Maduro al mondo: “Non interferite col Venezuela”

maduro-monagas

CARACAS – Dall’Osa a HRW, dall’Ue all’Onu. Il mondo, in un coro di voci senza stonature, ha espresso preoccupazione per quello che considerano la deriva autoritaria del governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, dopo l’arresto dei leader dell’Opposizione. La detenzione del connazionale Antonio Ledezma, Sindaco di Caracas, ancora in una delle celle del Sebin ha suscitato indignazione e soprattutto preoccupazione. Indignazione e preoccupazioni alle quali il presidente Maduro ha risposto intervenendo in una manifestazione di “donne rivoluzionarie” nello Stato Monagas.

– Nessuno può interferire nelle faccende interne del Paese – ha detto categorico il capo dello Stato -. Deputati del parlamento europeo, che nulla sanno del Venezuela, che odiano l’America latina, pretendono mettere il naso nelle nostre vicende. I venezuelani – ha reiterato il capo dello Stato – vivono una vera democrazia. Alla destra internazionale invio una messaggio che, spero, arrivi forte e chiaro: occupatevi dei fatti vostri.

Le parole del presidente Maduro non solo chiamano direttamente in causa i deputati del parlamento europeo ma anche, ultimo ad intervenire, Ban Ki-Moon, presidente dell’Organizzazione delle Nazioni Unite della quale il Venezuela fa parte e, per di più, occupa un posto non permanente nel suo Consiglio di Sicurezza.

Ban Ki-Moon, stando al testo reso noto dal suo portavoce Stehane Dujarric, ha espresso “preoccupazione per le notizie di violenza e perdite umane che giungono dal Venezuela” ed apprezzato la “volontà del governo di portare avanti un’indagine completa e seria”.

La dichiarazione del presidente dell’Onu, come detta la consuetudine diplomatica in questi casi, non fa menzione a fatti concreti. Comunque i riferimenti sono chiari, dato che la nota è stata diffusa dopo l’arresto del Sindaco di Caracas, l’italo-venezuelano Antonio ledezma, e la morte di un quattordicenne a San Cristobal. Morte assurda e, se dovessero risultare certe le versioni che corrono sul web, anche di una crudeltà e spietatezza inimmaginabili.

 

Condividi: