Atp Rio: impresa Fognini, prima vittoria su Nadal

Fabio Fognini

ROMA.- Impresa di Fabio Fognini, con il numero 28 primo italiano del tennis mondiale, che ha raggiunto la nona finale in carriera (tre i titoli vinti) battendo a Rio de Janeiro per 1-6 6-2 7-5, in due ore e 18′, lo spagnolo Rafa Nadal, numero 3 e prima testa di serie, oltre che campione in carica nel torneo brasiliano. In passato solo un altro azzuro, Andreas Seppi, era riuscito a sconfiggere il 28enne mancino di Maiorca – nel 2008 a Rotterdam – ma sul veloce indoor, non sulla terra rossa, sua superficie preferita. In finale il 27enne ligure, al primo successo in cinque sfide contro Nadal, sfiderà stanotte un altro spagnolo, David Ferrer, numero 9 del ranking, che ha superato per 7-5 6-1 l’austriaco Andreas Haider-Maurer e contro il quale ha sempre perso nelle sette sfide precedenti. Sul 2-1 per Nadal nel secondo set, il match sembrava compromesso per l’azzurro, che aveva ceduto malamente il primo. Ma Fabio reagiva con sei game di fila, aggiudicandosi la seconda frazione e portandosi sull’1-0 nella terza. Di lì cominciava una battaglia punto per punto, con i due che mantenevano i turni di servizio e lo spagnolo che perdeva efficacia e potenza, manifestando tra l’altro un problema muscolare alla coscia destra. Unico break nel set decisivo sul 6-5 in favore del ligure, che si guadagnava l’accesso in finale al terzo match point, con un angolatissimo rovescio incrociato sotto rete su una palla pressoché imprendibile di Rafa, al quale infliggeva la 25/a sconfitta in carriera sulla terra rossa. Prima di Nadal, Fognini aveva battuto il ceco Jiri Vesely, lo spagnolo Pablo Andujar e l’argentino Federico Delbonis. Gli altri due azzurri in lizza nel Rio Open – torneo Atp 500, con montepremi di quasi 1,5 milioni di dollari -, Paolo Lorenzi e Marco Cecchinato, sono stati eliminati nel primo turno, rispettivamente da Andujar e dal finlandese Jarkko Nieminen.

Condividi: