Vendite smartphone, Apple scalza Samsung e torna numero uno

Code per iPhone 6 a Roma e Milano, gettonato modello 'Plus'

ROMA. – I nuovi iPhone vanno a ruba e Apple si riprende lo scettro di primo produttore di smartphone al mondo dalla rivale Samsung ritornando in vetta alle vendite per la prima volta dal 2011, un anno spartiacque per la casa di Cupertino segnato profondamente dall’addio a Steve Jobs. Ma se con l’azienda sudcoreana si profila un testa a testa sempre più agguerrito nell’arena dei telefoni, avanza anche lo spettro sicurezza per il sistema di pagamenti mobili Apple Pay dopo l’allarme lanciato da alcuni esperti. A certificare il sorpasso della Mela Morsicata è la società d’analisi Gartner con i dati relativi al quarto trimestre 2014. Nel periodo di riferimento, Apple si è ritagliata il 20,4% del mercato globale (17,8% nel 2013), mentre Samsung si è fermata al 19,9% (nel 2013 aveva il 29,5%). Apple ha venduto 74,8 milioni di iPhone, trainata dai modelli 6 e 6 Plus e dalla forte richiesta in Usa e Cina. A pagare, secondo gli analisti, anche la scelta di proporre per la prima volta modelli dallo schermo più ampio, come i competitor basati su Android. Invece sul risultato meno positivo di Samsung avrebbe inciso la forte concorrenza nei mercati asiatici di aziende come Xiaomi, già ribattezzata “la Apple cinese”. A completare la top 5 di Gartner dei maggiori produttori mondiali nel quarto trimestre 2014 ci sono infatti Lenovo-Motorola (6,6% delle vendite), Huawei (5,7%) e Xiaomi (5,1%). Proprio quest’ultima, guidata dall’ex di Google Hugo Barra, fa tremare i colossi della telefonia per il suo timido ingresso nei mercati americano ed europeo col negozio online che, almeno per ora, non venderà gli smartphone. Avanza anche il sistema iOS di Apple rispetto ad Android (su cui sono basati i telefoni Samsung e di altri produttori): i dati rilasciati da Kantar sulle quote di mercato dei sistemi operativi per smartphone evidenziano una crescita di iOS in Europa (+3,2% tra gennaio 2014 e 2015 in UK, Germania, Francia, Italia, Spagna) a fronte di un calo di Android (-2,3%). Numeri che evidenziano un’importante inversione di tendenza che sta mettendo Samsung alle strette e alla rincorsa di Apple nelle sue strategie. Non a caso al Mobile World Congress di Barcellona l’azienda sudcoreana, motivata da una forte volontà di rilancio, ha svelato due nuovi modelli di fascia alta, Galaxy S6 ed S6 Edge, più simili agli ultimi iPhone, e il sistema per i pagamenti ‘mobile’ Samsung Pay (rivale dell’analogo di Apple). Sul fronte dei pagamenti ‘mobili’ intanto avanza lo spettro sicurezza dopo un allarme lanciato alcuni giorni fa da esperti di settore. Negli Usa, dove Apple Pay sta funzionando con successo, diverse banche starebbero segnalando un aumento di frodi finanziarie attraverso questo sistema. In pratica i criminali non hanno violato le informazioni criptate che autorizzano i pagamenti, ma gli istituti di credito autorizzerebbero con eccessiva scioltezza l’aggiunte di carte di credito e quindi per i malintenzionati è più facile aggiungere quelle rubate a un account Apple Pay. Per ora, come riportato dal Wall Street Journal, Apple tramite un portavoce ha ribadito la sicurezza del sistema. (di Stefania Passarella/ANSA)

Condividi: