Quirinale: venerdì Renzi renderà noto il nome del candidato

Pubblicato il 26 gennaio 2015 da redazione

Quirinale:Renzi vede delegazione Pd, confermato metodo

ROMA. – Il “nome secco” che Matteo Renzi farà solo venerdì sera, e non giovedì all’assemblea dei Grandi Elettori del Pd, ancora non c’è. Ma su più fronti il leader Pd e i fedelissimi si stanno muovendo per arrivare alla scrematura sulla manciata di candidati in corsa: il premier tiene i contatti con Pier Luigi Bersani e Angelino Alfano, Guerini e Speranza lavorano tra i dem mentre Luca Lotti è il plenipotenziario dei rapporti con Denis Verdini sul fronte Fi. Ma il messaggio, mandato oggi tra le righe da Renzi all’assemblea dei parlamentari, suona rassicurante: il candidato sarà un uomo, o una donna, del Pd sul quale il Cavaliere, e si spera non solo lui, farà convergere i suoi voti. La quadratura del cerchio, o il “metodo cartesiano”, come allude Bersani ai giornalisti alla Camera, è opera delicatissima. Ma oggi Renzi può sicuramente dire di aver segnato un punto: all’assemblea dei parlamentari la volontà di tutti, compresi pasdaran come Stefano Fassina, è di portare il Pd unito alla meta. I complotti, o la tentazione di assi trasversali sul nome di Romano Prodi, sembrano rimasti fuori. E non solo metaforicamente: Pippo Civati, assente alla riunione, ha proposto per lettera alla segreteria il nome del Professore ma non sembra aver raccolto grande consenso tra i dem. Da un lato la sinistra sembra consapevole che una fronte-contro rischia di buttare giù non solo il Patto del Nazareno ma di mandare in frantumi il Pd. Ma, secondo molti rumors, a compattare il Pd sarebbe la volontà del premier di verificare le condizioni per un’intesa larga o su un ex Ds o più in generale su un democratico. Nella lista dei quirinabili al vaglio ci sarebbero i nomi di Anna Finocchiaro, Piero Fassino, Walter Veltroni, Pier Carlo Padoan, Sergio Mattarella e anche di Giuliano Amato. In particolare il nome della presidente della I commissione del Senato sarebbe in crescita visto che, sul fronte azzurro, oltre a Giuliano Amato, sarebbe l’unico, appartenente al Pd, gradito al Cavaliere. Ma è ancora presto per dire dove, alla fine, si fermerà il pallino. Alla Camera è stata, come sempre nelle grandi occasioni, una giornata frenetica di incontri a quattr’occhi, conciliaboli e confronti. Anche Renzi, che di primo mattino aveva incontrato Alfano ma senza sbottonarsi, non ha voluto rinunciare a farsi vedere anche per lanciare l’ultimo appello ai grillini che restano sordi al confronti. E in transatlantico è girata con insistenza la voce di un incontro tra Bersani e Veltroni, smentita però dai bersaniani. In ogni caso, salvo cambi di marcia, il premier ha deciso che nelle prime tre votazioni si voterà scheda bianca. Ma il nome del candidato sarà coperto fino all’ultimo: Renzi non lo farà all’assemblea dei Grandi Elettori di giovedì mattina ma più probabilmente venerdì sera dopo la terza chiama o sabato mattina prima della quarta votazione decisiva. Qualcuno dentro il Pd, come Franco Monaco, aveva ipotizzato, per blindare il nome, di far votare il candidato tra i grandi elettori in modo da mettere ognuno di fronte alle proprie responsabilità. Ma il leader dem ha tagliato corto: “Votare e bruciare poi le schede? Questo avviene solo nel conclave per il Papa e in qualche primaria in giro per l’Italia…”. (di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

12:56Renzi, c.destra litiga ma sta insieme, noi più seri

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Litigheranno prima, durante e soprattutto dopo, ma il giorno delle elezioni fingeranno di stare insieme per racimolare qualche seggio in più. Tutto legittimo, sia chiaro: ma si tratta di ipocrisia che tutti sanno e tutti fingono di non vedere". Così Matteo Renzi su fb."Su questo punto il Pd è paradossalmente più forte e credibile: la rottura con la sinistra radicale ha amareggiato molti militanti storici, ma ha il pregio di fare chiarezza. E consentirà a tutti noi di fare una campagna elettorale civile e rispettosa, basata sulle idee per l'Italia".

12:55Doping: Froome, mia reputazione non intaccata

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono un ciclista professionista, conosco le regole e sono certo: non le ho infrante": Chris Froome ribadisce la sua tesi, dopo la notizia della sua positivita' al salbutamolo. Intervistato dalla BBC a Maiorca, il ciclista del Team Sky spiega quanto detto ieri con un comunicato congiunto con la sua squadra. "Non credo che la mia immagine sia compromessa - dice - Non si tratta di un test positivo: l'Uci mi ha chiesto chiarimenti, daremo tutte le informazioni per spiegare che si tratta di curare una malattia".

12:53Eternit: i processi restano spacchettati

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Cassazione ha dichiarato inammissibili i ricorsi del pg e del pm di Torino contro lo spacchettamento dei processi per la morte di 258 persone a causa dell'amianto Eternit. I processi rimangono quindi incardinati a Torino, Vercelli, Napoli e Reggio Emilia. Confermato anche il "declassamento" dell' accusa da omicidio doloso in omicidio colposo. "Siamo soddisfatti. Avevamo eccepito l'inammissibilità dei ricorsi e la Corte ha deciso in questa direzione", commenta il professor Astolfo Di Amato, avvocato difensore di Stephan Schmidheiny, ex Ad di Eternit Italia, nel processo Eternit bis. "C'erano dei vizi formali", aggiunge. Di diverso parere l'avvocato Massimiliano Gabrielli, dell'Anmil, che parla di "ennesimo regalo a Schmidheiny". "Quando una organizzazione imprenditoriale continua consapevolmente a far soldi sulla pelle della gente - sostiene - bisogna parlare di omicidi volontari, senza se e senza ma...".(ANSA).

12:48Biotestamento: al via dichiarazioni voto, verso ok finale

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Con le dichiarazioni di voto è iniziato in Aula al Senato l'esame del Ddl sul biotestamento. Ieri l'Assemblea di Palazzo Madama ha respinto tutte le proposte emendative. Il via libera definitivo per il testo di legge è atteso entro la mattinata.

12:45Russia: Putin, Artide renderà ricco il Paese

(ANSA) - MOSCA, 14 DIC - L'Artide aiuterà a far crescere "la ricchezza della Russia" perché "è lì che si trovano le risorse": lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin durante la sua conferenza stampa annuale aggiungendo che bisogna però tenere conto della questione ambientale e anche di quella relativa alla sicurezza.

12:42Natale: Meloni,italiani facciamo insieme rivoluzione presepe

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Ho deciso di fare il Presepe quando non lo fa più nessuno, quando nelle scuole dicono che non si può fare perché offende chi crede in un'altra cultura. Continuo a chiedermi come possa un bambino che nasce in una mangiatoia o una famiglia che scappa per difenderlo, offendere qualcuno. Come possa offendere qualcuno la mia cultura. Proprio non me ne faccio una ragione: che si creda in Dio oppure no, in questo simbolo sono raccolti i valori che hanno fondato la mia civiltà. Quello che io sono è in questo simbolo: io credo nel rispetto, nella laicità dello Stato, nella sacralità della vita, nella solidarietà perché me lo ha insegnato questo simbolo". Lo dice il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni nel video "2 minuti con Giorgia", su Facebook.

12:41Salvini, nessun tavolo con chi protegge stupratori

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Stiamo ricevendo centinaia di telefonate, messaggi, mail di donne e uomini arrabbiati e delusi per l'incredibile scelta di Fi di proteggere stupratori e assassini. Per quanto ci riguarda, sospendiamo le nostre previste partecipazioni a tavoli e incontri con Fi e Berlusconi finché non ci sarà un chiarimento ufficiale". Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini dopo il voto contrario di Fi in comm. giustizia al Senato all'iter veloce per la legge Molteni che nega sconti di pena per reati gravissimi.

Archivio Ultima ora