Papa: la famiglia perfetta non esiste

Pubblicato il 23 gennaio 2015 da redazione

Pope says system causes poverty, not big families

CITTA’ DEL VATICANO. – La famiglia “non è un terreno sul quale combattere battaglie ideologiche”. Papa Francesco, nel suo Messaggio per la 49/ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali, dedicato al tema “Comunicare la famiglia” inserendosi nel cammino tra i due Sinodi sulla pastorale familiare, lancia richiami che assumono particolare significato proprio nel quadro del percorso sinodale, campo di duro confronto nella Chiesa su come aggiornare all’oggi il modo di rapportarsi ai mutamenti del nucleo fondante della società. “Non lottiamo per difendere il passato – avverte infatti il Papa che ha voluto il doppio Sinodo sulla famiglia -, ma lavoriamo con pazienza e fiducia, in tutti gli ambienti che quotidianamente abitiamo, per costruire il futuro”. Un monito chiaro, dunque, per chi imbraccia la famiglia come una bandiera, come “un’ideologia” per scontri e battaglie, o uno stereotipo astratto senza più legami con la realtà. “Non esiste la famiglia perfetta”, indica infatti il Papa: “ma non bisogna avere paura dell’imperfezione – incoraggia -, della fragilità, nemmeno dei conflitti; bisogna imparare ad affrontarli in maniera costruttiva”. Tanto che la famiglia deve diventare “una scuola di perdono”. E il monito riguarda anche i media, su cui il suo giudizio in questo campo appare negativo: essi infatti “tendono a volte a presentare la famiglia come se fosse un modello astratto da accettare o rifiutare, da difendere o attaccare, invece che una realtà concreta da vivere”; o, insiste, come se fosse “un’ideologia di qualcuno contro qualcun altro, invece che il luogo dove tutti impariamo che cosa significa comunicare nell’amore ricevuto e donato”. L’informazione, annota Francesco, “troppo spesso semplifica, contrappone le differenze e le visioni diverse, sollecitando a schierarsi per l’una o per l’altra, anziché favorire uno sguardo d’insieme”. Nel documento, il Papa vede già nel grembo materno “la prima ‘scuola’ di comunicazione”, intesa come “un dialogo che si intreccia con il linguaggio del corpo”. E in quell’altro “grembo” che è la famiglia “si impara a convivere nella differenza”, oltre che imparare a parlare nella “lingua materna”. Insomma è lì che la comunicazione diventa “scoperta e costruzione di prossimità”, che permette di “ridurre le distanze, venendosi incontro a vicenda e accogliendosi”. “In un mondo, poi, dove così spesso si maledice, si parla male, si semina zizzania, si inquina con le chiacchiere il nostro ambiente umano – sottolinea Bergoglio -, la famiglia può essere una scuola di comunicazione come benedizione”. E questo anche “là dove sembra prevalere l’inevitabilità dell’odio e della violenza”, quando “le famiglie sono separate tra loro da muri di pietra”. Qui, il richiamo a che “i media più moderni”, gli smartphone e i pc “per i più giovani ormai irrinunciabili”, non ostacolino la comunicazione in famiglia, diventando “un modo di sottrarsi all’ascolto, di isolarsi dalla compresenza fisica, con la saturazione di ogni momento di silenzio e di attesa”. Bisogna quindi “orientare il nostro rapporto con le tecnologie, invece che farsi guidare da esse”, dice il Papa. E nell’avvertire infine che la famiglia “non è un terreno sul quale combattere battaglie ideologiche”, Bergoglio invita anche a “riconoscere che essa continua ad essere una grande risorsa, e non solo un problema o un’istituzione in crisi”. Inevitabilmente legato al tema della famiglia è anche il discorso che il Pontefice ha rivolto oggi alla Rota Romana per l’apertura dell’anno giudiziario. La “crisi del matrimonio”, per il Papa, ha radici nella crisi della fede. Anzi, proprio nel deficit di conoscenza dei contenuti della fede nascono oggi casi di nullità: e proprio i giudici ecclesiastici sono chiamati ad accertare se ci sia questo “vizio d’origine del consenso”. C’è la “mentalità mondana” alla base di tante famiglie “in situazione irregolare”. E i giudici devono evitare “sofismi lontani dalla carne viva delle persone in difficoltà”, ma piuttosto “tener conto del contesto di valori e di fede – o della loro carenza o assenza – in cui l’intenzione matrimoniale si è formata”, al fine di “stabilire la verità nel momento consensuale”. A Bergoglio, comunque, sta a cuore che si favorisca “un reale accesso di tutti i fedeli alla giustizia della Chiesa”, fornendo gratis anche gli avvocati. “I sacramenti sono gratuiti. I sacramenti ci danno la grazia. E un processo matrimoniale tocca il sacramento del matrimonio. Quanto vorrei – scandisce – che tutti i processi fossero gratuiti!”. (di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

00:42Gb: primo vescovo donna a Londra, nomina approvata da regina

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La Chiesa d'Inghilterra ha scelto per la prima volta una donna al vertice della diocesi di Londra: si tratta di Sarah Mullally, la cui designazione - fatta dalla gerarchia ecclesiastica - ha avuto il placet formale della regina, nominalmente capo della confessione anglicana. L'ufficializzazione dell'atto é stata confermata stasera da Downing Street. La reverenda Sarah Mullally, 55 anni, era finora vescovo di Crediton, nel Devon, e succede al reverendo Richard Chartres, ritiratosi a febbraio per ragioni di età. La Chiesa d'Inghilterra ha 'sdoganato', non senza qualche divisione, l'ordinazione episcopale femminile nel 2014 e ha nominato la sua prima donna vescovo nel 2015, quando Libby Lane fu indicata alla guida della diocesi di Stockport. Londra tuttavia rappresenta una sede di peso inedito affidata a una donna: é la terza per prestigio dopo quella di Canterbury - al cui vertice vi é il primate anglicano - e quella di York, entrambe finora sempre guidate da uomini.

23:16Investita dal compagno nipote di Mesina

(ANSA) - CAGLIARI, 18 DIC - La nipote di Graziano Mesina, l'ex primula rossa del banditismo sardo, è stata deliberatamente investita dal suo compagno in una via di Orgosolo, dove vive la coppia. La donna, Pasqualina Mesina, di 50 anni, è ora ricoverata in fin di vita all'ospedale San Francesco di Nuoro. Il fatto è successo intorno alle 20. Secondo quanto si è appreso, il compagno della Mesina, Giovanni Corrias, di 48 anni, l'avrebbe intercettata in strada travolgendola con la sua auto. L'uomo in passato si è reso responsabile più volte di violenze e maltrattamenti nei confronti della compagna.

22:36Calcio: Spalletti, Inter non è quella che ha perso sabato

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - "Stiamo vicini ai nostri calciatori perché non sono quelli che hanno perso 3-1, ma che hanno fatto 40 punti in 17 partite e bisogna rendergli onore": lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, a Inter Tv, durante la cena di Natale del club nerazzurro. "I tifosi sono una seconda squadra - continua - ne fanno parte, sono dietro le quinte e ci accompagnano. Ci hanno applaudito anche dopo la sconfitta e ci aiutano a diventare più forti. Io ho solo due vizi, calcio e famiglia, chiamiamoli amori più che vizi. L'hashtag di stasera? Speriamo sia Natale senza tregua di serenità, abbracci e divertimento. Cerchiamo di stare più vicini possibile a questi colori, so da dove siamo partiti e cosa ci siamo portati dietro, arrivano anche le difficoltà, dobbiamo attraversarle per completare il nostro percorso verso gli obiettivi".

