‘Ndrangheta: “holding criminale” con le mani sull’Umbria

Pubblicato il 11 dicembre 2014 da redazione

Mafia: 8 arresti, anche esponente dei Gambino

PERUGIA. – Era una “holding criminale” collegata alla cosca Farao-Marincola della ‘Ndrangheta infiltrata nel tessuto socio-economico umbro ma concentrata nel perugino (che si impadroniva delle attività per poi svuotarle e reinvestire i proventi illeciti anche nel settore del fotovoltaico e della green economy) quella emersa dall’operazione Quarto passo dei carabinieri del Ros coordinati dalla procura distrettuale antimafia di Perugia. Un gruppo “in espansione”, che però gli inquirenti hanno interrotto con un “intervento tempestivo” scattato stamani. Eseguendo 61 ordinanze cautelari (46 arresti in carcere, otto ai domiciliari e sette obblighi di dimora) in 12 province italiane e in Germania a carico per lo più di calabresi ma anche albanesi ed egiziani. E sequestrando beni per oltre 30 milioni di euro. Carabinieri e magistratura ritengono che l’organizzazione fosse attiva nel capoluogo umbro dal 2008 e collegata con la cosca capeggiata a Cirò da Natalino Paletta. Tanto che agli atti delle indagini ci sono stati anche filmati di incontri tra i vertici e presunti appartenenti al sodalizio. Questi – ha spiegato il sostituto procuratore Antonella Duchini che ha coordinato le indagini – si sono inizialmente radicati nel territorio umbro, in particolare perugino, con imprese dalla “facciata pulita” nel campo dell’edilizia e della ristorazione. Mettendo poi in atto le loro attività illecite. Una associazione per delinquere di tipo mafioso dedita a estorsioni, usura, incendi, danneggiamenti ma anche alla bancarotta e alle truffe, narcotraffico e prostituzione. Grazie a queste intimidazioni – è emerso ancora dall’indagine – la holding aveva infiltrato il tessuto economico. Tanto che alcuni imprenditori locali erano stati costretti a cedere le loro imprese agli indagati o a loro prestanome. In alcuni casi invece – ritengono gli investigatori – pur rimanendo formalmente intestatari, le vittime venivano sostituite nella gestione da esponenti del gruppo criminale. Che dopo avere privato l’azienda delle linee di credito ne provocava la bancarotta fraudolenta. “Gli imprenditori venivano depredati e impoveriti”, ha sottolineato il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti. Dagli accertamenti del Ros è inoltre emerso che il presunto gruppo criminale era anche dedito a truffe in danno di fornitori di materiali edili poi rivenduti a ricettatori calabresi e reimpiegati nella stessa regione, in Umbria e in Toscana. Un’altra componente del sodalizio, con a capo Francesco Pellegrino, era invece specializzata in furti di materiale per l’edilizia e macchine operatrici nelle Marche poi rivendute. L’indagine ha anche documentato il coinvolgimento della cosca nel traffico di cocaina che avrebbe coinvolto anche gli albanesi per lo spaccio su territorio. Un complesso di attività che procurava “considerevoli proventi illeciti” destinati all’acquisto di immobili (oltre un centinaio sequestrati) e attività commerciali (i sigilli sono scattati per 39) nel settore dell’intrattenimento e del fotovoltaico. “Un gruppo in espansione” ha evidenziato ancora Roberti parlando però di “intervento tempestivo” da parte degli inquirenti che ha salvaguardato un “tessuto socio-economico” sostanzialmente sano”. “Dove – ha aggiunto – gli imprenditori hanno collaborato con gli inquirenti dando un segnale anche per altre regioni”. Il procuratore ha anche evidenziato come non siano emersi collegamenti con la politica e la pubblica amministrazione. Per il comandante del Ros, generale Mario Parente, l’indagine ha confermato “la capacità della ‘ndrangheta di infiltrarsi in territori diversi dalla Calabria”. “Un’azione molto importante” quella di magistratura e carabinieri per la presidente umbra Catiuscia Marini che “evidenzia una società regionale sana, che vuole reagire a queste infiltrazioni”.  (di Claudio Sebastiani/ANSA)

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora