Accademia del Caffè Carbone Espresso, dove la cultura del caffè diventa arte

Pubblicato il 22 novembre 2014 da redazione

pierto carbone1

 

CARACAS – È una verità universalmente riconosciuta che un caffè può influenzare in maniera diretta lo sviluppo della giornata, e forse, la propria vita. Pietro Carbone, figlio del rinomato sarto italiano, Nino Carbone, lo sa benissimo.

Se in Italia è usanza comune e diffusa tra la popolazione bere almeno un caffè espresso al giorno, in Venezuela, nonostante il paese sia produttore di caffè, non c’è una cultura radicata del caffè.

Pietro è un appassionato confesso del buon caffè e ha trasformato la sua passione in una “missione: insegnare a fare una buona tostatura ed educare il cliente finale agli infiniti sapori del caffè. Questi obiettivi li sta raggiungendo attraverso il progetto “Carbone Espresso” che, dopo 2 anni di corsi organizzati per formare baristi, si è trasformata nell’Accademia del Caffè Carbone Espresso.

Pietro ha a una laurea in Gestione Aziendale, un Master in Finanza dell’Unimet ed ha lavorato per 3 anni nell’industria petrolifera. La passione per il caffè comincia quando decide di lavorare nella boutique di suo padre. In quel momento inizia la ricerca del “vero” espresso italiano. A quel tempo comprava soltanto caffè macinato. Ha poi deciso di iniziare a comprare macchine automatiche, sempre italiane, e faceva il caffè in maniera piuttosto intuitiva.

-Ho provato tutti i marchi sul mercato alla ricerca di un caffè migliore. Un cliente di mio padre mi ha dato il contatto di una masseria a Boconó, nello stato Trujillo. La tostatura poi l’ho fatta a Caracas.

Il risultato è stato fantastico:

-Da allora in poi,- dice mentre ride – la mia vita si è complicata senza che lo volessi.

Regalava una latta di caffè ai clienti della boutique in occasione del loro compleanno. Questa, afferma Carbone, «era una forma di condividere la moda ed anche il caffè». All’inizio tostavano circa 60 kg. Oggigiorno, si fa la tostatura di circa 600 kg.

Con l’obiettivo di formarsi professionalmente in materia di caffè, si è laureato all’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), a Brescia, e con la Speciality Coffee Association of Europe (Scae).

 

pietro carbone2

L’Accademia del Caffè prepara futuri baristi senza nessuna preclusione. Nessun limite di età e soprattutto non è richiesta nessuna conoscenza della realtà del caffè. È uno spazio dedicato all’istruzione, alla promozione ed alla cultura del caffè e del bar.

-Era necessario iniziare questo movimento. Il Venezuela è un paese caffeario e caffeicolo con un potenziale gigantesco. Il caffè non può essere più relegato dalla nostra cultura gastronomica.

Oggigiorno, Carbone riceve caffè di tutte le specie dal Venezuela come quelle delle zone Boconó, Caripe, Mérida ed altre. Uno degli obiettivi di questo progetto è rivoluzionare la forma in cui si tosta il caffè. “Tosteremo su scala ridotta per garantire una bibita di ottima qualità e perché l’attenzione sia personalizzata”.  Tuttavia, c’è molto da fare. I prezzi regolati costituiscono un limite quando il costo della produzione è maggiore:

– Questa situazione -spiega- non fa che stimolare la mediocrità e la mancanza di rispetto nei confronti dei clienti. Non sono poche le persone che commettono numerosi raggiri e truffe nell’industria alimentare ed una delle mie lotte è cercare di eliminare questo problema.

Carbone mette l’accento sull’importanza della formazione del consumatore:

-Sono in molti che accettano qualsiasi tipologia di caffè -afferma- senza chiedere e senza verificare la qualità del prodotto, la forma in cui è stato fatto. Questa situazione alimenta il circolo vizioso.

Il barista crede che l’origine della questione sia, da una parte, la transculturazione e, da un’altra, il cambio di proprietari dei negozi che genera inconsistenza nella gestione delle loro attività. Per preparare e poi assaggiare un buon caffè, tutti i passi del processo sono importanti. Dalla pulizia delle macchine fino alla macinatura fatta al momento.

-Ma come deve essere un buon caffè?

-L’espresso perfetto – spiega dopo una breve riflessione – è costituito da 25 millilitri di bevanda ricca e densa, ottenuto da 7 grammi di miscela di qualità lavorata in una macchina professionale per 25 secondi.

La temperatura gioca un ruolo fondamentale. Lo zucchero, al contrario di quanto ci hanno fatto credere fin’ora, non influisce direttamente sul gusto del caffè, e quest’ultimo deve essere servito in ceramica bianca e fina.

 

pierto-carbone

– Com’è la vita di un barista in Venezuela?

-A dir la verità – dice con franchezza- a volte mi sento come Don Chisciotte della Mancia, “lottando contro i giganti”. Sento che già da tempo la parola ‘barista’ ha preso il suo posto nel linguaggio gastronomico del Venezuela. La concorrenza è tanta – esprime- ma sono pochi a garantire gli standard di qualità ed a proteggerli.

Carbone assicura che «il commercio equo e solidale migliora la qualità del commercio del caffè, però in Venezuela non ci sono  ancora tutte le condizioni per farlo divenire realtà». Nonostante ciò, è evidente che negli ultimi tre anni c’è stato un cambiamento incredibile nella prospettiva venezuelana del caffè.

