Grecia: la crisi infinita che pesa sul voto

Pubblicato il 23 gennaio 2015 da redazione

Main preelection rally of SYRIZA in Thessaloniki

ATENE. – I numeri migliorano, anche se in maniera fragile, ma la vita quotidiana no: dopo quattro anni di sacrifici durissimi, con la disperazione e lo sconforto che hanno travolto molti greci un tempo appartenenti alla classe media, la crisi economica – che è diventata sociale, psicologica, ed anche culturale secondo lo scrittore Petros Markaris – il Paese torna al voto. Sperando in maniera sempre meno convinta in un cambiamento. La ripresa, almeno nei numeri dell’economia, sembrava iniziata, ma il 26 novembre i tesi colloqui tra governo di Atene e i creditori internazionali rappresentati nella troika (Ue, Fmi e Bce) si sono interrotti, di fronte alla richiesta, da parte della troika, di ulteriori tagli e sacrifici nel 2015 per concludere il ciclo del cosiddetto memorandum, che ha fornito alla Grecia 240 miliardi di euro in prestiti, ma a un prezzo devastante. Il governo conservatore di Antonis Samaras non ce la faceva a dire di sì e ricevere gli ultimi 7 miliardi del pacchetto: già autore di licenziamenti, congelamento e taglio di salari e pensioni e tasse odiatissime, preferiva non suicidarsi politicamente. Con la mancata elezione del Presidente della Repubblica a dicembre, lo scioglimento del Parlamento, non c’è stato neanche più bisogno di rispondere: il 25 gennaio si vota, e tutti i sondaggi dicono che vincerà Syriza, che della fine del memorandum e del taglio al debito greco ha fatto la sua bandiera. Secondo fonti vicine al negoziato, la troika si è irrigidita proprio perché non pensava che Samaras sarebbe sopravvissuto al voto presidenziale. Lui, il premier, non avendo portato a casa un accordo per abbreviare – come promesso – di un anno i termini del memorandum, si è infatti trovato senza possibilità di convincere abbastanza deputati a votare il suo candidato, l’economista Stavros Dimas. Eppure nel 2014 la Grecia era tornata alla luce, dopo anni di buio pesto. Era uscita dalla recessione nel secondo trimestre, dopo sei anni. I suoi titoli erano tornati sui mercati; dopo decenni aveva registrato un surplus nel bilancio primario, e il turismo segnava cifre da record. Ma non per l’uomo della strada, ancora schiacciato da una disoccupazione oltre il 25%, con i salari minimi ormai da anni fissati a 450 euro lordi al mese. Samaras, con un occhio ai sondaggi che dalle Europee in poi vedevano Syriza volare alto, aveva annunciato a settembre la fine anticipata del Memorandum. Ma le cose non sono andate come aveva sperato. E a novembre, il deficit dello Stato è tornato a salire. Tutto ciò, con il carico rinnovato di incertezza e pessimismo, pesa sulle urne. In molti, dicono le indagini demoscopiche, votano per le speranze offerte da Syriza ed Alexis Tsipras anche se non credono del tutto alle sue ricette. Ma il senso di stanchezza e frustrazione verso la classe politica che ha governato durante la crisi – e per molti ne è anche tra le cause principali – prevale su tutto. Per molti, qualsiasi strada, per quanto accidentata, è meglio della palude immobile in cui la Grecia si trova da troppo tempo. (Patrizio Nissirio/Ansa)

Ultima ora

15:37Banche: Casini, il tema Ghizzoni è marginalissimo

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - "Il governatore della Banca d'Italia è doveroso che venga in commissione. Ghizzoni lo si è voluto inserire proprio per dimostrare che non ci sono zone d'ombra. Però, sia chiaro, il tema Ghizzoni è marginalissimo rispetto alla questione che riguarda la legge istitutiva che ha insediato una commissione su banche e sistema finanziario italiano". Lo ha detto il presidente della Commissione d' inchiesta sulle banche, Pier Ferdinando Casini, replicando chi gli chiedeva un commento sulle prossime audizioni.

15:31Natale: folla ai mercatini di Aosta

(ANSA) - AOSTA, 16 DIC - Mercatini di Natale presi d'assalto oggi ad Aosta, dove la neve caduta nei giorni scorsi ha creato un'ambientazione perfetta per le festività. Dall'Italia, ma anche dalla vicina Francia, i visitatori affollano il Marché vert Noel. I 43 chalet allestiti nella suggestiva cornice del Teatro romano offrono i prodotti del territorio e diverse creazioni artigianali, per regali di ogni tipo. Gli appassionati del gusto oltre alla tradizionale Fontina, ai salumi e al genepì, puntano anche su qualche novità: "Quest'anno stanno andando bene le lumache", spiegano i commercianti. Nel villaggio alpino sapientemente ricreato trovano spazio il fontanile, il braciere, i pontili e anche simpatiche sculture in legno di diversi animali, per la gioia dei più piccoli ma non solo. La novità di quest'anno è la balconata realizzata proprio ai piedi del Teatro romano, in modo da consentire a tutti di realizzare la migliore inquadratura per i propri selfie. (ANSA).

15:26Lazio: Inzaghi, mai più quanto successo a noi

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Grazie a quello che è successo a noi ci sarà più attenzione per tutti, vorrei che nessun collega passi quello che è accaduto a noi. Serve più attenzione, sono cose che non devono più accadere". Alla vigilia della trasferta di Bergamo contro l'Atalanta, Simone Inzaghi torna sui torti subiti in Lazio-Torino, sfida in cui l'arbitro Giacomelli con il Var ha espulso Immobile e non ha concesso un rigore ai biancocelesti, usciti poi sconfitti per 3-1. "I punti dovevano essere di più, ci sono stati tolti - ha spiegato Inzaghi - quello che ci è successo deve essere una possibilità per diventare ancora più squadra. Abbiamo fatto grandi cose, abbiamo un leggero ritardo dalle prime 4, anche per i motivi che sappiamo tutti".

15:23Sci:doppietta norvegese in Gardena, Innerhofer 5/o Paris 6/o

(ANSA) - VAL GARDENA (BOLZANO), 16 DIC - Aksel Svindal 1/o in 1.57.00 e Kjetil Jansrud 2/o in 1.57.59: la discesa della val Gardena sui 3445 m della pista Saslong si e' confermata anche quest'anno terreno di caccia favorito dai norvegesi che hanno piazzato una doppietta. Terzo l'austriaco Max Franz in 1.57.85. Prova d'orgoglio dell'Italia su una pista mai considerata troppo amica soprattutto dagli uomini jet altoatesini: Christof Innerhofer ha chiuso infatti 5/o in 1.58.14 e Dominik Paris 6/o in 1.58.16. Molto più' indietro ed arrabbiato Peter Fill che si e' lamentato per un sasso finitogli sotto gli sci.

15:14Banche: Casini, impatto Boschi su tema sarebbe irrilevante

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - "Diciamo la verità: se non fossimo in campagna elettorale l'impatto della signora Boschi e della sua famiglia sul tema che riguarda centinaia di migliaia di risparmiatori sarebbero del tutto irrilevanti, ma siamo in campagna elettorale e si fa polemica politica". Lo ha detto a margine di un incontro dei centristi per l'Europa di Bologna il presidente della Commissione sulle banche Pier Ferdinando Casini."Mi scandalizzo? Sono troppo anziano per scandalizzarmi - risponde - però questo non riguarda la commissione banche...".

15:10Donna vegliata da figlio: autopsia esclude omicidio

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - Esclusa l'ipotesi di omicidio per la morte di Giovanna Pedori, la donna di 78 anni morta e vegliata per una settimana nel letto di casa dal figlio di 47 anni. L'esame autoptico svolto dal medico legale Marco Salvi ha accertato che la donna non è stata uccisa: sul suo corpo non sono state trovate contusioni o ferite compatibili con l'ipotesi dell'aggressione da parte del figlio o di un'altra persona. I lividi al collo, che per il medico che ha svolto il primo sopralluogo potevano essere spiegati con uno strangolamento, sono risultati essere superficiali. La donna, ha spiegato Salvi ai carabinieri della compagnia di San Martino, probabilmente è morta a causa di un malore che le ha fatto perdere i sensi e cadere sbattendo la testa contro un mobile. L'esame autoptico ha dunque confermato quanto detto dal figlio della donna: l'uomo, che soffre di disturbi psichici, pur molto confuso e provato, aveva riferito che la madre era caduta e lui l'aveva adagiata sul letto.

14:36Ucciso per un pettegolezzo, un arresto nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 16 DIC - Tutto sarebbe nato da un pettegolezzo: aveva detto che sua moglie era molto più bella di lui. Per fargliela pagare hanno escogitato un tranello, portato avanti per otto mesi, per attirarlo nel luogo dove poi lo hanno ucciso a Fabbrico, nel Reggiano, tre anni fa. I carabinieri hanno arrestato un pakistano di 38 anni, accusato di aver ucciso un connazionale di 20. E' l'evoluzione dell'inchiesta che aveva già portato nel maggio scorso, al fermo di un altro pachistano, accusato di aver illuso la vittima con un falso profilo Facebook, di una ragazza benestante con cui fuggire in cerca di una vita più felice e lontano dai vincoli delle proprie tradizioni. Il ventenne era stato seviziato, ucciso e sotterrato la notte di San Valentino di tre anni fa. Il suo corpo, in stato di decomposizione, era stato trovato casualmente solo tre mesi dopo nel corso di lavori in un cantiere. (ANSA).

Archivio Ultima ora