Il petrolio sotto i 50 dollari spinge il Pil, ma rischio spirale deflazione

Pubblicato il 05 gennaio 2015 da redazione

Rischio deflazione

ROMA. – Niente più zavorra energetica, niente più bilancia commerciale a picco, benzina finalmente a prezzi abbordabili. Il petrolio sotto i 50 dollari significa per l’Italia un sospiro di sollievo sotto il fronte delle importazioni e sicuramente anche un rinfoltimento dei portafogli per automobilisti e autotrasportatori. Tuttavia, vedere i prezzi dei carburanti scendere sotto 1,5 euro al litro, come è successo oggi in alcuni distributori del Nord Italia, ed assistere contemporaneamente alla discesa a ritmi simili dei costi di trasporto delle merci significherà anche, con ogni probabilità, ripiombare inesorabilmente nella deflazione, dopo gli ultimi mesi di lieve risalita del livello generale dei prezzi. Quella che apparentemente sembra dunque per il nostro Paese una notizia positiva e liberatrice potrebbe mostrare quanto prima la sua doppia faccia. Il rischio è quello di un avvitamento o, nel migliore dei casi, di un effetto nullo del calo delle quotazioni del greggio. In combinazione con il nuovo spettro Grecia, la discesa dei prezzi del petrolio sta infatti squassando i mercati internazionali, compreso quello italiano, mandando in fumo miliardi di capitalizzazione, a partire dai giganti energetici nazionali Eni ed Enel. L’effetto positivo sul Pil si farà sentire e arriverà, secondo le stime del ministero dell’Economia, ad uno 0,5% in più se i prezzi dovessero mantenersi stabilmente bassi nel medio-lungo termine. L’economia potrebbe dunque trarre i suoi vantaggi, così come potrebbero risentire positivamente del crollo del greggio anche i conti pubblici, che sul Pil misurano il loro andamento. Ma proprio quel basso livello che tanto aiuterebbe, e in parte ha già aiutato, la bolletta energetica italiana significherebbe anche spingere l’inflazione sempre più giù, probabilmente invertendo il segno positivo degli ultimi mesi in segno meno. Secondo molti analisti, già a dicembre l’Italia potrebbe tornare a registrare un andamento negativo, con uno stimato -0,1% dopo il +0,2% di novembre. L’Istat renderà noto il dato mercoledì, ma già quello in arrivo oggi dalla Germania (appena +0,1% lo scorso mese, ai minimi degli ultimi 5 anni) è poco promettente. E la deflazione è il peggior nemico del debito pubblico. Soprattutto per Paesi a rischio come è l’Italia. Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, lo ripete come un mantra. Se il nostro debito continua ad aumentare “non è colpa dell’Italia”. Se succede è perché l’inflazione è troppo bassa. Se infatti il tasso di crescita dei prezzi fosse, come dovrebbe, intorno all’obiettivo fissato dai trattati Ue al 2%, la crescita nominale sarebbe molto più pronunciata e il debito italiano sarebbe quindi “in un sentiero di discesa rapidissimo”. Purtroppo, al momento, così non è.

Ultima ora

12:21Pedopornografia: 53% bambini abusati ha 10 anni

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il 53% dei bambini abusati e sfruttati per produrre sul web contenuti pedopornografici ha 10 anni o meno. A segnalare il dato "sconcertante, ma allo stesso tempo inferiore al 69% del 2015" è l'Unicef nel suo rapporto sulla "Condizione dell'infanzia nel mondo 2017: figli dell'era digitale". E' in aumento il numero di immagini di bambini dagli 11 ai 15 anni : dal 30% nel 2015 al 45% nel 2016. E 9 Url con contenuti pedopornografici su 10 identificati a livello mondiale sono localizzati in 5 paesi: Canada, Francia, Olanda, Russia e Usa.

12:20Arabia Saudita: riaprono i cinema, dopo 35 anni

(ANSA) - RIAD, 11 DIC - L'Arabia Saudita riaprirà i cinema dal prossimo anno, dopo oltre 35 anni. Lo hanno reso noto le autorità del regno. Secondo quanto è stato reso noto, oggi è stata approvata una risoluzione che spiana la strada alla concessione di licenze per i cinema commerciali. I cinema nel regno saudita vennero chiusi negli anni Ottanta, in seguito ad una svolta di carattere ultraconservatore che ora il principe ereditario Mohammed bin Salman sembra intenzionato ad invertire, con una serie di riforme che prevedono significative aperture sociali. Tra cui la revoca, dal prossimo anno, del divieto alle donne di guidare le automobili. Secondo fonti governative, i primi cinema saranno aperti prevedibilmente dal marzo del prossimo anno.

12:17Calcio: rissa dopo derby Manchester, colpito anche Mourinho

(ANSA) - LONDRA, 11 DIC - Finale di derby burrascoso all'Old Trafford, ieri, dopo la vittoria del City sullo United: a farne le spese Mourinho, innaffiato di latte e colpito alla testa da una bottiglia d'acqua. La maxi-rissa, che ha coinvolto almeno 20 persone tra giocatori e tecnici delle due squadre, è iniziata quando Mourinho è entrato nello spogliatoio del City per chiedere di abbassare la musica dei festeggiamenti. Un modo per dimostrare "maggiore rispetto" verso la 'sua' squadra. Il portoghese è stato subito affrontato dal portiere dei Citizens, Ederson, con il quale è scoppiato un acceso confronto, degenerato nel giro di qualche secondo, quando Mourinho è stato raggiunto da alcuni 'suoi' giocatori. Ne è nata una maxi-rissa. Secondo i media nel parapiglia Mourinho è stato colpito da una battaglia (vuota) d'acqua, e bagnato con schizzi d'acqua e latte. Tra i Citizens, Mikel Arteta, assistente di Guardiola, ha subito le conseguenze peggiori: per lui una ferita alla testa che ha richiesto l'intervento dei sanitari.

12:11Calcio: Borussia Dortmund, via Bosz e al suo posto Stoeger

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sconfitta subita in casa sabato scorso, nella 15/a giornata della Bundesliga (per 2-1 contro il Werder Brema), sommata all'ottavo posto in classifica (-13 punti dal Bayern Monaco capolista), è stata fatale a Peter Bosz. L'allenatore olandese, infatti, non è più alla guida del Borussia Dortmund, che ha chiamato l'austriaco Peter Stoeger, ex tecnico di Austria Vienna e Colonia. I gialloneri, che sono stati anche eliminati dalla Champions, non vincono dal 30 settembre scorso (2-1 in trasferta all'Augusta) e sono sprofondati in una profonda crisi. Bosz era arrivato in estate per sostituire in panchina Thomas Tuchel. La notizia del cambio di guida tecnica è stata ufficializzata sull'account ufficiale Twitter del club tedesco.

12:06Travolge passanti con auto: Procura, accusa è strage

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Michele Bordoni, il 27enne che sabato scorso in auto ha travolto e ferito alcuni visitatori del mercatino di Natale a Sondrio, è accusato di strage. Con questa ipotesi a cui si aggiungono resistenza e lesioni aggravate nei confronti di un agente, il procuratore di Sondrio Claudio Gittardi e il pm Stefano Latorre, chiederanno al gip la convalida dell'arresto del giovane e il carcere. L'ipotesi di strage è stata riformulata dopo la ricostruzione dell'accaduto da cui è emerso che il giovane avrebbe voluto uccidere "indifferentemente una pluralità di persone". "Ne dovevo ammazzare di più" sono infatti le parole che Michele Bordoni ha pronunciato sabato al momento del suo arresto.

11:51Maltempo:disagi circolazione e treni soppressi in V. d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - La forte nevicata delle ultime 24 ore ha concesso una tregua in Valle d'Aosta, dove tuttavia si registrano alcuni disagi alla circolazione. I treni della mattina sulla linea Aosta-Ivrea sono stati soppressi. Una slavina ha invaso la strada statale 26 a La Saxe (Courmayeur): nessuna auto è stata coinvolta, ma la circolazione è interrotta su quel tratto. La stessa strada statale 26 è chiusa nella parte che porta a La Thuile (località Balme) per la caduta di due piante. Stop alla circolazione per pericolo valanghe anche su alcune arterie regionali: a Rhemes-Saint-Georges, a Valsavarenche (tra Tsan d'Oula a Pont) e a Courmayeur (Val Ferret e Val Veny). Criticità anche ad Aosta sia agli accessi della città che nelle vie centrali ancora innevate.(ANSA).

11:47Maltempo: Veneto, in pianura piove,nevica ancora in montagna

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Dopo la nevicata di ieri che ha raggiunto anche le località di pianura, oggi in Veneto l'innalzarsi delle temperature ha portato la pioggia nelle principali città, mentre in montagna nelle ultime ore si è consolidato con nuove imbiancate il manto di neve fresca. Tra sabato e stamane si sono accumulati, secondo le rilevazioni dell'Arpav, 22 centimetri di neve a Malga Losch, a 1.735 metri di quota nelle Dolomiti meridionali, 9 a Cortina, 8 a Sappada, 12 ad Arabba e 16 ad Agordo. Immagine tipicamente invernale anche per l'Altopiano di Asiago, imbiancata da 17 centimetri di neve fresca, ed Enego (20).

Archivio Ultima ora