A New York niente tempesta del secolo e i metereologi si scusano

Pubblicato il 27 gennaio 2015 da redazione

USA: BUFERA NEVE SU NEW YORK, SCATTATO IL 'COPRIFUOCO'

NEW YORK. – Alla fine la tempesta perfetta non c’è stata. Eppure per i metereologi americani doveva essere la bufera di neve del secolo. Ma ciò che rimarrà di tanto allarmismo è solo l’immagine di una New York spettrale. La metropoli che non dorme e non si ferma mai per alcune ore si è trasformata in città fantasma. “Una cosa mai vista”, ammettono i media locali. In effetti il ‘coprifuoco’ decretato dal sindaco Bill de Blasio ha funzionato, a partire dal divieto assoluto di circolazione delle auto private che ha regalato ai newyorkesi uno spettacolo raro, fin dalla serata di lunedì. Con i luoghi simbolo della città – da Times Square a Broadway – insolitamente deserti, con le serrande abbassate di negozi, ristoranti, locali, teatri. Passata la notte – in cui ha continuato a nevicare, ma con intensità inferiore al previsto – la Grande Mela si è svegliata in un clima ancor più surreale: strade vuote, le grandi arterie che da nord a sud attraversano Manhattan trasformate in enormi piste bianche su cui camminare tranquillamente a piedi. Niente auto, taxi gialli, scuolabus, in quella che di solito è l’ora di punta mattutina. Solo qualche mezzo di emergenza. Deserte anche le fermate degli autobus, chiuse le stazioni della metropolitana e quelle ferroviarie. Tutti sono rimasti a casa, come avevano raccomandato le autorità. E chiusi sono rimasti per tutta la notte i ponti e i tunnel che collegano l’isola di Manhattan al resto della città. Pochissime le attività commerciali aperte, anche quelle in cui solitamente si può entrare 24 ore su 24. E la giornata è filata via così, anche se nel giro di poche ore, una volta rimossi tutti i divieti, la situazione è tornata gradualmente alla normalità. “Abbiamo schivato un proiettile”, ha commentato de Blasio, mentre il flop sulla tempesta di neve più terribile della storia di New York ha costretto i metereologi del Weather National Service e star delle principali emittenti tv a chiedere scusa. Mentre l’amministrazione cittadina respinge le accuse di aver esagerato: dopo la bufera del 2010, quando la Grande Mela rimase letteralmente paralizzata dalla neve, la prudenza non è mai troppa. Ma se New York è stata risparmiata, ‘Giunone’ (così è stata chiamata la tempesta che sta flagellando il nordest degli Usa) si è abbattuta con notevole violenza su città come Boston e Philadelphia. Sono sette gli Stati in cui è ancora in vigore lo stato di emergenza: New York, New Jersey, Pennsylvania, Connecticut, Rhode Island, Maryland, New Hampshire. E ancora tre milioni di persone restano in balia del blizzard, con violente e abbondanti precipitazioni di neve e ghiaccio. In particolare resta critica la situazione a Boston e Philadelphia, mentre a Nantucket, l’isoletta di molti vip al largo di Cape Code, la popolazione è rimasta senza corrente elettrica e molti sono i danni registrati. Isolata anche Martha’s Vineyard, l’isola in cui ha trascorso le ultime vacanze estive il presidente Barack Obama, con i collegamenti con la terraferma sospesi. Critica la situazione a Long Island, in particolare nelle eleganti località estive di Montauk e degli Hamptons. Restano i disagi per il traffico aereo, dopo la cancellazione di oltre 7.000 voli. (di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora