Governo e opposizione a confronto nei sondaggi di “Datanàlisis” e “Keller & Asociados”

Pubblicato il 12 gennaio 2015 da redazione

Demonstration against Venezuelan government in San Cristobal

Confusione. Ecco, una gran confusione. Al timore di un’implosione sociale spontanea, a seguito della crisi economica il cui aspetto più evidente è la carenza  di generi alimentari e medicine, si aggiungono ora gli appelli a scioperi generali; scioperi convocati attraverso i social net-work e dai quali si smarcano con forza le organizzazioni politiche di destra e di sinistra. “Una iniziativa inopportuna” la valutazione bipartisan.

Certo, le file dei consumatori davanti ai supermarket sono da mesi il pane quotidiano. Non lo erano quelle che oggi si formano anche alle porte dei piccoli generi alimentari nei quartieri umili delle città. Ma non lo sono neanche le proteste, spente sul nascere, nei “Mercal” all’aperto.

– Se non ci fossero gli alimenti, non ci sarebbero neanche le file – ha affermato, cercando di rassicurare i venezuelani, il vicepresidente per la Sicurezza e la Sovranità Alimentare, Carlos Osorio. Ma le sue dichiarazioni, orientate a placare gli animi, non convincono chi, sotto il sole cocente dei tropici, è costretto a ore di attesa per acquistare una quantità assai limitata di prodotti.

C’è chi gli ricorda con nostalgia che tempo addietro i venezuelani potevano scegliere, tra una gran varietà di prodotti, quelli di loro preferenza, cercando il miglior equilibrio tra prezzo e qualità.

Neanche aiutano a placare gli animi e a creare un clima di distensione, le minacce del giovane vicepresidente, Jorge Arreaza, che rivolto ai protagonisti dei nuovi fuochi di protesta, immediatamente spenti dalle forze dell’Ordine, ha affermato che nella prigione di Ramo Verde, dove tutt’oggi sono reclusi i connazionali Enzo Scarano e Salvatore Lucchesi, “vi sono celle vuote”. O il decreto, rimasto lettera morta, del Governatore dello Stato Yaracuy, Julio Leòn Heredia, che proibisce ai venezuelani di pernottare di fronte i supermercati.

Mentre in Venezuela, nonostante tutto, continua a prevalere un clima di nervosismo, di preoccupazione ma anche di speranza, il presidente della Repubblica, Nicolàs Maduro, prosegue il suo periplo in Medio Oriente. Si dovrà attendere il suo ritorno per capire meglio ciò che è stato dato e ciò che è stato ottenuto dal Venezuela. Il capo dello Stato si è recato all’altro lato del mondo per convincere i soci dell’Opec della necessità di intervenire sul mercato petrolifero e di costruire una strategia per spingere i prezzi del greggio al rialzo. Vedremo se riuscirà là dove il suo ex ministro degli Esteri, Rafael Ramìrez, aveva fallito.

Nell’ambito politico i sondaggi di “Keller & Asociados” e “Datanàlisis” coincidono nel segnalare che la popolarità del presidente Maduro non supera il 20 per cento. Ben altri erano i livelli su cui volava la notorietà dell’estinto presidente Hugo Rafael Chàvez Frìas. Il risultato dei sondaggi, resi noti dai due istituti demoscopici, tra i più seri del Paese, mettono sotto una luce assai particolare la realtà politica venezuelana.

“Keller & Associados” riferisce che nella sua “top-ten” dei leaders politici, nelle prime cinque posizioni, solo appaiono personalità dell’Opposizione. E cioè, Leopoldo Lòpez, Henrique Capriles, Henry Falcòn, Marìa Corina Machado e Antonio Ledezma. Seguono immediatamente dopo Elìas Jaua, Marìa Gabriela Chàvez, Aristòbulo Isturiz e Jorge Rodrìguez. Il presidente Maduro è fanalino di coda. Datanàlisis, poi, sottolinea che l’Opposizione gode della simpatia del 40 per cento dei venezuelani mentre il Governo solo del 20 per cento.

