Sangue sulla preghiera del venerdì in Yemen. Quasi 140 morti

Pubblicato il 20 marzo 2015 da redazione

Mideast Yemen

BEIRUT. – Quattro devastanti esplosioni in sequenza in due moschee di Sanaa hanno insanguinato la preghiera del venerdì e lasciato sul terreno un bilancio di vittime altissimo: 137 morti e 350 feriti, il più alto tributo di vittime civili nella storia dello Yemen. Subito su Internet è apparsa una rivendicazione dello Stato islamico sulla stessa piattaforma mediatica dove ieri l’Isis si era assunto la responsabilità per gli attacchi a Tunisi. Ma su questa rivendicazioni ci sono molto dubbi e anche la Casa Bianca non conferma. Sono in corso verifiche – si fa sapere da Washington- “se effettivamente l’Isis abbia una struttura di comando e di controllo in grado di coordinare tali attacchi”. E si ricorda che “spesso l’Isis rivendica la responsabilità di attacchi per scopi puramente propagandistici”. L’ala yemenita di al Qaida, rivale dell’Isis e molto forte nel paese, ha negato ogni coinvolgimento nell’attacco che ha colpito le due moschee controllate dai miliziani sciiti Huthi. Sostenuti dall’Iran hanno preso il potere nella capitale e in ampie zone di un Paese, devastato da conflitti religiosi, tribali e secessionisti. Le esplosioni sono avvenute nel mezzo della preghiera del venerdì nella moschee Badr e Hashush, che si trovano in due diversi quartieri della capitale. Nella moschea Badr un primo attentatore è stato individuato dalla polizia e si è fatto esplodere. Poco dopo è entrato in azione un secondo, che ha ucciso decine di fedeli, tra cui anche sunniti. Una dinamica analoga si è svolta nella moschea Hashush, dove c’è stato un altro bagno di sangue, secondo quanto riferiscono fonti mediche. Un quinto attentatore che si apprestava a farsi saltare in aria in una terza moschea a Saada, roccaforte degli Huthi a nord della capitale, è stato bloccato prima che potesse azionare la cintura esplosiva. Tappeti della preghiera intrisi di sangue, corpi abbandonati su pavimento e coperti da teli colorati, feriti portati fuori dalle moschee con mezzi di fortuna: la foto della strage non lasciano dubbi sulla violenza delle esplosioni. Dagli ospedali è giunta la richiesta urgente di donare sangue per le centinaia di feriti ammassati nelle corsie. Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha condannato “gli atti brutali e di grandi barbarie”, affermando che l’impegno delle Nazioni Unite “è di lottare contro queste barbarie”. Ma lo Yemen è da anni lacerato da una lotta interna per il potere in cui si inseriscono anche diversi attori esterni. La guerra armata tra governo centrale, sostenuto dagli Stati Uniti e dall’Arabia Saudita, e gli Huthi nel nord va avanti dal 2004. In quegli stessi anni, l’ala qaedista locale è riuscita a stabilire roccaforti nel centro e nell’est, mentre il sud è tradizionalmente un feudo dei separatisti, arroccati nel porto di Aden. Il presidente Abed Rabbo Mansur, deposto nei mesi scorsi dagli Huthi, è fuggito proprio ad Aden dove ha trasferito il governo centrale e ieri sia l’aeroporto che il suo palazzo sono stati bombardati da Huthi e forze fedeli all’ex presidente ali Abdullah Saleh. Mentre oggi i qaedisti hanno conquistato una cittadina, al Huta, nella regione meridionale di Lahj, uccidendo 21 agenti.
(di Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

12:06Terrorismo: espulso francese, ha mimato spari contro Cc

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stato espulso un cittadino francese 23enne, convertito all'Islam radicale, che era stato arrestato per reati comuni il 29 agosto scorso dai Carabinieri in provincia di Cuneo. Già segnalato dalle autorità transalpine quale simpatizzante jihadista, informa il Viminale, durante le procedure di identificazione aveva mimato il gesto di "sparare" contro i Carabinieri e di "far detonare" un ordigno esplosivo, citando Allah. Con quella di oggi sono 101 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 233 quelle eseguite dall'1 gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

