Passa la riforma del lavoro senza la fiducia, ma il Pd si spacca

Pubblicato il 25 novembre 2014 da redazione

ROMA. – Non è servita la fiducia per il via libera della Camera al Jobs Act. La delega sul lavoro è infatti stata approvata con la maggioranza assoluta dei componenti dell’Assemblea (316 i sì), anche se Renzi deve fare i conti con un Pd spaccato e con la minoranza che esce allo scoperto: 30 firme sotto un documento contro il ddl. Il governo, tuttavia, ha vinto per ora la sua battaglia e il provvedimento torna in seconda lettura al Senato con l’obiettivo dell’approvazione definitiva entro i primi di dicembre per mettere a punto almeno i principali decreti delegati entro fine anno. ”Grazie ai deputati che hanno approvato il JobsAct senza voto di fiducia – ha scritto su twitter il premier, Matteo Renzi – adesso avanti sulle riforme. Questa è #lavoltabuona”. ”Più tutele, solidarietà e lavoro”, ha sottolineato sempre via twitter il Gruppo Pd alla Camera, valutazione ritwittata dal premier. Le opposizioni hanno abbandonato l’Aula prima del voto e con loro hanno rinunciato a votare 33 deputati della sinistra del Pd (i non votanti sono stati 40 ma tra loro c’erano 7 assenti giustificati), due hanno detto no e due si sono astenuti, perchè non hanno considerato soddisfacenti le modifiche al testo arrivato dal Senato. Quindi in tanti non hanno raccolto l’appello del presidente del partito Matteo Orfini: ”Faccio un ultimo appello all’unità del Pd”. ”Le parole di Renzi – ha detto Stefano Fassina – non aiutano la pace sociale. Alimenta le tensioni sovversive e corporative”. Butta invece acqua sul fuoco il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, soddisfatto per il successo alla Camera: l’atteggiamento della minoranza Pd sul Jobs act – ha detto – ”era in qualche misura prevedibile. C’è una discussione che va avanti da tempo e posizioni notoriamente diverse. Tuttavia anche chi non ha espresso voto favorevole alla fine ha apprezzato i miglioramenti”. Con questo testo – ha aggiunto – ”le norme italiane si allineano con quelle europee: saranno più semplici e chiare e consentiranno alle imprese di fare investimenti e di assumere sapendo quale è il quadro di riferimento”. Sel sottolinea che i voti a favore del Jobs Act sono stati 316 ”ad un voto dalla sfiducia. Si tratta – dice Giorgio Airaudo – il governo Renzi non può pensare di governare con la forza dei numeri e senza ascoltare il Paese”. ”Col voto finale sul Jobs Act – denuncia il Movimento5stelle – Matteo Renzi condanna a morte i lavoratori italiani”. I parlamentari 5 Stelle si sono presentati in conferenza stampa bendati, con gli occhi coperti da una striscia di stoffa che riporta la scritta: ‘LicenziAct’. ”Abbandonare l’aula, per parte nostra – sottolinea la minoranza Pd dell’Area riformista – avrebbe significato misconoscere i risultati che abbiamo ottenuto, far mancare il numero legale, impedire l’approvazione del provvedimento e costringere il governo a trarre immediatamente le dovute conseguenze”. Alle prese con lo scontro interno sul Patto del Nazareno, anche Fi vede una maggioranza ”in stato confusionale” e sceglie la strada del non voto con Lega e opposizioni di sinistra per far scivolare il governo sotto la soglia della maggioranza assoluta. Ma non succede e il capogruppo dei senatori di Ncd Maurizio Sacconi può esultare: ”Riforma è fatta – dice – grazie all’incontro dei riformisti di destra e di sinistra. Vi si oppongono gli estremisti di destra e di sinistra. Ne sono pienamente soddisfatto e il mio primo pensiero si rivolge a colui che per primo ha ispirato la coniugazione di flessibilità e sicurezza pagando con la vita il suo generoso servizio al bene comune. Ora possiamo procedere ad una rapida conferma del Senato”. Già domani il provvedimento dovrebbe tornare a Palazzo Madama mentre l’obiettivo è l’esame in Aula già la settimana prossima per l’approvazione definitiva. Intanto, sempre per domani è previsto un incontro della commissione Lavoro con il ministro Poletti e con il responsabile lavoro del Pd Filippo Taddei sui decreti attuativi. Si punta a cominciare da quelli che riguardano gli ammortizzatori sociali e il riordino delle forme contrattuali con il contratto a tutele crescenti in modo che la nuova modalità di assunzione sia operativa quando scatteranno gli sgravi fiscali previsti per il 2015 dal ddl di stabilità per le nuove assunzioni. (di Alessia Tagliacozzo/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora