Marco Belinelli sul tetto d’America: “Sogno il top con l’Italia”

Pubblicato il 29 dicembre 2014 da redazione

Belinelli

ROMA. – Un trofeo alzato nei cieli d’America e una data, il 15 giugno 2014, passata dal parquet alla storia dello sport italiano. Marco Belinelli quelle cifre non le avrebbe dimenticate comunque, ma per non correre il rischio se le è impresse sulla pelle insieme al Larry O’Brien Championship Trophy, la coppa che i San Antonio Spurs hanno sollevato aggiudicandosi la vittoria del campionato Nba. In mezzo ai quei giganti del canestro c’era anche un italiano, il primo nella storia dello sport azzurro: Belinelli da Persiceto, classe ’86, 1.96 cm di agonismo e voglia di riscatto. In questo 2014 arrivato ai titoli di coda il film da rivedere ha la faccia sorridente del cestista emiliano, riuscito ad arrivare laddove nessun italiano si era mai spinto. Lui il primo a diventare campione nella lega di basket più prestigiosa al mondo. Un traguardo inseguito con fatica e sacrificio, ripagato da quella notte d’oro. “Mi sento molto bene. Sono felice di aver raggiunto questi risultati storici ma non mi siedo – dice all’Ansa Belinelli -. Li considero una partenza per arrivare ad altri”. Con la maglia del team texano l’azzurro non si vuole fermare: arrivato agli Spurs dopo una consistente gavetta americana (da Toronto a New Orleans, passando per i Bulls di Chicago), il giocatore ha trovato la piazza ideale. Prima di aggiudicarsi l’anello aveva vinto anche la gara del tiro da tre punti, un trofeo tutto personale che suggella la stagione memorabile. Ma che non deve restare unica, confida Beli. In attesa che l’Inter torni a regalargli qualche sorriso dopo stagioni di passione e che arrivi una mora (le preferisce alle bionde, e meglio se italiana) al suo fianco, il campione Nba non vuole fermarsi. Perché dopo aver toccato il cielo con un dito sogna altri traguardi, anche con la nazionale. “Tutti sanno che il mio sogno è ripetere il successo del 2014 – racconta il giocatore -. Vorrei vincere un altro anello e poi portare in alto anche la Nazionale agli Europei”. Intanto l’America fuori dai palazzetti vive tensioni e violenze: “Certo che se ne parla – commenta Belinelli -. Noi viviamo a San Antonio, è una città tranquilla. Inoltre siamo tanti stranieri e per di più l’atleta professionista è un privilegiato. Quello che posso dire è che la violenza è sempre sbagliata e da condannare, da qualsiasi parte venga”. Sul parquet a stelle e strisce prova a concedersi il bis: un altro sogno. Il primo sta lì, sul bicipite sinistro, tatuato per sempre. Come il ricordo di un’impresa che sa di storia, in un anno che meglio di così proprio non poteva sperare.

Ultima ora

22:40Calcio: Premier, il City senza freni, 16 vittorie di fila

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sedicesima vittoria di fila in Premier League per il Manchester City, che ha dato una lezione al Tottenham battendolo 4-1 con un crescendo nel finale che solo la rete nel recupero di Eriksen ha reso meno umiliante. Di Gundogan, De Bruyne e Sterling le reti dei Citizens, con l'inglese autore di una doppietta e ora terzo nella classifica marcatori. Alla 17/a giornata, la squadra di Guardiola vanta 14 punti di vantaggio sui cugini dello United, ospite domani del West Bromwich penultimo in classifica, e sul Chelsea, che ha battuto 1-0 il Southampton grazie ad una punizione di Marcos Alonso allo scadere del primo tempo. Vittoria con lo stesso punteggio minimo anche per l'Arsenal sul Newcastle, firmata dal tedesco Ozil. I Gunners occupano ora il quarto posto, a -19 dalla capolista, avendo sorpassato il sorprendente Burnley, che ha pareggiato 0-0 a Brighton. Negli altri incontro del sabato, il Leicester è stato sconfitto 3-0 in casa dal Crystal Palace

22:37Pirati strada: donna 75 anni travolta e uccisa nel Bolognese

(ANSA) - ZOLA PREDOSA (BOLOGNA), 16 DIC - Una signora di 75 anni è stata travolta e uccisa in via Risorgimento a Zola Predosa, comune della cintura di Bologna, da un'auto il cui conducente è fuggito senza prestare soccorso. Sono intervenuti i carabinieri e il 118, ma per la donna non c'è stato nulla da fare. Il sindaco di Zola Predosa, Stefano Fiorini, ha postato su facebook un "Avviso ai cittadini": alle 16.50, scrive, "è stata investita da un auto una signora in prossimità delle strisce pedonali di via Risorgimento davanti alla Farmacia Legnani. Chiunque abbia informazioni in merito a questo fatto è pregato di segnalarlo alla nostra stazione dei Carabinieri che sta ricostruendo quando avvenuto ricercando l'investitore che è fuggito senza prestare alcun soccorso alla vittima". (ANSA).