11:36Litiga per 2 euro con gestore pompa benzina e appicca fuoco

(ANSA) - VITTORIA (RAGUSA), 15 DIC - Un 40enne di Vittoria ha appiccato le fiamme alla colonnina di un distributore di carburanti nella periferia della cittadina, non lontano dall'ospedale. L'allarme è stato dato al commissariato dai vigili del fuoco. Dietro al gesto ci sarebbe la lite avuta la sera prima col gestore del rifornimento per due euro. L'uomo, che è stato arrestato, aveva inserito soldi per comprare le sigarette, ma parte del denaro era rimasta bloccata e, nonostante il proprietario volesse ridargli i soldi, se ne era andato furibondo meditando la vendetta. Gli agenti sono risaliti all'autore dell'incendio esaminando le immagini registrate dall'impianto interno di videosorveglianza. Nelle riprese si vede il 40enne introdurre una banconota nel distributore, selezionare la pompa da utilizzare, estrarre la pistola e "irrorare" l'area circostante con la benzina, poi allontanarsi e appiccare il fuoco. Nella casa dell'arrestato, in lavatrice, sono stati trovati gli indumenti indossati dall'uomo nelle immagini. (ANSA).

11:28Sci: cdm, cancellata anche 2/a prova libera val d’Isere

(ANSA) - Val d'Isère (Francia), 15 dic - Come previsto anche la seconda prova cronometrata per la discesa di cdm donne di val D'Isere e' stata annullata per le abbondanti nevicate. Nella localita' francese domani e domenica erano in programma una discesa e un superG. Dopo l'annullamento delle due prove il programma prevede per domani un superG valido come recupero di quello non disputato per il maltempo una settimana a fa a St. Morizt. Poi la giuria decidera' le mosse successive. Tenendo conto che non si puo' disputare una discesa senza aver prima fatto almeno una prova cronometrata, e' probabile cosi' che domenica venga disputato almeno il superg originariamente previsto in Val d'Isère.

11:25Pedofilia: premier Australia,emersa tragedia nazionale

(ANSA) - CANBERRA, 15 DIC - Il rapporto della Commissione australiana d'inchiesta sulle risposte istituzionali sulla pedofilia "ha rivelato una tragedia nazionale. Ringrazio i membri della commissione e coloro che hanno avuto il coraggio di raccontare le loro storie". Così il premier australiano, Malcolm Turnbull, ha commentato i risultati dell'inchiesta che ha raccolto le deposizioni di oltre 15 mila persone e udito a porte chiuse oltre 8.000 vittime di abusi sessuali, in gran parte subiti in istituzioni religiose.

11:21Gentiloni, su migranti riconosciuta iniziativa Italia

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - Sulla migrazione "si è fatto un passo avanti soprattutto sulla dimensione esterna", "l'iniziativa italiana di questo anno è stata apprezzata in modo molto rilevante, ed è importante che lo sia dai leader dei Governi dei più diversi orientamenti e famiglie politiche, c'è un riconoscimento unanime dei passi fatti per la lotta contro i trafficanti di esseri umani". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni entrando al summit Ue.

11:17Basket: Nba, volano Golden State e Cleveland, record James

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Ottava vittoria di fila per i Golden State Warriors, che nella botte Nba hanno battuto i Dallas Mavericks con il punteggio di 112-97, trascinati da un grande Kevin Durant, che ha messo a segno 36 punti. Nelle altre quattro partite che si sono giocate in questo turno, grande successo dei Cleveland Cavaliers ai danni dei Los Angeles Clippers per 121-112, grazie al solito Lebron James in serata di grazia: per lui ennesima tripla doppia (25 punti, 12 rimbalzi e 12 assist) , la 59ma della carriera, eguagliando nientemeno che Larry Bird e conquistando il 6/o posto di sempre in questa speciale classifica. Ancora male gli Atlanta Hawks di Marco Belinelli, in campo per soli 10 minuti, battuti in casa dai Detroit Pistons per 105-91. Da segnalare infine l'altra vittoria esterna dei New York Knicks sui Brooklyn Nets e il successo casalingo di Minnesota sui Sacramento Kings per 119-96. (ANSA).

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

Archivio Ultima ora