Tunisi reagisce, il terrorismo non è musulmano

Pubblicato il 20 marzo 2015 da redazione

Tunis museum attack

TUNISI. – La Tunisia vincerà la sua guerra contro il terrorismo. Questo il messaggio netto e deciso che viene lanciato dal governo in risposta alla strage del Bardo e questa la voce che si alza dal popolo che già dal mattino sull’Avenue Bourguiba a Tunisi, intonava lo slogan “Il terrorismo non è musulmano né tunisino”. Tutto ciò in una giornata in cui il Paese paradossalmente celebra il suo 59ø anniversario di indipendenza, particolarità del calendario che fa coincidere il lutto e l’amarezza per la strage con la volontà di guardare ad un paese migliore e libero dallo spettro del terrorismo e dell’instabilità politica. Così, mentre le autorità dello Stato erano impegnate nella cerimonia ufficiale al Palazzo di Cartagine, le forze di polizia non hanno smesso nemmeno per un attimo di inseguire i complici e i colpevoli di questa tragica vicenda che ha causato la morte di 23 persone ed il ferimento di un’altra cinquantina. Il governo ha annunciato un giro di vite contro chi incita all’odio in rete, promettendo la messa in atto di un dispositivo di controllo intensivo sui siti che promuovono il terrorismo in collaborazione con il ministero delle Telecomunicazioni. L’attentato colpisce uno dei settori vitali dell’economia del Paese, il turismo, che costituisce una buona fetta del Pil nazionale. Forse anche per questo la risposta delle autorità è così ferma: ad esempio, è stata adottata la decisione di utilizzare l’esercito per aumentare la sicurezza di alcune zone della città, perche’ ne va della sopravvivenza economica di una buona parte di cittadini che di turismo vive. Sulla stampa locale si inizia a leggere anche qualche critica che arriva da alcune forze politiche sulla mancanza di adeguata sicurezza del museo, ma l’obiettivo di superare questo difficile momento e i richiami all’unità da parte del capo dello Stato sembrano prevalere su tutto. Lo slancio di solidarietà internazionale nei confronti dell’unico Paese delle primavere arabe che è riuscito a portare a termine il processo di transizione democratica è molto forte. Proprio per questo il ministro dello Sviluppo e della Cooperazione internazionale tunisino, Yassine Brahim, ha annunciato la volontà di organizzare una marcia contro il terrorismo con capi di Stato e rappresentanti di governo da tutto il mondo, sull’esempio di quella avvenuta dopo i tragici attacchi a Charlie Hebdo e al supermercato Kosher di Parigi. Ma, al momento, ancora non è stata annunciata alcuna data.
(di Paolo Paluzzi/ANSA)

Ultima ora

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

19:13Diritti tv: Malagò, ora copertura Giochi è completa

(ANSA) - ROMA, (ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - "Siamo molto felici per il fatto che la Rai abbia acquisito i diritti a trasmettere le Olimpiadi invernali, una cosa che integra in modo esemplare e perfetto quanto già offerto con Discovery da Eurosport". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, saluta così l'annuncio dell'accordo con Discovery per l'acquisizione dei diritti radiotelevisivi in chiaro delle Olimpiadi invernali del 2018 in Corea, che la Rai trasmetterà quindi dopo 8 anni di assenza. "Non nascondo che siamo sempre stati sponsor di questa opportunità - ha aggiunto il capo dello sport Italiano all'Ansa - per mettere in condizione il più possibile di dare visibilità alle discipline invernali, agli sponsor e chi ha investito sui progetti". "Ringrazio anche il gruppo Discovery, sono molto molto felice, complimenti a presidente e direttore generale della Rai".

19:05Russia: Sobchak attacca Putin, ‘teme competizione’

(ANSA) - MOSCA, 14 DIC - La candidata alle presidenziali in Russia e giornalista della tv 'Dozhd' Xenia Sobchak attacca Vladimir Putin con una domanda scomoda durante la conferenza stampa annuale del leader russo: "Perche' il Cremlino ha cosi' tanta paura della competizione?", chiede Sobchak, completamente vestita di rosso, denunciando che all'oppositore Alexiei Navalni non e' stato permesso di candidarsi e che "le persone sanno bene che essere leader dell'opposizione significa essere uccisi o incarcerati".

19:03Gerusalemme:sindaco Nazareth cancella cerimonie Natale

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - Il sindaco della città arabo-israeliana di Nazareth, nel nord del paese, Ali Salam, ha deciso di cancellare le celebrazioni programmate per le feste natalizie, ad eccezione di quella per l'illuminazione dell'albero di Natale e la tradizionale marcia annuale. Salam - che è musulmano - ha motivato la mossa, secondo l'agenzia ufficiale palestinese Wafa, per protesta "contro l'annuncio di Donald Trump su Gerusalemme".

19:00Migranti: Tusk,dibattito emotivo, lavorare su unità Ue

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - Sul dossier migrazione "la divisione è tra Est e Ovest", sull'Unione economica e monetaria "tra Nord e Sud". "Queste divisioni sono accompagnate da emozioni che rendono difficile anche trovare un linguaggio comune e argomenti razionali per il dibattito. Per questo dovremo lavorare sulla nostra unità in modo più intenso ed efficace". Lo afferma il presidente del consiglio europeo Donald Tusk entrando al summit, evitando però le domande dei giornalisti, che rimanda alla conferenza stampa di domani.

19:00Parla consigliera nera Casa Bianca, ‘via perche’ a disagio’

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - "Ho visto cose, situazioni che mi hanno messo a disagio": cosi' Omarosa Manigault, ex modella afroamericana divenuta uno dei consiglieri del presidente americano Donald Trump, parla alla Abc del suo improvviso addio alla Casa Bianca. "Abbiamo avuto una discussione molto franca col capo dello staff John Kelly sulle mie preoccupazioni, questioni che ho sollevato e per le quali ho deciso di dimettermi", spiega la donna: "C'erano molte cose che ho visto nel corso dell'ultimo anno che mi hanno reso moto infelice".

18:57Nuova ambasciata Usa a Londra, è fortezza sul Tamigi

(ANSA) - LONDRA, 14 DIC - Una "fortezza sul Tamigi". Così i media britannici definiscono la nuova ambasciata degli Stati Uniti nel sud-ovest di Londra, zona di Nine Elms. E' la sede diplomatica più costosa mai costruita: per realizzare l'edificio di dodici piani a forma di cubo, che sorge al centro di una zona difesa con tanto di fossato pieno d'acqua, è stato sborsato un miliardo di dollari, molti di più rispetto ai 370 milioni previsti. Non sono mancate le polemiche sui costi per il luogo che ospiterà a partire dal prossimo mese i funzionari americani già impegnati in un trasloco dalla storica sede nel centro di Londra, a Grosvenor Square, sull'altro lato della piazza rispetto all'ambasciata italiana. Ma le autorità Usa hanno voluto a tutti i costi realizzare un 'maniero' fortificato lungo il fiume per proteggersi da attacchi terroristici. Così l'edificio è stato costruito con muri perimetrali ricoperti da vetri resistenti alle esplosioni, mentre gli accessi esterni prevedono una serie di blocchi a prova di camion bomba.

Archivio Ultima ora