La Roma in ritiro a Trigoria. Sabatini chiede aiuto ai tifosi

La Roma in ritiro a Trigoria

ROMA. – Tutti in ritiro a Trigoria. Alla fine dell’allenamento, e dopo l’ennesimo discorso al gruppo riunito nello spogliatoio, Rudi Garcia di concerto con la società ha deciso di restare nel centro sportivo assieme ai giocatori per cercare di preparare al meglio la delicata trasferta di Cesena. La squadra dormirà quindi a Trigoria, e domattina si sposterà in Emilia-Romagna (inizialmente il trasferimento del volo per Bologna era programmato per il tardo pomeriggio) dove il tecnico francese – che avrebbe addirittura preferito anticipare a oggi la partenza – terrà la conferenza stampa dopo la rifinitura che Totti e compagni svolgeranno direttamente allo stadio Manuzzi. Per la Roma, d’altronde, restare nella Capitale dopo l’eliminazione dall’Europa League e la serie di risultati negativi non è facile. Rabbia e delusione dei tifosi sono palpabili, e la contestazione andata in scena all’Olimpico durante e dopo la gara persa per 3-0 con la Fiorentina ha fatto capire che ormai in città l’aria si è fatta pesante. L’ambiente ha scaricato la quasi totalità della squadra, prendendo invece le parti dell’allenatore. Nel mirino della critica anche la dirigenza, alla quale Pallotta in questi giorni ha chiesto spiegazioni dall’America. Particolarmente ‘bersagliato’ dall’etere romano è il d.g. Baldissoni. Il presidente è deluso dal crollo della squadra e molto preoccupato da un eventuale mancato accesso alla prossima Champions League. In ballo, oltre alla crescita sportiva, anche e soprattutto la sostenibilità economica di un progetto che senza i ricavi derivanti dalla partecipazione alla competizione Uefa rischia il ridimensionamento. A fine stagione, comunque, Pallotta farà i conti della gestione sportiva, e non sono escluse modifiche sul fronte dirigenziale. Dove peraltro Sabatini ha già fatto intendere di essere pronto a fare un passo indietro. Il ds è stato contestato a Trigoria – presidiata dalle Forze dell’ordine – da una ventina di tifosi presenti all’indomani del ko coi viola che hanno rinfacciato scelte di mercato fallimentari. “Non mi sottraggo mai alle mie responsabilità – la replica di Sabatini -, ma siamo sempre secondi. Aiutate questa c… di squadra. E’ in difficoltà, ma sono bravi ragazzi e buoni giocatori. Dategli un mese di tempo e fateli lavorare”. Botta e risposta anche con Nainggolan e Holebas, gli unici a fermarsi all’uscita dal centro sportivo prima del rientro in serata. “Voi credete che siamo contenti che le cose stanno andando male? Cerchiamo di vincere, ma non ci riesce” il messaggio del belga molto simile a quello del terzino greco: “Vi capisco che siete arrabbiati ma lo sono anche io, e non solo da ieri”. I due giocatori domenica saranno in campo a Cesena, mentre sicuri assenti saranno gli squalificati Pjanic e Keita. Quest’ultimo peraltro si è anche infortunato con la Fiorentina (i controlli clinici e strumentali hanno confermato il trauma distorsivo al ginocchio sinistro) e nei prossimi giorni eseguirà nuovi esami. Non al meglio anche Yanga-Mbiwa (trauma contusivo alla coscia destra) e Verde (trauma contusivo alla gamba sinistra).

Condividi: