Alonso: “A rischio il Gp d’Australia”. Resta il mistero

Fernando Alonso leaves hospital in Barcelona

ROMA. – Tornano ad accendersi i motori a Montmelò per l’ultima sessione di test prima del via del Mondiale 2015 di Formula 1, ma l’attenzione sul circuito vicino a Barcellona è ancora tutta sul misterioso incidente capitato a Fernando Alonso. ‘Botto’ che tra dubbi e spiegazioni fantasiose continua a far rumore e sul quale ha tentato di fare un po’ di chiarezza il presidente della McLaren Ron Dennis in una apposita conferenza stampa. ”Dico categoricamente – ha detto l’inglese – che non è stato un problema elettrico o un guasto della monoposto. Fernando ha preso un doppio colpo al casco da entrambi i lati nell’impatto col muretto ed è rimasto incosciente per alcuni istanti in macchina. Non ha riportato una commozione cerebrale anche se ne ha mostrato i sintomi. E ha anche avuto una perdita di memoria, ecco perché è rimasto in ospedale per accertamenti”. Ron Dennis ha poi praticamente smentito la versione fornita inizialmente dall’agente di Alonso secondo cui il pilota sarebbe rimasto ”sempre cosciente” dopo l’impatto della sua McLaren contro il muretto tra la curva 3 e la curva 4 dell’autodromo catalano. ”Non siamo nemmeno del tutto sicuri che fosse del tutto cosciente pochi istanti prima dell’incidente”. Il presidente della scuderia di Woking ha fatto intendere che l’ex ferrarista oltre a saltare gli ultimi test prestagionali potrebbe non rispondere presente al primo Gran Premio della stagione in programma a Melbourne in Australia il 15 marzo. “Al momento è troppo presto per poter garantire che Fernando sarà pronto alla partenza di Melbourne”. Secondo Dennis, accompagnato dal CEO Eric Boullier, Alonso ora sta bene ma resterà un paio di giorni di riposo per precauzione. “Fernando avrebbe voluto tornare ai test – ha detto il presidente della McLaren – ma i medici gli hanno detto di riposare e tenere la salute sotto controllo. Non ci sono scadenze per il ritorno di Fernando, i medici dovranno decidere. Sarà quando diranno che tutto è perfetto”. E in attesa di sapere quando tornerà in pista Alonso, il resto del Circus ha ricominciato a testare le rispettive monoposto in vista del primo semaforo verde della stagione all’Albert Park. La Williams di Felipe Massa è stata la vettura più veloce della prima delle quattro giornate previste sul circuito di Montmelò. Il pilota brasiliano con il tempo di 1’23”500 (il migliore di tutte le prove fin qui svolte sul circuito vicino a Barcellona) ha preceduto la Sauber di Marcus Ericsson (1’24”276s e +0”776) e la Mercedes di Lewis Hamilton (1’24”881 e +1.381). Solo sesta la Ferrari di Kimi Raikkonen (in 1’26”327 con un ritardo su Massa di 2”827) davanti a Carlos Sainz Jr su Toro Rosso (1’26”962, +3”462) e Jenson Button su McLaren (1’31”479 e +7”979).