22:20Calcio: Totino, Mihajlovic “quando il Napoli gioca così…”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Se il Napoli gioca così è difficile contenerlo. Sono più forti di noi e non c'è nulla da dire. Dopo 30 minuti erano in vantaggio di tre gol ma della mia squadra mi è piaciuta la voglia di lottare". Così l'allenatore del Torino, Sinisa Mihajlovic, dopo la sconfitta all'Olimpico. "Rispetto all'anno scorso, la squadra non ha mollato ha sempre cercato di giocare, abbiamo avuto l'occasione per fare il secondo gol, poteva starci un rigore per noi. Poi loro hanno vinto meritatamente e purtroppo con noi si scatenano sempre: hanno fatto 4 tiri in porta e tre gol". "Per noi adesso è passato un ciclo di gare difficile, ora arriveranno partite più alla nostra portata e vogliamo conquistare più punti possibili, speriamo ora che Belotti non si fermi più.

22:19Calcio: Sarri “il Napoli non era stanco, forse mentalmente”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Non eravamo stanchi, forse eravamo stanchi dal punto di vista mentale perché la stagione è lunghissima. Ho rivisto la gara con la Fiorentina e la ripresa è stata di livello. Lì non abbiamo concretizzato, oggi abbiamo segnato subito e la partita è stata in discesa. I ragazzi sono stati bravi, prendendo in positivo la sconfitta dell'Inter". L'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, commenta soddisfatto il ritorno alla vittoria e al primato in classifica. Ai microfoni di Premium Sport, il tecnico toscano ha parlato anche di Marek Hamsik, diventato miglior marcatore del Napoli come Maradona: "E' un giocatore di un livello straordinario e quando fa alcune gare al di sotto delle sue qualità bisogna aspettarlo perché si ha la certezza che prima o poi farà bene. Ha fatto gol ma erano già alcune partite che era in crescita".

22:17Calcio: Napoli, Hamsik “gol importante, vincere lo è di più”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Fa molto piacere dal punto di vista individuale ma era più importante tornare a vincere dopo tre giornate senza vittoria. Ora siamo di nuovo in cima e questa era la cosa più importante. Finalmente poi è arrivato questo gol e sono contento". Il centrocampista del Napoli Marek Hamsik commenta così la vittoria a Torino e la sua 115/a rete con la maglia azzurra, che gli fa eguagliare il record di Maradona. "Abbiamo sbloccato subito la gara e questo ci ha aiutato a liberare la mente - ha detto ancora ai microfoni di Premium Sport - Poi abbiamo potuto fare il nostro calcio. E' importante aver ritrovato il primato, la sconfitta dell'Inter ci ha dato ancora più forza: avevamo voglia di tornare in testa".

22:17Calcio: Inter, Icardi “è andata male,tanti saranno contenti”

(ANSA) - MILANO, 16 DIC - "Anche se oggi è andata male, io dico a tutti i miei compagni bravi. Sono orgoglioso di fare parte di questo gruppo. Oggi abbiamo provato quello che dà una sconfitta e tanti saranno contenti, altri tanti un po' dispiaciuti come noi... ma comunque si continua ad andare avanti come abbiamo fatto finora". Il capitano dell'Inter, Mauro Icardi, sprona i compagni su Instagram dopo la prima sconfitta stagionale dell'Inter, battuta dall'Udinese a San Siro per 3-1. Un ko che secondo Icardi, come ha detto anche Spalletti nei giorni scorsi, qualcuno era dispiaciuto non fosse ancora arrivato.

21:37Usa: media, Pentagono ammette programma su Ufo

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l'esistenza di un programma (non classificato ma noto a pochi) per indagare sugli Ufo. Lo scrivono alcuni media Usa. Il programma, lanciato nel 2007, e' stato interrotto nel 2012 ma i suoi sostenitori affermano che, mentre il dipartimento alla Difesa ha messo fine ai fondi, esso rimane in vita. Negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma hanno continuato a indagare su episodi riportati da militari.

Archivio Ultima ora