Immigrazione: scoperto racket dei viaggi della speranza

Pubblicato il 03 dicembre 2014 da redazione

Immigrazione: sbarco a Pozzallo, fermati 7 scafisti egiziani

CATANIA. – Un’organizzazione a carattere transnazionale, operante in Italia, Libia, Eritrea ed altri Stati nordafricani, che favoriva l’immigrazione clandestina in Europa con sbarchi nel nostro Paese. E’ questa l’accusa nei confronti di 11 eritrei arrestati dalla Squadra mobile di Catania e dal Servizio centrale operativo. L’operazione, denominata in codice “Tokhla” (sciacallo in eritreo ndr), è stata condotta tra la Sicilia, Roma, Milano e la Germania. Gli indagati apparterrebbero a un racket di trafficanti che avrebbe organizzato almeno 23 “viaggi della speranza” verso le coste italiane, tra maggio e settembre 2014. Una di queste traversate si concluse tragicamente con il naufragio di un barcone, avvenuto al largo delle coste libiche tra il 27 e il 28 giugno scorso, che causò la morte di 244 migranti. “I mercanti di morte, i trafficanti di vite umane, non avranno tregua – ha assicurato il ministro dell’Interno Angelino Alfano – ed e’ in questo quadro che si inserisce l’operazione Tokhla il cui successo si deve alla determinazione e all’alta professionalità della ‘squadra Stato’ impegnata, ogni giorno, nel contrasto a ogni forma di attività criminale”. “La Squadra Mobile di Catania e lo Sco, efficacemente coordinati dalla Procura distrettuale di Catania – ha aggiunto Alfano – hanno portato a segno uno straordinario risultato, sferrando un durissimo colpo a un’organizzazione transnazionale che favoriva l’immigrazione clandestina in Europa, operando in Italia, Eritrea, Libia e in altri Paesi del Nord Africa”. Fra gli arrestati Measho Tesfamariam, 29 anni, bloccato in collaborazione con la polizia tedesca a Munchenberg, ritenuto uno dei responsabili della tragedia. Dell’uomo gli investigatori vennero a sapere anche dalle dichiarazioni di parenti delle vittime del naufragio, che tentarono di contattarlo. Gli eritrei arrestati avrebbero avuto compiti di supporto logistico ai migranti e agli scafisti in arrivo dalla Libia per aiutarli a fuggire dall’Italia verso il Nord Europa. L’operazione ha consentito anche di liberare nove giovani somali, otto dei quali minorenni, che erano stati rinchiusi nel sottotetto di un’abitazione a Catania in attesa che i parenti inviassero il denaro per il loro trasferimento verso altri paesi europei. L’indagine è stata avviata il 13 maggio scorso, con l’arrivo a Catania, nell’ambito dell’operazione ‘Mare Nostrum’, della nave Grecale della Marina Militare con a bordo 206 migranti di varie nazionalità e 17 cadaveri. Il procuratore della Repubblica a Catania Giovanni Salvi in conferenza stampa ha parlato di “un’operazione importante che colpisce livelli elevati dell’organizzazione”, aggiungendo che “gli organizzatori del traffico mettevano deliberatamente i migranti in condizioni di pericolo al fine di obbligare le autorità italiane ad intervenire per porre soccorso e quindi diminuire i costi dell’organizzazione evitando il ‘problema’ dell’accoglienza una volta nel nostro Paese”. Rispondendo ai cronisti Salvi ha puntualizzato che non sono emersi collegamenti tra l’organizzazione e la criminalità organizzata locale.

Ultima ora

12:11Calcio: Borussia Dortmund, via Bosz e al suo posto Stoeger

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sconfitta subita in casa sabato scorso, nella 15/a giornata della Bundesliga (per 2-1 contro il Werder Brema), sommata all'ottavo posto in classifica (-13 punti dal Bayern Monaco capolista), è stata fatale a Peter Bosz. L'allenatore olandese, infatti, non è più alla guida del Borussia Dortmund, che ha chiamato l'austriaco Peter Stoeger, ex tecnico di Austria Vienna e Colonia. I gialloneri, che sono stati anche eliminati dalla Champions, non vincono dal 30 settembre scorso (2-1 in trasferta all'Augusta) e sono sprofondati in una profonda crisi. Bosz era arrivato in estate per sostituire in panchina Thomas Tuchel. La notizia del cambio di guida tecnica è stata ufficializzata sull'account ufficiale Twitter del club tedesco.