Chiaro, la politica è incostante. E ciò che è oggi una realtà apparentemente irreversibile domani potrebbe già non esserla. E così anche leaders poco amati, ma con tanto potere, come ad esempio Diosdado Cabello, potrebbero assurgere nelle preferenze dei venezuelani

Opposizione e Governo hanno di fronte una gran responsabilità. E i sondaggi riflettono gli umori della popolazione. I venezuelani, in questo momento, ritengono che il presidente Maduro non abbia saputo gestire la politica economica in modo tale da ottenere ciò che si proponeva e attendono che molte delle sue promesse si trasformino finalmente in realtà. Insomma, stando sempre ai sondaggi dei due istituti demoscopici, comincia a manifestarsi una certa insofferenza tra chi, fino a ieri, ha vissuto di speranze. L’Opposizione, comunque fino ad oggi, è stata incapace di presentare soluzioni e proposte alternative.

Stando ai sondaggi, che riflettono la realtà odierna, il voto dei venezuelani, nelle prossime elezioni parlamentari, probabilmente permetterà all’Opposizione di ottenere una maggioranza relativa nell’Assemblea nazionale. Le condizione obiettive ci sarebbero. Ma il trionfo, come lo fu quello del presidente Chàvez nel 1998, potrebbe essere determinato dal ‘voto castigo’ e non da una reale volontà di cambio. Il trionfo nelle parlamentari, pur galvanizzando l’Opposizione e riaccendendone le speranze, potrebbe non essere sufficiente.

Sono ancora tante le carte che il Governo può giocare per riconquistare il terreno perso. E i sondaggi, mutevoli come gli stati d’animo dei venezuelani potrebbero, in pochi mesi se non settimane, trasformare nuovamente il panorama politico nazionale.

Poche parole ancora sui probabili leaders che si potrebbero contendere l’onore e l’onere di partecipare alla prossima kermesse presidenziale. Stando a Datanàlisis, per l’opposizione i ‘papabili’ potrebbero essere Leopoldo Lòpez, alla ribalta grazie all’arresto, e Henrique Capriles, che gode ancora delle simpatie di una gran parte dell’elettorato. Ma all’orizzonte fa capolino anche Henry Falcòn che, con molta abilità, è riuscito a proporsi come il leader capace di unire le tante diverse anime degli scontenti, di destra e di sinistra.

Sul versante opposto non appare chiaro chi potrebbe proporsi come candidato del Governo, qualora il presidente Maduro decidesse di non ripresentarsi. Il “chavismo”, comunque, ha a suo favore non solo le redini del potere ma anche una capacità organizzativa paragonabile solo a quella di Acciòn Democràtica all’epoca del suo fondatore Ròmulo Betancourt e del Partito Comunista, durante la repressione perezjimenista.

Bisognerà, quindi, attendere l’evolversi della situazione in un Venezuela  dagli umori assai volubile.

(Mauro Bafile)

 

Ultima ora

01:14Calcio: Gasperini, partita che ci deve essere d’insegnamento

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Da questa partita dobbiamo prendere un insegnamento importante contro una squadra forte e che aveva voglia di riscatto. Non sono deluso. Deve essere un riferimento per noi, impariamo la lezione. Ci servirà a gennaio, quando affronteremo ancora la Juventus in Coppa Italia e per il ritorno in campionato. Nel frattempo speriamo di crescere". Gian Piero Gasperini, tecnico dell'Atalanta rivelazione in serie A, non si mostra abbattuto dopo il 3-1 incassato allo 'Juventus stadio', arrivato dopo sei successi consecutivi. "C'erano tutte le condizioni per non avere alcun tipo di impatto negativo - dice l'allenatore - indubbiamente c'era un certo divario, ma meno evidente di quello che ha mostrato il campo. Sarà compito nostro cercare di ridurlo. L'aspetto che mi dà fastidio è che contro squadre così non devi giocare individualmente ma coralmente. Siamo arrivati troppo spesso secondi sulla palla".

01:09Calcio: Allegri, siamo ripartiti dopo Genova

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Siamo ripartiti dopo Genova". Massimiliano Allegri è visibilmente soddisfatto di come la sua Juventus ha reagito contro l'Atalanta alla sconfitta sul terreno del Genoa. "Lavorare una settimana intera è stato importante, puoi dare idee nuove alla squadra, curare il recupero fisico. Da un mese avevo smesso di fare l'allenatore, giocando una partita ogni tre giorni" ha spiegato l'allenatore. "Contro l'Atalanta abbiamo fatto una bella partita e non era facile perché loro ci hanno impegnato molto fisicamente - ha aggiunto - ma i ragazzi sono stati bravi. Pjanic meglio da trequartista? Il trequartista è un giocatore che deve fare il centrocampista. Pjanic l'ha fatto discretamente bene e poi è stato importante sui calci piazzati in cui abbiamo fatto due gol". Quanto a Higuain "deve rimanere sereno, lui è abituato a segnare tutte le partite, ma nella Juve è normale che segnino anche altri. Ha avuto occasioni, ha fatto una buona partita e segnerà nei prossimi match".

00:52Trovato morto in casa dopo furto nel Livornese

(ANSA) - SAN VINCENZO (LIVORNO), 3 DIC - Un uomo di 77 anni è stato trovato morto nella sua casa di San Vincenzo (Livorno) dopo aver subito un furto o una rapina. Il corpo dell'uomo non presenta ferite esterne o segni di violenza: tra le ipotesi, anche quella che il 77enne possa essere morto per un malore dovuto allo choc, anche se sarà l'autopsia a chiarire le cause del decesso. Ancora da chiarire anche la dinamica dell'accaduto nella casa dell'uomo, un ex imprenditore della zona, in una zona residenziale sulle colline di San Vincenzo nella quale sono intervenuti i carabinieri: l'abitazione è stata trovata a soqquadro e la cassaforte aperta, senza il suo contenuto. L'allarme è stato dato dalla figlia dell'anziano.(ANSA).

00:32Calcio: Rugani, sconfitta a Genova ci ha fatto crescere

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Era importante far capire subito che quello di Genova è stato un tonfo che ci poteva stare, ma che ci ha fatto crescere e capire cosa avevamo sbagliato. E questo si è visto in campo, siamo entrati con il giusto approccio, siamo stati molto determinati ed il risultato è stato una conseguenza". Daniele Rugani, difensore-goleador della Juventus che ha battuto 3-1 l'Atalanta, commenta così il successo della sua squadra. "Sono contento di aver dato un buon contributo per mettere la partita nei binari giusti. A chi dedico il mio gol? A tutte le persone che mi stanno vicino, a tutti quelli che mi danno sempre una mano dentro e fuori dal campo" aggiunge.

00:13Calcio: un’ottima Juventus batte l’Atalanta 3-1

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Un'ottima Juventus ha vinto la sfida con l'Atalanta, squadra rivelazione della serie A, battendola 3-1. Per la formazione allenata da Gasperini non c'è stato scampo allo Juventus Stadium, contro l'11 bianconero affamato di riscatto dopo la sconfitta patita in casa del Genoa. Dopo 19 minuti il risultato era già 2-0, con le reti Alex Sandro (la prima in campionato del brasiliano, che ha poi reso omaggio ai connazionali della Chapecoense, decimati nell'incidente aereo in Colombia, con una maglietta dedicata) e Rugani. Nella ripresa Mandzukic, uno dei migliori in campo anche prima di entrare nel tabellino, ha segnato la terza rete. Freuler nel finale ha reso meno amaro il ko. I bianconeri allungano in testa alla classifica, salendo a 36 punti, +7 su Roma e Milan, la prima impegnata domani nel derby ed il secondo in casa con il Crotone. Atalanta ferma a 28.

23:45Termina a Santiago il viaggio di Fidel

(ANSA) - SANTIAGO DE CUBA, 3 DIC - Il viaggio di Fidel Castro nella sua Cuba termina a Santiago. Dopo aver percorso 900 chilometri, e aver attraversato l'isola sulle orme della 'Caravana de la Libertad' che segnò l'inizio dell'era del Comandante en Jefe, Fidel torna alla 'sua' base. Dove tutto iniziò. A Santiago de Cuba infatti il Lider Maximo ha mosso i primi passi della rivoluzione, che lo ha portato il primo gennaio 1959 a entrare trionfante a L'Avana. E Santiago è orgogliosa del suo ruolo nella storia, e si definisce 'culla della rivoluzione'. Il corteo funebre con le ceneri di Fidel entra trionfante in città e percorre 17 chilometri per le strade di Santiago, fra migliaia di persone in piazza per salutarlo e omaggiarlo. Un omaggio che si protrae l'intera giornata, con l'ultimo bagno di folla per il Comandante en Jefe nella Plaza Antonio Maceo, la Plaza de la Revolucion, alla presenza di Raul Castro. Per l'occasione diverse personalità sono giunte a Cuba.

23:40Usa: Fiamme al rave, molti stranieri alla festa

(ANSA) - NEW YORK, 3 DIC - Tra i partecipanti del rave party finito in tragedia ad Oakland, in California, anche tanti stranieri. Lo ha detto la polizia locale. Non e' ancora chiaro se vi siano cittadini non americani tra le vittime e i dispersi.

Archivio Ultima ora