Calcio Venezuelano: Il Deportivo Táchira festeggia 41 anni. Nelle sue origini c’è un bel pezzo di italianità

Pubblicato il 16 gennaio 2015 da redazione

Tachira-storico

CARACAS – Il Deportivo Táchira, una delle compagine storiche del campionato venezuelano festeggia in questo 2015, il suo 41º compleanno. Forse molti ‘hinchas’ del ‘fútbol creolo’ non sanno nel suo dna c’è un po’ di sangue italiano. Infatti la compagine giallonera é stata fondata l’11 gennaio del 1974 dall’emigrante Gaetano Greco.

Nel  primo campionato a cui ha partecipato, la Coppa Feria Internacional de San Sebastián del ‘74, il Táchira si classificò in prima posizione dando origine al soprannome: “El equipo que nació grande” (la squadra che é nata grande). Anni prima, Greco aveva fondato sempre a San Cristóbal una squadra dilettantistica di nome Juventus, in onore alla sua compagine del cuore nel campionato italiano.

Nel 1974, Greco notò che nelo stato Táchira non era presente nessuna società professionistica e decise di creare una squadra capace di sfidare i colossi del Deportivo Italia, Portuguesa, Deportivo Galicia ed Estudiantes de Mérida. L’11 gennaio dello stesso anno, Greco ed altre dodici persone, tra cui spiccano i nomi degl’italo-venezuelani Fantino Cappocione, Lino Mulazzi, Andrea Carnevale e Mario Pallavicino fondarono il Deportivo San Cristóbal. Inizialmente i colori erano il bianco ed il nero come la Juventus.

Nel gennaio del 1975 il club modificò i colori social in giallo e nero, come gli uruguaiani del Peñarol, anche grazie all’influenza dell’allenatore dell’epoca, il charrúa José ‘Pocho’ Gil. Ma non bisogna dimenticare che il giallo e il nero sono anche i colori che rappresentano lo stato Táchira. Quell’anno parteciparono alla Coppa Venezuela e sfidarono gli Universitarios de Oriente, gara che sancì l’esordio tra i professionisti.

Nel ’79 gli aurinegros, sotto la guida di Esteban Beracochea, posero fine all’egemonia del Portuguesa, capace di vincere quattro scudetti di fila. Il Táchira nell’81 ottiene il suo secondo scudetto battendo in finale l’Estudiantes de Mérida, da allora é nato il ‘derby de los Andes’.

Poi nelle stagioni ’84 e ’86 sotto la guida di Carlos Horacio Moreno ha vinto due scudetti, in quel momento la compagine si chiama Unión Atlético Táchira. Nella stagione 1999-2000, riacquista nuevamente la sua vecchia denominazione di Deportivo Táchira ottenendo il titolo del ‘Torneo Apertura’ e infine perdendo la finale con il Deportivo ItalChacao.

Durante i 41 anni di storia hanno indossato la maglia dei gialloneri campioni come Laureano Jaimes (343 presenze con gli aurinegros e quattro scudenti vinti), William Méndez, l’uruguaiano naturalizzato venezuelano Carlos Maldonado, l’uruguaiano Omar Ferrari (bomber nella stagione 1979 con 15 reti), il colombiano Rafael Angulo (14 gol nel 1981), il brasiliano Sergio Meckler (nel 1986 con 17 reti), l’argentino Miguel Oswaldo González (griffando 22 gol nel 1987-88), i venezuelani Juan Garcia (nel 2005-2006 con 21 reti) e Daneil Arismendi (nel 2008-2009 segnando ben 19 reti). Senza dimenticare gli italo-venezuelani Andrés Rouga, Giacomo Di Giorgi ed Edgar Pérez Greco.

L’ultimo scudetto ottenuto dai ‘táchirenses’ é stato nella stagione 2007-2008 sotto la guida tecnica dell’idolo di casa Carlos Maldonado, stella degli aurinegros a cavallo degli anni ’80 e ’90.

Durante la sua storia il Deportivo Tachira  ha messo in bacheca 7 Tornei di Primera División (1979, 1981, 1984, 1986, 1999-2000, 2007-08, 2010-11), quattro Tornei Apertura  (1998, 1999, 2009, 2010), due Tornei Clausura (2000, 2008), una Coppa Venezuela (1982). E non solo, é stato anche vicecampione in otto occasioni (1982, 1985, 1987, 1988, 1990, 1998-99, 2003-04, 2009-10).

Tra le imprese del Deportivo Táchira, ricordiamo che nella stagione 2004 é stata la prima squadra venezuelana ad arrivare ai quarti di finale della Coppa Libertadores. Gli aurinegros superarono il River Plate (Arg), Libertad (Par), Deportivo Tolima (Col) e Nacional (Uru), per fermarsi poi contro i brasiliani del San Paolo ad un passo dalle semifinali.

Ma sicuramente nella memoria degli ‘hinchas’ di ‘Pueblo Nuevo’ rimarranno per sempre incise reti come quelle segnate agli argentini dell’Independiente da ‘porta a porta’, i gol di Carlos Maldonado e Miguel ‘Pochito’ Echenaussi che hanno fatto vibrare i cuori e le gradinate del ‘Templo sagrado del fútbol’ venezuelano.

Il Deportivo Táchira ha festeggiato nel migliore dei modi questo anniversario battendo 2-1 in un silenzioso Pueblo Nuevo (a causa della squalifica che gli é stata inflitta dalla Fvf) l’Aragua. Il match, valevole per la quarta giornata, é stato anticipato a causa degli impegni degli aurinegros in Coppa Libertadores.

Questo finesettimana é in programma la seconda giornata del Torneo Clausura 2015, durante il quale si disputeranno le seguenti gare: Deportivo La Guaira-Deportivo Lara, Aragua-Metropolitanos, Caracas-Trujillanos, Zamora-Estudiantes, Portuguesa-Mineros, Deportivo Táchira-Llaneros, Zulia-Atlético Venezuela, Tucanes-Deportivo Petare e Deportivo Anzoátegui-Carabobo.

 (Fioravante De Simone/la Voce)

 

 

Ultima ora

19:45Migranti: scontri a Roma, condannati 9 di Casapound

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Nove militanti di Casapound sono stati condannati dal tribunale di Roma in relazione agli scontri con le forze dell'ordine del luglio 2015 a Casale San Nicola, periferia nord di Roma. I giudici della V sezione penale hanno inflitto otto condanne a 3 anni 7 mesi e una a 2 anni e 7 mesi. Gli imputati, che manifestarono per impedire il trasferimento di immigrati in una struttura di accoglienza, erano accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni.

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

Archivio Ultima ora