12:06Travolge passanti con auto: Procura, accusa è strage

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Michele Bordoni, il 27enne che sabato scorso in auto ha travolto e ferito alcuni visitatori del mercatino di Natale a Sondrio, è accusato di strage. Con questa ipotesi a cui si aggiungono resistenza e lesioni aggravate nei confronti di un agente, il procuratore di Sondrio Claudio Gittardi e il pm Stefano Latorre, chiederanno al gip la convalida dell'arresto del giovane e il carcere. L'ipotesi di strage è stata riformulata dopo la ricostruzione dell'accaduto da cui è emerso che il giovane avrebbe voluto uccidere "indifferentemente una pluralità di persone". "Ne dovevo ammazzare di più" sono infatti le parole che Michele Bordoni ha pronunciato sabato al momento del suo arresto.

11:51Maltempo:disagi circolazione e treni soppressi in V. d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - La forte nevicata delle ultime 24 ore ha concesso una tregua in Valle d'Aosta, dove tuttavia si registrano alcuni disagi alla circolazione. I treni della mattina sulla linea Aosta-Ivrea sono stati soppressi. Una slavina ha invaso la strada statale 26 a La Saxe (Courmayeur): nessuna auto è stata coinvolta, ma la circolazione è interrotta su quel tratto. La stessa strada statale 26 è chiusa nella parte che porta a La Thuile (località Balme) per la caduta di due piante. Stop alla circolazione per pericolo valanghe anche su alcune arterie regionali: a Rhemes-Saint-Georges, a Valsavarenche (tra Tsan d'Oula a Pont) e a Courmayeur (Val Ferret e Val Veny). Criticità anche ad Aosta sia agli accessi della città che nelle vie centrali ancora innevate.(ANSA).

11:47Maltempo: Veneto, in pianura piove,nevica ancora in montagna

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Dopo la nevicata di ieri che ha raggiunto anche le località di pianura, oggi in Veneto l'innalzarsi delle temperature ha portato la pioggia nelle principali città, mentre in montagna nelle ultime ore si è consolidato con nuove imbiancate il manto di neve fresca. Tra sabato e stamane si sono accumulati, secondo le rilevazioni dell'Arpav, 22 centimetri di neve a Malga Losch, a 1.735 metri di quota nelle Dolomiti meridionali, 9 a Cortina, 8 a Sappada, 12 ad Arabba e 16 ad Agordo. Immagine tipicamente invernale anche per l'Altopiano di Asiago, imbiancata da 17 centimetri di neve fresca, ed Enego (20).

11:47Fondi Piemonte: il processo d’appello slitta al 2018

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - E' slittato ai primi mesi del 2018 il processo d'appello per la cosiddetta 'Rimborsopoli degli ex consiglieri regionali del Piemonte. Lo ha comunicato oggi la Corte agli avvocati nel corso dell'udienza di apertura. In primo grado c'erano state dieci condanne e quindici assoluzioni, tra cui quella dell'governatore Roberto Cota. La Regione rimane costituita parte civile per il gruppo di imputati che non hanno indennizzato l'ente. A sostenere l'accusa è il pg Giancarlo Avenati Bassi, che in queste settimane svolge incarichi di consulenza alla Commissione di inchiesta sul sistema bancario.(ANSA).

11:43Milan: Fassone, preoccupati da classifica non da Uefa

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Mi aspetto che dicembre sia un mese complicato. I cambi di allenatore non producono risultati a breve. A fine campionato sapremo se è stata fatta la scelta giusta". Così Marco Fassone, ad del Milan. "Siamo preoccupati dal ritardo in classifica - fa notare -. La situazione con l'Uefa? Stiamo facendo un tentativo per arrivare al patteggiamento volontario, per saldare le violazioni degli anni precedenti. Il nostro sarebbe il primo 'voluntary agreement', ma è difficile rispettare i parametri, perché un paio di richieste sono impossibili. Se il verdetto è basato sull'impossibilità di soddisfare queste richieste sarebbe inquietante". "La squadra - sottolinea Fassone - ha un bel rapporto con Gattuso e non credo che i cinesi abbiano intenzione di lasciare il Milan:ßhanno fatto un investimento mostruoso, di oltre un miliardo. Gli acquisti dell'estate? Li rifarei tutti, ma possiamo aver commesso un paio di errori". "La società ha un debito di 120 milioni, relativamente basso, lo possiamo restituire a ottobre", conclude.

11:39Maltempo: neve in tutto l’Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 11 DIC - Dalla scorsa notte sta nevicando in tutto l'Alto Adige. In Bassa Atesina si registrano attualmente tra i 15 e i 20 centimetri di neve. Nel corso della giornata, comunque, il limite delle nevicate salirà a 1500-2000 metri. Gli apporti maggiori sono attesi nelle zone meridionali, come la zona dell'Ortles. Praticamente tutte le strade in Alto Adige sono innevate e nei centri urbani il traffico è molto intenso, non si registrano però grosse difficoltà alla viabilità.

Archivio Ultima ora