La Lazio umilia il Milan, Inzaghi è incubo senza fine

Pubblicato il 24 gennaio 2015 da redazione

Soccer: Serie A; Lazio-Milan
ROMA. – I fischi si sentono ancora, la contestazione arriva anche lontano da San Siro, la follia di Mexes e l’ennesima sconfitta-umiliazione rischia di costare davvero cara a Filippo Inzaghi. Il Milan contro la Lazio è anche peggio di quello visto con l’Atalanta una settimana fa: senza gioco e senza idee, con il francese che perde le staffe e prova a strangolare Mauri nel finale, si illude per un gol fortuito in avvio e poi subisce la squadra di Pioli che trascinata da un Klose senza età si prende la gara, gli applausi e i tre punti che la rimettono in marcia dopo il passo falso con il Napoli. Il 3-1 con gol del tedesco e doppietta di Parolo è il risultato giusto di una gara a senso unico, in cui il Milan si era illuso per il gol in avvio di Menez. Occasione unica per la squadra rossonera a cui il presidente Berlusconi aveva rinnovato la fiducia: non sarà certo facile farlo ancora. E martedì si replica a Milano per la Coppa Italia, chissà se con Inzaghi ancora in panchina. La Lazio con la maglia vintage con l’aquila stampata in mezzo e la festa ricordando gli anni ’80 è di gran lunga superiore e se chiude il primo tempo sotto di un gol è solo perché davanti alla porta non è riuscita a concretizzare. Pioli rischia De Vrij e Biglia, arrivati malconci alla sfida con i rossoneri: ma il tecnico laziale dopo il provino che ha preceduto di qualche ora il fischio d’inizio ha deciso di schierarli dal primo minuto. E esordio in campionato da titolare per Cataldi, ventenne romano del vivaio biancoceleste. E’ titolare pure Klose, che si era visto poche volte in avvio di partita quest’anno. Qualche sorpresa anche nella formazione del Milan: Inzaghi lascia in panchina Cerci e nel tridente d’attacco gli preferisce El Sharaawy con Bonaventura e Menez. In panchina i due neo acquisti, Mauricio per la Lazio e Suso per i rossoneri. Appena tre minuti e i biancocelesti reclamano il rigore: Radu finisce a terra per un contatto con Bonaventura, ma Mazzoleni lascia andare. Non i giocatori: gli animi si accendono, Radu protesta, Alex spintona Candreva e entrambi rimediano il cartellino giallo. Al 4′ l’azione che porta in vantaggio il Milan: Basta perde palla e Menez da solo davanti a Marchetti segna l’1-0. Ma è l’unico nota di marca rossonera, e anche fortuita. Poi è solo Lazio, che però fa molto ma non segna: almeno quattro le occasioni, la prima al 14′ con Mauri che arriva di pochissimo in ritardo su un bel cross di Candreva. Quattro minuti più tardi, complice una svista di Mexes, è Klose a confezionare l’azione ma a tu per tu con il portiere non riesce ad andare a segno. Al 20′ un splendida triangolazione tra Klose e Candreva con il tedesco che di testa manda fuori di un soffio. E al 28′ il campione del mondo della Germania restituisce il favore servendo una palla d’oro a Candreva: ma Diego Lopez manda in angolo. Il Milan assiste al mach difendendo l’1-0: fioccano le ammonizioni. La squadra di Pioli ci prova in tutti i modi a recuperare lo svantaggio: al 43′ un altro rigore reclamato e non concesso alla Lazio dall’arbitro non in serata di grazia. Mexes trattiene per la maglia Mauri che va a terra. Ma per Mazzoleni è tutto ok. Nella ripresa bastano quattro minuti per ribaltare il risultato: ci pensa Parolo che al 2′ sfrutta al meglio un cross al centro del solito Klose. Piatto al volo e il Milan comincia a tremare. Al 6′ Montolivo sbaglia un retropassaggio, Mexes fa il resto e il tedesco davanti a Lopez non sbaglia. Il Milan, che già non si era visto per tutta la gara, subisce l’1-2 e ne esce annichilito. Entra Cerci al posto di Bonaventura costretto a chiedere il cambio per un problema alla spalla. Ma non cambia molto. Pioli fa entrare anche Mauricio, all’esordio con la maglia biancoceleste, al posto dell’affaticato De Vrij. Al 36′ Parolo si va a prendere il gol della doppietta. Milan a nervi tesi: Mexes perde il controllo dopo aver preso un calcio da Mauri, si avventa sul laziale in due tempi. Lo ferma Muntari, poi prende al collo Mauri, prova a strangolarlo e si prende il rosso diretto. Ennesimo show negativo del difensore francese che rischia un lungo stop. Lo specchio di un Milan collezionista di brutte figure. La faccia triste di Galliani è un incubo per Inzaghi, senza fine. (di Alessandra Rotili/ANSA)

Ultima ora

22:38Centrosinistra: Pisicchio, ora serve lista Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La buona stima che il presidente del Consiglio ha conquistato nel Paese e nel ceto politico, potrà essere sicuramente giocata a beneficio del centro sinistra, ma in consonanza con il partito di cui Gentiloni è espressione, cioè il Pd. Potrebbe, dunque, rivelarsi come una iniziativa politica coerente per le forze alleate del Pd che hanno sostenuto i governi di questa legislatura, a cominciare dalle forze centriste, ritrovarsi in un unica lista che faccia riferimento al presidente Gentiloni, ma solo in un quadro di intese e di collaborazione col Pd, per mettere in campo un'alleanza competitiva". La proposta arriva dal presidente del gruppo Misto alla Camera Pino Pisicchio tra i promotori della lista di centro assieme a Pierferdinando Casini e ad Ap.

22:36Calcio: Inter, Dalbert “Col Pordenone partita complicata”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "È stata una partita complicata, contro una squadra ben organizzata. Adesso siamo concentrati sul campionato, per continuare a fare buoni risultati, speriamo di trovare i tre punti a San Siro: sarebbero importanti per il nostro cammino". Lo dice Henrique Dalbert, tornando sulla partita di Coppa Italia contro il Pordenone di ieri sera, vinta solo ai rigori. Il difensore racconta anche le impressioni sul campionato italiano: "In ogni partita i ritmi sono molto sostenuti e c'è parecchia fisicità. Il campionato italiano è molto diverso da quello a cui ero abituato ma, pian piano, mi sto adattando e spero di fare meglio nel futuro. Con chi mi trovo meglio? Mi trovo bene con tutti quanti, uno che non conoscevo prima e che mi ha impressionato molto è Skriniar".

22:33Calcio: Samp, Giampaolo “rigori roba seria non virtuale”

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - Rabbia Samp, soddisfazione Fiorentina. L'allenatore dei blucerchiati, Marco Giampaolo, punta il dito contro la direzione dell'arbitro Abisso e dei tanti interventi della Var. "I rigori sono una cosa seria, non una roba da gioco virtuale - sbotta -. Ho dei dubbi, specie su quello del 3-2 finale. L'arbitro non mi è piaciuto così come non mi è piaciuta la squadra, soprattutto nel primo tempo. Anche se, in certi episodi, siamo stati poco fortunati e credo che alla fine avremmo meritato perlomeno di andare ai supplementari". Altro clima in casa viola. "Qualificarci era importante - ha detto Pioli -. Ho un gruppo con un buon potenziale e bisogna sfruttarlo nel migliore dei modi, anche per capire chi di questi giocatori farà parte del progetto futuro. Veretout? Si può avvicinare come caratteristiche a Nainggolan, anche se il romanista è il top nel suo ruolo. Babacar? Ha avuto problemi fisici nel pre-partita, ma ha fatto una buona prestazione. I Della Valle? Ci farebbe piacere se tornassero allo stadio".

22:24Calcio: Milan, fischi e insulti per Donnarumma a San Siro

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Fischi e insulti a San Siro per Gianluigi Donnarumma, prima della partita di Coppa Italia fra Milan e Verona. "Violenza morale 6 milioni all'anno e l'ingaggio di un fratello parassita? Ora vattene, la pazienza è finita!", ha contestato con uno striscione la curva rossonera che, assieme allo scarno pubblico, ha fischiato il nome del portiere e lo ha insultato durante il riscaldamento, che Donnarumma ha concluso poco prima dei compagni. Le immagini Rai hanno poi inquadrato Leonardo Bonucci mentre rincuorava Donnarumma nello spogliatoio.

22:19Azienda denuncia furto 900 bottiglie Brunello Montalcino

(ANSA) - MONTALCINO (SIENA), 13 DIC - Novecento pregiate bottiglie di vino Brunello e Brunello Riserva sono state rubate all'azienda Cupano di Montalcino. Il furto è stato compiuto tra il 5 e il 6 dicembre, ma è stato reso noto solo oggi da Montalcinonews, a Camigliano, frazione di Montalcino. I ladri, approfittando dell'assenza dei proprietari, si sono introdotti prima negli uffici, senza trovare chiavi che potessero aprire la cantina, e hanno in seguito forzato una delle porte della cantina. Il danno, fa sapere l'azienda, è devastante: si tratta di annate destinate all'invecchiamento, il che avvalora l'ipotesi che il furto possa essere avvenuto su commissione. In base ad una prima ricostruzione, si è risaliti ai numeri identificativi della serie di fascette all'interno della quale figurano le bottiglie sottratte di Brunello 2008 e 2011, Brunello Riserva 2007 e 2009.

22:18Senzatetto morto carbonizzato dentro auto nel veronese

(ANSA) - VERONA, 13 DIC - Un uomo 50enne, senza fissa dimora, è morto carbonizzato stasera all'interno di un'automobile in parcheggio, a Santa Maria di Zevio (Verona). Secondo una prima ricostruzione, il senzatetto aveva trovato rifugio nell'auto probabilmente per ripararsi dal freddo, ma qualcosa avrebbe innescato una fiamma, o una scintilla, e il fuoco ha avvolto la vettura, non lasciando scampo all'uomo. Quando sul posto sono giunti i sanitari del Suem 118, assieme ai vigili del fuoco e ai carabinieri, il 50enne era già privo di vita, ed è stato estratto carbonizzato dall'abitacolo. I militari dell'Arma stanno svolgendo accertamenti per ricostruire l'esatta causa della tragedia.

21:55Brexit: governo May battuto su emendamento chiave

(ANSA) - LONDRA, 13 DIC - Schiaffo per il governo di Theresa May battuto in serata alla Camera dei Comuni su un emendamento cruciale alla European Union (Withdrawal) Bill, la legge quadro destinata ad attuare la Brexit. L'emendamento, presentato da una quindicina di deputati conservatori 'ribelli' e appoggiato dalle opposizioni, laburisti in testa, obbliga a inserire nel testo l'impegno per un voto vincolante del Parlamento britannico sugli accordi finali sul divorzio dall'Ue che l'esecutivo negozierà con Bruxelles: 309 i voti a favore, 305 i contrari.

Archivio Ultima ora