Coppa Italia: Higuain gela l’Inter, e il Napoli vola

Pubblicato il 04 febbraio 2015 da redazione

napoli-inter
NAPOLI. – Come al solito, ci pensa il Pipita. Ma questa volta Higuain la fa davvero grossa perché abbatte l’Inter a 30 secondi dalla fine della partita, quando ormai sembrava scontato che si dovesse andare ai tempi supplementari. L’argentino sfrutta una rimessa dal fallo laterale di Ghoulam che lo lancia in profondità, con la retroguardia interista distratta (Ranocchia colpevole), si presenta davanti a Carrizo e lo batte con uno spiovente. Il Napoli si qualifica dunque per la semifinale di Coppa Italia ed incontrerà in doppia partita la Lazio. L’Inter però, pur perdendo la migliore e forse unica occasione che la stagione ancora le offriva per raggiungere l’Europa, fa una buona impressione, grazie soprattutto ai nuovi innesti. Almeno la squadra di Mancini regge benissimo il confronto con un’avversaria sulla carta più quotata e vende cara la pelle fino alla fine. Mancini presenta con una formazione a trazione anteriore. Il tecnico nerazzurro, che fa debuttare Santon appena arrivato dall’Inghilterra, opta per un centrocampo a tre con Medel, Brozovic e Hernanes, mentre Shaqiri a destra e Puscas a sinistra completano con Icardi l’attacco nerazzurro. Nel Napoli Benitez schiera a sorpresa Koulibaly sul lato destro della difesa al posto di Maggio, con Britos centrale al fianco di Albiol. L’Inter nel primo quarto d’ora della partita esercita un discreto predominio nel gioco, grazie anche alla decisa superiorità numerica a centrocampo, reparto al quale danno un consistente contributo sia Santon e Nagatomo che Shaqiri e Puscas, i primi due avanzando ed i secondi due retrocedendo quando serve. La superiorità dei nerazzurri culmina con un palo colpito al 13′ da Icardi con una conclusione rasoterra dal limute dell’area di rigore. Da quel momento in poi, però, è il Napoli ad impossessarsi della partita e per tutto il primo tempo gli azzurri si riversano nella metà campo avversaria producendo anche un consistente numero di potenziali occasioni da gol non sfruttate da Higuain, da Hamsik e, nel finale della prima frazione di gioco, anche da Koulibaly. In questa fase della gara la squadra di Benitez riequilibra le forze a centrocampo anche per il cospicuo contributo alla manovra di De Guzman. L’olandese si sacrifica nella zona centrale del terreno di gioco, rallentando le ripartenze dell’Inter e facendosi sostituire in questi momenti sulla fascia sinistra, in fase di propulsione, da Strinic che spinge ripetutamente e costringe Shaqiri a seguirlo e Santon a rimanere basso rispetto alla linea della metà campo. La ripresa è più equilibrata con il Napoli che tende maggiormente ad aspettare gli avversari nella propria metà campo per tentare di sfruttare la velocità in ripartenza dei suoi attaccanti. Il ritmo della gara si fa meno intenso e con il passare dei minuti le due squadre tendono ad affidarsi maggiormente agli spunti isolati dei propri uomini. Quando le residue energie vengono centellinate in attesa di affrontare i tempi supplementari, arriva la svolta. La premiata ditta Ghoulam-Higuain confeziona il gol che manda il Napoli in Paradiso e l’Inter all’inferno. Il resto del tempo serve solo a decretare il trionfo del Pipita, acclamato fino al sottopassaggio dal suo pubblico.

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora