‘Ndrangheta: “holding criminale” con le mani sull’Umbria

Pubblicato il 11 dicembre 2014 da redazione

Mafia: 8 arresti, anche esponente dei Gambino

PERUGIA. – Era una “holding criminale” collegata alla cosca Farao-Marincola della ‘Ndrangheta infiltrata nel tessuto socio-economico umbro ma concentrata nel perugino (che si impadroniva delle attività per poi svuotarle e reinvestire i proventi illeciti anche nel settore del fotovoltaico e della green economy) quella emersa dall’operazione Quarto passo dei carabinieri del Ros coordinati dalla procura distrettuale antimafia di Perugia. Un gruppo “in espansione”, che però gli inquirenti hanno interrotto con un “intervento tempestivo” scattato stamani. Eseguendo 61 ordinanze cautelari (46 arresti in carcere, otto ai domiciliari e sette obblighi di dimora) in 12 province italiane e in Germania a carico per lo più di calabresi ma anche albanesi ed egiziani. E sequestrando beni per oltre 30 milioni di euro. Carabinieri e magistratura ritengono che l’organizzazione fosse attiva nel capoluogo umbro dal 2008 e collegata con la cosca capeggiata a Cirò da Natalino Paletta. Tanto che agli atti delle indagini ci sono stati anche filmati di incontri tra i vertici e presunti appartenenti al sodalizio. Questi – ha spiegato il sostituto procuratore Antonella Duchini che ha coordinato le indagini – si sono inizialmente radicati nel territorio umbro, in particolare perugino, con imprese dalla “facciata pulita” nel campo dell’edilizia e della ristorazione. Mettendo poi in atto le loro attività illecite. Una associazione per delinquere di tipo mafioso dedita a estorsioni, usura, incendi, danneggiamenti ma anche alla bancarotta e alle truffe, narcotraffico e prostituzione. Grazie a queste intimidazioni – è emerso ancora dall’indagine – la holding aveva infiltrato il tessuto economico. Tanto che alcuni imprenditori locali erano stati costretti a cedere le loro imprese agli indagati o a loro prestanome. In alcuni casi invece – ritengono gli investigatori – pur rimanendo formalmente intestatari, le vittime venivano sostituite nella gestione da esponenti del gruppo criminale. Che dopo avere privato l’azienda delle linee di credito ne provocava la bancarotta fraudolenta. “Gli imprenditori venivano depredati e impoveriti”, ha sottolineato il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti. Dagli accertamenti del Ros è inoltre emerso che il presunto gruppo criminale era anche dedito a truffe in danno di fornitori di materiali edili poi rivenduti a ricettatori calabresi e reimpiegati nella stessa regione, in Umbria e in Toscana. Un’altra componente del sodalizio, con a capo Francesco Pellegrino, era invece specializzata in furti di materiale per l’edilizia e macchine operatrici nelle Marche poi rivendute. L’indagine ha anche documentato il coinvolgimento della cosca nel traffico di cocaina che avrebbe coinvolto anche gli albanesi per lo spaccio su territorio. Un complesso di attività che procurava “considerevoli proventi illeciti” destinati all’acquisto di immobili (oltre un centinaio sequestrati) e attività commerciali (i sigilli sono scattati per 39) nel settore dell’intrattenimento e del fotovoltaico. “Un gruppo in espansione” ha evidenziato ancora Roberti parlando però di “intervento tempestivo” da parte degli inquirenti che ha salvaguardato un “tessuto socio-economico” sostanzialmente sano”. “Dove – ha aggiunto – gli imprenditori hanno collaborato con gli inquirenti dando un segnale anche per altre regioni”. Il procuratore ha anche evidenziato come non siano emersi collegamenti con la politica e la pubblica amministrazione. Per il comandante del Ros, generale Mario Parente, l’indagine ha confermato “la capacità della ‘ndrangheta di infiltrarsi in territori diversi dalla Calabria”. “Un’azione molto importante” quella di magistratura e carabinieri per la presidente umbra Catiuscia Marini che “evidenzia una società regionale sana, che vuole reagire a queste infiltrazioni”.  (di Claudio Sebastiani/ANSA)

Ultima ora

14:13Si finge vedovo con figlia malata e truffa 36mila euro su Fb

(ANSA) - FORLI', 25 FEB - Ha fatto credere a una donna, con la quale aveva stretto amicizia virtuale su facebook, di essere rimasto vedovo, con una figlia minore malata di cancro, e di aver perso il lavoro. Lei, 54 anni, con alcuni bonifici bancari gli ha 'elargito' 36mila euro, poi, per reperire altro denaro, ha dovuto contattare parenti e amici, ma le nuove insistenti richieste l'hanno fatta dubitare e l'hanno convinta a rivolgersi ai carabinieri di Modigliana (Forlì-Cesena). Così un uomo di 54 anni, residente nel Catanese, disoccupato e con precedenti, è stato denunciato per truffa a mezzo telematico. Con la donna si era spacciato per un 38enne di origini calabresi, residente a Rimini: particolarmente cortese e galante, l'aveva riempita di complimenti, iniziando a corteggiarla e riuscendo in poco tempo ad acquisire la sua totale fiducia. Il tutto solo via computer: truffatore e vittima non si sono mai incontrati personalmente. (ANSA).

