‘Ndrangheta: “holding criminale” con le mani sull’Umbria

Pubblicato il 11 dicembre 2014 da redazione

Mafia: 8 arresti, anche esponente dei Gambino

PERUGIA. – Era una “holding criminale” collegata alla cosca Farao-Marincola della ‘Ndrangheta infiltrata nel tessuto socio-economico umbro ma concentrata nel perugino (che si impadroniva delle attività per poi svuotarle e reinvestire i proventi illeciti anche nel settore del fotovoltaico e della green economy) quella emersa dall’operazione Quarto passo dei carabinieri del Ros coordinati dalla procura distrettuale antimafia di Perugia. Un gruppo “in espansione”, che però gli inquirenti hanno interrotto con un “intervento tempestivo” scattato stamani. Eseguendo 61 ordinanze cautelari (46 arresti in carcere, otto ai domiciliari e sette obblighi di dimora) in 12 province italiane e in Germania a carico per lo più di calabresi ma anche albanesi ed egiziani. E sequestrando beni per oltre 30 milioni di euro. Carabinieri e magistratura ritengono che l’organizzazione fosse attiva nel capoluogo umbro dal 2008 e collegata con la cosca capeggiata a Cirò da Natalino Paletta. Tanto che agli atti delle indagini ci sono stati anche filmati di incontri tra i vertici e presunti appartenenti al sodalizio. Questi – ha spiegato il sostituto procuratore Antonella Duchini che ha coordinato le indagini – si sono inizialmente radicati nel territorio umbro, in particolare perugino, con imprese dalla “facciata pulita” nel campo dell’edilizia e della ristorazione. Mettendo poi in atto le loro attività illecite. Una associazione per delinquere di tipo mafioso dedita a estorsioni, usura, incendi, danneggiamenti ma anche alla bancarotta e alle truffe, narcotraffico e prostituzione. Grazie a queste intimidazioni – è emerso ancora dall’indagine – la holding aveva infiltrato il tessuto economico. Tanto che alcuni imprenditori locali erano stati costretti a cedere le loro imprese agli indagati o a loro prestanome. In alcuni casi invece – ritengono gli investigatori – pur rimanendo formalmente intestatari, le vittime venivano sostituite nella gestione da esponenti del gruppo criminale. Che dopo avere privato l’azienda delle linee di credito ne provocava la bancarotta fraudolenta. “Gli imprenditori venivano depredati e impoveriti”, ha sottolineato il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti. Dagli accertamenti del Ros è inoltre emerso che il presunto gruppo criminale era anche dedito a truffe in danno di fornitori di materiali edili poi rivenduti a ricettatori calabresi e reimpiegati nella stessa regione, in Umbria e in Toscana. Un’altra componente del sodalizio, con a capo Francesco Pellegrino, era invece specializzata in furti di materiale per l’edilizia e macchine operatrici nelle Marche poi rivendute. L’indagine ha anche documentato il coinvolgimento della cosca nel traffico di cocaina che avrebbe coinvolto anche gli albanesi per lo spaccio su territorio. Un complesso di attività che procurava “considerevoli proventi illeciti” destinati all’acquisto di immobili (oltre un centinaio sequestrati) e attività commerciali (i sigilli sono scattati per 39) nel settore dell’intrattenimento e del fotovoltaico. “Un gruppo in espansione” ha evidenziato ancora Roberti parlando però di “intervento tempestivo” da parte degli inquirenti che ha salvaguardato un “tessuto socio-economico” sostanzialmente sano”. “Dove – ha aggiunto – gli imprenditori hanno collaborato con gli inquirenti dando un segnale anche per altre regioni”. Il procuratore ha anche evidenziato come non siano emersi collegamenti con la politica e la pubblica amministrazione. Per il comandante del Ros, generale Mario Parente, l’indagine ha confermato “la capacità della ‘ndrangheta di infiltrarsi in territori diversi dalla Calabria”. “Un’azione molto importante” quella di magistratura e carabinieri per la presidente umbra Catiuscia Marini che “evidenzia una società regionale sana, che vuole reagire a queste infiltrazioni”.  (di Claudio Sebastiani/ANSA)

Ultima ora

20:36Allerta Protezione Civile per temporali al Nord

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il transito di una perturbazione di origine atlantica sul nostro Paese determinerà, nelle prossime ore, condizioni di instabilità sui settori alpini, in progressiva estensione alle restanti regioni settentrionali, con fenomeni localmente intensi. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d'intesa con le Regioni coinvolte ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L'allerta prevede dal tardo pomeriggio di oggi precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale su Piemonte e Valle D'Aosta, in progressiva estensione a Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia e Veneto. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per domani allerta gialla su Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Valle D'Aosta, Veneto, Piemonte settentrionale e sui settori centro orientali della Lombardia.

20:36Bagnanti sardi difendono ambulante africano a Cagliari

(ANSA) - CAGLIARI, 18 AGO - Una trentina di bagnanti cagliaritani ha fatto cordone impedendo il pestaggio di un giovanissimo ambulante senegalese da parte di alcune coppie di turisti campani che si trovavano alla prima fermata del Poetto, la spiaggia di Cagliari. E' accaduto dopo le 17, nei pressi dello stabilimento Le Palmette. A causa di futili motivi il gruppetto di turisti - una decina e tutti adulti sulla cinquantina - avrebbe iniziato ad urlare contro l'ambulante, richiamando l'attenzione degli altri bagnanti. Il clima si è subito infuocato: gli aggressori avrebbero anche preso i bastoni di alcuni ombrelloni, dirigendosi verso il malcapitato ambulante. A quel punto una trentina di bagnanti del luogo si è frapposto, facendo cordone attorno al ragazzo. Il gruppetto di turisti è così andato via prima che sul posto arrivasse una pattuglia della Polizia chiamata dalle persone che hanno assistito al tentativo di aggressione.

20:28Barcellona: Malagò, 1′ silenzio nello sport italiano

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Nell'esprimere il proprio cordoglio alle famiglie, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha invitato le Federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate e gli enti di promozione sportiva a far osservare un minuto di silenzio in occasione di tutte le manifestazioni sportive che si disputeranno in Italia nel fine settimana per onorare la memoria di Bruno Gulotta e Luca Russo e di tutte le vittime dell'attentato terroristico avvenuto ieri a Barcellona, in Spagna". Lo rende noto un comunicato del Coni.

20:24Barcellona, Digos Viterbo: nessun mistero in vacanza Driss

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Driss Oukabir, fratello 28enne del presunto autista killer della strage di Barcellona, Moussa Oukabir, ha trascorso in tutto una decina di giorni in provincia di Viterbo a fine agosto del 2014, ma non ci sono misteri sulla sua permanenza. A confermarlo é Monia Morelli, dirigente della Digos di Viterbo che ha sentito la donna, una 40enne viterbese, che invitò il giovane e gli pagò il viaggio dopo averlo conosciuto a Barcellona. Gli accertamenti non hanno evidenziato alcun legame con gli attentati di ieri in Catalogna. Il furgone usato per investire le vittime sulla Rambla sarebbe stato noleggiato con i documenti di Driss Oukabir, che ne ha denunciato il furto dopo l'eccidio.

20:24Russia: Putin e Medvedev in Crimea

(ANSA) - MOSCA, 18 AGO - E' iniziata la visita di Vladimir Putin in Crimea, la penisola sul Mar Nero che la Russia si è annessa nel marzo del 2014. Accompagnato dal premier Dmitri Medvedev, il presidente russo ha visitato una scuola a Sebastopoli, incontrando genitori e docenti. Poi Putin ha visitato una mostra dal titolo 'La storia di Cherson durante l'epoca classica'. Cherson (Khersones in russo) è il luogo in cui nel 988 il principe Vladimir venne battezzato per poter poi sposare la sorella dell'imperatore bizantino, Anna Porfirogenita. Tornato a Kiev, Vladimir ordinò agli abitanti di recarsi sul fiume Dnipro per ricevere il battesimo introducendo così la religione cristiana tra i suoi sudditi. Putin rende anche omaggio ai militari sovietici della 35esima batteria di difesa costiera che combatterono contro le truppe naziste, deponendo fiori davanti al memoriale dedicato a loro assieme ai centauri filo-Cremlino del gruppo 'Lupi della Notte'. In serata il presidente russo assisterà al festival 'Opera a Cherson'.

20:23Barcellona:solo nome città sulla maglia per Messi e compagni

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - I giocatori del Barcellona indosseranno una maglia particolare, contrassegnata dalla scritta 'Barcelona' al posto del nome del giocatore che la veste, per onorare la vittime della strage delle 'Ramblas' e di Cambrils, nella prima partita della Liga in programma domenica alle 20,15 nel Camp Nou contro il Betis Siviglia. E' stato lo stesso club catalano a rivelarlo, con un comunicato. Il Barcellona, prima di portare avanti quest'iniziativa, ha ricevuto una delega speciale dalla Rfef. Inoltre, il club blaugrana ha lanciato l'hashtag con lo slogan #TotsSomBarcelona, che apparirà sul petto di ogni calciatore. Inoltre, tutti i calciatori impegnati nelle partite della prima giornata della Liga, che partirà stasera, indosseranno il lutto al braccio.

20:20Incendio azienda rifiuti speciali,Usl invita restare in casa

(ANSA) - TREVISO, 18 AGO - Un vasto incendio si è sviluppato questo pomeriggio nel trevigiano all'interno di un'azienda, la Vidori Servizi Ambientali, che tratta rifiuti industriali e tossico nocivi. Molte le squadre dei vigili del fuoco impegnate per domare le fiamme, che hanno provocato un'alta nube di fumo nero, visibile da molti chilometri di distanza dalla sede dell'impianto, a Vidor (Treviso). C'è' preoccupazione da parte degli abitanti, che l'Usl 2 ha invitato a non uscire di casa per alcune ore, in attesa dei campionamenti dell'aria. L'area più coinvolta dalla propagazione dei fumi è quella di Mosnigo di Moriago della Battaglia (Treviso). A chi risieda in un raggio di due chilometri, inoltre, è stato consigliato di non raccogliere o consumare frutta e verdura proveniente dai propri orti. I tecnici dell'agenzia regionale Arpav stanno effettuando gli accertamenti sulle sostanze inquinanti disperse in aria. (ANSA).

Archivio Ultima ora