Governo e opposizione a confronto nei sondaggi di “Datanàlisis” e “Keller & Asociados”

Pubblicato il 12 gennaio 2015 da redazione

Demonstration against Venezuelan government in San Cristobal

Confusione. Ecco, una gran confusione. Al timore di un’implosione sociale spontanea, a seguito della crisi economica il cui aspetto più evidente è la carenza  di generi alimentari e medicine, si aggiungono ora gli appelli a scioperi generali; scioperi convocati attraverso i social net-work e dai quali si smarcano con forza le organizzazioni politiche di destra e di sinistra. “Una iniziativa inopportuna” la valutazione bipartisan.

Certo, le file dei consumatori davanti ai supermarket sono da mesi il pane quotidiano. Non lo erano quelle che oggi si formano anche alle porte dei piccoli generi alimentari nei quartieri umili delle città. Ma non lo sono neanche le proteste, spente sul nascere, nei “Mercal” all’aperto.

– Se non ci fossero gli alimenti, non ci sarebbero neanche le file – ha affermato, cercando di rassicurare i venezuelani, il vicepresidente per la Sicurezza e la Sovranità Alimentare, Carlos Osorio. Ma le sue dichiarazioni, orientate a placare gli animi, non convincono chi, sotto il sole cocente dei tropici, è costretto a ore di attesa per acquistare una quantità assai limitata di prodotti.

C’è chi gli ricorda con nostalgia che tempo addietro i venezuelani potevano scegliere, tra una gran varietà di prodotti, quelli di loro preferenza, cercando il miglior equilibrio tra prezzo e qualità.

Neanche aiutano a placare gli animi e a creare un clima di distensione, le minacce del giovane vicepresidente, Jorge Arreaza, che rivolto ai protagonisti dei nuovi fuochi di protesta, immediatamente spenti dalle forze dell’Ordine, ha affermato che nella prigione di Ramo Verde, dove tutt’oggi sono reclusi i connazionali Enzo Scarano e Salvatore Lucchesi, “vi sono celle vuote”. O il decreto, rimasto lettera morta, del Governatore dello Stato Yaracuy, Julio Leòn Heredia, che proibisce ai venezuelani di pernottare di fronte i supermercati.

Mentre in Venezuela, nonostante tutto, continua a prevalere un clima di nervosismo, di preoccupazione ma anche di speranza, il presidente della Repubblica, Nicolàs Maduro, prosegue il suo periplo in Medio Oriente. Si dovrà attendere il suo ritorno per capire meglio ciò che è stato dato e ciò che è stato ottenuto dal Venezuela. Il capo dello Stato si è recato all’altro lato del mondo per convincere i soci dell’Opec della necessità di intervenire sul mercato petrolifero e di costruire una strategia per spingere i prezzi del greggio al rialzo. Vedremo se riuscirà là dove il suo ex ministro degli Esteri, Rafael Ramìrez, aveva fallito.

Nell’ambito politico i sondaggi di “Keller & Asociados” e “Datanàlisis” coincidono nel segnalare che la popolarità del presidente Maduro non supera il 20 per cento. Ben altri erano i livelli su cui volava la notorietà dell’estinto presidente Hugo Rafael Chàvez Frìas. Il risultato dei sondaggi, resi noti dai due istituti demoscopici, tra i più seri del Paese, mettono sotto una luce assai particolare la realtà politica venezuelana.

“Keller & Associados” riferisce che nella sua “top-ten” dei leaders politici, nelle prime cinque posizioni, solo appaiono personalità dell’Opposizione. E cioè, Leopoldo Lòpez, Henrique Capriles, Henry Falcòn, Marìa Corina Machado e Antonio Ledezma. Seguono immediatamente dopo Elìas Jaua, Marìa Gabriela Chàvez, Aristòbulo Isturiz e Jorge Rodrìguez. Il presidente Maduro è fanalino di coda. Datanàlisis, poi, sottolinea che l’Opposizione gode della simpatia del 40 per cento dei venezuelani mentre il Governo solo del 20 per cento.

Chiaro, la politica è incostante. E ciò che è oggi una realtà apparentemente irreversibile domani potrebbe già non esserla. E così anche leaders poco amati, ma con tanto potere, come ad esempio Diosdado Cabello, potrebbero assurgere nelle preferenze dei venezuelani

Opposizione e Governo hanno di fronte una gran responsabilità. E i sondaggi riflettono gli umori della popolazione. I venezuelani, in questo momento, ritengono che il presidente Maduro non abbia saputo gestire la politica economica in modo tale da ottenere ciò che si proponeva e attendono che molte delle sue promesse si trasformino finalmente in realtà. Insomma, stando sempre ai sondaggi dei due istituti demoscopici, comincia a manifestarsi una certa insofferenza tra chi, fino a ieri, ha vissuto di speranze. L’Opposizione, comunque fino ad oggi, è stata incapace di presentare soluzioni e proposte alternative.

Stando ai sondaggi, che riflettono la realtà odierna, il voto dei venezuelani, nelle prossime elezioni parlamentari, probabilmente permetterà all’Opposizione di ottenere una maggioranza relativa nell’Assemblea nazionale. Le condizione obiettive ci sarebbero. Ma il trionfo, come lo fu quello del presidente Chàvez nel 1998, potrebbe essere determinato dal ‘voto castigo’ e non da una reale volontà di cambio. Il trionfo nelle parlamentari, pur galvanizzando l’Opposizione e riaccendendone le speranze, potrebbe non essere sufficiente.

Sono ancora tante le carte che il Governo può giocare per riconquistare il terreno perso. E i sondaggi, mutevoli come gli stati d’animo dei venezuelani potrebbero, in pochi mesi se non settimane, trasformare nuovamente il panorama politico nazionale.

Poche parole ancora sui probabili leaders che si potrebbero contendere l’onore e l’onere di partecipare alla prossima kermesse presidenziale. Stando a Datanàlisis, per l’opposizione i ‘papabili’ potrebbero essere Leopoldo Lòpez, alla ribalta grazie all’arresto, e Henrique Capriles, che gode ancora delle simpatie di una gran parte dell’elettorato. Ma all’orizzonte fa capolino anche Henry Falcòn che, con molta abilità, è riuscito a proporsi come il leader capace di unire le tante diverse anime degli scontenti, di destra e di sinistra.

Sul versante opposto non appare chiaro chi potrebbe proporsi come candidato del Governo, qualora il presidente Maduro decidesse di non ripresentarsi. Il “chavismo”, comunque, ha a suo favore non solo le redini del potere ma anche una capacità organizzativa paragonabile solo a quella di Acciòn Democràtica all’epoca del suo fondatore Ròmulo Betancourt e del Partito Comunista, durante la repressione perezjimenista.

Bisognerà, quindi, attendere l’evolversi della situazione in un Venezuela  dagli umori assai volubile.

(Mauro Bafile)

 

Ultima ora

15:53F.1: Gp Russia, prima fila Ferrari

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Prima fila tutta Ferrari nel Gp di Russia, quarta prova del Mondiale di F1 che si corre domani sul circuito di Sochi. Sebastian Vettel ha preceduto il compagno di squadra Kimi Raikkonen. Seconda fila per le due Mercedes con Valtteri Bottas davanti a Lewis Hamilton. L'ultima pole Ferrari risaliva al Gp di Singapore 2015 mentre una prima fila tutta Rossa non si vedeva dal Gp di Francia 2008. Tornando al gran premio di Sochi, dopo le Ferrari e le Mercedes, quinto tempo per la Red Bull di Daniel Ricciardo che precede la Williams di Felipe Massa. Completano la top ten la Red Bull di Max Verstappen, la Renault di Nico Hulkenberg e le Force India di Sergio Perez ed Esteban Ocon.

15:44Calcio: Pioli, la presenza di Zhang è di stimolo per l’Inter

(ANSA) - ROMA, 29 APR - "La presenza di Zhang Jindong sarà di grande stimolo. Con lui affronteremo tanti temi, ma domenica c'è una gara importante e ci sarà tempo per farlo dopo la partita": lo dice il tecnico dell'Inter Stefano Pioli alla vigilia del match con il Napoli. Con Zhang parlerà del momento attuale dell'Inter, ma probabilmente anche del suo futuro di tecnico. Molti pensano che all'Inter serva un allenatore in grado di far fare il salto di qualità alla squadra. "Quel che si dice su di me conta poco - taglia corto Pioli - Io vado avanti per la mia strada e cerco di migliorare con i giocatori. I conti si faranno alla fine, abbiamo ancora 5 partite. Come sto io? Non si vede che sto bene? Avevo pochi capelli anche prima... Il calcio è così: dà e toglie tanto. Non mi sono mai esaltato nei momenti migliori e non mi deprimo in quelli difficili". Il ritorno di Lele Oriali colmerebbe un vuoto nella gestione della squadra? "Dalla società - risponde Pioli - ho avuto il supporto necessario per sviluppare al meglio le mie mansioni".

15:39Turchia: bloccato l’accesso a Wikipedia

(ANSA) - ISTANBUL, 29 APR - Le autorità turche hanno bloccato l'accesso a Wikipedia, l'enciclopedia on-line in tutte le lingue per contenuti che secondo Ankara presentano il paese come sostenitore del terrore e ne danneggiano l'immagine. L'agenzia ufficiale turca, citando il ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni, ha reso noto che oggi il sito è stato bloccato "dopo essere diventato una fonte di informazione che agisce con i gruppi che conducono una campagna nociva contro la Turchia nel contesto internazionale". Turkey Blocks, un gruppo di monitoraggio delle attività online, ha precisato che dalle 8 del mattino di oggi era impossibile accedere al sito. Secondo Anadolu le autorità turche avevano chiesto a Wikipedia di rimuovere dei contenuti sui legami fra la Turchia e alcuni gruppi terroristi, ma il sito non lo ha fatto. La Turchia ha spesso e più volte bloccato l'accesso a Twitter, Facebook e YouTube. Numerosi siti antigovernativi sono inaccessibili agli utenti.

15:24Nuoto: Usa, lo squalificato Lochte in gara con i senior

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Ryan Lochte è tornato ieri in piscina, in una gara competitiva, per la prima volta dalla sua squalifica scattata lo scorso settembre in seguito alla vicenda della falsa rapina a Rio de Janeiro, in piena Olimpiade, che lo vide coinvolto insieme ad altri tre nuotatori della Nazionale statunitense. Il 32enne Lochte si è piazzato 2/o nella gara delle 100 yard rana in 53"92 ed ha vinto quella dei 200 misti individuali in 1'44"21 agli Us Masters Swimming Spring Nationals, a Riverside (California). Una maniera, la sua, di riprendere confidenza con le gare in vista della fine della squalifica di 10 mesi, il 30 giugno, dal momento che le competizioni riservate ai senior come quella in questione fanno riferimento ad un diverso organismo di governo. Fra oggi e domani, infatti, Lochte approfitterà per partecipare ad altre 4 gare. Dopo la squalifica, il sei volte campione olimpico ha ripreso ad allenarsi con il coach Dave Salo. Il ritorno alle gare ufficiali dovrebbe avvenire ad agosto agli Us Open di Long Island.

15:17Calcio: Sousa, l’Europa? Faremo i conti alla fine

(ANSA) - ROMA, 29 APR - "Vinciamo ogni partita da qui alla fine e poi faremo i conti". Così Paulo Sousa alla vigilia della trasferta a Palermo, una gara importante per la Fiorentina tornata in corsa per il 6/o posto dopo i risultati dell'ultimo turno di campionato. "Non so chi stia meglio tra noi, l'Inter e il Milan - ha continuato il tecnico viola - Siamo concentrati solo su noi stessi, ben consapevoli di quello che dobbiamo fare: lavorare bene per cercare di vincere sempre e cercare di essere molto concreti". Squalificato Kalinic, toccherà ancora a Babacar guidare l'attacco della squadra. L'attaccante senegalese ha segnato una doppietta nel 5-4 sull'Inter.

15:13Calcio: Borussia, Bartra torna ad allenarsi

(ANSA) - ROMA, 29 APR - A diciassette giorni dall'attentato contro il pullman del Borussia Dortmund, ha ripreso ieri ad allenarsi Marc Bartra, il 26enne difensore spagnolo ferito nell'esplosione e poi operato per la frattura del radio. Lo riporta il quotidiano iberico "Mundo Deportivo", precisando che il ritorno in campo del giocatore potrebbe avvenire sabato prossimo nel match casalingo di campionato contro l'Hoffenheim. I suoi compagni di squadra, intanto, sfidano oggi il Colonia, sempre in casa, per difendere il terzo posto in Bundesliga.

15:07Calcio: Lazio, appello Inzaghi ai tifosi

(ANSA) - ROMA, 29 APR - "Pochi laziali al derby? Quello che si legge mi dispiacerebbe molto, penso che la squadra abbia meritato di avere la propria gente vicina. Spero di essere smentito, mancano ancora 24 ore e spero che al nostro fianco ci sia la curva che c'è stata al derby di ritorno di Coppa Italia: eravamo in trasferta come domani ma non sembrava". E' l'appello lanciato dall'allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, commentando la fiacca prevendita di tagliandi riservati ai tifosi biancocelesti a poco meno di 24 ore dal derby contro la Roma.

Archivio Ultima ora