corps of Engineers di esprimersi. I nativi hanno sempre sostenuto che l'oleodotto e' un enorme rischio per l'ambiente e per le falde acquifere dei loro territori.

Archivio Ultima ora