‘Ndrangheta: “holding criminale” con le mani sull’Umbria

Pubblicato il 11 dicembre 2014 da redazione

Mafia: 8 arresti, anche esponente dei Gambino

PERUGIA. – Era una “holding criminale” collegata alla cosca Farao-Marincola della ‘Ndrangheta infiltrata nel tessuto socio-economico umbro ma concentrata nel perugino (che si impadroniva delle attività per poi svuotarle e reinvestire i proventi illeciti anche nel settore del fotovoltaico e della green economy) quella emersa dall’operazione Quarto passo dei carabinieri del Ros coordinati dalla procura distrettuale antimafia di Perugia. Un gruppo “in espansione”, che però gli inquirenti hanno interrotto con un “intervento tempestivo” scattato stamani. Eseguendo 61 ordinanze cautelari (46 arresti in carcere, otto ai domiciliari e sette obblighi di dimora) in 12 province italiane e in Germania a carico per lo più di calabresi ma anche albanesi ed egiziani. E sequestrando beni per oltre 30 milioni di euro. Carabinieri e magistratura ritengono che l’organizzazione fosse attiva nel capoluogo umbro dal 2008 e collegata con la cosca capeggiata a Cirò da Natalino Paletta. Tanto che agli atti delle indagini ci sono stati anche filmati di incontri tra i vertici e presunti appartenenti al sodalizio. Questi – ha spiegato il sostituto procuratore Antonella Duchini che ha coordinato le indagini – si sono inizialmente radicati nel territorio umbro, in particolare perugino, con imprese dalla “facciata pulita” nel campo dell’edilizia e della ristorazione. Mettendo poi in atto le loro attività illecite. Una associazione per delinquere di tipo mafioso dedita a estorsioni, usura, incendi, danneggiamenti ma anche alla bancarotta e alle truffe, narcotraffico e prostituzione. Grazie a queste intimidazioni – è emerso ancora dall’indagine – la holding aveva infiltrato il tessuto economico. Tanto che alcuni imprenditori locali erano stati costretti a cedere le loro imprese agli indagati o a loro prestanome. In alcuni casi invece – ritengono gli investigatori – pur rimanendo formalmente intestatari, le vittime venivano sostituite nella gestione da esponenti del gruppo criminale. Che dopo avere privato l’azienda delle linee di credito ne provocava la bancarotta fraudolenta. “Gli imprenditori venivano depredati e impoveriti”, ha sottolineato il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti. Dagli accertamenti del Ros è inoltre emerso che il presunto gruppo criminale era anche dedito a truffe in danno di fornitori di materiali edili poi rivenduti a ricettatori calabresi e reimpiegati nella stessa regione, in Umbria e in Toscana. Un’altra componente del sodalizio, con a capo Francesco Pellegrino, era invece specializzata in furti di materiale per l’edilizia e macchine operatrici nelle Marche poi rivendute. L’indagine ha anche documentato il coinvolgimento della cosca nel traffico di cocaina che avrebbe coinvolto anche gli albanesi per lo spaccio su territorio. Un complesso di attività che procurava “considerevoli proventi illeciti” destinati all’acquisto di immobili (oltre un centinaio sequestrati) e attività commerciali (i sigilli sono scattati per 39) nel settore dell’intrattenimento e del fotovoltaico. “Un gruppo in espansione” ha evidenziato ancora Roberti parlando però di “intervento tempestivo” da parte degli inquirenti che ha salvaguardato un “tessuto socio-economico” sostanzialmente sano”. “Dove – ha aggiunto – gli imprenditori hanno collaborato con gli inquirenti dando un segnale anche per altre regioni”. Il procuratore ha anche evidenziato come non siano emersi collegamenti con la politica e la pubblica amministrazione. Per il comandante del Ros, generale Mario Parente, l’indagine ha confermato “la capacità della ‘ndrangheta di infiltrarsi in territori diversi dalla Calabria”. “Un’azione molto importante” quella di magistratura e carabinieri per la presidente umbra Catiuscia Marini che “evidenzia una società regionale sana, che vuole reagire a queste infiltrazioni”.  (di Claudio Sebastiani/ANSA)

Ultima ora

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

22:55Juve: Dani Alves ai saluti “grande anno, grazie”

