Accademia del Caffè Carbone Espresso, dove la cultura del caffè diventa arte

Pubblicato il 22 novembre 2014 da redazione

pierto carbone1

 

CARACAS – È una verità universalmente riconosciuta che un caffè può influenzare in maniera diretta lo sviluppo della giornata, e forse, la propria vita. Pietro Carbone, figlio del rinomato sarto italiano, Nino Carbone, lo sa benissimo.

Se in Italia è usanza comune e diffusa tra la popolazione bere almeno un caffè espresso al giorno, in Venezuela, nonostante il paese sia produttore di caffè, non c’è una cultura radicata del caffè.

Pietro è un appassionato confesso del buon caffè e ha trasformato la sua passione in una “missione: insegnare a fare una buona tostatura ed educare il cliente finale agli infiniti sapori del caffè. Questi obiettivi li sta raggiungendo attraverso il progetto “Carbone Espresso” che, dopo 2 anni di corsi organizzati per formare baristi, si è trasformata nell’Accademia del Caffè Carbone Espresso.

Pietro ha a una laurea in Gestione Aziendale, un Master in Finanza dell’Unimet ed ha lavorato per 3 anni nell’industria petrolifera. La passione per il caffè comincia quando decide di lavorare nella boutique di suo padre. In quel momento inizia la ricerca del “vero” espresso italiano. A quel tempo comprava soltanto caffè macinato. Ha poi deciso di iniziare a comprare macchine automatiche, sempre italiane, e faceva il caffè in maniera piuttosto intuitiva.

-Ho provato tutti i marchi sul mercato alla ricerca di un caffè migliore. Un cliente di mio padre mi ha dato il contatto di una masseria a Boconó, nello stato Trujillo. La tostatura poi l’ho fatta a Caracas.

Il risultato è stato fantastico:

-Da allora in poi,- dice mentre ride – la mia vita si è complicata senza che lo volessi.

Regalava una latta di caffè ai clienti della boutique in occasione del loro compleanno. Questa, afferma Carbone, «era una forma di condividere la moda ed anche il caffè». All’inizio tostavano circa 60 kg. Oggigiorno, si fa la tostatura di circa 600 kg.

Con l’obiettivo di formarsi professionalmente in materia di caffè, si è laureato all’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), a Brescia, e con la Speciality Coffee Association of Europe (Scae).

 

pietro carbone2

L’Accademia del Caffè prepara futuri baristi senza nessuna preclusione. Nessun limite di età e soprattutto non è richiesta nessuna conoscenza della realtà del caffè. È uno spazio dedicato all’istruzione, alla promozione ed alla cultura del caffè e del bar.

-Era necessario iniziare questo movimento. Il Venezuela è un paese caffeario e caffeicolo con un potenziale gigantesco. Il caffè non può essere più relegato dalla nostra cultura gastronomica.

Oggigiorno, Carbone riceve caffè di tutte le specie dal Venezuela come quelle delle zone Boconó, Caripe, Mérida ed altre. Uno degli obiettivi di questo progetto è rivoluzionare la forma in cui si tosta il caffè. “Tosteremo su scala ridotta per garantire una bibita di ottima qualità e perché l’attenzione sia personalizzata”.  Tuttavia, c’è molto da fare. I prezzi regolati costituiscono un limite quando il costo della produzione è maggiore:

– Questa situazione -spiega- non fa che stimolare la mediocrità e la mancanza di rispetto nei confronti dei clienti. Non sono poche le persone che commettono numerosi raggiri e truffe nell’industria alimentare ed una delle mie lotte è cercare di eliminare questo problema.

Carbone mette l’accento sull’importanza della formazione del consumatore:

-Sono in molti che accettano qualsiasi tipologia di caffè -afferma- senza chiedere e senza verificare la qualità del prodotto, la forma in cui è stato fatto. Questa situazione alimenta il circolo vizioso.

Il barista crede che l’origine della questione sia, da una parte, la transculturazione e, da un’altra, il cambio di proprietari dei negozi che genera inconsistenza nella gestione delle loro attività. Per preparare e poi assaggiare un buon caffè, tutti i passi del processo sono importanti. Dalla pulizia delle macchine fino alla macinatura fatta al momento.

-Ma come deve essere un buon caffè?

-L’espresso perfetto – spiega dopo una breve riflessione – è costituito da 25 millilitri di bevanda ricca e densa, ottenuto da 7 grammi di miscela di qualità lavorata in una macchina professionale per 25 secondi.

La temperatura gioca un ruolo fondamentale. Lo zucchero, al contrario di quanto ci hanno fatto credere fin’ora, non influisce direttamente sul gusto del caffè, e quest’ultimo deve essere servito in ceramica bianca e fina.

 

pierto-carbone

– Com’è la vita di un barista in Venezuela?

-A dir la verità – dice con franchezza- a volte mi sento come Don Chisciotte della Mancia, “lottando contro i giganti”. Sento che già da tempo la parola ‘barista’ ha preso il suo posto nel linguaggio gastronomico del Venezuela. La concorrenza è tanta – esprime- ma sono pochi a garantire gli standard di qualità ed a proteggerli.

Carbone assicura che «il commercio equo e solidale migliora la qualità del commercio del caffè, però in Venezuela non ci sono  ancora tutte le condizioni per farlo divenire realtà». Nonostante ciò, è evidente che negli ultimi tre anni c’è stato un cambiamento incredibile nella prospettiva venezuelana del caffè.

