Governo e opposizione a confronto nei sondaggi di “Datanàlisis” e “Keller & Asociados”

Pubblicato il 12 gennaio 2015 da redazione

Demonstration against Venezuelan government in San Cristobal

Confusione. Ecco, una gran confusione. Al timore di un’implosione sociale spontanea, a seguito della crisi economica il cui aspetto più evidente è la carenza  di generi alimentari e medicine, si aggiungono ora gli appelli a scioperi generali; scioperi convocati attraverso i social net-work e dai quali si smarcano con forza le organizzazioni politiche di destra e di sinistra. “Una iniziativa inopportuna” la valutazione bipartisan.

Certo, le file dei consumatori davanti ai supermarket sono da mesi il pane quotidiano. Non lo erano quelle che oggi si formano anche alle porte dei piccoli generi alimentari nei quartieri umili delle città. Ma non lo sono neanche le proteste, spente sul nascere, nei “Mercal” all’aperto.

– Se non ci fossero gli alimenti, non ci sarebbero neanche le file – ha affermato, cercando di rassicurare i venezuelani, il vicepresidente per la Sicurezza e la Sovranità Alimentare, Carlos Osorio. Ma le sue dichiarazioni, orientate a placare gli animi, non convincono chi, sotto il sole cocente dei tropici, è costretto a ore di attesa per acquistare una quantità assai limitata di prodotti.

C’è chi gli ricorda con nostalgia che tempo addietro i venezuelani potevano scegliere, tra una gran varietà di prodotti, quelli di loro preferenza, cercando il miglior equilibrio tra prezzo e qualità.

Neanche aiutano a placare gli animi e a creare un clima di distensione, le minacce del giovane vicepresidente, Jorge Arreaza, che rivolto ai protagonisti dei nuovi fuochi di protesta, immediatamente spenti dalle forze dell’Ordine, ha affermato che nella prigione di Ramo Verde, dove tutt’oggi sono reclusi i connazionali Enzo Scarano e Salvatore Lucchesi, “vi sono celle vuote”. O il decreto, rimasto lettera morta, del Governatore dello Stato Yaracuy, Julio Leòn Heredia, che proibisce ai venezuelani di pernottare di fronte i supermercati.

Mentre in Venezuela, nonostante tutto, continua a prevalere un clima di nervosismo, di preoccupazione ma anche di speranza, il presidente della Repubblica, Nicolàs Maduro, prosegue il suo periplo in Medio Oriente. Si dovrà attendere il suo ritorno per capire meglio ciò che è stato dato e ciò che è stato ottenuto dal Venezuela. Il capo dello Stato si è recato all’altro lato del mondo per convincere i soci dell’Opec della necessità di intervenire sul mercato petrolifero e di costruire una strategia per spingere i prezzi del greggio al rialzo. Vedremo se riuscirà là dove il suo ex ministro degli Esteri, Rafael Ramìrez, aveva fallito.

Nell’ambito politico i sondaggi di “Keller & Asociados” e “Datanàlisis” coincidono nel segnalare che la popolarità del presidente Maduro non supera il 20 per cento. Ben altri erano i livelli su cui volava la notorietà dell’estinto presidente Hugo Rafael Chàvez Frìas. Il risultato dei sondaggi, resi noti dai due istituti demoscopici, tra i più seri del Paese, mettono sotto una luce assai particolare la realtà politica venezuelana.

“Keller & Associados” riferisce che nella sua “top-ten” dei leaders politici, nelle prime cinque posizioni, solo appaiono personalità dell’Opposizione. E cioè, Leopoldo Lòpez, Henrique Capriles, Henry Falcòn, Marìa Corina Machado e Antonio Ledezma. Seguono immediatamente dopo Elìas Jaua, Marìa Gabriela Chàvez, Aristòbulo Isturiz e Jorge Rodrìguez. Il presidente Maduro è fanalino di coda. Datanàlisis, poi, sottolinea che l’Opposizione gode della simpatia del 40 per cento dei venezuelani mentre il Governo solo del 20 per cento.

