Riforma del lavoro: maggioranza sul filo, ora sfida al Senato

Pubblicato il 26 novembre 2014 da redazione

ROMA. – Palazzo Madama all’orizzonte, rispunta il pallottoliere. Il Jobs Act il 2 dicembre approderà, con o senza fiducia, in Aula al Senato e sarà probabilmente di nuovo tempesta. Perché la frattura alla Camera dei 33 deputati della minoranza Pd sulla riforma è ancora lontana dal rimarginarsi e perché al Senato la maggioranza corre sul filo. Anche per questo, tuttavia, non si intravedono per ora gesti clamorosi dalla gran parte dei fronti della minoranza Dem. Una copiosa uscita dei parlamentari dall’Aula e, ancor più, un’astensione o un voto contrario potrebbero essere fatali non solo al testo ma all’intera legislatura. Gli scenari sono diversi anche perché, nelle ultime settimane il fronte della maggioranza al Senato ha dimostrato un’inaspettata elasticità. La maggioranza assoluta è a quota 161 (i senatori sono 320) mentre la maggioranza che sostiene il governo, pensando a un teorico pienone, può invece contare su 108 voti del Pd (il presidente Grasso non vota) 32 di Ncd, 7 di Sc, 7 di Per l’Italia e 13 delle Autonomie per un totale di 166 unità che, fino a pochi giorni fa, potevano invece contare sui tre senatori di Pi, Mauro, D’Onghia e Di Maggio passati con Gal. L’opposizione avrà la piena partecipazione di FI (60 senatori), M5S (39), Lega (15) e, appunto, Gal (15) e Sel (7) per un totale 136 senatori. E, a proposito di gruppi, oggi Sel ha sollevato, durante la capigruppo al Senato, il ‘nodo’ di Per l’Italia contestando la presenza di un suo rappresentante, Lucio Romano, in Commissione Affari Costituzionali. E la motivazione, sostiene, è che dopo l’uscita dei tre senatori il gruppo ‘Pi’, formatosi peraltro dopo le elezioni, è composto da un numero troppo esiguo di elementi. La questione, è stato deciso, sarà ripresa nei prossimi giorni aspettando che anche Pi comunichi a riguardo una sua decisione. A questo insieme vanno aggiunti i 14 restanti senatori del Gruppo Misto, in buona parte all’opposizione (con qualche ex M5s che potrebbe però votare il testo), ma con la ‘quota’ dei senatori a vita che – tranne che per Carlo Azeglio Ciampi assente per ragioni di salute alle ultime votazioni – ha sempre dato il proprio sostegno al governo. Guardando al Pd il punto di riferimento sembrerebbe restare il voto al Jobs Act dello scorso ottobre. Il sì dell’Aula del Senato giunse con 165 voti favorevoli, 111 no e 2 astenuti al termine di una notte tesa che vide tre senatori della minoranza, Corradino Mineo, Felice Casson, e Lucrezia Ricchiuti, non partecipare al voto. Poche ore prima un gruppo di senatori di Area Riformista aveva invece presentato un documento di dissenso dal testo della legge delega precisando come, tuttavia, non fosse pensabile negare la fiducia a un governo targato Pd. Quel documento verrà ripresentato con le firme di 27-28 senatori bersaniani e con toni meno duri, dopo la mediazione raggiunta alla Camera. Per il resto, le ‘frontiere’ tra le correnti della minoranza a Palazzo Madama sono ben più sfumate che alla Camera. Con una quota di sei senatori civatiani ancora indecisa se votare contro o non partecipare al voto. E la scelta non è facile: con i numeri ballerini del Senato, qualsiasi opzione va attentamente ponderata. (di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

09:34Ex calciatore ucciso: fermati un uomo e una donna

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I due sono stati interrogati a lungo dai carabinieri dopo che nel bagagliaio dell'auto di cui la donna era alla guida era stato rinvenuto, ieri, il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa. La vettura era stata notata dai militari lungo la Milano-Meda, all'altezza del Comune di Varedo. L'auto era ferma, la donna stava tentando di liberarsi del cadavere.(ANSA).

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

Archivio Ultima ora