M5S, Orellana: “Grillo infantile e xenofobo”

orellana

ROMA – “Ieri sono stato ancora citato dal blog di Grillo. Era un po’ che non succedeva e mi hanno colpito un po’ di cose. Tutto il ‘componimento’ inizia con il mio cognome. Evidentemente non riesce a dimenticarmi. Non se ne fa una ragione che non abbia saputo instaurare un rapporto di civile confronto con me”. Lo scrive nel suo blog il senatore Luis Alberto Orellana commentando l’incipit del comico ”Orellana è venezuelana”.

“Cosa dice questa frase a chi legge?”, si chiede il parlamentare pavese

”Un po’ di cose – precisa -: Orellana non è italiano. In fondo è un extra-comunitario e non merita alcun rispetto. Per Beppe che è a favore del reato di immigrazione clandestina, che si vede scavalcato su questo tema dalla Lega; per lui, Beppe Grillo, è importante alludere alle mie origini venezuelane nel tentativo di screditarmi. Affiora qui chiaramente la sua xenofobia. Come è noto, la cittadinanza italiana è stata trasmessa da mia madre e Beppe ben lo sa. Probabilmente a lui non basta. Vuole tutti gli italiani ‘purosangue’ e forse qui siamo al vero e proprio razzismo”.

“Usa il genere femminile riferendosi a me. Qui invece – fa notare Orellana – affiora in lui la sua regressione infantile. Sta tornando insomma a quando da bambino probabilmente faceva il bullo con gli altri bambini accusandoli di essere delle ‘femminucce'”.

E conclude:

”Sono orgoglioso delle mie origini venezuelane non lo nego anzi lo rivendico come mia ricchezza culturale personale. Questo nulla toglie alla mia italianità di cui vado fiero”.