Mogherini al Venezuela: “Preoccupati per gli arresti dei leader dell’Opposizione”

EU  Association Council press conference

BRUXELLES – Il capo della diplomazia europea, Federica Mogherini, ha manifestato preoccupazione per “gli arresti arbitrari dei leader dell’Opposizione”. La ministro degli Esteri dell’Unione Europea, nel commentare le recenti vicende politiche venezuelane, ha chiesto al governo del presidente Maduro il rispetto della legge e “indagini veloci e imparziali”.

– Seguiamo con attenzione e preoccupazione il caso di Leopoldo López e dei quatttro studenti arrestati – ha sottolineato il capo della diplomazia europea il giorno dopo la risoluzione approvata dal Parlamento Europeo in cui si invita le autorità venezuelane a ritirare le accuse “infondate” contro i leader dell’opposizione.

Gli eurodeputati “condannano fermamente la persecuzione politica e la detenzione di manifestanti pacifici e leader dell’opposizione” in Venezuela e invitano le autorità venezuelane a “ritirare le accuse infondate e i mandati di cattura nei confronti di politici dell’opposizione” e “immediatamente a disarmare e sciogliere le associazioni pro-governative incontrollate, mettendo fine alla loro impunità”. Strasburgo chiede quindi al governo venezuelano di avviare un “dialogo forte e aperto” sui diritti umani con l’Unione europea. La risoluzione è stata approvata con 476 voti favorevoli, 109 contrari e 49 astensioni.

Il capo della diplomazia europea, conosce bene la realtá venezuelana poiché essendo ancora ministro degli Esteri italiano ha seguito con attenzione, attraverso le varie missioni del sottosegretario Mario Giro nel Paese, non solo lo sviluppo delle vicende che hanno tutt’oggi per protagonisti il Sindaco di San Diego, Enzo Scarano e il capo della Polizia di San Diego, Salvatore Lucchese, ma anche gli arresti di giovani italo-venezuelani nei mesi in cui le proteste caratterizzarono la quotidianitá del Venezuela.