Mosca vieta macchinari dell’Occidente in gare pubbliche

Pubblicato il 02 febbraio 2015 da redazione

Russian President Vladimir Putin atInternational Holocaust Remembrance Day event in Moscow

MOSCA. – Già tra le principali vittime dell’embargo agroalimentare russo, l’Italia ora si ritrova nel mirino delle nuove restrizioni di Mosca all’import di prodotti occidentali, in risposta alle sanzioni per la crisi ucraina. Oggi infatti il premier, Dmitri Medvedev, ha firmato uno speciale documento che vieta la partecipazione alle gare pubbliche – federali e municipali – ai produttori stranieri di macchinari del settore edilizio, dello sfruttamento delle materie prime e della manutenzione cittadina. Si tratta di gru, ruspe, impianti per l’attività mineraria, ma anche di veicoli per la pulizia e il trasporto. Con una quota strutturale di oltre il 40%, il settore macchinari è una delle due gambe del nostro export: il made in Italy che è tanto e giustamente famoso in Russia per abbigliamento, calzature e agroalimentare – le “tre Grazie” dell’eccellenza italiana – ha infatti il suo “core” nella meccanica, ossia nelle macchine per uso generale e macchinari elettrici. Un comparto che nel 2013, secondo i dati dell’Ice di Mosca, valeva complessivamente 4,3 miliardi di euro e la terza posizione dell’Italia dopo Cina e Germania, con una quota di mercato del 6,2%. Cifre alle quali vanno aggiunti i 599 milioni di euro del settore edilizia-arredamento (2/a posizione e 9,1% di quota di mercato) e i 572 dei trasporti. In totale sono circa 5,5 mld di euro, anche se, precisa Maurizio Forte, direttore dell’Ice di Mosca, “sarà difficile calcolare i danni finché non saranno chiari i codici doganali dei prodotti interessati e la quota di macchinari venduti tramite le gare pubbliche”. In ogni caso un qualche impatto ci sarà, ammettono in ambasciata. Allarmato Vittorio Torrembini, vicepresidente di Gim Unimpresa, l’associazione che riunisce le imprese operanti in Russia: “E’ un colpo grave, un colpo basso a un settore dove siamo tradizionalmente forti”. Preoccupata anche Confindustria. Il provvedimento firmato da Medvedev tecnicamente non è un embargo o una contro-sanzione. Si tratta di una misura a tutela dell’industria nazionale, che nel settore statale privilegia i prodotti “made in Russia”, dove essi possono sostituire quelli di importazione (“import substitution”). E’ una politica usata anche in Cina, ad esempio nel settore automobilistico, mentre l’Europa resta fedele al principio della libera concorrenza. Ma la Russia è stata costretta ad adottare il nuovo piano anti crisi per fronteggiare l’isolamento occidentale, tentando di usarlo come opportunità per stimolare e diversificare l’industria nazionale anche nei settori non tradizionali, come quello energetico-estrattivo. Lo aveva già fatto lo scorso luglio vietando agli enti pubblici l’acquisto di varie tipologie di veicoli e macchine di produzione straniera: automobili, furgoni, camion, autobus, tram. Ora ha allungato la lista, facendo eccezione solo per la Bielorussia e il Kazakhstan, i due Paesi della comune Unione economica euroasiatica. L’unico modo per evitare le nuove restrizioni sarà quello di avviare impianti produttivi in Russia o, forse, quello di ricorrere al sub-appalto tramite una ditta russa partecipante alle gare pubbliche ma, in questo secondo caso, si ridurrà il margine di guadagno. (di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

19:29Inter: Spalletti “Abbiamo sbagliato la ripresa”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Dispiace sicuramente aver perso, un po' di più perché è passato un po' di tempo dall'ultima e non eravamo più abituati". E' amareggiato il tecnico dell'Inter, Luciano Spalletti, dopo il primo ko stagionale, contro l'Udinese. "Ma ce la siamo un po' andati a cercare - le sue parola a Premium - perché nel 2/o tempo abbiamo sbagliato troppo, siamo stati timidi e poi loro sono stati bravi, hanno fatto valere la loro fisicità. Oggi non ci è girata tanto bene". Spalletti esclude che il ko possa essere 'figlio' di un calo fisico: "No, assolutamente. L'aspetto fisico mi è sembrato a posto ma nella ripresa abbiamo sbagliato molto tecnicamente e dove abbiamo aumentato la distanza tra i reparti. La differenza l'ha fatta la gestione errata della palla. Il gruppo in testa ha fatto un girone d'andata tutto in volata, è stato uno sprint continuo. Ora chiaramente chi si siede un attimo rischia di essere superato. Noi non volevamo questo, eravamo convinti di fare un'altra prestazione che evidenziasse la nostra crescita".

19:11Studi a rischio per figli teste giustizia, programma mirato

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 16 DIC - Due giovani studenti, impossibilitati a frequentare le lezioni perché figli di un testimone di giustizia e a rischio di perdere l'anno scolastico, hanno seguito un programma mirato di formazione che alterna lezioni domiciliari ad attività didattiche a distanza. E' la soluzione - resa nota dalla Prefettura di Reggio Calabria - trovata grazie alle sinergie istituzionali che si sono attivate dopo la segnalazione di un sacerdote. Le linee guida operative obbligano all'adozione di rigide misure di sicurezza, per cui gli studi dei due ragazzi erano a rischio. Dopo la segnalazione ricevuta l'istituto scolastico reggino e l'Ufficio scolastico provinciale, è stato avviato un dialogo per individuare le più idonee soluzioni per garantire le esigenze di protezione con quelle del diritto allo studio ed alla formazione. "Le buone prassi devono diventare la regola: anche per questo è importante che il Senato approvi definitivamente la riforma sui testimoni di giustizia, commenta il deputato Pd Davide Mattiello.

19:05Trasferimento beni: giudizio immediato per Massimo Nicoletti

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Richiesta di giudizio immediato della Procura di Roma per Massimo Nicoletti, figlio di Enrico, quest'ultimo ritenuto dagli inquirenti l'ex cassiere della banda della Magliana. Il pm Luca Tescaroli gli contesta l'accusa di trasferimento fraudolento di beni finalizzato ad eludere la normativa antimafia in materia di misure di prevenzione patrimoniale. La richiesta di immediato è estesa anche a Mario Mattei, considerato un prestanome di Nicoletti. Il gip Flavia Costantini ha fissato la data del 14 febbraio prossimo per l'esame della richiesta. I due imputati avranno facoltà di chiedere di essere giudicati con il rito abbreviato.

18:50Calcio: Serie B, vincono Palermo e Bari

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Palermo batte la Ternana e conserva il primo posto nella classifica di serie B dopo 19 giornate, inseguito a tre punti dal Bari, vittorioso a Perugia. Il Cesena frena il Parma, che scivola al terzo posto accanto al Frosinone, che a sua volta pareggia, a Carpi. Un punto a testa anche per Empoli e Cremonese. Risultati: Foggia-Venezia 2-2 (ieri); Avellino-Ascoli 1-1; Carpi-Frosinone 1-1; Cremonese-Empoli 1-1; Entella-Salernitana 0-2; Palermo-Ternana 1-0; Parma-Cesena 0-0; Perugia-Bari 1-3; Pro Vercelli-Spezia 0-2. Domani si giocano Brescia-Cittadella e Pescara-Novara.

18:45Corea Nord: ‘ha hackerato milioni Bitcoin’

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'intelligence sudcoreana è convinta che ci sia Pyongyang dietro gli attacchi hacker alle criptovalute, in particolare Bitcoin, e che Pyongyang abbia così accumulato milioni in valuta virtuale. Lo riferisce la Bbc. Almeno 7 milioni di dollari sono stati rubati, oggi hanno un valore decuplicato di 82,7 milioni. Inoltre, gli hacker si sono impadroniti dei dati personali di almeno 30.000 persone. Secondo gli esperti, l'obiettivo dell'attacco è quello di evadere le sanzioni fiscali a cui è sottoposto la Corea del Nord. Da tempo si sospetta che Kim Jong-un abbia accumulato un presunto tesoretto di Bitcoin da usare contro le pesanti sanzioni imposte al Paese.

18:38Pd: lascia “millennial” Vichi, aveva picchiato arbitro

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Siccome "ho sempre messo davanti il bene del partito rispetto al destino personale, decido di compiere un gesto di responsabilità dimettendomi da componente della Direzione Nazionale con la promessa che il mio impegno nel Pd e nei Giovani Democratici prosegue con generosità e altruismo". Così Gianluca Vichi, il giovane "millennial" cooptato nella segreteria nazionale del Pd annuncia il suo passo indietro dopo il "gesto brutto che ho commesso in un campo di calcio" nelle Marche "durante una partita di calcio". Vichi infatti, durante l'incontro, aveva dato una ginocchiata all'arbitro.

18:30Calcio: serie A, Inter-Udinese 1-3

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'Inter cade in casa, prima sconfitta del campionato, nel primo anticipo della 17/a giornata di serie A, battuta 3-1 dall'Udinese. La squadra bianconera è andata in vantaggio al 14' con Lasagna, ma dopo solo due minuti Icardi (17 reti in campionato) ha pareggiato. L'Inter non è riuscita a completare la rimonta e a inizio ripresa è avvenuto l'episodio forse decisivo, con intervento della Var: su cross di Widmer la palla ha impattato sul braccio aperto di Santon in area, ma l'arbitro Mariani ha dato rimessa dal fondo prima di cambiare idea grazie al video. Accertatosi che il pallone non era uscito, ha concesso il rigore, trasformato da De Paul al 16'. Al 25', terzo gol dell'Udinese su contropiede finalizzato da Barak e l'Inter non è riuscita a reagire.

Archivio Ultima ora