La Ducati presenta la nuova Rossa: “Torneremo a vincere”

Pubblicato il 16 febbraio 2015 da redazione

Moto: Ducati presenta la nuova 'Rossa','torneremo a vincere'

ROMA. – Rossa. Piccola. Compatta. E – si spera – di nuovo vincente. La Ducati ha presentato a Borgo Panigale la GP15, la moto con la quale darà battaglia nella stagione MotoGP che sta per iniziare. E l’obiettivo e’ dichiarato: ”nell’ultimo Mondiale siamo andati a 10” dai migliori, quest’anno alziamo l’asticella: vogliamo vincere almeno un Gran Premio”. “Si tratta di una moto molto compatta – ha detto il pilota Andrea Iannone – anche io non me l’aspettavo così piccola”. Rispetto al passato la nuova moto italiana rompe decisamente sotto ogni aspetto. “Nonostante abbia elementi in comune con la GP14.3 – ha detto l’altro pilota ufficiale Andrea Dovizioso – è tutta nuova. Bella fuori e soprattutto dentro, non vedo l’ora di provarla”. L’unico per ora ad aver guidato la nuova moto di Borgo Panigale è stato il collaudatore Michele Pirro. “Rispetto a tutte le altre Ducati – ha detto Pirro – è completamente diversa. Dopo tanti anni di sacrificio con i ragazzi del Test Team, con i quali abbiamo lavorato tanto, questa è davvero emozionante. Sono molto fiducioso su questo progetto e credo che gli obiettivi che ha dato Dall’Igna sono raggiungibili”. Il capo del reparto corse Ducati, l’ingegner Luigi Dall’Igna è stato chiaro durante la presentazione della nuova moto: “Ci poniamo per il 2015 un obiettivo altamente sfidante, vogliamo almeno una vittoria – le sue parole – Lo scorso anno siamo arrivati al nostro obiettivo che era quello di arrivare a 10 secondi dai migliori, quest’anno alziamo l’asticella. La nostra MotoGP avrà anche contenuti che saranno trapiantati alla produzione di serie”. La nuova GP15 non ha molto in comune con le moto che l’hanno preceduta. Più compatta come hanno sottolineato i piloti, la nuova Ducati presenta una carena caratterizzata dai grandi sfoghi d’aria laterali e dal capolino ora più rastremato. Rimane la presa d’aria anteriore, ma cambia la formae la dimensione per assecondare l’airbox del nuovo motore 4 cilindri a v di 90° come nella tradizione Ducati. Il telaio è un doppio trave laterale in alluminio, mentre il porcellone è un elemento in carbonio completamente riprospettato. Diversa rispetto al passato anche la disposizione degli scarichi. Sotto al codino dal lato destro si vedono i due tubi dello scarico della bancata posteriore che si raccordano in un terminale singolo, mentre per i cilindri anteriori c’è uno scarico singolo sempre sulla destra della GP15. La nuova moto viene dalle esperienze fatte durante la scorsa stagione e nel test collettivo che si è tenuto a Sepang in Malesia nella prima settimana di febbraio. I due piloti ufficiali, in quella occasione si sono molto avvicinati alla testa della classifica, con Andrea Iannone, in particolare che è stato autore del secondo tempo a meno di 4 decimi dallo strabiliante tempo fatto segnare dal campione del mondo Marc Marquez con la Honda (1.58.8). Nel prossimo test che si svolgerà sempre a Sepang in Malesia a partire dal 23 al 25 febbraio prossimi, nel box Ducati ci sarà disponibile una GP15 a pilota. Andrea Dovizioso e Andrea Iannone proseguiranno lo sviluppo della nuova moto confrontandola con la versione precedente che comunque ha evidenziato una notevole competitività.

Numeri da capogiro per la nuova Ducati Gp15

Ecco i numeri della nuova Ducati Desmosedici Gp15, presentata a Borgo Panigale da Andrea Dovizioso e e Andrea Iannone. Il motore è un 4 tempi, V4 a 90 gradi, raffreddato a liquido, distribuzione desmodromica evoluta con doppio albero a camme in testa, 4 valvole per cilindro. La cilindrata è quella regolamentare per la MotoGp: 1.000 cc. La potenza dichiarata è di oltre i 240 cavalli, mentre la Ducati si sbilancia per la velocità massima in oltre i 340 km/h. Per il reparto cambio e trasmissione la Gp15 adotta il Dst, ovvero Ducati seamless transmission, mentre la trasmissione finale è tradizionale a catena. L’alimentazione della Gp15 è composta da un sistema a iniezione elettronica con i quattro iniettori posti al di sopra dei corpi farfallati, mentre il gas è elettronico, denominato Evo 2 TCF (Throttle control & Feedback). Tre i dischi dell’impianto frenante, due anteriori in carbonio da 320 o 340 mm di diametro a seconda delle esigenze, e un disco posteriore in acciaio. Da atleta il peso: solo 158 kg a secco.

Ultima ora

01:03Calcio: Pioli “stop che non ci voleva, loro ‘chirurgici'”

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - "Questa sconfitta è uno stop che non volevamo subire: sapevamo che il nostro avversario era forte, ma la nostra prestazione sarebbe dovuta salire di un livello più alto". Questo il primo commento dell'allenatore nerazzurro. Stafano Pioli, alla sconfitta con la Roma. "È stata un partita complicata, delicata, ma anche equilibrata: una partita nella quale i nostri avversari sono stati chirurgici nell'approfittare le palle gol create, mentre noi, che ne abbiamo avute altrettante, non ci siamo riusciti", ha spiegato il tecnico. "I discussi episodi arbitrali? Non commento. In conferenza stampa ho detto che nell'arco della stagione influiscono e basta. E anche il discorso sui rigori: ho risposto a una domanda ammettendo che c'era differenza tra quelli dati alla Roma e quelli dati all'Inter. Nulla di polemico, poi qualcuno può interpretare come vuole".

00:54Calcio: Spalletti,parlare arbitri mancanza rispetto per Roma

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - "La Roma ha vinto meritatamente. A me non interessano le situazioni arbitrali, anzi parlarne è una mancanza di rispetto nei confronti dei giocatori della Roma.". Cosi' l'allenatore giallorosso, Luciano Spalletti, dopo la vittoria a S.Siro. "Per tutta la settimana tutti gli ex interisti sono stati sguinzagliati in tutte le trasmissioni per parlare dei fatti arbitrali ma a me non interessa - prosegue a Premium -. Quest'anno sembra che la differenza tra noi e l'Inter si possa spiegare nella differenza tra i rigori avuti".

00:42Basket: serie A, Milano vince a Caserta e allunga ancora

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - Risultati della 20/a giornata del campionato di serie A di basket. Germani Basket Brescia-Sidigas Avellino 91-87; Red October Cantù-Betaland Capo d'Orlando 73-79; Vanoli Cremona-Umana Reyer Venezia 91-82; Consultinvest Pesaro-Banco di Sardegna Sassari 76-71; Grissin Bon Reggio Emilia-Dolomiti Energia Trentino 75-87; Fiat Torino-Enel Brindisi 90-88; Pasta Reggia Caserta-EA7 Emporio Armani Milano 74-78; domani Openjobmetis Varese-The Flexx Pistoia Classifica: Milano 34 punti; Avellino 26; Venezia 24; Trento, Reggio Emilia, Sassari, Capo d'Orlando 22; Pistoia, Brescia, Torino 20, Brindisi 18, Caserta 18; Cantù, Pesaro 14; Cremona 12; Varese 10.

00:41Liga: Real prima trema poi rimonta, superato Barca

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - Il Real Madrid trema, rimonta, vince e torna in testa solitaria alla Liga, e con una partita ancora da recuperare (col Celta Vigo). Il posticipo della24ma giornata di Liga regala emozioni sul campo del Villareal a cui non bastano due gol di vantaggio (50' Trigueros e 56' Bakambu) per superare i campioni d'Europa che recuperano con Bale (64'), Ronaldo (74' su rigore) e Morata (83'), da poco in campo. Con questa vittoria i prossimi rivali del Napoli in Champions si issano a 55 punti, contro i 54 del Barcellona e i 52 del Siviglia, con una gara ancora da recuperare.

00:19Migranti: migliaia in piazza a Madrid per l’accoglienza

(ANSA) - MADRID, 26 FEB - Al grido di 'No all'Europa dei muri', almeno 2mila persone hanno manifestato a Madrid davanti al ministero degli Esteri a difesa dei migranti e per rivendicare una nuovo politica di asilo in cui la vita dei rifugiati sia una priorità. I manifestanti tenevano cartelli con la scritta 'Poniamo fine a questa vergogna' e 'Madrid vuole dare il benvenuto' e hanno chiesto che il Paese accolga i rifugiati, contro l'accordo tra l'Unione Europea e la Turchia sul controllo del flusso di immigrati. Sabato scorso, migliaia di persone erano scese in piazza a Barcellona per chiedere al governo centrale di Madrid di rispettare gli impegni presi sull'accoglienza dei rifugiati.

00:13Calcio: serie A, Inter-Roma 1-3

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - La Roma vince 3-1 dominando il big match di san Siro contro l'Inter, resta a -7 dalla Juve e allunga a +5 sul Napoli prima dello scontro diretto con i partenopei. L'Inter, che si vede scavalcare dalla Lazio e per ora è fuori dall'Europa, comincia con un buon pressing, ma la Roma non si fa sorprendere e al 12' va in vantaggio. Nainggolan appoggia su Dzeko che lo lancia sulla sinistra, il belga si accentra e di destro batte imparabilmente Handanovic. Il gol dà tranquillità ai giallorossi, che gestiscono la gara senza fatica, mentre Icardi troppo solo non riesce a rendersi pericoloso. Nella ripresa, l'Inter più intraprendente chiama all'intervento in più occasioni Szczesny, ma all'11' Nainggolan vince un contrasto con Galiardini e si invola verso Handanovic, fulminandolo con un potente destro da 25 metri. Icardi al 36' accorcia le distanze ma poco dopo Medel abbatte Dzeko in area e Perotti dal dischetto chiude la partita.

23:22Pallavolo: Superlega, chiusa regular season

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - Risultati dell'ultima giornata della regular season del campionato di Superlega di pallavolo. Exprivia Molfetta-Cucine Lube Civitanova 3-2 (18-25, 25-14, 25-22, 17-25, 15-12); Gi Group Monza-Diatec Trentino 0-3 (22-25, 20-25, 21-25); Sir Safety Conad Perugia-Calzedonia Verona 3-0 (25-15, 25-21, 25-22); Top Volley Latina-Revivre Milano 0-3 (22-25, 23-25, 23-25); Azimut Modena-LPR Piacenza 3-1 (25-19, 19-25, 25-21, 25-19); Kioene Padova-Biosì Indexa Sora 3-0 (40-38, 25-23, 25-20); Bunge Ravenna-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 1-3 (24-26, 23-25, 25-12, 23-25). Classifica: Civitanova 68 punti; Trentino 62; Perugia 62; Modena 53; Verona 50; Piacenza 40; Monza 34; Vibo Valentia 32 e Ravenna 32; Molfetta 27; Latina 26; Padova 22; Sora 20; Milano 18. Le prime otto della classifica sono nell'ordine già in lizza per lo scudetto, che si assegna in quarti su tre gare, e semifinali e finale al meglio delle cinque gare. I quarti cominciano il 4-5 marzo.

Archivio Ultima ora