Riforme, il Governo battuto in commissione alla Camera

Pubblicato il 10 dicembre 2014 da redazione

Ue:presentate 7 mozioni;Boschi,ok a quelle Zanda e Calderoli
ROMA. – E’ più o meno l’ora di pranzo quando il sottile equilibrio interno nei due partiti contraenti del Patto del Nazareno, Pd e FI, si spezza per la prima volta nella discussione delle riforme alla Camera. Il nodo è quello dei 5 senatori di nomina presidenziale, il voto in commissione Affari Costituzionali premia, con il decisivo aiuto del ‘frondista’ FI Maurizio Bianconi e nonostante il parere contrario del governo, la minoranza Dem, che presenta con Sel un emendamento per la soppressione dei 5 membri. In commissione, nel Pd e in FI torna quella tensione che già aveva segnato ‘l’agosto’ delle riforme a Palazzo Madama. E in serata è il premier Matteo Renzi a tornare a blindare il percorso prestabilito: “pensano di intimidirci, ma andiamo avanti”. Il dato politico, tuttavia, parla di una minoranza Pd che, quasi all’improvviso, ritrova compattezza su due emendamenti uguali, presentati da Giuseppe Lauricella e da Sel e che sopprimono la presenza dei 5 senatori ‘presidenziali’ previsti dall’art.2 del ddl. I voti favorevoli sono 22, i contrari venti e, sebbene anche il presidente della commissione, Francesco Paolo Sisto (FI), dia il suo ‘no’, il governo viene battuto. Tra i favorevoli, oltre a Lega, M5S e Sel, figurano i voti degli esponenti di tutte le minoranze Dem, da Cuperlo a Lattuca, da Bindi a D’Attorre, più quelli di Meloni e Naccarato. Assente, al momento della votazione l’ex lettiano Francesco Sanna, astenuto Andrea Giorgis. E decisivo risulta alla fine il voto di Bianconi che prima attacca il Patto del Nazareno, “morte della democrazia” in Italia e poi si fa portavoce della “volontà di 17 suoi colleghi”. Di fatto, tutta la ‘fronda’ fittiana. Parole che rimettono, in pratica, sul piatto del premier-rottamatore tutti i nodi ancora irrisolti che rischiano di frenare, in Parlamento, il treno delle riforme. Nodi che, sottolinea una fonte della minoranza Dem, derivano anche dall’atteggiamento del governo al quale gli esponenti della sinistra Pd aveva “fatto sapere” con “largo anticipo” la loro posizione sul punto dei senatori a vita, accantonato peraltro nei giorni scorsi. Ma, si sottolinea, ancora, alla fine si è voluti arrivare al voto, e la minoranza ha messo in pratica il suo parere, dando anche un “segnale” sul fatto che, su certi punti “non centrali” della riforma, il confronto non si possa eludere. Ma c’è un altro fronte sul quale la minoranza Pd oggi invia un ‘messaggio’ non di poco conto a Renzi, presentando in commissione Affari Costituzionali al Senato emendamenti all’Italicum forti di “30 firme” contro i capilista bloccati e per una norma di salvaguardia che leghi l’entrata in vigore della nuova legge elettorale con quella delle riforme. Dopo giorni di sospensione, il clima sembra surriscaldarsi in vista del rush finale. E se la minoranza non abdica, il governo non ammette certo rallentamenti. “Nessun timore, il dato politico è in Aula”, sottolinea il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi laddove il premier, in serata, rincara, scagliandosi contro “giochetti parlamentari” e ribadendo: “Avanti, c’è un Paese da cambiare”. Parole a cui fa da contorno l’ira dell’intera ala renziana con Roberto Giachetti che senza mezzi termini chiede “elezioni subito”. E in questa direzione sembrerebbe andare un subemendamento presentato dalla maggioranza Pd al Senato che prevede il ritorno al Mattarellum come clausola di salvaguardia in caso di urne anticipate e in attesa che, nel 2016, entri in vigore l’Italicum. Un nodo sul quale la commissione del Senato, alla quale oggi sono arrivati una ventina di emendamenti del Pd e ben 10.500 della Lega, lavorerà nei prossimi giorni. E con il clima di oggi, la partita sembra apertissima. (di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

16:12Strangolò la ex, condannato a 30 anni di carcere

(ANSA) - RIMINI, 11 DIC - È stato condannato a 30 di reclusione Michele Castaldo, operaio siciliano di 54 anni che uccise Olga Mattei, 46 anni, commessa di origine moldava, strangolandola nel suo appartamento di Riccione, il 6 ottobre del 2016. In mattinata la sentenza di condanna, che prevede anche cinque anni ulteriori di sorveglianza speciale a fine pena. Castaldo, è stato giudicato con rito abbreviato, dal giudice Vinicio Cantarini che ha accolto tutte le richieste del pubblico ministero Davide Ercolani e che lo ha condannato anche al risarcimento delle parti civili. Il rito è stato condizionato alla perizia psichiatrica secondo cui l'uomo, difeso dall'avvocato Monica Castiglioni, quel giorno agì in preda ad una "tempesta emotiva" che non ne condizionò però la capacità di intendere e volere. Come egli stesso confessò agli inquirenti, mentre stringeva le mani al collo della donna che lo aveva lasciato stanca della forte gelosia del compagno, le disse: "Se non sarai mia non sarai di nessun altro". (ANSA).

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

Archivio Ultima ora