Il Cesena ferma l’Inter, solo pari e molti fischi

Pubblicato il 15 marzo 2015 da redazione

Soccer; Serie A; Inter-Cesena

 

 

 

 

MILANO. – Un’Inter scialba, disordinata e lenta nel primo tempo, piu’ reattiva, vivace e aggressiva nel secondo: sono le due facce di una squadra che non riesce a vincere e non va oltre il pari con un buon Cesena dopo essere finita in svantaggio. La squadra di Mancini delude il pubblico di San Siro che si lascia andare a eloquenti fischi alla fine del primo tempo e al 90′. L’Inter non spicca il volo, non riesce a ingranare la marcia giusta e quando lo fa, e’ troppo tardi. Il secondo tempo vede la riscossa dei nerazzurri che mostrano piu’ generosita’ e intensita’ e vanno vicino alla vittoria: annullato un gol spettacolare di Icardi per sospetto fuorigioco, poi palo interno di Podolski. Un pizzico di sfortuna per un’ Inter che comunque trova di fronte a se’ un gruppo compatto e indomito. Il Cesena si e’ difeso bene, ha cercato il contropiede, ha lottato con energia e caparbieta’. Dopo lo schiaffo di Wolfsburg, i nerazzurri dovevano metterci intensita’ e orgoglio e invece alla fine del primo tempo, l’Inter e’ in svantaggio di una rete contro un Cesena volitivo e ben organizzato. Mancini resta forse l’unico a credere ancora nel terzo posto perche’ la sua squadra non convince: la difesa traballa, il centrocampo non ispira le punte sono escluse dal gioco con Icardi troppo spesso in attesa dell’assist perfetto. Mancini tiene in panchina Kovacic, rispolvera Dodo’ e Kuzmanovic, mette Shaqiri dietro le punte, il solito duo Palacio e Icardi. La serata e’ gelida, a Milano e’ pieno inverno: l’Inter non riesce a riscaldare i presenti anche se parte bene con un buon tiro di D’Ambrosio che si spegne a lato. Al 14′ Guarin pesca Kuzmanovic in area ma il suo colpo di testa non e’ perfetto. Ancora D’Ambrosio calcia a lato. Il Cesena sembra intimidito ma piano piano prende fiducia e si fa vedere Magnusson. Il suo tiro pero’ e’ fuori misura. E’ tuttavia un segnale: la squadra di Di Carlo conquista campo. Carbonero prova il destro che viene murato da Ranocchia. Il Cesena tiene palla, manovra, affonda in una Inter molle, a bassa velocita’, forse anche un po’ spocchiosa. E cosi’ arriva il gol, esattamente alla mezz’ora: Guarin perde un pallone, ne approfitta Carbonero che – grazie a un lancio millimetrico – trova Defrel il quale vede Handanovic fuori dai pali e lo scavalca con un bel pallonetto. L’Inter e’ scioccata e non ha una reazione adeguata. Una buona occasione capita a Kuzmanovic ma il suo tiro viene murato da Krajnc. Mancini – che aveva sostituito l’infortunato Shaqiri con Kovacic (giunto alla sua terza panchina di seguito) – decide di chiamare in campo Podolski che entra al posto di un mediocre Kuzmanovic. L’Inter sembra aver cambiato testa e, dopo appena due minuti, Icardi va a rete con una splendida rovesciata ma l’arbitro ferma tutto per fuorigioco dell’attaccante. Neanche un giro di lancette e finalmente l’Inter trova il pari: cross di Icardi per Palacio che va a segno. I nerazzurri, dopo la rimonta, vogliono la vittoria contro un Cesena che non molla tanto da sfiorare la rete con Defrel. Al 10′ clamoroso palo di Podolski e, a seguire, altro episodio discutibile con Carbonero che viene travolto in area da Ranocchia. Si fa male anche Dodo’ (che reclama un paio di falli subiti di cui uno in area) rilevato da Santon. La partita e’ bella ed emozionante. Il Cesena e’ piu’ che mai vivo e Djuric in area manca il pallone e sciupa una buona chance. Alla mezz’ora pericolosa l’Inter prima con Icardi e poi con Podolski, il suo sinistro viene parato da Leali. Sempre il tedesco mette in crisi gli avversari in piu’ di una occasione ma e’ il Cesena a chiudere all’attacco con Rodriguez atterrato in area da Andreolli ma l’arbitro Gervasoni fischia il fuorigioco. Il pari alla fine accontenta tutti ma il punto serve piu’ al Cesena che all’Inter che raggiunge il Genoa a quota 37. I sogni di grandezza di Mancini cedono il passo alla realta’: la stagione dell’Inter non e’ delle migliori, arranca sia in campionato che in Europa. Giovedi’ c’e’ il Wolfsburg, la qualificazione puo’ salvare il primo anno dell’ambizioso tecnico ma e’ tutt’altro che scontata.

Ultima ora

17:03Calcio: Gattuso e 118 anni Milan, auguro tranquillità a club

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Auguro al Milan di riuscire a lavorare con grandissima tranquillità, auguro che quando si parla del Milan non si parli dei problemi di Gigio Donnarumam e della Uefa ma di una squadra che lotta per qualcosa di importante". Questo il messaggio di Rino Gattuso in occasione del compleanno numero 118 del club in cui ha giocato e vinto per anni, e dove ora allena da poche settimane la prima squadra. "Vorrei fare gli auguri a questa gloriosa società - ha detto Gattuso iniziando la conferenza stampa alla vigilia della trasferta con il Verona - Sono orgoglioso di farne parte. Auguroni, 118 non sono pochi, ci metterei la firma a campare la metà...". E' anche il decennale del Mondiale per Club vinto nel 2007, con Gattuso in campo. "C'è grandissimo orgoglio, penso ai campioni che hanno vestito questa maglia e mi considero più che fortunato ad aver vinto tanto qua'' - ha notato l'allenatore - A Milanello ci vuole solo grande amore e professionalità".

16:57Calcio: Allegri, ‘Var utile, speriamo vanga usato meglio’

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "A inizio anno dissi che il Var aiuta, ma bisogna decidere dove la si usa. E' uno strumento in fase di sperimentazione, speriamo che a marzo, quando i punti saranno più pesanti, venga usato in modo migliore. Altrimenti anziché eliminare le critiche le aumenta". Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, commenta così le polemiche sul Var sollevate dalle decisioni prese in Lazio-Torino. "Bisogna stare sereni e lasciare decidere gli arbitri, accettando le sue decisioni anche quanto guarda la televisione - aggiunge il tecnico bianconero - Abbiamo preso questa strada e dobbiamo cercare di migliorarla".

16:42Coniugi uccisi: effettuata autopsia,camera ardente a Viterbo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - E' stata effettuata ieri sera l'autopsia sugli anziani coniugi trovati morti nella loro abitazione a Viterbo, avvolti in sacchi di cellophane. Il medico legale si è preso 60 giorni per i risultati. Intanto in queste ore verrà allestita la camera ardente al cimitero di Viterbo. Oggi è in programma l'interrogatorio nel carcere di Imperia di Ermanno Fieno, figlio della coppia fermato ieri alla stazione di Ventimiglia dopo due giorni di ricerche. Aveva un biglietto per Mentone. Il sospetto degli inquirenti è che la donna possa essere stata uccisa con un colpo contundente alla testa mentre l'uomo non presenta apparenti segni di violenza. Circostanza, quest'ultima, che potrebbe far pensare a una morte naturale anche se non si può escludere un decesso, ad esempio, per avvelenamento. Se confermato, a Fieno potrebbe essere contestato di aver ucciso la madre dopo il decesso del padre. Il movente del delitto potrebbe essere riconducibile alla pensione del padre di cui il figlio avrebbe voluto usufruire.

16:41‘Ndrangheta: cittadini in piazza, basta ‘vacche sacre’

(ANSA) - CITTANOVA (REGGIO CALABRIA), 16 DIC - Manifestazione stamani a Cittanova di un comitato civico che ha deciso di contrapporsi, anche sul piano civile, alle "vacche sacre", mandrie di bovini riconducibili alla 'ndrangheta che girano allo stato brado per le strade nel triangolo Cittanova, Molochio, Taurianova arrivando a "pascolare" per le vie cittadine. "Risolvete questo problema" hanno chiesto allo Stato cittadini, scuole, associazioni e sindaci. Gli incidenti si verificano giornalmente e solo per caso ancora non ci sono state vittime come invece accadde anni fa. Non c'è sera, soprattutto lungo la provinciale Cittanova-Taurianova, che un toro o una vacca non siano investiti da un'auto. I rischi sono enormi per i cittadini che continuano ad invocare una soluzione e un intervento dello Stato. Gli animali, liberi di pascolare dove vogliono, distruggono ciò che incontrano senza resistenza e si nutrono senza controlli sanitari, spesso in discariche abusive, venendo poi inseriti nel circuito della macelleria clandestina.

16:39Apre dopo 16anni pompa benzina imprenditore,accusò Cosentino

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Ci sono voluti 16 anni ma oggi si avvia finalmente a conclusione la vicenda dell'imprenditore Luigi Gallo, grande accusatore dell'ex sottosegretario Nicola Cosentino e di un sistema di potere in odore di camorra: con la sue denunce Gallo ha fatto arrestare, tre anni fa, 13 persone. Nelle prossime settimane Gallo riuscirà infatti ad inaugurare la sua pompa di benzina nel Comune casertano di Villa di Briano, apertura che, come è stato dimostrato, fu impedita per eliminare un pericoloso concorrente. Alla sbarra sono finiti anche funzionari pubblici e alti dirigenti di società petrolifere. Anche se le aule dei tribunali hanno dato ragione a Gallo, a causa di un contenzioso con l'Anas, l'imprenditore non ha mai potuto aprire il distributore, che attende il taglio del nastro dal 2002. Le cose sono cambiate con l'arrivo in Anas del presidente Gianni Vittorio Armani che dice "chi ha combattuto il crimine si merita che la burocrazia gli risolva i problemi e non si trasformi in un muro".

16:38Molotov commissariato: a lavoro pm antiterrorismo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Procura di Roma indaga sull'episodio della bomba molotov lanciata ieri sera, intorno alle 21, all'esterno del commissariato Prati a Roma. Le indagini sono affidate al pool antiterrorismo coordinato dal procuratore aggiunto Francesco Caporale. A Piazzale Clodio si attende una prima informativa dalla Digos. Al momento gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi compresa quella del gesto legato ad ambienti delle tifoserie calcistiche.

16:32Natale: contro ludopatia ecco albero ‘gratta e non vinci’

(ANSA) - PORTICI (NAPOLI), 16 DIC - Un albero di Natale privo di palline colorate ma addobbato con biglietti che recano la scritta 'Gratta e non vinci': è il messaggio che la Comunità parrocchiale del Sacro Cuore di Portici in collaborazione con il Centro di ascolto antiusura 'don Pino Puglisi' quest'anno lancia per sensibilizzare la comunità sul problema del gioco d'azzardo che spesso porta il giocatore alla dipendenza e a finire nelle mani di usurai per pagare i debiti. Sull'albero che sarà esposto nel giardino della chiesa in via Diaz spiccano biglietti con su scritto 'Gratta e non vinci - turnista per sempre', ideati dalla Compagnia Teatrale 'Itineraria', da anni impegnata a portare sulla scena temi di attualità sociale e civile con testi di denuncia. I componenti di Itineraria vogliono ''far capire che l'unica scelta vincente è quella di 'scommettere' su se stessi, sulle proprie capacità, sul proprio lavoro''. (ANSA).

Archivio Ultima ora