Chiaro, la politica è incostante. E ciò che è oggi una realtà apparentemente irreversibile domani potrebbe già non esserla. E così anche leaders poco amati, ma con tanto potere, come ad esempio Diosdado Cabello, potrebbero assurgere nelle preferenze dei venezuelani

Opposizione e Governo hanno di fronte una gran responsabilità. E i sondaggi riflettono gli umori della popolazione. I venezuelani, in questo momento, ritengono che il presidente Maduro non abbia saputo gestire la politica economica in modo tale da ottenere ciò che si proponeva e attendono che molte delle sue promesse si trasformino finalmente in realtà. Insomma, stando sempre ai sondaggi dei due istituti demoscopici, comincia a manifestarsi una certa insofferenza tra chi, fino a ieri, ha vissuto di speranze. L’Opposizione, comunque fino ad oggi, è stata incapace di presentare soluzioni e proposte alternative.

Stando ai sondaggi, che riflettono la realtà odierna, il voto dei venezuelani, nelle prossime elezioni parlamentari, probabilmente permetterà all’Opposizione di ottenere una maggioranza relativa nell’Assemblea nazionale. Le condizione obiettive ci sarebbero. Ma il trionfo, come lo fu quello del presidente Chàvez nel 1998, potrebbe essere determinato dal ‘voto castigo’ e non da una reale volontà di cambio. Il trionfo nelle parlamentari, pur galvanizzando l’Opposizione e riaccendendone le speranze, potrebbe non essere sufficiente.

Sono ancora tante le carte che il Governo può giocare per riconquistare il terreno perso. E i sondaggi, mutevoli come gli stati d’animo dei venezuelani potrebbero, in pochi mesi se non settimane, trasformare nuovamente il panorama politico nazionale.

Poche parole ancora sui probabili leaders che si potrebbero contendere l’onore e l’onere di partecipare alla prossima kermesse presidenziale. Stando a Datanàlisis, per l’opposizione i ‘papabili’ potrebbero essere Leopoldo Lòpez, alla ribalta grazie all’arresto, e Henrique Capriles, che gode ancora delle simpatie di una gran parte dell’elettorato. Ma all’orizzonte fa capolino anche Henry Falcòn che, con molta abilità, è riuscito a proporsi come il leader capace di unire le tante diverse anime degli scontenti, di destra e di sinistra.

Sul versante opposto non appare chiaro chi potrebbe proporsi come candidato del Governo, qualora il presidente Maduro decidesse di non ripresentarsi. Il “chavismo”, comunque, ha a suo favore non solo le redini del potere ma anche una capacità organizzativa paragonabile solo a quella di Acciòn Democràtica all’epoca del suo fondatore Ròmulo Betancourt e del Partito Comunista, durante la repressione perezjimenista.

Bisognerà, quindi, attendere l’evolversi della situazione in un Venezuela  dagli umori assai volubile.

(Mauro Bafile)

 

Ultima ora

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

21:39Cina: stretta sul golf, chiusi 111 campi ‘illegali’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - La Cina ha dichiarato guerra ai campi da golf "illegali", chiudendone 111 su 683 per violazioni che variano dall'utilizzo improprio di terreni agricoli o aree protette e fino all'eccessivo sfruttamento delle falde per l'irrigazione, senza dimenticare il peso che le strutture hanno come strumento di corruzione per i membri del Partito comunista. L'agenzia Nuova Cina, nell'annunciare il giro di vite deciso dalla National Development and Reform Commission (l'agenzia di programmazione economica), ha precisato che su altri 65 campi sono state imposte diverse restrizioni. La Cina ha formalmente lanciato lo stop ai nuovi green nel 2004 quando nel Paese ce ne erano meno di 200 che, al contrario, sono più che triplicati. Il golf è finito nel mirino della campagna anti-corruzione del presidente Xi Jinping al punto che il Partito comunista ha "invitato" nel 2015 i 88 milioni di iscritti a non calpestare il green, paragonando lo sport a cattive abitudini non conformi ai principi di condotta e morali del Pcc.

Archivio Ultima ora