Renzi chiude semestre, l’Ue si allarghi o non ha futuro

Pubblicato il 30 dicembre 2014 da redazione

Italian Prime Minister Matteo Renzi visits Tirana

TIRANA. – Al “bivio” del cambiamento, l’Ue deve saper ampliare i propri confini. Spingerli un po’ più in là. Verso il Mediterraneo, perché torni a essere “Mare nostrum”. E verso i Balcani, che sono “fuori dalle istituzioni” ma già “dentro l’Europa”. E’ questo il messaggio con cui Matteo Renzi sceglie di chiudere il semestre di presidenza italiana dell’Unione europea. Da Tirana, con un forte sostegno al percorso di adesione dell’Albania, perché “o l’Europa si allarga o non ha futuro, perde una grande occasione”. E in continuità ideale con il primo viaggio da premier a Tunisi, a marzo, per collocare il Mediterraneo al centro della propria azione. Nelle ore in cui si piangono le vittime della Norman Atlantic, la visita a Tirana diventa però per Renzi anche occasione per esprimere riconoscimento a chi, come l’Albania, ha cooperato alle operazioni sotto guida italiana. E un momento per manifestare il dolore e la vicinanza alle famiglie, nonchè fiducia nell’azione della magistratura nell’accertare le cause della sciagura. C’è inoltre “l’orgoglio” per come l’Italia ha saputo evitare che la tragedia divenisse “ecatombe”, salvando oltre 400 vite e dando prova, “tecnicamente parlando”, di atti di “eroismo”. Perché, sottolinea il premier citando il Talmud, “chi salva una vita salva il mondo intero”. L’Italia ha mostrato in un’occasione “tragica” che “cosa sa fare”, dice il presidente del Consiglio nel breve saluto ai rappresentanti della comunità italiana in Albania. E non è banale sottolinearlo, spiega, in un momento in cui “vince la sfiducia” e i sogni degli italiani si sono “rimpiccioliti”. Ci si deve allora augurare che “il 2015 sia all’altezza dei nostri sogni e i nostri sogni all’altezza del nostro Paese”. Nella sua azione per riportare l’Italia a essere non più fanalino di coda ma locomotore dell’Europa, Renzi ribadisce che la via maestra è “cambiare”. “Togliersi un po’ di polvere di dosso” e spazzare via le “tante cose cattive”. Fare le riforme non perché ce le chiede l’Ue ma perché servono al Paese. Farle, rivendica, con un’impronta di sinistra perché “non è vero”, come dicono i detrattori del Jobs act, che sono di destra. Ma anche continuare a battere il tasto, a livello europeo, di un’idea diversa di Europa, che parla di crescita e non di “vincoli”, di “speranza” e non delle regole della “burocrazia”. Tirana, dunque. Perché l’Albania condivide con l’Italia una “bella storia di integrazione” e con i Balcani è “il cuore dell’Europa”. Il 23 gennaio, all’indomani del bilaterale di Renzi con Angela Merkel a Firenze, a Roma si incontreranno i ministri degli Esteri di Italia, Serbia e Albania, in un trilaterale che potrebbe diventare vertice anche tra capi di governo. Sarà l’occasione per rinsaldare i rapporti economici, che già vedono l’Italia come primo partner commerciale per Tirana. Ma il presidente del Consiglio decide di rilanciare subito il tema dell’adesione all’Ue: ne fa il passaggio finale del semestre, di cui tirerà le fila il 13 gennaio a Strasburgo. A Tirana, dove qualche mese fa è stato in visita Giorgio Napolitano, Renzi incontra il presidente del Parlamento Ilir Meta, il presidente della Repubblica Bujar Nishani e il primo ministro Edi Rama. A lui lo lega un’amicizia iniziata quando erano entrambi sindaco, l’uno di Firenze, l’altro di Tirana. Ma soprattutto, sottolineano entrambi, il dover rappresentare due Paesi sempre più vicini, per rapporti commerciali ma anche per la presenza di tanti albanesi in Italia e ora anche tanti italiani in Albania (“Ventimila”, dice Rama). Nella legge di stabilità, si compiace Rama, c’è una norma che “dopo 60 anni” cancella il “diritto fisso”, una tassa che gli albanesi pagavano sul trasporto delle merci in Italia. E sono aperti i tavoli di discussione per il riconoscimento delle pensioni tra i due Paesi. Ma c’è anche l’impegno a difendere la cattedra di albanologia all’università la Sapienza di Roma. (dell’inviato Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

12:11Zimbabwe: Mnangagwa, elezioni ‘in quattro o cinque mesi’

(ANSA) - IL CAIRO, 18 GEN - Indicando un periodo più prossimo di quanto previsto finora, il nuovo presidente dello Zimbabwe - Emmerson Mnangagwa - ha detto che le elezioni nel paese si terranno "in quattro o cinque mesi". Lo scrive il sito Zimbabwe Mail. "Lo Zimbabwe terrà elezioni in quattro o cinque mesi e dobbiamo pregare di avere pace, pace, pace", ha detto il successore di Robert Mugabe a Maputo, la capitale del Mozambico dove è in visita ufficiale. Nel fare l'annuncio Mnangagwa ha promesso di tenere elezioni corrette per assicurare che lo Zimbabwe "si impegni col mondo quale Stato democratico qualificato". Sotto Mugabe le elezioni erano inficiate da brogli, intimidazioni e repressione violenta dell'opposizione, ricorda il sito. Mugabe ha governato il paese dell'Africa australe per 37 anni fino al novembre scorso quando fu costretto alle dimissioni da un intervento militare che puntava a scongiurare una passaggio dei poteri dell'ultranovantenne autocrate alla moglie Grace.