La passione e la pratica sono gli elementi che fanno un barista eccellente, ma nella cultura italiana del caffè il barista ideale ha soprattutto due pregi: fa un ottimo caffè ed è pronto a commentare tutte le notizie del giornale. Un bravo barista riesce a coinvolgere in un certo modo il cliente con il bar.

Al momento attuale, più di 2.450 persone hanno avuto l’opportunità di studiare e di sommergersi nelle acque tinte del caffè e Pietro Carbone continuerà nel suo lavoro  di “convertire gli  infedeli” a questa preziosa cultura che ci porta tantissimi momenti di piacere e gioia. (Arianna Pagano/Voce)

 

 

Ultima ora

17:37Calcio: fischi sul Milan dopo 0-0 con Genoa

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Fischi sul Milan e soprattutto su Vincenzo Montella, al termine della partita con il Genoa, chiusa senza gol. I rossoneri non vincono in campionato dal 20 settembre vale a dire da oltre un mese (2-0 alla Spal). Adesso la panchina di Montella è davvero rovente.

17:36Calcio: Benevento nono ko consecutivo, è record assoluto

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Il Benevento continua a mancare l'appuntamento con il primo punto della propria storia nella classifica di Serie A. La squadra allenata da Marco Baroni ha perso anche oggi, 3-0 in casa contro la Fiorentina: si tratta del nono ko in altrettante giornate di campionato. E' un inizio di campionato pessimo, e anche un record assoluto, visto che fino a oggi i sanniti condividevano questo primato, a quota 8, con il Venezia della stagione 1949/50 che, per i lagunari, si concluse con l'ultimo posto e la retrocessione in Serie B.

17:34Calcio: Serie A, risultati della nona giornata

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - I risultati della nona giornata del campionato italiano di calcio di Serie A. A Bergamo: Atalanta-Bologna 1-0, A Benevento: Benevento-Fiorentina 0-3. A Verona: Chievo-Verona 3-2. A Roma: Lazio-Cagliari ore 20,45. A Milano: Milan-Genoa 0-0. A Napoli: Napoli-Inter 0-0 (ieri). A Genova: Sampdoria-Crotone 5-0 (ieri). A Ferrara: Spal-Sassuolo 0-1. A Torino: Torino-Roma 0-1. A Udine: Udinese-Juve ore 18.

17:15Due appartamenti in fiamme a Torino, evacuati condomini

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Due appartamenti sono stati devastati da un incendio in largo Castelfidardo, a Torino. Una dozzina gli inquilini evacuati dai vigili del fuoco, intervenuti con l'autoscala e il carro aria. Per sei di loro, intossicati dalle esalazioni di monossido di carbonio, è stato necessario ricorrere alle cure dei sanitari. Sono stati ricoverati all'ospedale Cto e per quattro di loro si è resa necessaria la terapia dell'ossigeno. Ancora da accertare le cause del rogo, che hanno reso inagibili i due appartamenti.(ANSA).

16:59Si staccano stucchi da facciata chiesa Quo Vadis a Roma

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Distacco di una porzione di stucchi ornamentali e fregi dalla facciata della chiesa della Domine Quo Vadis di via Appia Antica a Roma. Lo riferiscono i vigili del fuoco intervenuti sul posto con due squadre e l'autoscala. Non si registrano feriti, ma disagi al traffico lungo la strada.

16:52Nuovo incendio in riserva naturale Torre Guaceto a Ostuni

(ANSA) - BARI, 22 OTT - Un nuovo incendio a una settimana dall'ultimo, si è sviluppato nella mattinata di oggi nella riserva naturale di Torre Guaceto, a Ostuni (Brindisi). I dipendenti della società che cura l'area servizi a sud della Riserva, in località Apani, hanno lanciato l'allarme consentendo un tempestivo intervento dei vigili del fuoco e del personale del consorzio di gestione della riserva che hanno spento le fiamme. L'incendio ha comunque distrutto 2.000 metri quadrati di canneto in area protetta. "Un altro rogo domenicale, a solo una settimana di distanza dall'ultimo, il sesto da fine maggio a oggi - scrive il consorzio in una nota - Ancora una volta, aleggia l'ombra del dolo sulla Riserva. Il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto intende affrontare la situazione in sinergia con gli enti soci e le Autorità preposte".

16:51Renzi a Speranza, se apertura seria, pronto a incontrarlo

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza è segretario del partito che si è scisso da noi a marzo. Voglio guardare il bicchiere mezzo pieno, l'aspetto positivo. Se è un'apertura seria, e sono convinto possa esserlo, discutiamone. Ma discutiamo sulle cose concrete, come il 2,9% sul deficit, gli 80 euro. Siamo pronti a incontrare tutti, faremo la conferenza programmatica a Napoli". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi, ospite di "1/2h in più". E' possibile inserire le preferenze nel Rosatellum come chiede da Mdp Roberto Speranza? "Io sono un pasdaran delle preferenze tant'è che erano nell'Italicum ma si è fatto un accordo con i partiti anche di opposizione per la legge Rosato. Alla luce di questo penso che mettere in discussione la legge elettorale oggi sia molto difficile, perché sembra voler ripartire d'accapo, azzerare tutto".

Archivio Ultima ora