La passione e la pratica sono gli elementi che fanno un barista eccellente, ma nella cultura italiana del caffè il barista ideale ha soprattutto due pregi: fa un ottimo caffè ed è pronto a commentare tutte le notizie del giornale. Un bravo barista riesce a coinvolgere in un certo modo il cliente con il bar.

Al momento attuale, più di 2.450 persone hanno avuto l’opportunità di studiare e di sommergersi nelle acque tinte del caffè e Pietro Carbone continuerà nel suo lavoro  di “convertire gli  infedeli” a questa preziosa cultura che ci porta tantissimi momenti di piacere e gioia. (Arianna Pagano/Voce)

 

 

Ultima ora

23:43Trump: Ivanka ‘assunta’ come dipendente federale

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Ivanka Trump sara' assunta come dipendente federale nel ruolo di assistente del padre alla Casa Bianca. Non percepira' pero' alcuno stipendio, cosi'come avviene per il marito Jared Kushner. Lo ha annunciato la stessa figlia del presidente americano, spiegando che la decisione e' stata presa per porre fine alle preoccupazioni di tipo etico solevate da piu' parti e legate alla sua presenza alla Casa Bianca dove ha anche un ufficio.

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

20:54Trump: Moore, con nuove norme clima iniziata estinzione vita

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Donald Trump ha appena "iniziato l'estinzione della vita umana sulla terra": ne e' convinto il regista liberal Michael Moore, facendo riferimento all'ordine esecutivo firmato dal presidente americano che spazza via le normative ambientali del predecessore Barack Obama. "Gli storici nel prossimo futuro (e potrebbe essere l'unico futuro che abbiamo) ricorderanno il 28 marzo 2017 come il giorno dell'inizio dell'estinzione della vita umana sulla terra", ha scritto in un post su Facebook. A suo parere, firmando il decreto che ordina di rivedere le norme per la riduzione delle emissioni di gas serra nelle industrie, Trump ha "dichiarato guerra al pianeta e ai suoi abitanti".

20:52Calcio: Lazio, Anderson “La Roma? Pensiamo a noi stessi”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "La Roma? Pensiamo solo a noi, non a quello che dicono loro. Giocheranno coi loro tifosi ma, se saremo intelligenti, facciamo una grande partita". Così Felipe Anderson, intervistato a Mediaset premium, parla della sfida di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, in programma il 4 aprile. Si riparte dal 2-0 sei biancocelesti dell'andata, ma per il brasiliano conta prima di tutto fare bene contro il Sassuolo in campionato. "Questa per noi è una settimana decisiva - spiega l'ex Santos - dobbiamo centrare due obiettivi di stagione, non bisogna sbagliare. Pensiamo prima al Sassuolo, poi al derby". Protagonista della sua miglior stagione a livello di continuità, per Anderson è sempre vivo il sogno della Seleçao: "Giocare il Mondiale è un mio obiettivo - conclude l'attaccante dei biancocelesti - ma so che devo dare il massimo qui, voglio finire bene e sperare di conquistare la Nazionale".

20:41Deltaplano precipita in provincia di Modena, grave 56enne

(ANSA) - MODENA, 29 MAR - Un deltaplano con a bordo un 56enne, D.B., si è schiantato al suolo, in un terreno agricolo, intorno alle 18 a Campogalliano, in provincia di Modena. L'uomo, proprietario sia del velivolo che del terreno agricolo dove è avvenuto l'incidente, in via Vandelli, è stato soccorso dai sanitari del 118, intervenuti con l'ambulanza e con l'elisoccorso. Il ferito, cosciente ma con gravi ferite ad una gamba, è stato così portato all'ospedale Maggiore di Bologna con l'elicottero. Le sue condizioni sono gravi. In via Vandelli sono intervenuti anche i vigili del fuoco ed i carabinieri. Tutte le ipotesi sono al vaglio, ma si propende per un guasto tecnico del deltaplano, che, a quanto pare, è precipitato mentre era ancora in fase di decollo. A chiamare i soccorsi sono stati i parenti del 56enne, che hanno udito il rumore dello schianto. (ANSA).

20:26Consip, sms di Lotti a Emiliano acquisiti da procura Roma

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il governatore Pd della Puglia Michele Emiliano sentito per oltre un'ora in procura a Roma come testimone nell'inchiesta Consip sulla centrale acquisti della Pubblica amministrazione. Gli é stato chiesto degli sms ricevuti nel 2105 dall'attuale ministro Luca Lotti - all'epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio - che lo invitava a incontrare il faccendiere Carlo Russo, amico del padre dell'allora premier Matteo Renzi, Tiziano. Il pm Mario Palazzi ha acquisito agli atti gli sms di Lotti e di Tiziano Renzi, conservati da Emiliano. L'ipotesi della procura è che l'imprenditore Alfredo Romeo - in carcere per corruzione - abbia beneficiato dell'amicizia tra Tiziano Renzi e Russo per mettere le mani sugli appalti Consip. Il presidente della Puglia dopo l'audizione non ha rilasciato dichiarazioni. "Procura acquisisce gli sms di Lotti a Emiliano, e #Renzi continua a non dire se e quando ha saputo dell'inchiesta. #RenziReticente", commenta con un tweet sull'ex premier il deputato M5S Danilo Toninelli.

Archivio Ultima ora