12:03Gentiloni, non scardinare sistema pensioni e fisco

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Non è il tempo di scardinare pilastri del nostro sistema pensionistico e fiscale, non è il tempo delle cicale, ma è il tempo della competenza, della serietà e dell'investimento sul futuro". Lo dice Paolo Gentiloni intervenendo all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss, ammonendo: "Quando si parla della prossima fase politica guai a dimenticare che uno degli obiettivi" deve essere "passare dalla stabilizzazione e leggerissima" discesa del debito "a una fase di riduzione graduale, sostenibile e significativa del nostro debito pubblico, se ne parla un po' poco" ma "deve essere uno degli obiettivi fondamentali del nostro paese" . "L'Italia attraversa una fase dove è più che mai necessario coraggio e fiducia. Fuori dalla più grande crisi dal dopoguerra, con una crescita stabile", conclude Gentiloni.

11:57Londra, altri 50mln a Parigi per controllo migranti Calais

(ANSA) - LONDRA, 18 GEN - La premier britannica Theresa May si prepara a versare altri 44,5 milioni di sterline (50 milioni di euro) a Parigi perché la Francia continui a fare da 'gendarme' nei confronti dei migranti in arrivo a Calais anche dopo la Brexit, filtrando i tentativi di attraversare la Manica. E' quanto anticipa la Bbc, a poche ore dal vertice bilaterale tra il primo ministro e il presidente francese Emmanuel Macron alla Royal Military Academy di Sandhurst: l'incontro tra i due leader è previsto nel primo pomeriggio, con una conferenza stampa congiunta in programma per le 17 locali (le 18 in Italia). Londra, sempre secondo le anticipazioni della Bbc, dovrebbe anche impegnarsi ad accogliere più migranti da Calais, in particolare minori non accompagnati, sebbene il governo May in passato abbia spesso deluso le aspettative francesi in merito. La stampa britannica appare piuttosto critica, in particolare il filo-Tory Daily Telegraph, sulle 'concessioni' del Regno in fatto di immigrazione.

11:53Kazakhstan: autorità, tutti uzbeki passeggeri bus in fiamme

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - Secondo le autorità kazake, erano tutti cittadini uzbeki i passeggeri del pullman che ha preso fuoco nella regione di Aktobe, in Kazakhstan, causando la morte di 52 persone. Lo riporta Interfax. Stando alle prime informazioni, solo cinque sono sopravvissuti, tra i quali i due conducenti "Le informazioni preliminari disponibili indicano che i due conducenti sono cittadini del Kazakhstan ed entrambi sono sopravvissuti", riferisce il portavoce del Comitato per le situazioni di emergenza del Kazakistan al ministero dell'Interno, Ruslan Imankulov. I cinque sopravvissuti alla tragedia sono stati portati in un ospedale nel distretto di Irgiz. "Hanno riportato ferite lievi", ha detto un rappresentante del dipartimento delle situazioni di emergenza regionali.

11:46Tennis: Australia, eliminato Sonego, ko con Gasquet

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Lorenzo Sonego non ce l'ha fatta. Troppo forte per lui, rivelazione di questi Australian Open, la racchetta del francese Richard Gasquet. L'azzurro ha dovuto così interrompere i suoi sogni di gloria al secondo turno del torneo di Melbourne dopo aver superato di slancio la prima prova. Sonego è stato sconfitto con il punteggio di 6-2 6-2 6-3 che lascia poco spazio all'immaginazione e la dice lunga sulla prevalenza del francese numero 31 del mondo, contro il quale poco ha potuto il 22enne torinese che può comunque essere soddisfatto del suo risultato al torneo australiano. (ANSA).

11:46Mo: Jenin, Hamas annuncia morte di un ‘martire’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 GEN - Nello scontro a fuoco avvenuto la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) è morto Ahmed al-Jarrar, 22 anni: lo rende noto Hamas in un comunicato in cui afferma che si tratta di un "martire delle Brigate Ezzedin al-Qassam" (il suo braccio armato) ed è anche un "martire figlio di un martire" perché suo padre Nasser al-Jarrar, ucciso dall'esercito israeliano nel 2002, era il comandante della sua ala militare a Jenin. La agenzia di stampa palestinese Maan aggiunge che a Jenin "manca all'appello" un altro giovane che la scorsa notte era con al-Jarrar. Potrebbe essere ancora sepolto nei detriti di tre edifici della famiglia al-Jarrar rasi al suolo dall'esercito. Nella notte l'esercito israeliano aveva annunciato di aver ucciso due palestinesi nello scontro a fuoco.

11:44Assalto a portavalori nel Brindisino, sparati colpi fucile

(ANSA) - TORCHIAROLO (BRINDISI), 18 GEN - Un gruppo di quattro persone a bordo di una Lancia Delta nera ha tentato di compiere una rapina ad un portavalori, con un assalto a colpi di fucile sulla superstrada Lecce - Brindisi, all'altezza di Torchiarolo (Brindisi). Diversi i colpi sparati con un fucile a canne mozze in direzione degli pneumatici del furgone e fortunatamente, nessuno è rimasto ferito anche se una guardia giurata della società Cosmopol ha riferito di essere stata sfiorata da uno dei proiettili. La carreggiata Nord della Statale è chiusa al traffico per consentire a carabinieri e polizia di effettuare i rilievi. Il portavalori è stato affiancato dalla vettura, ma la rapina non è andata a segno perché le guardie giurate non sono uscite dall'abitacolo e la banda è fuggita a piedi per le campagne circostanti. Le indagini vengono condotte dai carabinieri e dalla Squadra mobile della questura di Brindisi. Sul posto anche agenti della polizia stradale.

Archivio Ultima ora