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Vorrei ringraziare tutti i tifosi della Juventus per l'anno vissuto, i miei compagni per l'accoglienza e per i professionisti che sono, per aver vinto e per aver fatto arrivare la Juventus in fondo a tutte le competizioni. Penso al mio rispetto, alla mia dedizione, al mio lavoro, alla mia passione e a tutti i miei sforzi per rendere questo club un club più grande ogni giorno". Così Dani Alves saluta il clan bianconero, preannunciando di fatto la risoluzione contrattuale. In un posto su Istagram, il brasiliano chiede scusa ai "tifosi della Juve se un certo punto hanno pensato che ho fatto qualcosa che potesse offenderli, ma non era mia intenzione". Poi aggiunge: "E' che ho una maniera tutta mia di vivere le cose in modo spontaneo". "Oggi - sottolinea - termina il nostro rapporto professionale, porterò con me tutti coloro i quali lavorano con il cuore per fare della Juventus un grande club. Io non gioco al calcio per soldi, gioco al calcio perché amo questa professione".

21:54Europei U21: Inghilterra ko ai rigori, la Germania in finale

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Germania è la prima finalista dell'Europeo Under 21, in corso in Polonia. I tedeschi allenati dall'ex centravanti Horst Hrubesch hanno battuto ai rigori per 6-5 (tempi regolamentari e supplementari si erano conclusi sul 2-2) l'Inghilterra e adesso aspettano la vincente fra Italia e Spagna. A Tychy, la Germania era passata in vantaggio dopo 35', con Selke, ma gli inglesi hanno pareggiato quasi subito, al 41', con Gray, quindi sono passati in vantaggio al 5' della ripresa con Abraham, prima di essere raggiunti al 25' da Platte. Dal dischetto ha sbagliato Gerhardt per i tedeschi, imitato da Abraham e Redmond, che all'ultimo rigore si è fatto ipnotizzare dal portiere avversario Pollersbeck, che difende i pali del Kaiserslautern. La finale è in programma a Cracovia venerdì 30 giugno, con inizio alle 20,45.

21:16Malattia da uso cellulare, giudice Firenze riconosce danno

(ANSA) - FIRENZE, 27 GIU - L'uso intenso del telefono cellulare può causare l'insorgenza di malattie professionali, provocando invalidità permanente. E' quanto sottolinea il giudice del lavoro di Firenze, Vincenzo Nuvoli, nel motivare la sentenza con cui ha condannato l'Inail a corrispondere un indennizzo economico, per inabilità permanente del 16%, a un addetto alle vendite che per lavoro ha trascorso al cellulare molte ore al giorno dal 1994 al 2007 al punto da subire una patologia tumorale benigna (un neurinoma all'ottavo nervo cranico). Il giudice, anche appoggiandosi alle conclusioni di una consulenza medico-legale da lui incaricata, ritiene plausibile "la sussistenza del nesso causale tra l'uso del cellulare per motivi di lavoro e la patologia lamentata dal ricorrente". (ANSA).

21:07Sicurezza: Khezraji, Veneto fa tutto per rendersi antipatico

(ANSA) - TREVISO, 27 GIU - "Anziché cercare un'armonia con quanto accade nel resto d'Italia la Regione Veneto pare stia facendo sempre il possibile per distinguersi, spostando l'attenzione da questioni molto più serie come la Pedemontana o la disoccupazione giovanile". E' il commento di Abdallah Khezraji, storico portavoce delle comunità marocchine di Treviso e già vicepresidente della Consulta regionale per l'immigrazione, al nuovo regolamento in materia di sicurezza approvato dal Consiglio Regionale e che vieta, in particolare, di indossare burqa e niqab in uffici e sedi della sanità pubbliche. "Capisco che per convivere con l'arroganza del segretario della Lega, Matteo Salvini, il presidente veneto, Luca Zaia, abbia scarsi margini di autonomia di pensiero - riflette Khezraji - ma se il Veneto spesso appare una parte d'Italia 'antipatica' al resto del Paese, lo si deve anche a scelte di questo genere".

20:47Corea Nord attacca, ‘Trump è come Hitler’

(ANSA) - NEW YORK, 27 GIU - Donald Trump come Adolf Hitler, e la filosofia dell'America First "come il nazismo del ventunesimo secolo". A fare un paragone tra l'attuale amministrazione Usa e uno dei periodi più bui della storia - riporta il Wall Street Journal - è l'agenzia di stampa nordocoreana Korean Central. "La politica di Trump - afferma l'organo di informazione di Pyongyang - è la versione americana del nazismo per ferocia, brutalità e cultura sciovinista". Nelle ultime ore il presidente americano insieme al leader indiano Narendra Modi è tornato a sollecitare un intervento della comunità internazionale sulla Corea del Nord prima che possa dotarsi di un arma nucleare.

Archivio Ultima ora