22:32Calcio: arbitro Rocchi, bilancio primi mesi Var è positivo

(ANSA) - PAESTUM (SALERNO), 18 DIC - "Il bilancio dei primi mesi con la Var è assolutamente positivo, si sapeva che le polemiche sarebbero arrivate. E' un momento decisivo per il campionato, dunque c'era da aspettarsele. Chiaramente siamo in una fase di rodaggio e il rodaggio prevede sempre qualche piccola difficoltà, che ci servirà per fare esperienza". Così Gianluca Rocchi traccia un bilancio dopo i primi mesi di Var in Italia, parlando a margine della 7/a edizione degli Italian sport awards, in corso a Paestum (Salerno). "Purtroppo le nostre esperienze nascono e passano da alcuni errori - prosegue l'arbitro fiorentino -. Bisogna che si accetti l'errore e chiaramente fare in modo che non si ripeta. L'arbitro rimane l'arbitro ed è quello che prende l'ultima decisione. La Var, secondo me, non deve essere invasiva, ma un supporto fondamentale laddove l'arbitro non arriva, o non vede una cosa o la vede palesemente sbagliata".

21:55Bellomo:ex corsista a pm Bari,altre 4 ragazze vittime

(ANSA) - BARI, 18 DIC - "Sono stata contattata da quattro ragazze che hanno avuto un'esperienza simile in altri anni e in altre città. Mi hanno ringraziata dicendomi che adesso hanno anche loro il coraggio perché sanno di non essere sole". Lo ha detto Rosa Calvi, avvocatessa 28enne di Cerignola (Foggia), al termine dell'audizione in Procura di Bari come persona informata sui fatti nell'ambito dell'indagine per estorsione a carico del consigliere di Stato Francesco Bellomo. Un mese dopo l'inizio delle lezioni, ha raccontato, sarebbe stata scelta fra sette ragazze per ottenere una borsa di studio ma la condizione era la firma del contratto che prevedeva, fra le altre cose, abiti succinti e trucco marcato. Bellomo le avrebbe anche detto di perdere peso, di farsi punturine per le occhiaie e avrebbe tentato di baciarla. "Io vengo prima di tuo fratello" le avrebbe detto quando lei gli disse di voler tornare a casa e per più di un mese lui avrebbe tentato di convincerla, dicendo "che ero una stupida a dire di no".

21:39Calcio: caso Ljajic, respinto il ricorso della Roma

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Collegio di Garanzia del Coni ha respinto il ricorso presentato l'8 novembre 2017 dalla Roma nei confronti della Fiorentina, della Figc e della Lega Serie A, contro la decisione della Corte Federale d'Appello sul caso dell'attaccante Adem Ljajic, ora al Torino, relativo al contratto di cessione dell'attaccante dalla Fiorentina al club giallorosso ed in particolare al pagamento del premio di rendimento. La Roma dovrà quindi pagare un milione di euro (più 5.000 a titolo di spese) in favore della Fiorentina per la corresponsione del "premio di rendimento" allegato al contratto stipulato tra le due società il 28 agosto 2013, nell'ambito dell'accordo di cessione delle prestazioni professionali sportive del calciatore Ljajic.

21:38Sci: Cdm, Olsson vince parallelo gigante di Alta Badia

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 18 DIC - Lo svedese Matt Olsson ha vinto lo slalom gigante parallelo di Coppa del mondo di Alta Badia. Secondo il norvegese Erik Kristoffersen e terzo l'austriaco Marcel Hirscher. Kristoffersen e' passato in testa alla classifica generale di coppa del mondo. Male, ancora una volta in questa disciplina, l'Italia con cinque atleti al via su 32 partecipanti. Manfred Moelgg, Florian Eisath e Riccardo Tonetti sono stati eliminati gia' ai sedicesimi. Roberto Nani e Luca De Aliprandini sono invece stati battuti subito dopo agli ottavi., La prossima gara sara' venerdi' sera: slalom speciale a Madonna di Campiglio.

Archivio Ultima ora