Renzi, l’Italicum prima del voto per il Quirinale

Pubblicato il 18 dicembre 2014 da redazione

Renzi,o cambiamo direzione Europa o perdiamo l'Europa

ROMA. – E’ fondamentale approvare la legge elettorale al Senato e la riforma costituzionale alla Camera prima che si apra la partita per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. Davanti all’assemblea dei senatori Pd, Matteo Renzi indica l’obiettivo. E svela lo schema: sgombrato il campo dall’ipotesi del Mattarellum, si dà l’accelerazione decisiva all’Italicum 2.0. Per dissipare l’ombra del voto anticipato, il premier conferma anche la disponibilità a fissare una data differita per l’entrata in vigore della nuova legge. Ma Forza Italia rilancia: prima il voto per il Colle, poi le riforme. Non si accettano “ricatti o scambi”, replica a muso duro il Pd, che si dice pronto ad “andare avanti” da solo, “forte dei numeri”. All’indomani del discorso davanti alle alte cariche dello Stato in cui Giorgio Napolitano ha ribadito l’urgenza delle riforme, il premier traduce la “determinazione riformatrice” del suo Pd in un impegno a ‘consegnare’ al capo dello Stato, prima del suo addio, il via libera in seconda lettura a Palazzo Madama dell’Italicum e alla Camera della riforma costituzionale. Sarà una corsa contro il tempo: una capigruppo venerdì dovrebbe mandare la legge elettorale in Aula il 22 dicembre (ma solo per un primo incardinamento, senza votazioni) o il 7-8 gennaio, per esser licenziata non oltre il 23 gennaio. Ma il percorso immaginato dal governo è tutt’altro che semplice, perché la commissione Affari costituzionali, sommersa da oltre 17 mila emendamenti, a stento ha iniziato le votazioni e manderà in Aula il testo arrivato dalla Camera, senza mandato al relatore. A quel punto la partita si giocherà tutta lì, tra ostruzionismo (“Il numero degli emendamenti crescerà”, promette Calderoli, che da solo ne ha presentati 15 mila) e tagliole. In mattinata, al termine dell’assemblea del Pd, il percorso sembra praticabile. Anche perché Renzi sgombra il campo dal Mattarellum, “grimaldello” agitato dai senatori a lui vicini, e conferma che è disponibile a scrivere che l’Italicum entrerà in vigore non prima di una certa data, per escludere che lo si usi per votare nel 2015 (se si andasse alle urne prima, lo si farebbe con il Consultellum). E’ il segnale atteso da FI, per sbloccare l’impasse parlamentare. Ma l’intesa politica, destinata a dare la spinta finale alla legge, non è matura: poche ore dopo il segnale di Renzi, infatti, Renato Brunetta nella capigruppo della Camera prova a bloccare il percorso della riforma costituzionale chiedendo che prima si affronti il voto per il nuovo capo dello Stato. Ma il Pd con Roberto Speranza ottiene la calendarizzazione per l’8 gennaio, per poter approvare il testo, grazie ai tempi contingentati, nelle due settimane successive: “Nessuno scambio e nessun ricatto può essere accettato, i due piani sono ben distinti”. Anche in commissione al Senato, intanto, emerge il nervosismo di FI e dei senatori dei piccoli partiti della maggioranza, ai quali Renzi nega l’opzione dell’apparentamento al ballottaggio. Dal Pd leggono l’alzata di scudi degli azzurri come la volontà di incidere sulla partita del Colle ma soprattutto spostare il più possibile avanti la data di entrata in vigore dell’Italicum, al centro di una trattativa tra vertici dem e ‘ambasciatori’ FI (si parla della primavera o del settembre del 2016). Non provino, però, i berlusconiani a frenare i tempi per l’ok alla legge elettorale: “Se FI o altri vogliono andare per le lunghe o fare melina – dicono dal Nazareno – il Pd andrà avanti lo stesso, forte dei numeri”. Neanche dentro il Pd, però, il consenso appare blindato. Nell’assemblea con Renzi, infatti, i senatori della minoranza, da Tocci a Fornaro e Chiti, chiedono (con toni pacati, “senza isterismi”) di modificare i cento capilista bloccati. Ogni modifica, spiega il premier, dove essere approvata dai contraenti del patto del Nazareno. Ma le perplessità nella minoranza restano forti. E dalla Camera, dov’è in corso il dibattito sulle riforme, Gianni Cuperlo torna a chiedere che i tempi dell’Italicum siano legati a quelli, ben più lunghi, del costituzionale. (di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora