Governo e opposizione a confronto nei sondaggi di “Datanàlisis” e “Keller & Asociados”

Pubblicato il 12 gennaio 2015 da redazione

Demonstration against Venezuelan government in San Cristobal

Confusione. Ecco, una gran confusione. Al timore di un’implosione sociale spontanea, a seguito della crisi economica il cui aspetto più evidente è la carenza  di generi alimentari e medicine, si aggiungono ora gli appelli a scioperi generali; scioperi convocati attraverso i social net-work e dai quali si smarcano con forza le organizzazioni politiche di destra e di sinistra. “Una iniziativa inopportuna” la valutazione bipartisan.

Certo, le file dei consumatori davanti ai supermarket sono da mesi il pane quotidiano. Non lo erano quelle che oggi si formano anche alle porte dei piccoli generi alimentari nei quartieri umili delle città. Ma non lo sono neanche le proteste, spente sul nascere, nei “Mercal” all’aperto.

– Se non ci fossero gli alimenti, non ci sarebbero neanche le file – ha affermato, cercando di rassicurare i venezuelani, il vicepresidente per la Sicurezza e la Sovranità Alimentare, Carlos Osorio. Ma le sue dichiarazioni, orientate a placare gli animi, non convincono chi, sotto il sole cocente dei tropici, è costretto a ore di attesa per acquistare una quantità assai limitata di prodotti.

C’è chi gli ricorda con nostalgia che tempo addietro i venezuelani potevano scegliere, tra una gran varietà di prodotti, quelli di loro preferenza, cercando il miglior equilibrio tra prezzo e qualità.

Neanche aiutano a placare gli animi e a creare un clima di distensione, le minacce del giovane vicepresidente, Jorge Arreaza, che rivolto ai protagonisti dei nuovi fuochi di protesta, immediatamente spenti dalle forze dell’Ordine, ha affermato che nella prigione di Ramo Verde, dove tutt’oggi sono reclusi i connazionali Enzo Scarano e Salvatore Lucchesi, “vi sono celle vuote”. O il decreto, rimasto lettera morta, del Governatore dello Stato Yaracuy, Julio Leòn Heredia, che proibisce ai venezuelani di pernottare di fronte i supermercati.

Mentre in Venezuela, nonostante tutto, continua a prevalere un clima di nervosismo, di preoccupazione ma anche di speranza, il presidente della Repubblica, Nicolàs Maduro, prosegue il suo periplo in Medio Oriente. Si dovrà attendere il suo ritorno per capire meglio ciò che è stato dato e ciò che è stato ottenuto dal Venezuela. Il capo dello Stato si è recato all’altro lato del mondo per convincere i soci dell’Opec della necessità di intervenire sul mercato petrolifero e di costruire una strategia per spingere i prezzi del greggio al rialzo. Vedremo se riuscirà là dove il suo ex ministro degli Esteri, Rafael Ramìrez, aveva fallito.

Nell’ambito politico i sondaggi di “Keller & Asociados” e “Datanàlisis” coincidono nel segnalare che la popolarità del presidente Maduro non supera il 20 per cento. Ben altri erano i livelli su cui volava la notorietà dell’estinto presidente Hugo Rafael Chàvez Frìas. Il risultato dei sondaggi, resi noti dai due istituti demoscopici, tra i più seri del Paese, mettono sotto una luce assai particolare la realtà politica venezuelana.

“Keller & Associados” riferisce che nella sua “top-ten” dei leaders politici, nelle prime cinque posizioni, solo appaiono personalità dell’Opposizione. E cioè, Leopoldo Lòpez, Henrique Capriles, Henry Falcòn, Marìa Corina Machado e Antonio Ledezma. Seguono immediatamente dopo Elìas Jaua, Marìa Gabriela Chàvez, Aristòbulo Isturiz e Jorge Rodrìguez. Il presidente Maduro è fanalino di coda. Datanàlisis, poi, sottolinea che l’Opposizione gode della simpatia del 40 per cento dei venezuelani mentre il Governo solo del 20 per cento.

Chiaro, la politica è incostante. E ciò che è oggi una realtà apparentemente irreversibile domani potrebbe già non esserla. E così anche leaders poco amati, ma con tanto potere, come ad esempio Diosdado Cabello, potrebbero assurgere nelle preferenze dei venezuelani

Opposizione e Governo hanno di fronte una gran responsabilità. E i sondaggi riflettono gli umori della popolazione. I venezuelani, in questo momento, ritengono che il presidente Maduro non abbia saputo gestire la politica economica in modo tale da ottenere ciò che si proponeva e attendono che molte delle sue promesse si trasformino finalmente in realtà. Insomma, stando sempre ai sondaggi dei due istituti demoscopici, comincia a manifestarsi una certa insofferenza tra chi, fino a ieri, ha vissuto di speranze. L’Opposizione, comunque fino ad oggi, è stata incapace di presentare soluzioni e proposte alternative.

Stando ai sondaggi, che riflettono la realtà odierna, il voto dei venezuelani, nelle prossime elezioni parlamentari, probabilmente permetterà all’Opposizione di ottenere una maggioranza relativa nell’Assemblea nazionale. Le condizione obiettive ci sarebbero. Ma il trionfo, come lo fu quello del presidente Chàvez nel 1998, potrebbe essere determinato dal ‘voto castigo’ e non da una reale volontà di cambio. Il trionfo nelle parlamentari, pur galvanizzando l’Opposizione e riaccendendone le speranze, potrebbe non essere sufficiente.

Sono ancora tante le carte che il Governo può giocare per riconquistare il terreno perso. E i sondaggi, mutevoli come gli stati d’animo dei venezuelani potrebbero, in pochi mesi se non settimane, trasformare nuovamente il panorama politico nazionale.

Poche parole ancora sui probabili leaders che si potrebbero contendere l’onore e l’onere di partecipare alla prossima kermesse presidenziale. Stando a Datanàlisis, per l’opposizione i ‘papabili’ potrebbero essere Leopoldo Lòpez, alla ribalta grazie all’arresto, e Henrique Capriles, che gode ancora delle simpatie di una gran parte dell’elettorato. Ma all’orizzonte fa capolino anche Henry Falcòn che, con molta abilità, è riuscito a proporsi come il leader capace di unire le tante diverse anime degli scontenti, di destra e di sinistra.

Sul versante opposto non appare chiaro chi potrebbe proporsi come candidato del Governo, qualora il presidente Maduro decidesse di non ripresentarsi. Il “chavismo”, comunque, ha a suo favore non solo le redini del potere ma anche una capacità organizzativa paragonabile solo a quella di Acciòn Democràtica all’epoca del suo fondatore Ròmulo Betancourt e del Partito Comunista, durante la repressione perezjimenista.

Bisognerà, quindi, attendere l’evolversi della situazione in un Venezuela  dagli umori assai volubile.

(Mauro Bafile)

 

Ultima ora

21:36Calcio: rigore Milan poi Var, un espulso nel Crotone

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Rigore, Var e cartellino rosso in Crotone-Milan, dopo pochi minuti dell'inizio della sfida sul terreno dello Scida. L'arbitro Mariani di Aprilia ha fischiato un penalty a favore del Milan per un fallo in area di Ceccherini su Cutrone, poi ha chiesto l'ausilio della videoassistenza, recandosi anche a bordo campo per visualizzare di persona il replay. A quel punto ha confermato il rigore e ha aggiunto il rosso diretto per il giocatore del Crotone. Dal dischetto ha poi trasformato Kessiè.

21:34Calcio: da Curva Nord ululati a Gomis prima di Lazio-Spal

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Ululati razzisti all'indirizzo del portiere di colore, Alfred Gomis, si sono levati dalla curva nord laziale, prima e durante il match di campionato nello stadio Olimpico, tra Lazio e Spal. Curva che vede l'assenza dagli spalti degli Irriducibili, che hanno lasciato l'impianto poco prima del fischio d'inizio della partita. Presumibilmente a seguito della richiesta, da parte della sicurezza, di rimuovere uno striscione offensivo nei confronti di Keita e del suo procuratore Roberto Calenda.

21:31Calcio: Lazio, Tare “Per Keita serve pazienza”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Keita? Non penso si ripresenterà a Formello domani, risolveremo con pazienza". Così il ds della Lazio, Igli Tare, nel prepartita dell'Olimpico contro la Spal. "Hoedt ha chiesto di essere ceduto - aggiunge il dirigente dei biancocelesti - perché voleva essere protagonista assoluto da noi e noi non potevamo garantirglielo, come non lo garantiamo a nessuno. Quindi penso che l'affare si farà e gli facciamo un grande in bocca al lupo".

21:18Calcio: Inter, Ausilio “Candreva è un giocatore incedibile”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Abbiamo ben chiare le strategie, ma la squadra che presentiamo oggi è quella che sostanzialmente farà tutta la stagione. Candreva? È incedibile". Così il ds dell'Inter, Piero Ausilio, nel prepartita del Meazza contro la Fiorentina. "Schick? È un giocatore che ci piace, però non ci sono solo gli aspetti tecnici da valutare - aggiunge il dirigente -. Ci sono anche quelli economici che spesso fanno fare valutazioni diverse. Se tutto va bene domani ci sarà lo scambio tra Kondogbia e Cancelo, ma è ancora presto per l'ufficialità. Stiamo lavorando per trovare un centrale difensivo, in effetti qualcosa lì manca. Ma tra comprare un giocatore adesso, magari spendendo tanto e per poi scoprire che non era quello che faceva al caso nostro e aspettare un'occasione migliore, preferiamo aspettare".

21:16Barcellona: 1′ silenzio al Camp Nou ‘#TotsSomBarcelona’

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Silenzio, riflessione, dolore e commozione in un Camp Nou blondato, a Barcellona, prima dell'inizio della partita fra i blaugrana e il Betis Siviglia, che inaugura la Liga per i catalani. Durante il minuto di raccoglimento è stato esposto lo striscione in lingua catalana con la scritta '#TotsSomBarcelona', 'tutti siamo Barcellona, con riferimento all'attentato dei giorni scorsi. I giocatori di Valverde, come annunciato, sono in campo con la consueta maglia, ma senza il proprio nome sulle spalle, che è stato sostituito dalla scritta Barcelona.

20:54Roma: Di Francesco “Grande prova di carattere”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Avevo chiesto una prova di carattere ai ragazzi e hanno risposto pur su un campo in cui nell'ultima stagione hanno vinto in pochissimi". Così il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la bella vittoria di Bergamo. "Dobbiamo migliorare nel palleggio, specialmente quando siamo in vantaggio, ma ho visto nella squadra il desiderio di sacrificarsi, di aiutarsi tra di loro e questo per un allenatore è comunque un bel segnale - aggiunge Di Francesco - Col tempo troveremo la condizione". "Mi sono arrabbiato per come abbiamo gestito male gli ultimi palloni, concedendo agli avversari la possibilità di pareggiare - ancora il tecnico della Roma - E una grande squadra certi errori non li deve commettere. Ma sono sereno perché oggi siamo stati più bravi a difendere che attaccare. Da domani cercheremo di essere anche bravi ad attaccare". .

20:46Multato per parcheggio posto disabili, lascia insulti

(ANSA) - MILANO, 20 AGO - Ha preso una multa per aver parcheggiato negli spazi riservati ai disabili e si è pure permesso di lasciare un messaggio (sgrammaticato) di insulti all'indirizzo della persona cui aveva rubato il posto. E' successo nel parcheggio di un centro commerciale del Milanese, dove ieri è apparso un cartello con scritto: "a te handiccappato che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più vorrei dirti questo: a me 60 euro non cambiano nulla ma tu rimani sempre un povero handiccappato ... sono contento che ti sia capitata questa disgrazia!". Il messaggio è stato diffuso su Facebook da un passante, Claudio Sala: "Volevo condividere questa perla di civiltà trovata oggi al parcheggio sotterraneo del Carosello di Carugate..." ha scritto in un post con centinaia di condivisioni. Sala ha inviato la stessa immagine al centro commerciale, che gli ha comunicato di aver immediatamente rimosso il cartello. Indignati i commentatori sul web, che sperano che l'autore venga individuato grazie alle telecamere.

Archivio Ultima ora