14:12Calcio: Montella, dispiaciuto per Ranieri

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 25 FEB - Dispiaciuto per l'esonero del collega Claudio Ranieri, Vincenzo Montella è convinto che "nel calcio non ci sia riconoscenza e neanche la ricerco: penso sia giusto che un allenatore venga valutato guardando al presente e al futuro e non al passato". L'allenatore del Milan ha spiegato di aver letto "un articolo di Gramellini sul Corriere della Sera che rispecchia il mio pensiero: Ranieri ha fatto qualcosa di immortale, difficilmente ripetibile. La sua impresa avvicina i sogni di bambini e allenatori, bisogna tutti ringraziarlo. Dispiace sinceramente, lui rimane un esempio non solo per lo sport, perché la sua favola è difficilmente ripetibile". Parlando invece delle difficoltà che in questi anni hanno vissuto gli allenatori della Fiorentina, Montella ha ricordato l' epilogo della sua storia in viola: "Ero all'aeroporto, al metal detector, ho appoggiato il cellulare e quando l'ho ripreso c'era l'esonero nella mail".

14:10Calcio: Montella, sempre grato a Berlusconi

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 25 FEB - La trasferta contro il Sassuolo è destinata a diventare l'ultima partita del Milan dell'era Berlusconi, di cui Vincenzo Montella ha vissuto i 7 mesi finali in panchina. "Il mio momento più emozionante, al di là della Supercoppa, è stato la firma del contratto. Ringrazierò sempre Berlusconi e Galliani, sin da bambino avevo il sogno di fare parte del Milan: speravo di arrivarci da calciatore, sono riuscito da allenatore, fosse durato anche solo un giorno per me è stata una grande conquista - ha detto Montella -. Anche se non dovesse esserci continuità, non smetterò mai di ringraziarli. Io mi sono sempre rapportato con la società perché è presente. Non vorrei essere volgare ma ci paga regolarmente e non mi era mai successo. Il resto sono cose mediatiche che non ci devono portare via energie", ha aggiunto Montella, che domenica ha dedicato la vittoria a Berlusconi: "Pensavo che ci tenesse molto. Poi in settimana non ci siamo sentiti, mi sono rapportato con Galliani".

13:52Detenuto ingerisce numero ‘record’ oggetti,operato a Perugia

(ANSA) - PERUGIA, 25 FEB - Aveva ingerito 18 pile, tre tagliaunghie, due accendini, tre lame ed un bottone, il detenuto straniero del carcere di Capanne, a Perugia, che nell'ospedale perugino Santa Maria della Misericordia, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per l'estrazione degli oggetti, ingeriti - secondo quanto riferisce una nota dell'Azienda ospedaliera - in maniera volontaria. "Non era mai accaduto di estrarre un numero così elevato di oggetti, finiti nello stomaco dopo essere transitati per faringe, laringe ed esofago", sottolinea il direttore della gastroenterologia, il dottor Luigi Clerici. "L'intervento è durato 5 ore ed il paziente, che non aveva mai manifestato intenzioni suicide, si trova ora in rianimazione". Interventi analoghi sono frequenti ma gli operatori sanitari perugini considerano da record il numero di oggetti recuperati dal paziente operato.

13:47Calcio: Montella, noi in credito per errori arbitri

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 25 FEB - "Il Milan in questo campionato è in credito in quanto a errori arbitrali". Lo ha sottolineato Vincenzo Montella alla vigilia della trasferta con il Sassuolo, senza voler tornare sulle polemiche per alcuni episodi che hanno fatto infuriare gli emiliani all'andata. "Affrontiamo un avversario che ha ritrovato compattezza e può vincere con chiunque, il Milan ne sa qualcosa alla luce degli ultimi 3 anni - ha aggiunto l'allenatore rossonero - Abbiamo voglia di cambiare questa tendenza e di parlare poco di questioni extracalcistiche e mi riferisco all'andata. Abbiamo avuto un rigore generoso ma da allora l'abbiamo pagata. Anche con la Fiorentina, prima del gol di Kalinic poteva essere fermato il gioco. Lasciamo lavorare serenamente gli arbitri, perché si arriva nel cuore del campionato, dobbiamo lasciarli sbagliare in pace. Lo dico come allenatore del Milan, un club che ha più blasone ma in questo campionato è in credito in quanto a errori arbitrali".

13:37Calcio: lotta a match fixing, riunione a Roma

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - Delegati Uefa, rappresentanti di Europol e del Consiglio d'Europa, agenzie mondiali di betting, dirigenti di Sportradar AG ed esperti di match fixing dello Scip (Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia) della Criminalpol, sono stati impegnati a Roma in un tavolo tecnico di confronto finalizzato "all'individuazione delle migliori strategie per il contrasto alla corruzione nel mondo del calcio ed alla manipolazione delle partite" I lavori del "Uefa Working Group" si inseriscono , si legge in una nota della Polizia, nel "piano di ricezione della direttiva europea denominata Convenzione sulla manipolazione delle Competizioni sportive, alla quale il Governo italiano ha deciso di aderire proponendo un opportuno disegno di legge".

13:35Speranza presenta Dp, movimento nasce a sinistra del Pd

(ANSA) - ROMA, 25 FEB -"L'articolo 1 della Costituzione, "L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro", è il tratto identitario più bello della nostra comunità. Noi siamo questo, è il nostro simbolo, il nostro progetto per l'Italia". Lo ha detto Roberto Speranza presentando "Democratici e Progressisti", il nuovo partito che nasce a sinistra del Pd.

Archivio Ultima ora