Grecia: un piano in sei punti, ma è emergenza liquidità

Pubblicato il 04 marzo 2015 da redazione

Greek government will present six reforms to institutions

NICOSIA. – Un piano in sei punti, un colpo d’acceleratore al consolidamento fiscale ma con l’accento sulla lotta alla ‘crisi umanitaria’: così Atene punta a convincere l’Europa a sborsare subito una parte dei soldi rimanenti del suo ultimo salvataggio, evitando così un default tecnico di fronte agli impegni finanziari delle prossime ore. Ma potrebbe non bastare, tanto che il governo Tsipras avrebbe messo mano alle riserve di fondi pensione e di altri enti statali per approvvigionarsi di liquidità attraverso prestiti ‘pronti contro termine’ fino a 15 giorni. E intanto, con il board riunito a Cipro, il presidente della Bce, Mario Draghi, avverte che il quantitative easing “da solo non basterà per la crescita dell’Eurozona”, sottolineando che “l’obiettivo della Bce è salvaguardare la stabilità dell’euro e tutti devono fare la loro parte per questo fine”. Messo da parte il capitolo di un terzo salvataggio (se ne riparlerà dopo giugno, dicono Angela Merkel e il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker per silenziare le uscite preelettorali spagnole), Tsipras incassa prudenti aperture dall’Europa. Pur togliendosi un sassolino dalla scarpa chiamando ‘troika’ quelle che ad Atene chiamano ora le ‘istituzioni’, la cancelliera tedesca è ottimista: “stiamo lavorando perché l’accordo funzioni”. Il riferimento è all’estensione del salvataggio attuale, fino a giugno appunto, appena concordata fra Atene e i ministri finanziari dell’Eurozona dopo una trattativa estenuante. Dopo la lettera greca con alcuni impegni generici, l’Europa vuole ora vedere le misure concrete per iniziare a sbloccare l’ultima tranche da sette miliardi del salvataggio attuale. Ora però – ha messo le mani avanti la cancelliera – la Grecia deve essere più specifica rispetto alle sue proposte di riforma. I nodi dell’accordo raggiunto dieci giorni fa la Grecia e l’Eurogruppo torneranno al pettine lunedì, quando il ministro ellenico Yanis Varoufakis presenterà ai ministri delle Finanze dell’euro un primo pacchetto di misure inteso proprio a sbloccare quei fondi. E non è detto che tutto vada liscio, vista l’ “ambiguità creativa” apertamente rivendicata da Varoufakis nel negoziato e il difficile equilibrio, ricercato da Atene, fra l’esigenza di non scontentare un elettorato che ha votato la ‘svolta’ anti-austerity, e quella di non rompere la trattativa con l’Europa. Rinviati alcuni nodi difficili come privatizzazioni, pensioni, liberalizzazioni, licenziamenti voluti da Ue, Fmi e Bce, Varoufakis porterà a Bruxelles una razionalizzazione del sistema fiscale greco, dove la Ue si attende una stretta alle esenzioni; un intervento sui debiti verso l’amministrazione, dove Atene promette di migliorare la fedeltà fiscale dei greci (una misura suggerita esplicitamente da Draghi) con verifiche esattoriali mirate. L’impegno contro la povertà, invece, è imperniato in un ampio pacchetto contenuto nel primo disegno di legge di Tsipras, che comprende elettricità gratuita nella prima casa, indennità di affitto e sussidi alimentare per gli indigenti. Una svolta sociale, che potrebbe non dispiacere all’Europa se non fosse per le coperture di bilancio. In attesa del confronto a Bruxelles, dove è probabile un nuovo negoziato serrato, la Grecia fronteggia una serie di scadenze finanziarie insidiosissime, fra le quali primeggia il rimborso di 1,5 miliardi di euro questo mese al Fondo monetario internazionale, di cui 300 milioni già venerdì. Con le casse statali prosciugate, la Grecia è appesa all’accordo con i partner Ue. Anche perché in pochissimi credono che la svolta per la Grecia possa arrivare dal consiglio della Bce iniziato stasera a Cipro, dove i governatori sono stati accolti dagli slogan anti-austerity di circa 5.000 manifestanti in una protesta pacifica e senza scontri. Draghi, con ogni probabilità, deluderà la richiesta di Varoufakis che vengano subito sbloccati i due miliardi di profitti realizzati con l’acquisto dei bond ellenici, soldi sono già stati distribuiti fra le banche centrali nazionali. La Bce, poi, difficilmente restituirà alle banche greche l’accesso ai rifinanziamenti diretti (tolto il 4 febbraio) finché l’Eurogruppo non certificherà che Atene sta completando con successo l’ultimo giro di ‘esami’ del salvataggio in corso. (dell’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

Archivio Ultima ora