La Ducati presenta la nuova Rossa: “Torneremo a vincere”

Pubblicato il 16 febbraio 2015 da redazione

Moto: Ducati presenta la nuova 'Rossa','torneremo a vincere'

ROMA. – Rossa. Piccola. Compatta. E – si spera – di nuovo vincente. La Ducati ha presentato a Borgo Panigale la GP15, la moto con la quale darà battaglia nella stagione MotoGP che sta per iniziare. E l’obiettivo e’ dichiarato: ”nell’ultimo Mondiale siamo andati a 10” dai migliori, quest’anno alziamo l’asticella: vogliamo vincere almeno un Gran Premio”. “Si tratta di una moto molto compatta – ha detto il pilota Andrea Iannone – anche io non me l’aspettavo così piccola”. Rispetto al passato la nuova moto italiana rompe decisamente sotto ogni aspetto. “Nonostante abbia elementi in comune con la GP14.3 – ha detto l’altro pilota ufficiale Andrea Dovizioso – è tutta nuova. Bella fuori e soprattutto dentro, non vedo l’ora di provarla”. L’unico per ora ad aver guidato la nuova moto di Borgo Panigale è stato il collaudatore Michele Pirro. “Rispetto a tutte le altre Ducati – ha detto Pirro – è completamente diversa. Dopo tanti anni di sacrificio con i ragazzi del Test Team, con i quali abbiamo lavorato tanto, questa è davvero emozionante. Sono molto fiducioso su questo progetto e credo che gli obiettivi che ha dato Dall’Igna sono raggiungibili”. Il capo del reparto corse Ducati, l’ingegner Luigi Dall’Igna è stato chiaro durante la presentazione della nuova moto: “Ci poniamo per il 2015 un obiettivo altamente sfidante, vogliamo almeno una vittoria – le sue parole – Lo scorso anno siamo arrivati al nostro obiettivo che era quello di arrivare a 10 secondi dai migliori, quest’anno alziamo l’asticella. La nostra MotoGP avrà anche contenuti che saranno trapiantati alla produzione di serie”. La nuova GP15 non ha molto in comune con le moto che l’hanno preceduta. Più compatta come hanno sottolineato i piloti, la nuova Ducati presenta una carena caratterizzata dai grandi sfoghi d’aria laterali e dal capolino ora più rastremato. Rimane la presa d’aria anteriore, ma cambia la formae la dimensione per assecondare l’airbox del nuovo motore 4 cilindri a v di 90° come nella tradizione Ducati. Il telaio è un doppio trave laterale in alluminio, mentre il porcellone è un elemento in carbonio completamente riprospettato. Diversa rispetto al passato anche la disposizione degli scarichi. Sotto al codino dal lato destro si vedono i due tubi dello scarico della bancata posteriore che si raccordano in un terminale singolo, mentre per i cilindri anteriori c’è uno scarico singolo sempre sulla destra della GP15. La nuova moto viene dalle esperienze fatte durante la scorsa stagione e nel test collettivo che si è tenuto a Sepang in Malesia nella prima settimana di febbraio. I due piloti ufficiali, in quella occasione si sono molto avvicinati alla testa della classifica, con Andrea Iannone, in particolare che è stato autore del secondo tempo a meno di 4 decimi dallo strabiliante tempo fatto segnare dal campione del mondo Marc Marquez con la Honda (1.58.8). Nel prossimo test che si svolgerà sempre a Sepang in Malesia a partire dal 23 al 25 febbraio prossimi, nel box Ducati ci sarà disponibile una GP15 a pilota. Andrea Dovizioso e Andrea Iannone proseguiranno lo sviluppo della nuova moto confrontandola con la versione precedente che comunque ha evidenziato una notevole competitività.

Numeri da capogiro per la nuova Ducati Gp15

Ecco i numeri della nuova Ducati Desmosedici Gp15, presentata a Borgo Panigale da Andrea Dovizioso e e Andrea Iannone. Il motore è un 4 tempi, V4 a 90 gradi, raffreddato a liquido, distribuzione desmodromica evoluta con doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro. La cilindrata è quella regolamentare per la MotoGp: 1.000 cc. La potenza dichiarata è di oltre i 240 cavalli, mentre la Ducati si sbilancia per la velocità massima in oltre i 340 km/h. Per il reparto cambio e trasmissione la Gp15 adotta il Dst, ovvero Ducati seamless transmission, mentre la trasmissione finale è tradizionale a catena. L’alimentazione della Gp15 è composta da un sistema a iniezione elettronica con i quattro iniettori posti al di sopra dei corpi farfallati, mentre il gas è elettronico, denominato Evo 2 TCF (Throttle control & Feedback). Tre i dischi dell’impianto frenante, due anteriori in carbonio da 320 o 340 mm di diametro a seconda delle esigenze, e un disco posteriore in acciaio. Da atleta il peso: solo 158 kg a secco.

Ultima ora

23:21Attico Bertone: torna ‘giallo’ doppie fatture

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 22 SET - Torna il 'giallo' del doppio pagamento per la ristrutturazione dell'appartamento dell'ex Segretario di Stato vaticano, il cardinale Tarcisio Bertone. Nel processo in corso in Vaticano, l'ex presidente della Fondazione Bambino Gesù, Giuseppe Profiti (accusato di peculato) aveva definito 'falsa' questa ipotesi, perché la Fondazione aveva cofinanziato i lavori dell'appartamento mentre il Governatorato aveva pagato i lavori per le parti comuni di Palazzo San Carlo. Oggi, invece, l'ombra del doppio pagamento a vantaggio delle imprese di Gianantonio Bandera, di cui si è parlato nei mesi scorsi, di fatto è rispuntata. Marco Bargellini, alla guida della sezione 'edilizia' della Direzione dei Servizi Tecnici del Governatorato, ha detto che l'ente ha pagato tutto, non sapendo che i lavori erano stati pagati anche dalla Fondazione. Durante un'udienza di sei ore, è anche emerso che nell'appartamento non sono mai stati effettuati i collaudi.

23:12Calcio: Bayern raggiunto dal Wolfsburg sul 2-2

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Non sono bastate due reti di vantaggio al Bayern Monaco per condurre in porto la partita contro il Wolfsburg, conclusasi 2-2. Sul campo della Allianz Arena, nell'anticipo della sesta giornata di Bundesliga, le reti di Lewandowski (33', su rigore che lo stesso attaccante polacco si era procurato) e Robben (42') sembravano aver messo in discesa l'incontro per la formazione allenata da Carlo Ancelotti. Ma nella ripresa la reazione del Wolfsburg ha sorpreso i bavaresi, che hanno incassato all'11' il gol su punizione di Arnold ed a 7' dalla fine quello di Didavi. Il Bayern ha così fallito il momentaneo sorpasso sul Borussia Dortmund capolista, raggiunto a 13 punti, che domani affronta il Moenchengladbach.

22:28Usa: McCain resiste su Obamacare, ‘non voto nuovo testo’

(ANSA) - WASHINGTON, 22 SET - Il senatore repubblicano John McCain ha annunciato che non voterà per la nuova proposta di legge per la revoca di Obamacare, infliggendo così un altro duro colpo al tentativo dei repubblicani di raggiungere i 50 voti necessari al Senato per mandare avanti l'iter. "Non posso in buona coscienza votare per la proposta Graham-Cassidy. Credo che possiamo fare meglio, lavorando insieme repubblicani e democratici, e non abbiamo ancora davvero provato", ha affermato McCain. Il testo, messo a punto dai senatori Bill Cassidy e Lindsey Graham, è l'ultima possibilità di passare una proposta di legge che smantelli l'Affordable Care Act (detto Obamacare) voluto da Barack Obama, prima della scadenza del 30 settembre. Il voto è previsto infatti per la prossima settimana. La determinazione di McCain, che invoca collaborazione bipartisan dopo averne già interrotto l'iter in luglio, mette così nuovamente a rischio il tentativo dei repubblicani di sostituire l'Obamacare, su cui spinge il presidente Donald Trump.

22:20Maria: cede diga Porto Rico, allagate due cittadine

(ANSA) - SAN JUAN DE PORTORICO (STATI UNITI), 22 SET - La diga di Guajataca, a Porto Rico, ha ceduto e sta provocando alluvioni "estremamente pericolose", in particolare in due cittadine lungo il fiume: lo ha annunciato il servizio meteo Usa (Nws), citato da Bbc, aggiungendo che è in corso l'evacuazione della popolazione di due centri abitati lungo il fiume. Sotto l'azione delle piogge portate dall'uragano Maria, che sta devastando i Caraibi, il cedimento è avvenuto alle 14:10 locale, le 21.10 italiane, allagando subito le cittadine di Isabela e Quebradillas.

21:46Uccisa da veicolo poi in fuga, denunciato camionista

(ANSA) - CASTELFIORENTINO (FIRENZE), 22 SET - È un camionista residente nel Pisano la persona denunciata dai carabinieri perché accusato dell'omicidio stradale di Sara Scimmi, la 19enne investita e uccisa il 9 settembre scorso a Castelfiorentino (Firenze) lungo la strada regionale 429. Secondo gli accertamenti dei carabinieri l'uomo quella sera era alla guida di un tir di proprietà di un'azienda umbra, i cui segni delle gomme sarebbero riconducibili a quelli lasciati sull'asfalto. Il dettaglio chiave è stato un logo sul telone del mezzo pesante, individuato in una ripresa di videosorveglianza visionata dai carabinieri. Il confronto con alcune riprese effettuate a distanza di ore a un casello autostradale, seguendo un ipotetico tracciato, ha permesso di individuare definitivamente mezzo e autista. Il conducente ha negato ogni coinvolgimento e il veicolo, sequestrato, sarà oggetto di approfondimenti da parte dei Ris di Roma.

21:46Calcio: Balotelli a segno, Nizza riacciuffa l’Angers

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Con un gol siglato al 39' su rigore Mario Balotelli ha avviato la rimonta del Nizza che contro l'Angers si era trovato sotto 2-0, in casa, nell'anticipo della settima giornata di Ligue 1. Il doppio vantaggio degli ospiti nasceva dalle reti di Pavlovic al 12' ed Toko Ekambi al 34'. Al 31' della ripresa l'autogol di Ismael Traoré ha fissato il risultato sul 2-2. Il Nizza sale a 10 punti, l'Angers a 8.

21:04Migranti: archiviata inchiesta molestie in Cpa nel Padovano

(ANSA) - PADOVA, 22 SET - La Procura di Padova ha disposto l'archiviazione dell'inchiesta che vedeva alcuni migranti ospitati nel centro di accoglienza di Bagnoli di Sopra (Padova) accusati di molestie sessuali nei confronti di alcune dipendenti di una cooperativa che si occupa delle pulizie nel centro. La denuncia era stata avanzata nello scorso marzo da un gruppo di lavoratrici che hanno raccontato ai carabinieri di essere state prima vittime di battute oscene da parte dei richiedenti asilo, poi di essere state seguite nei locali della base durante il turno di lavoro. Tra le motivazioni dell'archiviazione da parte della Procura c'è anche l'impossibilità di individuare con certezza i responsabili delle presunte molestie. (ANSA).

Archivio Ultima ora