Accordo sulla tregua in Ucraina, ma restano le ombre

Pubblicato il 12 febbraio 2015 da redazione

Ukraine peace talks in Minsk

MINSK. – Un cessate il fuoco dalla mezzanotte di sabato e il ritiro delle armi pesanti da martedì: sono i due punti più importanti dell’accordo sul conflitto ucraino trovato da Putin, Poroshenko, Merkel e Hollande al vertice di Minsk, dopo una tesissima maratona notturna di 16 ore, forse la più lunga della loro carriera. Un’intesa che, con qualche modifica, rilancia sostanzialmente gli accordi di Minsk dello scorso 5 settembre, finora ripetutamente violati da ambo le parti. Ora però c’è il sostegno ufficiale dei quattro leader e una road-map firmata dal gruppo di contatto, dove gli emissari di Kiev dialogano con i separatisti sotto il patronato dell’Osce e della Russia. I prossimi giorni diranno se l’accordo reggerà. Per ora sembra prevalere un misto di speranza e scetticismo per le troppe ombre rimaste sullo sfondo del negoziato: dallo status delle regioni ribelli – Poroshenko ha negato che avranno autonomia – al controllo dei confini russo-ucraini, dai quali anche oggi Kiev ha denunciato, senza provarlo, l’ingresso di “una cinquantina di carri armati russi, 40 lancia missili Grad, Uragan e Smertch e altrettanti blindati”. “La Russia ha lanciato un’offensiva subito dopo la firma dell’accordo”, ha accusato Poroshenko, volato a Bruxelles in cerca di sostegno politico dopo aver incassato dal Fmi l’estensione degli aiuti da 17,5 a 40 miliardi di dollari. Tra i nodi da sciogliere anche quello della sacca di Debaltseve, lo strategico snodo ferroviario che Kiev non vuole cedere ai miliziani, smentendo l’accerchiamento delle proprie truppe: tesi su cui il leader del Cremlino ha detto di avere dubbi. E già Putin e Poroshenko hanno cominciato a lanciarsi reciproci moniti sulla responsabilità di un eventuale fallimento della tregua e a sbandierare i punti dell’accordo che possono fare incassar loro più consenso. “Non è stata la notte migliore per me, ma è un buon mattino”, ha commentato soddisfatto il presidente russo, che grazie all’accordo congela la minaccia di ulteriori sanzioni europee e allontana forse anche la fornitura Usa di armi a Kiev, continuando a dettare il gioco da una posizione di forza. Anche i separatisti, che si vedono riconosciuta di fatto la porzione di territorio conquistata in questi mesi, hanno dato un cauto benvenuto all’intesa. Poroshenko, che durante il summit aveva tuonato contro le “condizioni inaccettabili” di Mosca, ha voluto sottolineare che “nonostante la tensione e la pressione” l’Ucraina non ha ceduto agli “ultimatum”. E non ha nascosto le difficoltà di implementare l’accordo. Ma a misurarne il valore sono soprattutto i cauti commenti dei leader europei. “Un segnale di speranza, ma ci sono ancora grandi ostacoli davanti a noi”, ha osservato la Merkel, che oggi il Nyt incoronava come il nuovo John Kennedy, “leader del mondo libero”. “Una speranza seria, ma resta ancora molto da fare”, le ha fatto eco Hollande. “Una buona notizia perché dà speranza, ma la speranza non è abbastanza”, ha commentato il presidente Ue Donald Tusk. Sulla stessa lunghezza d’onda l’Alto rappresentante per la politica Estera, Federica Mogherini: “Un passo avanti molto importante, ma non risolutivo. Si è aperto uno spiraglio: dobbiamo lavorare con tutte le nostre energie per consolidarlo”. Significative anche le parole del presidente della Commissione europea Jean Claude Junker: “Meglio un piccolo accordo, che un fallimento” del negoziato di Minsk. L’intesa, anche se fragile e tutta da verificare sul campo, ha infatti il merito di tener vivo il filo del dialogo sull’orlo del baratro. Anche Barack Obama ha dato il “benvenuto” all’accordo di Minsk ma ha ammonito Putin a “porre fine al suo sostegno ai separatisti” e a “ritirare le armi pesanti e i suoi soldati” dall’est del Paese. L’intesa, secondo la Casa Bianca, “rappresenta un potenziale passo verso una soluzione pacifica”, ma l’accordo “deve ora essere seguito da immediati passi concreti”. “Giudicheremo il rispetto degli impegni della Russia e dei separatisti dai fatti, non dalle loro parole”, ha rincarato il segretario di Stato John Kerry. “Le parti – ha aggiunto – hanno ancora una lunga strada davanti prima di raggiungere la pace e il pieno ripristino della sovranità dell’Ucraina”. E l’opzione di armare Kiev resta sul tavolo.
(dell’inviato Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

Archivio Ultima ora