Cittadini di serie B: la protesta degli arabi in Israele

Pubblicato il 27 novembre 2014 da redazione

 

Israeli riot police patrol Isiwiya in East Jerusalem

 

TEL AVIV. – “Cittadini di serie B”: con questo slogan stampigliato in ebraico sulle immagini dei profili di Facebook, centinaia di arabi di Israele hanno scelto di protestare contro la legge sullo ‘stato-nazione’ degli ebrei fortemente voluta da Benyamin Netanyahu e dalla destra di governo. Un progetto investito da un’ondata di polemiche che non conosce soste. Anche l’ex presidente Shimon Peres è sceso in campo bollando la mossa del primo ministro come un tentativo di ”soggiogare la ‘Dichiarazione di Indipendenza’ a interessi politici contingenti”. L’iniziativa su Facebook è partita invece da Sana Jamalia, una grafica di Haifa, che insieme a un amico ha deciso ”di fare qualcosa” contro la legge. E dopo che lei ha cambiato la foto del profilo sul social media con la nuova dizione, centinaia di altri hanno deciso di seguirne l’esempio. ”E’ stato un giorno di totale follia – ha raccontato ai media – Ho inviato foto ad oltre 200 persone e il mio inbox si è ingolfato, è andato fuori controllo. Non ci aspettavamo quello che è successo”. Nonostante questo Jamalia non crede che la campagna, oramai diventata virale, sia in grado di cambiare granché: ”Molti mi hanno chiesto se mi aspetto qualche risposta dallo stato, ma stiamo ancora ridendo su questo. C’è forse nulla di nuovo? Non siamo mai stati cittadini di prima classe. Preferisco che ce lo dicano in modo diretto che non viviamo in uno stato democratico”. Jamalia ha respinto anche la critica che sia stato usato l’ebraico per la stampigliatura: ”E’ solo perché Israele è ufficialmente lo stato del popolo ebraico. L’arabo dunque non è lingua ufficiale”. Anche Haneen Majadli, studentessa araba all’Università di Tel Aviv ha cambiato il suo profilo, assieme a quello del suo cane. E si è detta non sorpresa dalla proposta di legge: ”del resto – ha tuonato dalle colonne dei media – questo paese è razzista nei miei confronti sin da quando è stato fondato. Questa è la nostra protesta, non contro questa legge ma contro una politica che risale al 1948”. A dare un’indiretta eco alle denunce contro la legge è stato anche Salim Joubran giudice arabo della Corte Suprema israeliana secondo cui gli arabi ”sono discriminati in Israele. “La ‘Dichiarazione di Indipendenza’ – ha ricordato in un convegno di pubblici ministeri ad Eilat – menziona specificatamente l’eguaglianza ma sfortunatamente questo non avviene nella pratica”. Ed ha citato una serie di settori nei quali vi sono ”divari: educazione, occupazione, assegnazione di terreni per le costruzioni e l’espansione della comunità, scarsezza di zone industriali e infrastrutture”, persino ”errori nei segnali stradali in arabo”. Joubran però ha tirato in ballo la responsabilità della stessa leadership della minoranza araba: ”quando mi dolgo con le istituzioni, al tempo stesso mi devo lamentare anche di noi stessi. I leader della comunità araba devono prendersi la responsabilità e impegnarsi con i problemi del settore arabo. Devono anche combattere e chiedere e incontrare i ministri in modo da colmare i divari”. La Dichiazione d’Indipendenza di David Ben Gurion del 1948 è stata richiamata appunto da Shimon Peres per motivare la sua opposizione alla legge: ”la voce di Ben Gurion chiede – ha sottolineato il premio Nobel per la pace, grande vecchio delle istituzioni nel Paese del sionismo, partecipando alle celebrazioni in onore del padre della patria a Sde Boker, nel sud di Israele – che noi saremo ciò che Israele intende essere. Uno stato modello, giusto e illuminato e che cerca giustizia, eguaglianza e pace”. Un riferimento all’eredità politica del fondatore dello Stato cui Netanyahu, presente alla stessa cerimonia ha provato a ribattere: ”E’ stato lui – ha sostenuto il premier – a sottolineare che Israele dovesse essere una nazione-stato ebraica”. Intanto la discussione della contestata legge in Parlamento non è ancora stata confermata per mercoledì prossimo, come era stato annunciato in un primo momento. (Massimo Lomonaco/Ansa)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora