La Ducati presenta la nuova Rossa: “Torneremo a vincere”

Pubblicato il 16 febbraio 2015 da redazione

Moto: Ducati presenta la nuova 'Rossa','torneremo a vincere'

ROMA. – Rossa. Piccola. Compatta. E – si spera – di nuovo vincente. La Ducati ha presentato a Borgo Panigale la GP15, la moto con la quale darà battaglia nella stagione MotoGP che sta per iniziare. E l’obiettivo e’ dichiarato: ”nell’ultimo Mondiale siamo andati a 10” dai migliori, quest’anno alziamo l’asticella: vogliamo vincere almeno un Gran Premio”. “Si tratta di una moto molto compatta – ha detto il pilota Andrea Iannone – anche io non me l’aspettavo così piccola”. Rispetto al passato la nuova moto italiana rompe decisamente sotto ogni aspetto. “Nonostante abbia elementi in comune con la GP14.3 – ha detto l’altro pilota ufficiale Andrea Dovizioso – è tutta nuova. Bella fuori e soprattutto dentro, non vedo l’ora di provarla”. L’unico per ora ad aver guidato la nuova moto di Borgo Panigale è stato il collaudatore Michele Pirro. “Rispetto a tutte le altre Ducati – ha detto Pirro – è completamente diversa. Dopo tanti anni di sacrificio con i ragazzi del Test Team, con i quali abbiamo lavorato tanto, questa è davvero emozionante. Sono molto fiducioso su questo progetto e credo che gli obiettivi che ha dato Dall’Igna sono raggiungibili”. Il capo del reparto corse Ducati, l’ingegner Luigi Dall’Igna è stato chiaro durante la presentazione della nuova moto: “Ci poniamo per il 2015 un obiettivo altamente sfidante, vogliamo almeno una vittoria – le sue parole – Lo scorso anno siamo arrivati al nostro obiettivo che era quello di arrivare a 10 secondi dai migliori, quest’anno alziamo l’asticella. La nostra MotoGP avrà anche contenuti che saranno trapiantati alla produzione di serie”. La nuova GP15 non ha molto in comune con le moto che l’hanno preceduta. Più compatta come hanno sottolineato i piloti, la nuova Ducati presenta una carena caratterizzata dai grandi sfoghi d’aria laterali e dal capolino ora più rastremato. Rimane la presa d’aria anteriore, ma cambia la formae la dimensione per assecondare l’airbox del nuovo motore 4 cilindri a v di 90° come nella tradizione Ducati. Il telaio è un doppio trave laterale in alluminio, mentre il porcellone è un elemento in carbonio completamente riprospettato. Diversa rispetto al passato anche la disposizione degli scarichi. Sotto al codino dal lato destro si vedono i due tubi dello scarico della bancata posteriore che si raccordano in un terminale singolo, mentre per i cilindri anteriori c’è uno scarico singolo sempre sulla destra della GP15. La nuova moto viene dalle esperienze fatte durante la scorsa stagione e nel test collettivo che si è tenuto a Sepang in Malesia nella prima settimana di febbraio. I due piloti ufficiali, in quella occasione si sono molto avvicinati alla testa della classifica, con Andrea Iannone, in particolare che è stato autore del secondo tempo a meno di 4 decimi dallo strabiliante tempo fatto segnare dal campione del mondo Marc Marquez con la Honda (1.58.8). Nel prossimo test che si svolgerà sempre a Sepang in Malesia a partire dal 23 al 25 febbraio prossimi, nel box Ducati ci sarà disponibile una GP15 a pilota. Andrea Dovizioso e Andrea Iannone proseguiranno lo sviluppo della nuova moto confrontandola con la versione precedente che comunque ha evidenziato una notevole competitività.

Numeri da capogiro per la nuova Ducati Gp15

Ecco i numeri della nuova Ducati Desmosedici Gp15, presentata a Borgo Panigale da Andrea Dovizioso e e Andrea Iannone. Il motore è un 4 tempi, V4 a 90 gradi, raffreddato a liquido, distribuzione desmodromica evoluta con doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro. La cilindrata è quella regolamentare per la MotoGp: 1.000 cc. La potenza dichiarata è di oltre i 240 cavalli, mentre la Ducati si sbilancia per la velocità massima in oltre i 340 km/h. Per il reparto cambio e trasmissione la Gp15 adotta il Dst, ovvero Ducati seamless transmission, mentre la trasmissione finale è tradizionale a catena. L’alimentazione della Gp15 è composta da un sistema a iniezione elettronica con i quattro iniettori posti al di sopra dei corpi farfallati, mentre il gas è elettronico, denominato Evo 2 TCF (Throttle control & Feedback). Tre i dischi dell’impianto frenante, due anteriori in carbonio da 320 o 340 mm di diametro a seconda delle esigenze, e un disco posteriore in acciaio. Da atleta il peso: solo 158 kg a secco.

Ultima ora

12:59Catalogna: sondaggio, vince ‘no’ ad indipendenza 49% a 41%

(ANSA) - BARCELLONA, 21 LUG - Un sondaggio Ceo pubblicato oggi a Barcellona in vista del referendum sull'indipendenza del 1 ottobre indica in crescita il 'no' al 49,4% e in calo al 41,1% il 'si', con un 9,5% di indecisi. In dicembre il 45,3% si pronunciava per il 'si' e il 46,8% per il 'no'. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha annunciato che il referendum, definito "illegale" dal premier spagnolo Mariano Rajoy che ha promesso di impedirlo, si svolgerà il primo ottobre e sarà "vincolante".

12:51Incendi: Liguria, devastati 200 ettari in Parco del Beigua

(ANSA) - GENOVA, 21 LUG - Duecento ettari di bosco sono andati in fumo nell'incendio che per cinque giorni ha devastato il Parco del Beigua, nelle province di Genova e Savona. Sul Monte Reixa, sulla Rocca Vaccaria o nella Valle della Malanotte, spiega la direzione contando i danni, "la situazione è decisamente sconfortante, con i versanti esposti più a sud pesantemente violentati dal fuoco". Sono bruciati ettari di prateria montana, pinete e arbusteti, numerosi habitat di interesse comunitario e un imprecisato numero di animali selvatici. Per quanto attiene le presenze ornitologiche, l'area è un sito importantissimo per la nidificazione di uccelli come il Calandro, la Tottavilla, il Codirossone, la Pernice rossa e molte altre specie di uccelli che nidificano al suolo. "Nelle prossime settimane i tecnici dell'ente Parco completeranno le ricognizioni sul terreno ed inizieranno a predisporre progetti specifici per attivare interventi di riqualificazione degli ambienti distrutti dagli incendi degli ultimi giorni". Per domare il rogo sono intervenuti i vigili del fuoco, ma anche i volontari della protezione civile e un Canadair. I responsabili dell'ente ricordano come sia fondamentale rispettare le leggi che regolano l'uso del fuoco in un periodo dell'anno così a rischio come l'estate. (ANSA).

12:35Renzi, alzare i salari è l’elemento chiave

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - "Alzare i salari è l'elemento chiave. Il tema del recuperare il potere d'acquisto è il tema fondamentale". Lo ha detto il segretario del Pd Matteo Renzi, intervistato stamani in diretta da Lady Radio, commentando le affermazioni del presidente della Bce Mario Draghi sulla ripresa economica, "finalmente robusta". "Ma quando abbiamo fatto gli 80 euro, che tanti hanno preso in giro, questa è stata una cosa che finalmente dopo anni si è fatta - ha aggiunto Renzi - è un tentativo di togliere, magari dai superstipendi dei manager pubblici, perché con il decreto legge che ha introdotto gli 80 euro abbiamo anche messo il tetto ai supermanager o presunti tali, pubblici, e di dare invece a chi fa fatica ad arrivare alla fine del mese".

12:31Calcio: Bonucci carica Milan, nulla è impossibile

(ANSA) - MILANO, 21 LUG - Nulla è impossibile, uniti si vince. Appena sbarcato sul pianeta Milan, Leonardo Bonucci dimostra l'attitudine alla leadership con un paio di slogan. Il primo lo ha pronunciato al telefono quando per la prima volta l'ad rossonero Marco Fassone gli ha prospettato l'idea del trasferimento. "Era nata quasi per caso, pareva impossibile, e Leo mi ha interrotto subito: 'Direttore, niente è impossibile, quando c'è la volontà di fare le cose si possono portare a termine'", ha raccontato l'ad durante la presentazione del giocatore sul social network cinese Weibo, ringraziando Franck Kessie per aver ceduto a Bonucci la maglia 19: "E' stato comprensivo. Siamo un team, superiamo ogni granello che si voglia inserire nel nostro ingranaggio". "Il Milan merita di tornare a vestire un abito importante in Italia e in Europa - ha notato Bonucci -. Uniti si vince: la forza deve essere quella della squadra, il singolo da solo fa nulla. Tutti insieme possiamo tornare in alto".

12:26Libia: Macron invita Farraj e Haftar a Parigi

(ANSA) - PARIGI, 21 LUG - Il premier libico Fayez al-Sarraj e il generale Khalifa Haftar si incontreranno a Parigi la prossima settimana su invito del presidente francese, Emmanuel Macron. Lo rende noto il quotidiano saudita Al-Hayat. Secondo il canale giordano 218, il vertice dovrebbe tenersi il 25 o 26 luglio. L'informazione non è stata ancora confermata né dall'esercito libico, né dal governo di Tripoli. A metà luglio il capo dell'Eliseo aveva annunciato nuove iniziative diplomatiche volte a riportare la stabilità in Libia.

12:2423enne muore dopo forte mal di testa, aperta inchiesta

(ANSA) - NUORO, 21 LUG - Era arrivata al Pronto soccorso del San Francesco di Nuoro martedì notte in preda a un fortissimo mal di testa, poi le condizioni di salute di Caterina Debuggias, nuorese di 23 anni, sono peggiorate nel giro di tre ore, fino alla morte avvenuta nel pomeriggio seguente. Secondo i genitori della ragazza, i medici avrebbero aspettato troppo a lungo prima di intervenire e per questo hanno sporto denuncia ai Carabinieri, che hanno avviato le indagini. L'Ats (Azienda sanitaria della Sardegna) ha aperto un'indagine interna e per il momento mantiene il più stretto riserbo sulla vicenda, in attesa di ricostruire come siano effettivamente andate le cose. Nessuna dichiarazione da parte della dirigenza dell'Area socio sanitaria locale (Assl) di Nuoro: il direttore Andrea Marras ha convocato per oggi un incontro interno all'azienda per capire cosa sia successo quella notte tra martedì e mercoledì.

12:20Renzi, continuare ad abbassare tasse, finora non granché

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - "Vogliamo continuare ad abbassare le tasse, perché abbiamo iniziato ma ancora non è che si veda granché; e quindi di conseguenza raccontiamo come fare per abbassare 30 miliardi di tasse". Lo ha detto il segretario del Pd Matteo Renzi, intervistato stamani in diretta da Lady Radio, parlando del suo libro 'Avanti', che stasera presenterà a Firenze. "Se poi gli altri hanno idee migliori, evviva - ha aggiunto Renzi - però almeno si discute di contenuti e non di caccia alle poltrone, di discussioni sterili".

Archivio Ultima ora